HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Milan, la fame dell'esonero. Napoli, il velo di Maya di Ghoulam. Dybala, da Messi a pischello

04.11.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 8895 volte

Ok, Vincenzo Montella ha iniziato la stagione con la guardia non altissima e senza fiutare il pericolo. C'è stato qualche errore e c'è stato del ritardo. Ma da sempre siamo contro le ossessioni. Questa bava alla bocca per l'esonero dell'allenatore del Milan ha anche stancato. Non c'è altro? Una volta che dovesse essere esonerato, cosa che il Milan non vuol fare visti anche i cinque cambi dell'anno scorso dall'altra parte della città che hanno portato solo sul fondo (del Naviglio, ma pur sempre fondo), poi cosa succede sul Pianeta? Questo tic toc mediatico sull'esonero sì-esonero no in corso da almeno tre settimane e scritto, ribadito e titolato con ossessione è snervante, avvitato su se stesso e non certo interessato alla buona sorte del Milan. Non ci riferiamo ai tifosi che si sfogano, per loro convinzioni e per amore, ma sempre in buona fede. E' tutto il resto che è diventato stucchevole e prevedibile. Sembra che il mondo debba finire con l'esonero di Montella e che poi non debba esserci più nient'altro da dire, da fare, scrivere, da respirare. Anche basta. Si parla di frecciate, messaggi, ultimatum anche quando non ci sono e chi ne scrive tirandosi fuori e giudicando scenari da guerra civile è poi il primissimo a dare il via a lotte intestini sterili. Utili solo al proprio stomaco, per la propria guerra personale contro chi lavora nel Milan nei settori extra-campo. Quando sei parte in causa in una vicenda personale, combatti pure mancherebbe ma non ergerti a giudice. Perchè non lo sei. Non lo eri prima per l'ossessione verso Berlusconi e non lo sei adesso per altri futili motivi. Veniamo ai social. C'è nell'ambiente questa esasperazione montata nei confronti del Mister. Bene, prendiamo atto e non entriamo nel merito. Ma è l'auto-alimentazione all'ennesima potenza che genera esasperazione. Veniamo da anni di fazioni, di bande armate e di guerra per bande. Perseverare in questo è un errore, anni pessimi hanno trasmesso il concetto che si esce da un problema cacciando o imprecando. Non è così, gli ultimi anni vanno solo resettati, come il nuovo Milan sta evidentemente facendo, sono anni che hanno contaminato lo spirito, il dna, tutto. E va recuperato e scolpito quel concetto vero quanto il Milan, che da un problema delicato se ne esce tutti assieme. O non se ne esce.

Non pensavamo fosse così importante Ghoulam. Napoli-Manchester City è stata impressionante. un grande Napoli, facilmente in vantaggio, dominante e padrone del campo. Poi si infortuna il terzino sinistro e in un attimo si sono viste in campo facce diverse, spalle cadenti, passaggi timorosi. Possibile che senza Ghoulam crolla tutto? Ma presidente, il mercato...Eh no, qui dobbiamo andare oltre il luogo comune di pancia. Prima di formare uno come Ghoulam, Sarri ci mette almeno due anni di concetti martellanti e di meccanismi ripetuti a iosa. Sul mercato estivo, pochi mesi prima, sarebbe potuto arrivare chiunque ma non sarebbe stato in grado oggi di sostituire all'impronta l'algerino. E' l'altra metà del Sarrismo. Prima di vedere gli altri che non capiscono nulla di quello che fai in campo, sensazione inebriante provata da ciascun giocatore del Napoli, non accade tutto per caso, non esiste la bacchetta magica. Esiste solo il lavoro, il sudore, il sangue. Un profluvio di tutto questo. Il tecnico toscano deve però allargare la base, al Napoli ne ha formati come dice lui 12-13. Ed evidentemente non bastano. Ma il mercato non c'entra proprio.

Solo isteria? Solo valutazioni sbagliate? Non sappiamo davvero come si salti in basso da Dybala come Messi a Dybala come ragazzino da mettere in riga altrimenti finisce sul registro. Ma siamo orientati a pensare che sia più il secondo indirizzo editoriale a far bene al ragazzo. Non certo il primo, orchestrato più per propagandare la Juventus che il giocatore. Era lo stesso Allegri a guardare tutti di sottecchi, nella sbornia collettiva successiva ai gol della Joya contro Chievo e Sassuolo. Aveva capito il tecnico di Livorno che erano paragoni azzardati e che avrebbero potuto danneggiare il ragazzo. Cosa che sta avvenendo, perchè essere sbalzati da nuovo Messi a unico responsabile del quarto posto Juve per i rigori sbagliati contro Atalanta e Lazio, non è facile e non sarebbe facile per nessuno. Ci sono anche altri giornalisti che sono stati criminalizzati sui social dai tifosi juventini, per essersi detti non d'accordo subito, sul nascere, in tempi non sospetti, all'accostamento con la Pulce. Quegli stessi tifosi che oggi se la cavano con la Juventus sempre forte e irresistibile e non capolista solo per i due rigori sbagliati da Dybala. Può il mondo, può una parte di stagione ruotare solo attorno agli episodi? In altri casi si sostiene di no e si invita il prossimo a non arrampicarsi sugli specchi. Lo scaricabarile o lo scaricarigore su Dybala invece che cos'è?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader 05.11 - Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby...

Editoriale DI: Andrea Losapio

La Superlega, Football Leaks e il pallone sgonfiato: tutto molto triste. Dopo un decennio abbiamo una candidata alla Champions, forse più di una. Chi prenderà il quarto posto? 04.11 - Der Spiegel e L'Espresso stanno portando avanti, da anni oramai, una battaglia contro i furbetti del pallone. In principio si è parlato di Doyen Sports e Twente, dei rapporti di Radamel Falcao con i fondi di investimento, dell'ascesa dell'Atletico Madrid anche grazie agli investimenti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy