HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Milan, la fame dell'esonero. Napoli, il velo di Maya di Ghoulam. Dybala, da Messi a pischello

04.11.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 8885 volte

Ok, Vincenzo Montella ha iniziato la stagione con la guardia non altissima e senza fiutare il pericolo. C'è stato qualche errore e c'è stato del ritardo. Ma da sempre siamo contro le ossessioni. Questa bava alla bocca per l'esonero dell'allenatore del Milan ha anche stancato. Non c'è altro? Una volta che dovesse essere esonerato, cosa che il Milan non vuol fare visti anche i cinque cambi dell'anno scorso dall'altra parte della città che hanno portato solo sul fondo (del Naviglio, ma pur sempre fondo), poi cosa succede sul Pianeta? Questo tic toc mediatico sull'esonero sì-esonero no in corso da almeno tre settimane e scritto, ribadito e titolato con ossessione è snervante, avvitato su se stesso e non certo interessato alla buona sorte del Milan. Non ci riferiamo ai tifosi che si sfogano, per loro convinzioni e per amore, ma sempre in buona fede. E' tutto il resto che è diventato stucchevole e prevedibile. Sembra che il mondo debba finire con l'esonero di Montella e che poi non debba esserci più nient'altro da dire, da fare, scrivere, da respirare. Anche basta. Si parla di frecciate, messaggi, ultimatum anche quando non ci sono e chi ne scrive tirandosi fuori e giudicando scenari da guerra civile è poi il primissimo a dare il via a lotte intestini sterili. Utili solo al proprio stomaco, per la propria guerra personale contro chi lavora nel Milan nei settori extra-campo. Quando sei parte in causa in una vicenda personale, combatti pure mancherebbe ma non ergerti a giudice. Perchè non lo sei. Non lo eri prima per l'ossessione verso Berlusconi e non lo sei adesso per altri futili motivi. Veniamo ai social. C'è nell'ambiente questa esasperazione montata nei confronti del Mister. Bene, prendiamo atto e non entriamo nel merito. Ma è l'auto-alimentazione all'ennesima potenza che genera esasperazione. Veniamo da anni di fazioni, di bande armate e di guerra per bande. Perseverare in questo è un errore, anni pessimi hanno trasmesso il concetto che si esce da un problema cacciando o imprecando. Non è così, gli ultimi anni vanno solo resettati, come il nuovo Milan sta evidentemente facendo, sono anni che hanno contaminato lo spirito, il dna, tutto. E va recuperato e scolpito quel concetto vero quanto il Milan, che da un problema delicato se ne esce tutti assieme. O non se ne esce.

Non pensavamo fosse così importante Ghoulam. Napoli-Manchester City è stata impressionante. un grande Napoli, facilmente in vantaggio, dominante e padrone del campo. Poi si infortuna il terzino sinistro e in un attimo si sono viste in campo facce diverse, spalle cadenti, passaggi timorosi. Possibile che senza Ghoulam crolla tutto? Ma presidente, il mercato...Eh no, qui dobbiamo andare oltre il luogo comune di pancia. Prima di formare uno come Ghoulam, Sarri ci mette almeno due anni di concetti martellanti e di meccanismi ripetuti a iosa. Sul mercato estivo, pochi mesi prima, sarebbe potuto arrivare chiunque ma non sarebbe stato in grado oggi di sostituire all'impronta l'algerino. E' l'altra metà del Sarrismo. Prima di vedere gli altri che non capiscono nulla di quello che fai in campo, sensazione inebriante provata da ciascun giocatore del Napoli, non accade tutto per caso, non esiste la bacchetta magica. Esiste solo il lavoro, il sudore, il sangue. Un profluvio di tutto questo. Il tecnico toscano deve però allargare la base, al Napoli ne ha formati come dice lui 12-13. Ed evidentemente non bastano. Ma il mercato non c'entra proprio.

Solo isteria? Solo valutazioni sbagliate? Non sappiamo davvero come si salti in basso da Dybala come Messi a Dybala come ragazzino da mettere in riga altrimenti finisce sul registro. Ma siamo orientati a pensare che sia più il secondo indirizzo editoriale a far bene al ragazzo. Non certo il primo, orchestrato più per propagandare la Juventus che il giocatore. Era lo stesso Allegri a guardare tutti di sottecchi, nella sbornia collettiva successiva ai gol della Joya contro Chievo e Sassuolo. Aveva capito il tecnico di Livorno che erano paragoni azzardati e che avrebbero potuto danneggiare il ragazzo. Cosa che sta avvenendo, perchè essere sbalzati da nuovo Messi a unico responsabile del quarto posto Juve per i rigori sbagliati contro Atalanta e Lazio, non è facile e non sarebbe facile per nessuno. Ci sono anche altri giornalisti che sono stati criminalizzati sui social dai tifosi juventini, per essersi detti non d'accordo subito, sul nascere, in tempi non sospetti, all'accostamento con la Pulce. Quegli stessi tifosi che oggi se la cavano con la Juventus sempre forte e irresistibile e non capolista solo per i due rigori sbagliati da Dybala. Può il mondo, può una parte di stagione ruotare solo attorno agli episodi? In altri casi si sostiene di no e si invita il prossimo a non arrampicarsi sugli specchi. Lo scaricabarile o lo scaricarigore su Dybala invece che cos'è?

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy