VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Milan, in arrivo un nuovo "Mister X" per l'attacco! E in fascia i pretendenti ora sono 3. Allegri e la tecnica "state senza pensieri" che spaventa la Juve (e attenti a Falcao...). Pato ha un pretendente vero, ma non è l'Inter...

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
26.08.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 79549 volte
© foto di Federico De Luca

L'ultima settimana di mercato è sempre un casino bestiale, ma mica per gli operatori di mercato (quelle sono vecchie volpi) semmai per noi finti esperti e profeti dell'acquisto. Trattasi in definitiva di una corsa a spararla grossa, a dire una boiata prima degli altri secondo la legge non scritta: "Osa, perché una minchiata oggi può diventare uno scoop domani". Proverò con estrema difficoltà a non uniformarmi a siffatto assioma molto poco professionale... Anzi, come non detto, la tentazione è troppo forte. Ecco le mie nomination: il Milan visti i problemi per Alessio Cerci pensa a Franco Cerciotti, amatore di Latina; Inter su Genny Savastano di "Gomorra" per completare il centrocampo malandrino con M'Vila e Medel; Juve a caccia dell'ibrido Falchezzi (metà Falcao e metà Lavezzi, così magari uno dei due lo becchi e ti compiaci). E via minchiando.

La verità è che fino all'altro giorno ero bello spaparanzato al mare ad assistere all'elezione di "miss maglietta bagnata" in un noto bagno gallipolino. Pensavo che certe cose esistessero solo nei film porcherecci. E invece no, io e gli astanti eravamo ingrifati come lupi maremmani, ma è inutile divagare: la faccenda viene trattata nella "Lettera a mia figlia che non c'è" pubblicata in calce all'editoriale e prima ancora sul mio profilo Facebook, ricettacolo di puttanate come pochi altri.

E, insomma, tocca parlare di calcio. E di mercato. Di Balotelli per dire, che ha tolto il disturbo ma comunque va avanti a romperci le balle: "Ho fatto un errore a tornare in Italia". Così si è sfogato alla presentazione in quel di Liverpool. Curioso, quando scelse il Milan disse più o meno la stessa cosa degli inglesi. Ma son quisquilie. Il dato di fatto è che Marione deve semplicemente dire grazie a San Mino Ingaggiatore, miracoloso facitore di affari senza senso. Come è possibile che il prezzo del cartellino scenda a ogni cessione e viceversa il suo ingaggio salga vertiginosamente? Probabilmente dipende dal fatto che ormai Balo non è più concepito come un calciatore, ma valutato come uomo-copertina di stocavolo. Questa cosa gli garantirà soldi in eterno, ma non lo farà mai entrare nel club delle leggende del calcio. Oh, parliamoci chiaro: chi scrive è semplicemente invidioso, in fondo se qualcuno è disposto a dare al guascone di Concesio 30 milioni in 5 anni, ha certamente vinto Mariolone.

Con lui ha ragione anche Galliani, bravissimo a disfarsi di un problema che Inzaghi non era (giustamente) disposto a sobbarcarsi. Pippo ha in mente una squadra di "soldatini", perfetta per provare a tornare a galla dopo una stagione difficile. Niente primedonne, niente tamarri: per questo lo stesso Galliani proverà a liberare lo spogliatoio almeno da un'altra "mela marcia" (ipse dixit).

Resta una questione: è giusto far passare la cessione di Balotelli come l'operazione che permette al Milan di essere finalmente una squadra "che gioca meglio" (dichiarazioni post-Trofeo Tim)? La risposta è no. Seedorf a suo tempo probabilmente era stato indelicato ma aveva pensato (o detto? Non si è ancora capito...) la verità: il Milan era ed è un gruppo incompleto. In più costruito in clamoroso ritardo per evidenti problemi di carattere economico. Galliani ha una settimana per prendere la famosa prima punta, il famosissimo esterno che tanto vuole Inzaghi, il meno famoso centrocampista da piazzare davanti alla difesa. Facile? Sì, se hai 34343 milioni da spendere. No, se ti devi arrangiare con gli spicci del salvadanaio.

In rossonero siamo alla via di mezzo: non si sperpera ma qualche soldo a disposizione c'è. Per questo restiamo convinti che alla fine Cerci arriverà nonostante gli abboccamenti per Lestienne (classe '92 del Club Brugge e dotato del famoso "piede alla rovescia" che tanto piace a Pippo) e l'interessamento dell'ultim'ora per Biabiany. In attacco il nome è quello di Destro, ma trattare con Sabatini non è affatto facile. Stesso discorso per i vari Torres (non vuole essere ceduto in prestito e ha un ingaggio da sei pippi) e Negredo (prendere un bomber rotto non è mai bello). Totale? Non arriverà nessuno di questi, ma un nome a sorpresa, il classico "mister X" alla Galliani. A centrocampo possibile che in attesa di Montolivo ci si accontenti di un giocatore del genere "poca spesa tanta resa".

Quindi la Juve, quindi Falcao, quindi Marotta con il suo sogno proibito. Due considerazioni: 1) Chi scrive non crede sia possibile riuscire ad acquistare cotanto fenomeno. Mica per colpa del giocatore - verrebbe volentieri - ma per mere questioni legate allo stipendio sproporzionato dell'attaccante. Solo un'operazione del genere "Conte-Puma" potrebbe agevolare il trasferimento, ma al momento tutto tace. Più facile quindi che - resistenza dell'Arsenal a parte - il prescelto chiamato a completare il reparto d'attacco sia l'eterna promessa Podolski. Nessuna chance invece per Jovetic (tra l'altro a segno ieri con il City). Per il resto continuiamo a credere che alla fine Vidal non si muoverà, anche perché francamente non ha mai detto di voler cambiare aria.

Domandona: "Alla fine la Juve si è rinforzata o indebolita?". La risposta è semplice: la Juve si è rinforzata in campo, ma pagherà il passaggio di consegne Antonio-Max. Il discorso è sempre lo stesso: Allegri è un bravo tecnico, ma un gruppo passato dal "trattamento Conte" difficilmente può adattarsi a qualunque altro tipo di trattamento, specialmente quello "state senza pensieri" varato dall'ex tecnico del Milan, tra l'altro ancora in cerca di un'identità tattica da dare ai suoi.

Ultime sull'Inter. Chi dice "i nerazzurri prenderanno Lavezzi" forza decisamente la mano. E' brutto non far sognare i tifosi, ma pensare che un giocatore di 29 anni decida di tagliarsi due milioni di euro di ingaggio solo perché adora Milano è francamente grottesco. I nerazzurri si terranno Alvarez, proveranno a vendere Guarin e con i soldi incassati cercheranno di rimpinguare il reparto avanzato. Il nome è sempre quello di Biabiany, il sogno segreto di Mazzarri invece si chiama Insigne. Ausilio proverà a capire qual è la situazione tra il giocatore e il rispettivo club, ma le possibilità di accontentare il tecnico livornese sono risicatissime.

Nessun interesse dei nerazzurri al momento per Pato, il cui entourage invece è stato avvicinato dal Torino. Un semplice corteggiamento con qualche possibilità di diventare una palpata di chiappa o addirittura un limone duro. Si vedrà.

Infine i ragazzi di Benitez: domani Napoli capirà da che parte va la stagione. De Laurentiis ha deciso di perseguire la filosofia attendista "aspettiamo di vedere come finisce il preliminare e poi eventualmente rimpinguiamo la rosa". Una decisione legittima se sei in difficoltà economiche, meno saggia se hai la possibilità di aggredire il mercato (e Aurelio ci ha sempre detto che "può" aggredire il mercato). La regola del "chi più spende, meno spende" è banale ma verissima, attendere lo spareggio per prendere le decisioni che contano è un rischio che non andava preso a prescindere da come finirà in quel di Bilbao.

In ogni chiaro sembra quasi certo che in caso di qualificazione alla fase a gironi, la società tenterà l'affondo decisivo per Lucas Leiva (meno possibilità per Sandro).

Amici cari, mi son rotto le balle io a scrivere, immagino voi a leggere. Capitemi, la depressione da rientro vacanze colpisce fetente come sputo di lama. In ogni caso per non essere da meno del mio amico Crisci, anch'io voglio lasciarvi con una criptica filastrocca-rebus. La mia fa più o meno così: "La balena senza culo sa contar fino a 21: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13!, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21". Chi si celerà dietro alla misteriosa balena senza culo? E perché il maledetto cetaceo sa contar solo fino a 21? E perché al numero 13 ho messo un punto esclamativo? Maledetta balena senza culo...

Infine, come promesso, ecco la "Lettera a mia figlia che non c'è" scritta pochi minuti dopo l'elezione di "Miss maglietta bagnata" al noto bagno gallipolino.

"Ciao, ancora non ci conosciamo. Il fatto è che al momento sei solo un'idea. Bellissima, ma solo un'idea.
So che andremo d'accordo, lo sento dentro. Solo un piccolo avviso, amore mio: sappi che se un giorno ti verrà in mente di farti innaffiare le tette in spiaggia in cambio di un secchio di mojito (premio promesso alla vincitrice) verrai corcata di mazzate da papà-tuo con una chiave inglese del nove, quindi reclusa al convento di clausura "fine pena mai". Rifletti stronzetta.
Ti voglio bene,
il tuo papà.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.