VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Milan: il gioco del silenzio e i catastrofici "per forza". Inter, attenzione: accade qualcosa di "marziano". Juve: Higuain, guardati alle spalle. Napoli: niente panico (la mossa di Aurelio)

26.09.2017 07:13 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 39759 volte
© foto di Alessio Alaimo

("Ricordati di salvare sempre!", diceva un mio grande maestro).

Stavo scrivendo tutta una puttanata sul Grande Fratello Vip.

("Salva! Salva sempre che poi ti incazzi!").

Era una roba tutta elaborata sul Grande Fratello Vip che forse avrebbe cambiato le sorti dell'umanità. Forse.

("Non devi imparare a scrivere bene! Devi imparare a salvare!").

Ci stavo mettendo dell'impegno, ero molto motivato. Davvero.

("Un giorno ti ricorderai di questo grande insegnamento e penserai "Quanto sono coglione". Succederà").

È successo. Stavo facendo la lavatrice, ho acceso il tostapane, è saltato tutto e addio al pezzo.

("Te l'avevo detto di salvare! E poi lo sanno tutti che lavatrice+tostapane è un mix mortale!").

Ora, cosa fare? Riscrivere tutto? Non c'è tempo. Procedo infine col barzellettone che è da sempre un salvavita.

Dal logopedista.
Professoressa procace: "Allora ragazzi, siete stati bravissimi. Voglio premiare il piu bravo di voi con una notte di sesso sfrenato. Carlo, dimmi: da quale città vieni?".

Carlo: "Pe-pe-pe Perugia!".

Professoressa procace: "Male Carlo, male. E tu Franco?".

Franco: "Mo-Mo-Mo Modena!".

Professoressa procace: "Male Franco! E tu Marcello?".

Marcello: "Ascoli".

Professoressa procace: "Bravo Marcello! Stasera ti aspetto da me".

Marcello come da accordi va dalla prof e i due si divertono tutta la notte.

"Tutum tutum tutum".
"Tutum tutum tutum".
"Tutum tutum tutum".
"Tutum tutum tutum".

Professoressa procace: "Ahhhh Marcello, che meraviglia. Ti sei divertito?".

Marcello: "Pi-pi-pi Piceno!".

Giuro che consegno il tesserino.

QUI INTER
Giochiamo al “Marziano”. Il “Marziano” precipita sulla terra: 1) Inter culona! 2) Che squadra orrenda! 3) Non c’è gioco, non c’è mordente, non c’è niente! 4) Fischi a Candreva, quello vecchio e bollito. 5) Fischi a Dalbert, quello nuovo e impedito. 6) Premio della critica già incassato (nel senso degli insulti). 7) Non durerà! 8) Bisognava comprare il top-player! Suning barbone! 9) Icardi è un mezzo giocatore». 10) Finirà come ai tempi di Mancini.
Il Marziano è una persona seria e si informa: Inter terza in classifica con cinque vittorie, un pareggio, nessuna sconfitta e miglior difesa della serie A. Il Marziano torna a casa dalla moglie: “Oh Marisa, i terrestri sono fuori di melone...”. E la Marisa: “Ma poi Mancini non era arrivato quarto?”.
Ecco, questa troiata serve a semplificare un discorso che potrebbe portare via tempo e spazio e non ci porterebbe a nulla, perché tanto i giudizi cambiano di settimana in settimana.
Dopo il pari di Bologna si diceva “la solita squadra da mezza classifica”, ora si dice “un’Inter fortunata ma a due punti dalla vetta”.. La verità è che l’Inter non è a due punti dalla vetta, semmai ne ha quattro sul quinto posto (ma la Roma ha una partita da recuperare). Poche storie, l’obiettivo è tornare in Champions: resterà tale anche se per miracolo il gioco migliorerà e anche quando arriverà la prima sconfitta (succederà).
Criticare, ribadire cose ovvie (“le prime due sono su un altro pianeta”), soprattutto puntare il dito su questo o quell’altro non cambierà le sorti di una squadra che, intanto ha dimostrato di essere proprio quello, una “squadra”. Fischiare Dalbert perché alle prime due uscite non è parso Roberto Carlos o “usare” la buona prestazione di Karamoh per massacrare Candreva (“non deve giocare più!”) è solo un’illogica e inutile espressione di masochismo. Chiedete al Marziano.

QUI MILAN
Per la logica del “vinci due partite e sei Dio, ne perdi due e ti devi levare dalle balle” siamo alla celebrazione del funerale (sportivo) di Montella.
Chi scrive non ama particolarmente il tecnico rossonero, ma conosce abbastanza la logica del “Colosseo”. Montella è un bravo allenatore, con limiti e pregi come tutti. Diversamente dall’anno scorso, però, quest’anno ha una missione: riportare il Milan in Champions. Lo sa bene e sa bene che ogni punto perso peserà sulle sue spalle come piombo fuso.
Il Milan è in crisi? Non scherziamo. Il Milan ha contattato altri tecnici? Sarebbe folle. Il Milan, semplicemente, è tornato a essere un club che non può accontentarsi di “vedere come va”. Ecco, domenica in campo pareva di osservare una squadra senza identità, succube di un avversario che forse non vale i rossoneri sulla carta, ma ha dimostrato di avere più attributi in campo.
L’abbiamo scritto un paio di settimane fa e ribadiamo: dopo l’estate della giusta e legittima esaltazione non è più il tempo delle chiacchiere, dei motti, dei “raduni a centrocampo” e dei post sui social network. È il momento dei fatti e della bava alla bocca. La “bava alla bocca” non si può pubblicare su facebook, ma ti fa vincere le partite al di là dei moduli, delle “due punte”, di “questo doveva giocare al posto di quell’altro” e di tutte quelle cose che piacciono tanto a noi “criticoni del lunedì”. Mettiamoci l’anima in pace: Montella è più bravo di noi, anche se pensiamo che al posto suo tutto funzionerebbe certamente meglio. Ora però tocca a lui dimostrare di essere più bravo dei colleghi: il “Colosseo” mediatico è viscido e non perdona.

QUI JUVENTUS
Partiamo dalla questione Agnelli, avvincente come un puntatone del Consorzio Nettuno. Cose note, ma che è bene ribadire: tutte le società, chi più chi meno (la Lazio di Lotito no, per dire) hanno rapporti impropri con i tifosi. E questo processo, per non passare alla storia come una farsa, deve essere l'inizio di un ripensamento complessivo del nostro pallone. Altrimenti servirà solo a far litigare le solite fazioni a colpi di tweet, anche stucchevoli. Quanto ai presunti rapporti mafiosi del presidente della Juve con questo e quello non c'è molto da aggiungere: ci ha già pensato il tribunale a cancellare ogni illazione.
Inutile chiosa: il fatto che l'accusa faccia ricorso e la difesa pure, significa che anche questa volta siamo arrivati alla consueta, tipica, straordinaria "soluzione all'italiana" che di facciata scontenta tutti ma in realtà "pace carote patate".
Meglio parlare di Champions. E di Higuain, che per molti è diventato un "problema". La verità è che l'argentino, al momento, ha un solo "problema": il fatto che al suo posto giochi uno che è l'anti-Pipita, si chiama Mandzukic, non ha i suoi "picchi" ma neppure i suoi "momenti no". La cosiddetta "garanzia".
Tutto questo significa che quest'anno Higuain starà a guardare gli altri? Su, non scherziamo.
QUI NAPOLI
Chiudiamo con il Napoli, che un anno dopo rivive il dramma Milik. Stesso periodo, stesso infortunio, ginocchio diverso: un'altra vittima dell'epidemia di legamenti crociati delle ultime stagioni, ma soprattutto un talento che non abbiamo ancora avuto occasione di apprezzare al massimo. Niente panico, però, Sarri già una volta ha saputo rimediare inventando Mertens falso nove, con risultati incredibili. Magari ci riproverà con Callejon, se ci sarà bisogno di dare un po' di respiro al belga, con Ounas alternativa già collaudata sugli esterni (oltre a Giaccherini).
Intanto, non bisognerà avere fretta nel cercare un rimpiazzo per l'attacco come avvenuto l'anno scorso con il comunque ottimo Pavoletti.
Si pubblicizzano nomi senza senso, si comincia a discutere col Chievo per "Inglese a gennaio". Se il Napoli manterrà il ritmo, De Laurentiis farà il suo dovere. Vero auré?

Fine.
È tardi.
È finita la settimana della moda milanese.
Sabato ci siamo trovati a riflettere sula rava e la fava (Twitter: @FBiasin @ilsensodelgol Mail: ilsensodelgol@gmail.com).

Ciao.
È sabato.
Domani finisce la settimana della moda a Milano.
Io non me ne intendo, ma grazie alla settimana della moda ho capito alcune cose:
1) I vestiti della settimana della moda non esistono. È tutta una finzione. Li vedi per sette giorni, ma poi non è che vai dal dentista e c’è uno con in testa un orso polare. La settimana della moda è una specie di carnevale ambrosiano con un miglior ufficio stampa.
2) Se parcheggi in seconda fila e prendi la multa sei “tu”, se parcheggi in terza fila e non prendi la multa sei un “driver”, se parcheggi in quarta fila e ti fanno anche l’applauso sei uno della Bartolini.
3) Se in genere ti vesti male ma è la settimana della moda, può essere che in verità tu sia vestito bene e non lo sai. Se in genere ti vesti decentemente ma è la settimana della moda, è probabile che in realtà tu sia vestito male. È un concetto filosofico molto sottile.
4) Prendi delle canzoni che hanno fatto la storia della musica tipo “Basket Case” dei Green Day, rallentale molto, falle cantare da una mezza figona paciarotta e mettici sotto delle arpe. Tutti diranno “questa versione è straordinaria!” anche se non lo pensano.
5) Se vuoi entrare a una festa della settimana della moda ma non hai l’invito, dì al buttafuori che sei vegano. Se non è ancora sufficiente digli che sei della Bartolini (quelli della Bartolini sono molto potenti).
6) Se devi passare in un posto dove c’è casino perché c’è la settimana della moda urla “Oviesse!”: farà subito “effetto Mosè”.
7) Ricordati che le feste più esclusive della settimana della moda sono a casa tua. Da solo. Se esci è già meno esclusivo. Stai a casa tua, sono tutti free drink.
8) Le candele elettriche con la cera finta che infestano certe chiese, sono la cosa più triste in natura (non c’entra con la settimana della moda, ma andava detto).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.