HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

Milan, la fame dell'esonero. Napoli, il velo di Maya di Ghoulam. Dybala, da Messi a pischello

04.11.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 8851 volte

Ok, Vincenzo Montella ha iniziato la stagione con la guardia non altissima e senza fiutare il pericolo. C'è stato qualche errore e c'è stato del ritardo. Ma da sempre siamo contro le ossessioni. Questa bava alla bocca per l'esonero dell'allenatore del Milan ha anche stancato. Non c'è altro? Una volta che dovesse essere esonerato, cosa che il Milan non vuol fare visti anche i cinque cambi dell'anno scorso dall'altra parte della città che hanno portato solo sul fondo (del Naviglio, ma pur sempre fondo), poi cosa succede sul Pianeta? Questo tic toc mediatico sull'esonero sì-esonero no in corso da almeno tre settimane e scritto, ribadito e titolato con ossessione è snervante, avvitato su se stesso e non certo interessato alla buona sorte del Milan. Non ci riferiamo ai tifosi che si sfogano, per loro convinzioni e per amore, ma sempre in buona fede. E' tutto il resto che è diventato stucchevole e prevedibile. Sembra che il mondo debba finire con l'esonero di Montella e che poi non debba esserci più nient'altro da dire, da fare, scrivere, da respirare. Anche basta. Si parla di frecciate, messaggi, ultimatum anche quando non ci sono e chi ne scrive tirandosi fuori e giudicando scenari da guerra civile è poi il primissimo a dare il via a lotte intestini sterili. Utili solo al proprio stomaco, per la propria guerra personale contro chi lavora nel Milan nei settori extra-campo. Quando sei parte in causa in una vicenda personale, combatti pure mancherebbe ma non ergerti a giudice. Perchè non lo sei. Non lo eri prima per l'ossessione verso Berlusconi e non lo sei adesso per altri futili motivi. Veniamo ai social. C'è nell'ambiente questa esasperazione montata nei confronti del Mister. Bene, prendiamo atto e non entriamo nel merito. Ma è l'auto-alimentazione all'ennesima potenza che genera esasperazione. Veniamo da anni di fazioni, di bande armate e di guerra per bande. Perseverare in questo è un errore, anni pessimi hanno trasmesso il concetto che si esce da un problema cacciando o imprecando. Non è così, gli ultimi anni vanno solo resettati, come il nuovo Milan sta evidentemente facendo, sono anni che hanno contaminato lo spirito, il dna, tutto. E va recuperato e scolpito quel concetto vero quanto il Milan, che da un problema delicato se ne esce tutti assieme. O non se ne esce.

Non pensavamo fosse così importante Ghoulam. Napoli-Manchester City è stata impressionante. un grande Napoli, facilmente in vantaggio, dominante e padrone del campo. Poi si infortuna il terzino sinistro e in un attimo si sono viste in campo facce diverse, spalle cadenti, passaggi timorosi. Possibile che senza Ghoulam crolla tutto? Ma presidente, il mercato...Eh no, qui dobbiamo andare oltre il luogo comune di pancia. Prima di formare uno come Ghoulam, Sarri ci mette almeno due anni di concetti martellanti e di meccanismi ripetuti a iosa. Sul mercato estivo, pochi mesi prima, sarebbe potuto arrivare chiunque ma non sarebbe stato in grado oggi di sostituire all'impronta l'algerino. E' l'altra metà del Sarrismo. Prima di vedere gli altri che non capiscono nulla di quello che fai in campo, sensazione inebriante provata da ciascun giocatore del Napoli, non accade tutto per caso, non esiste la bacchetta magica. Esiste solo il lavoro, il sudore, il sangue. Un profluvio di tutto questo. Il tecnico toscano deve però allargare la base, al Napoli ne ha formati come dice lui 12-13. Ed evidentemente non bastano. Ma il mercato non c'entra proprio.

Solo isteria? Solo valutazioni sbagliate? Non sappiamo davvero come si salti in basso da Dybala come Messi a Dybala come ragazzino da mettere in riga altrimenti finisce sul registro. Ma siamo orientati a pensare che sia più il secondo indirizzo editoriale a far bene al ragazzo. Non certo il primo, orchestrato più per propagandare la Juventus che il giocatore. Era lo stesso Allegri a guardare tutti di sottecchi, nella sbornia collettiva successiva ai gol della Joya contro Chievo e Sassuolo. Aveva capito il tecnico di Livorno che erano paragoni azzardati e che avrebbero potuto danneggiare il ragazzo. Cosa che sta avvenendo, perchè essere sbalzati da nuovo Messi a unico responsabile del quarto posto Juve per i rigori sbagliati contro Atalanta e Lazio, non è facile e non sarebbe facile per nessuno. Ci sono anche altri giornalisti che sono stati criminalizzati sui social dai tifosi juventini, per essersi detti non d'accordo subito, sul nascere, in tempi non sospetti, all'accostamento con la Pulce. Quegli stessi tifosi che oggi se la cavano con la Juventus sempre forte e irresistibile e non capolista solo per i due rigori sbagliati da Dybala. Può il mondo, può una parte di stagione ruotare solo attorno agli episodi? In altri casi si sostiene di no e si invita il prossimo a non arrampicarsi sugli specchi. Lo scaricabarile o lo scaricarigore su Dybala invece che cos'è?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il colpo di De Laurentiis: Ancelotti rilancia il Napoli e Napoli. E ora Sarri? Ecco la nuova Inter e tutti gli allenatori di A 24.05 - Ancelotti sbarca ufficialmente a Napoli. 3 anni di contratto a circa 5 milioni di euro. Con il suo staff al completo e con una gran voglia di tornare ad essere protagonista nel nostro campionato. Il presidente De Laurentiis ha fatto un grande colpo, ha riportato in Italia un grandissimo...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Ecco cosa rischia il Milan dalla Uefa: la scure del financial fair play pronta ad abbattersi sui rossoneri, e il salto all'indietro rischia di essere davvero triplo. Eppure c'era quel dettaglio che rendeva tutto prevedibile… 23.05 - E' andata come si sperava non andasse, o come si temeva, o come qualcuno aveva indicato: la Uefa ha rifiutato il settlement agreement, dopo aver in illo tempore rigettato il voluntary agreement, e ha rinviato il caso alla Camera. Decisione che è l'anticamera della sanzione nei confronti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: un colpo a centrocampo, il futuro di Dybala e le polemiche sullo scudetto. Inter: dalla Champions passano i riscatti… ma non Icardi. Milan: Donnarumma e altri “autogol”. Napoli: Ancelotti sì o no? Italia: benvenuto Mancio, ma… 15.05 - L’Italia della politica cerca un modo per uscire dalla fase di stallo. Ci prova da mesi. Cercano un’intesa ma non la trovano. Ce la mettono tutta. E intanto l’Italia va avanti. Anche senza di loro. Ci si pone delle domande: “Ma non sarà che si può fare anche senza?”. Loro temono che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy