VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Milan, l'unico mister è Fininvest. Inter: lo scudetto passa da Wolfsburg. Juventus: assalto ad Abate. Milan, niente Ancelotti. Jovetic: derby Inter-Juve

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
14.03.2015 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 27206 volte

A Milan Channel, la prossima settimana, interverrà a Terza Pagina l'avvocato Alberto Ledda. I veri milanisti ricordano. Era, è, l'avvocato molto amico di Gianni Rivera che curò sul piano legale ben 5 passaggi di proprietà del Milan nel giro di 10 anni: da Buticchi a Rivera, da Rivera a Duina, da Duina a Colombo, da Colombo a Farina e da Farina finalmente a Berlusconi. La memoria ancora fervida e lucida di Ledda ci ha ricordato quanto sia rischioso e fuorviante, in casi del genere, fidarsi di voci e vocine, rincorrere personaggi e faccendieri, dare credito a baristi, nani e ballerine. Da Franco Ambrosio a Mister tal dei tali, la Storia insegna sempre. Ricordiamo alla perfezione la data della prima voce di vendita del Milan di Berlusconi: lunedì 5 Ottobre 2009, il giorno prima la squadra aveva pareggiato 1-1 a Bergamo, cento giorni prima Kakà era volato a Madrid. E' da quel giorno, da quel 5 Ottobre 2009, 1885 giorni fa, che ci dicono che le smentite non servono a niente e che ci spiegano loro come stanno le cose. Ma è esattamente da quel giorno che crediamo solo ai comunicati della Fininvest. Sarà banale, sarà scontato ma è tremendamente vero: Mister Fininvest è molto più credibile di qualsiasi altro Mister. Ma ci pensate? Se da quasi sei anni a questa parte avessimo creduto ad altro o ad altri, avremmo soltanto perso tempo. E quasi duemila giorni perduti non se li può permettere nessuno. Quindi: visto che il gol di Thiago Silva a Londra ci ha ricordato in maniera dolce e spietata, in un attimo commovente e duro, quello che il Milan era e quello che il Milan oggi è, siamo i primi a sperare che la presidenza Berlusconi dia, come tante volte già ha fatto negli ultimi 29 anni, una svolta a se stessa. Sappiamo perfettamente che Silvio Berlusconi ha l'energia per farlo ed è al lavoro per farlo. Sappiamo anche, esattamente come recita Fininvest, che i rumors sono rumors, che i contatti sono contatti, che le eventuali quote di minoranza sono eventuali quote di minoranza. Il 31 Luglio 2012, Silvio Berlusconi disse a Milan Channel: "Partnership? Magari, porte aperte, a patto che abbiano a cuore il bene del Milan". Avere a cuore, ovvero avere, trovare, le risorse per sostenere l'affare di cuore più costoso del mondo. Di questo stiamo parlando e su questo non ci sono certezze. I patti sono patti e vanno mantenuti. Non da Silvio Berlusconi, che da 29 anni garantisce presente, passato e futuro, ma da chi si presenta. Non è lui alla prova, sono i suoi interlocutori. I primi passi nel futuro saranno sempre sulle gambe di Silvio Berlusconi.

Il buon Biasin ha perfettamente ragione. I giornalisti interisti non esistono, sono solo una creatura della perfidia del sottoscritto. Il quale sottoscritto non è solo perfido, ma anche folgorato. Sì, quella di Wolfsburg è stata una vera e propria folgorazione. Abbagliante, convincente. E' stata la conferma che l'Inter andrà in Champions League e che grazie ai ricavi della Champions il presidente Thohir ripianerà tutti i buchi, in porta, in difesa, nei numeri e nei bilanci. Non solo, l'Inter con le parate di Handanovic e con i gol di Icardi lotterà per lo Scudetto dell'anno prossimo e degli anni che verranno. Anni in cui Niang non imparerà a guidare ma durante i quali l'ex luogotenente di Paletta al Parma, ovvero Felipe, farà dormire sonni tranquilli a tutti. I conti sono a posto, la media-punti travolgente di Mister Mancini in Campionato pure, la vita non solo continua ma è anche bellissima. Avete ragione, andate sul Milan, che all'Inter è tutto a posto. Va tutto benissimo.

Il vero giocatore del Milan che la Juventus punta non è Nigel De Jong, ma Ignazio Abate. A Torino ne conoscono serietà, cattiveria sportiva e professionalità. A Ignazio fa tutto piacere, ma il sorriso tenere che si perde nei suoi occhi azzurri campani lascia chiaramente intendere come andrà a finire. Antonio Conte, per la sua Nazionale, osserva attento. A proposito di allenatori, dal momento che a noi non piace lasciare le cose aperte per troppo tempo, è giusto chiudere ciò che va chiuso. Tra Carlo Ancelotti e il Milan va bene così, quello che è stato è stato. Però, negli anni al di fuori del Milan, si è un po' indurito il cuore di Carletto. I presidenti li lascia fare, li tollera, ma non oltre un certo limite. E' venuto via orgogliosamente da Londra, ha avvisato mesi prima il PSG che avrebbe lasciato Parigi e oggi valuta in silenzio l'atteggiamento ondivago, da presidente tutt'altro che innamorato e riconoscente, di Florentino nei suoi confronti. Perez non lo caccia, ma lui se ne andrà. Dove, non al Milan.

L'estate in cui Stevan Jovetic lasciò Firenze per il City, la Juventus lo voleva. In maniera chiara, aperta e trasparente. Poi per una serie di motivi, non ultima la rivalità e non ultimo lo strascico Berbatov, il campione montenegrino non si presentò all'appuntamento con Torino. Sono due anni che Jovetic langue a Manchester, due anni in cui sprizza ma non esplode, due anni in cui vorrebbe ma non può. I boatos di oggi lo danno in orbita Inter, ma la Juventus lo ha tutt'altro che dimenticato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.