HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Milan: il gioco del silenzio e i catastrofici "per forza". Inter, attenzione: accade qualcosa di "marziano". Juve: Higuain, guardati alle spalle. Napoli: niente panico (la mossa di Aurelio)

26.09.2017 07:13 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 40026 volte
© foto di Alessio Alaimo

("Ricordati di salvare sempre!", diceva un mio grande maestro).

Stavo scrivendo tutta una puttanata sul Grande Fratello Vip.

("Salva! Salva sempre che poi ti incazzi!").

Era una roba tutta elaborata sul Grande Fratello Vip che forse avrebbe cambiato le sorti dell'umanità. Forse.

("Non devi imparare a scrivere bene! Devi imparare a salvare!").

Ci stavo mettendo dell'impegno, ero molto motivato. Davvero.

("Un giorno ti ricorderai di questo grande insegnamento e penserai "Quanto sono coglione". Succederà").

È successo. Stavo facendo la lavatrice, ho acceso il tostapane, è saltato tutto e addio al pezzo.

("Te l'avevo detto di salvare! E poi lo sanno tutti che lavatrice+tostapane è un mix mortale!").

Ora, cosa fare? Riscrivere tutto? Non c'è tempo. Procedo infine col barzellettone che è da sempre un salvavita.

Dal logopedista.
Professoressa procace: "Allora ragazzi, siete stati bravissimi. Voglio premiare il piu bravo di voi con una notte di sesso sfrenato. Carlo, dimmi: da quale città vieni?".

Carlo: "Pe-pe-pe Perugia!".

Professoressa procace: "Male Carlo, male. E tu Franco?".

Franco: "Mo-Mo-Mo Modena!".

Professoressa procace: "Male Franco! E tu Marcello?".

Marcello: "Ascoli".

Professoressa procace: "Bravo Marcello! Stasera ti aspetto da me".

Marcello come da accordi va dalla prof e i due si divertono tutta la notte.

"Tutum tutum tutum".
"Tutum tutum tutum".
"Tutum tutum tutum".
"Tutum tutum tutum".

Professoressa procace: "Ahhhh Marcello, che meraviglia. Ti sei divertito?".

Marcello: "Pi-pi-pi Piceno!".

Giuro che consegno il tesserino.

QUI INTER
Giochiamo al “Marziano”. Il “Marziano” precipita sulla terra: 1) Inter culona! 2) Che squadra orrenda! 3) Non c’è gioco, non c’è mordente, non c’è niente! 4) Fischi a Candreva, quello vecchio e bollito. 5) Fischi a Dalbert, quello nuovo e impedito. 6) Premio della critica già incassato (nel senso degli insulti). 7) Non durerà! 8) Bisognava comprare il top-player! Suning barbone! 9) Icardi è un mezzo giocatore». 10) Finirà come ai tempi di Mancini.
Il Marziano è una persona seria e si informa: Inter terza in classifica con cinque vittorie, un pareggio, nessuna sconfitta e miglior difesa della serie A. Il Marziano torna a casa dalla moglie: “Oh Marisa, i terrestri sono fuori di melone...”. E la Marisa: “Ma poi Mancini non era arrivato quarto?”.
Ecco, questa troiata serve a semplificare un discorso che potrebbe portare via tempo e spazio e non ci porterebbe a nulla, perché tanto i giudizi cambiano di settimana in settimana.
Dopo il pari di Bologna si diceva “la solita squadra da mezza classifica”, ora si dice “un’Inter fortunata ma a due punti dalla vetta”.. La verità è che l’Inter non è a due punti dalla vetta, semmai ne ha quattro sul quinto posto (ma la Roma ha una partita da recuperare). Poche storie, l’obiettivo è tornare in Champions: resterà tale anche se per miracolo il gioco migliorerà e anche quando arriverà la prima sconfitta (succederà).
Criticare, ribadire cose ovvie (“le prime due sono su un altro pianeta”), soprattutto puntare il dito su questo o quell’altro non cambierà le sorti di una squadra che, intanto ha dimostrato di essere proprio quello, una “squadra”. Fischiare Dalbert perché alle prime due uscite non è parso Roberto Carlos o “usare” la buona prestazione di Karamoh per massacrare Candreva (“non deve giocare più!”) è solo un’illogica e inutile espressione di masochismo. Chiedete al Marziano.

QUI MILAN
Per la logica del “vinci due partite e sei Dio, ne perdi due e ti devi levare dalle balle” siamo alla celebrazione del funerale (sportivo) di Montella.
Chi scrive non ama particolarmente il tecnico rossonero, ma conosce abbastanza la logica del “Colosseo”. Montella è un bravo allenatore, con limiti e pregi come tutti. Diversamente dall’anno scorso, però, quest’anno ha una missione: riportare il Milan in Champions. Lo sa bene e sa bene che ogni punto perso peserà sulle sue spalle come piombo fuso.
Il Milan è in crisi? Non scherziamo. Il Milan ha contattato altri tecnici? Sarebbe folle. Il Milan, semplicemente, è tornato a essere un club che non può accontentarsi di “vedere come va”. Ecco, domenica in campo pareva di osservare una squadra senza identità, succube di un avversario che forse non vale i rossoneri sulla carta, ma ha dimostrato di avere più attributi in campo.
L’abbiamo scritto un paio di settimane fa e ribadiamo: dopo l’estate della giusta e legittima esaltazione non è più il tempo delle chiacchiere, dei motti, dei “raduni a centrocampo” e dei post sui social network. È il momento dei fatti e della bava alla bocca. La “bava alla bocca” non si può pubblicare su facebook, ma ti fa vincere le partite al di là dei moduli, delle “due punte”, di “questo doveva giocare al posto di quell’altro” e di tutte quelle cose che piacciono tanto a noi “criticoni del lunedì”. Mettiamoci l’anima in pace: Montella è più bravo di noi, anche se pensiamo che al posto suo tutto funzionerebbe certamente meglio. Ora però tocca a lui dimostrare di essere più bravo dei colleghi: il “Colosseo” mediatico è viscido e non perdona.

QUI JUVENTUS
Partiamo dalla questione Agnelli, avvincente come un puntatone del Consorzio Nettuno. Cose note, ma che è bene ribadire: tutte le società, chi più chi meno (la Lazio di Lotito no, per dire) hanno rapporti impropri con i tifosi. E questo processo, per non passare alla storia come una farsa, deve essere l'inizio di un ripensamento complessivo del nostro pallone. Altrimenti servirà solo a far litigare le solite fazioni a colpi di tweet, anche stucchevoli. Quanto ai presunti rapporti mafiosi del presidente della Juve con questo e quello non c'è molto da aggiungere: ci ha già pensato il tribunale a cancellare ogni illazione.
Inutile chiosa: il fatto che l'accusa faccia ricorso e la difesa pure, significa che anche questa volta siamo arrivati alla consueta, tipica, straordinaria "soluzione all'italiana" che di facciata scontenta tutti ma in realtà "pace carote patate".
Meglio parlare di Champions. E di Higuain, che per molti è diventato un "problema". La verità è che l'argentino, al momento, ha un solo "problema": il fatto che al suo posto giochi uno che è l'anti-Pipita, si chiama Mandzukic, non ha i suoi "picchi" ma neppure i suoi "momenti no". La cosiddetta "garanzia".
Tutto questo significa che quest'anno Higuain starà a guardare gli altri? Su, non scherziamo.
QUI NAPOLI
Chiudiamo con il Napoli, che un anno dopo rivive il dramma Milik. Stesso periodo, stesso infortunio, ginocchio diverso: un'altra vittima dell'epidemia di legamenti crociati delle ultime stagioni, ma soprattutto un talento che non abbiamo ancora avuto occasione di apprezzare al massimo. Niente panico, però, Sarri già una volta ha saputo rimediare inventando Mertens falso nove, con risultati incredibili. Magari ci riproverà con Callejon, se ci sarà bisogno di dare un po' di respiro al belga, con Ounas alternativa già collaudata sugli esterni (oltre a Giaccherini).
Intanto, non bisognerà avere fretta nel cercare un rimpiazzo per l'attacco come avvenuto l'anno scorso con il comunque ottimo Pavoletti.
Si pubblicizzano nomi senza senso, si comincia a discutere col Chievo per "Inglese a gennaio". Se il Napoli manterrà il ritmo, De Laurentiis farà il suo dovere. Vero auré?

Fine.
È tardi.
È finita la settimana della moda milanese.
Sabato ci siamo trovati a riflettere sula rava e la fava (Twitter: @FBiasin @ilsensodelgol Mail: ilsensodelgol@gmail.com).

Ciao.
È sabato.
Domani finisce la settimana della moda a Milano.
Io non me ne intendo, ma grazie alla settimana della moda ho capito alcune cose:
1) I vestiti della settimana della moda non esistono. È tutta una finzione. Li vedi per sette giorni, ma poi non è che vai dal dentista e c’è uno con in testa un orso polare. La settimana della moda è una specie di carnevale ambrosiano con un miglior ufficio stampa.
2) Se parcheggi in seconda fila e prendi la multa sei “tu”, se parcheggi in terza fila e non prendi la multa sei un “driver”, se parcheggi in quarta fila e ti fanno anche l’applauso sei uno della Bartolini.
3) Se in genere ti vesti male ma è la settimana della moda, può essere che in verità tu sia vestito bene e non lo sai. Se in genere ti vesti decentemente ma è la settimana della moda, è probabile che in realtà tu sia vestito male. È un concetto filosofico molto sottile.
4) Prendi delle canzoni che hanno fatto la storia della musica tipo “Basket Case” dei Green Day, rallentale molto, falle cantare da una mezza figona paciarotta e mettici sotto delle arpe. Tutti diranno “questa versione è straordinaria!” anche se non lo pensano.
5) Se vuoi entrare a una festa della settimana della moda ma non hai l’invito, dì al buttafuori che sei vegano. Se non è ancora sufficiente digli che sei della Bartolini (quelli della Bartolini sono molto potenti).
6) Se devi passare in un posto dove c’è casino perché c’è la settimana della moda urla “Oviesse!”: farà subito “effetto Mosè”.
7) Ricordati che le feste più esclusive della settimana della moda sono a casa tua. Da solo. Se esci è già meno esclusivo. Stai a casa tua, sono tutti free drink.
8) Le candele elettriche con la cera finta che infestano certe chiese, sono la cosa più triste in natura (non c’entra con la settimana della moda, ma andava detto).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Serie A senza emozioni. La Juve cala subito il sipario. Ventura-Chievo? La sua giusta dimensione. Gattuso, numeri da... Conte! E Ancelotti si sta prendendo il Vesuvio 08.10 - Il problema della serie A non sono gli stadi, i diritti tv, il mercato o il marketing. Il vero problema sta diventando la Juventus. E non è una battuta. Vuole essere un'analisi semiseria. La, quasi, ossessione dei bianconeri di vincere questa maledetta Champions sta aumentando il...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'assurdo processo mediatico per Ronaldo già prima delle sentenze. In campo Fenomeno e Juve pazzesca. L'Italia finalmente si accorge di Pellegrini mentre è in cerca di un 9. Solo che Cutrone è in panchina e il Milan pensa a Ibra 07.10 - Giustizialisti e innocentisti. Accecati dalla voglia di una soluzione, prima che il tempo faccia il suo corso. Scrivere di Cristiano Ronaldo in queste delicate ore non è certo facile. Perché pende su di lui una scure importante, un'accusa grave. Però non c'è null'altro da aggiungere....

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Marotta, il futuro è ancora un rebus. Dybala che momento, ma non paragoniamolo a Messi e  Ronaldo. Ancelotti e il capolavoro con il Liverpool. Icardi in area di rigore è tra i primi 3 attaccanti al mondo. Italia, è l’ora di cominciare a vincere 06.10 - Il futuro di Beppe Marotta resta ancora un rebus. La separazione con la Juventus è troppo fresca per avere certezze su quello che sarà il domani. Di sicuro gli 8 anni di successi sono un biglietto da visita che nessuno ha in Italia. Credo che bisognerà attendere qualche mese prima...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ibra, arrivano le conferme. Ecco come e quando tornerà al Milan. Higuain-Cutrone possono giocare assieme. Ancelotti è un numero uno e si sapeva, ma Napoli non può rinnegare Sarri 05.10 - Ibra torna al Milan, arrivano le prime conferme. E’ direttamente Leonardo, il direttore generale del Milan, ad ammettere che l’operazione si può fare. E’ chiaro che un dirigente non può dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità come se fosse in tribunale, le parole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy