HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Milan, la guerra Leo-Rino rinviamola a giugno. Roma allo sbando. Pallotta "esonera" Baldini. Inter, addio a Icardi. Tra un mese la verità...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
01.04.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 26173 volte

La seconda sconfitta consecutiva del Milan lancia un mezzo allarme in casa rossonera ma la fortuna è che martedì si torna subito in campo. Il quarto posto è alla portata, per il grande campionato disputato dalla squadra e per la mancanza di vere alternative. Attenzione all'Atalanta: come disse Mirabelli, una sera a Sportitalia, rischia di essere la vera rivale del Milan fino al termine. Con la Sampdoria si poteva non vincere ma non si doveva perdere. Donnarumma, ormai, lo conosciamo. O ti salva la vita o ti spara nelle gambe. Perché nelle gambe? Perché prendere gol dopo un minuto non è come fare una papera a metà partita con il risultato orientato. Le papere le fa quasi sempre decisive. La squadra ne risente ma capiamo che non possiamo dire nulla a Donnarumma perché è un '99, gli altri al suo posto giocano a malapena in serie D e lui ha record di presenze in A per l'età che ha. Tutto vero ma non bestemmiamo se ricordiamo che partire, pronti via, da 1-0 a Genova non è proprio il massimo. Il Milan deve fare un patto. Per il bene dello stesso Milan. Bisogna arrivare quarti e non bisogna pensare tanto ai nemici fuori casa bensì a quelli che hai in casa. Ogni tipo di guerra tra Leonardo e Gattuso sarebbe da rinviare a fine campionato. Gattuso, da un anno e mezzo, sta facendo miracoli con una barca che è stata spesso lasciata in mare aperto. Prima il finto cinese, poi la diatriba Fassone, il mercato affrettato della scorsa estate con un pezzo fatto da Mirabelli e l'altro pezzo da Leonardo e un mercato di gennaio che ha lasciato dei vuoti, colmati solo a livello mediatico da Paquetà e Piatek. A livello mediatico nel senso che loro due vanno benissimo e stanno facendo grandi cose (bravo Leonardo) ma manca pur sempre un difensore e una mezzala mai sostituti. Così come mancherebbe anche un esterno alto perché Paquetà è forte ma non dimentichiamo che è un trequartista; quindi non è né una mezzala naturale né un esterno offensivo. In questi casi un Dirigente che vuole il bene del proprio club deve stare vicino all'allenatore e non seminare zizzania o sparlare di lui. Non è il caso di Leonardo, parliamo in maniera generica. Leo deve seguire Gattuso e fargli fare l'allenatore. Cosa che gli riesce molto bene. Non può pensare di mollarlo sul più bello. Se questa squadra oggi è quarta è tutto merito del suo allenatore che anche nelle difficoltà non ha mai mollato un centimetro. A fine maggio si tireranno le somme e, volendo, anche qualche "vaffa" pubblico è consentito. Perché sono uomini e non soldatini.
A Roma, James Blond sta toccando il fondo. Non solo sta distruggendo una società ma anche l'entusiasmo di una tifoseria folle, innamorata e indistruttibile.... Ad un certo punto, però, anche loro rischiano di allontanarsi. Puoi perdere con il Napoli, con la Juve, con l'Inter e anche con il Frosinone. Non sarebbe un problema. Il vero problema è la confusione societaria, l'incertezza sul futuro, la lontananza del Presidente, chi comanda veramente c'è ma non si vede e una squadra che in campo passeggia. Il cambio Di Francesco-Ranieri non ha avuto alcun significato. Il Mister ha le sue colpe, come tutti gli allenatori quando le squadre non girano, ma i problemi a Roma sono altri. Pallotta non può governare dall'altra parte del mondo. Monchi non può essere infangato dopo essere andato via ed aver rispettato le volontà della Proprietà ma soprattutto il capo della baracca non può essere Franco Baldini. O meglio: può esserlo ma deve fare il Direttore della Roma ufficialmente. Parlare in tv, parlare ai tifosi, entrare nello spogliatoio e metterci la faccia con la squadra. Altrimenti manca la figura principale. Massara è un ottimo Dirigente, Totti sta crescendo ma non possono comandare meno di un Direttore ombra. Pallota si decida: o affida la Roma, ufficialmente, a Baldini oppure deve iniziare ad "esonerare" proprio lui. Le decisioni su calciatori, allenatore e Monchi sono state sue. Nella vita chi sbaglia paga. Se ha sbagliato è giusto che paghi il conto (salato).
L'Inter il caso Icardi, ormai, dovrà gestirlo (male come fatto finora) da qui al termine del campionato. Se non lo convochi dopo una settimana di relativa pax e con mezzo attacco fuori significa che il vero problema è un altro. Lo sosteniamo da un mese: non è una notizia, non abbiamo informazioni dirette ma è una sensazione. Dietro il caso Icardi si nasconde qualcosa di più profondo. Non togli la fascia al capitano, non ti privi del tuo giocatore più forte e non lo convochi neanche se in attacco ti resta solo Ranocchia perché Wanda è cattiva e antipatica. Marotta conosce il calcio meglio di come io conosca casa mia. Se ci fossero stati i margini avrebbe fatto di tutto per ricucire. Marotta è un grande dirigente di club come non è un sufficiente politico del calcio ma il suo mestiere lo sa fare bene. Se non è riuscito a trovare una soluzione significa che i buoi erano già scappati al suo arrivo. Lui avrà scoperto cosa c'era dietro e per l'Inter era qualcosa di irrimediabile. Non regge neanche lo screzio con Perisic. Molti compagni di squadra si odiano e si mandano a quel paese ma la società non prende posizione, in maniera così drastica, per uno o per l'altro. Di mezzo ci saranno affari ben più grandi. Lo scopriremo solo tra un mesetto e allora tutti diremo "ah, ecco perché..."


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510