HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Milan, la guerra Leo-Rino rinviamola a giugno. Roma allo sbando. Pallotta "esonera" Baldini. Inter, addio a Icardi. Tra un mese la verità...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
01.04.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 25734 volte

La seconda sconfitta consecutiva del Milan lancia un mezzo allarme in casa rossonera ma la fortuna è che martedì si torna subito in campo. Il quarto posto è alla portata, per il grande campionato disputato dalla squadra e per la mancanza di vere alternative. Attenzione all'Atalanta: come disse Mirabelli, una sera a Sportitalia, rischia di essere la vera rivale del Milan fino al termine. Con la Sampdoria si poteva non vincere ma non si doveva perdere. Donnarumma, ormai, lo conosciamo. O ti salva la vita o ti spara nelle gambe. Perché nelle gambe? Perché prendere gol dopo un minuto non è come fare una papera a metà partita con il risultato orientato. Le papere le fa quasi sempre decisive. La squadra ne risente ma capiamo che non possiamo dire nulla a Donnarumma perché è un '99, gli altri al suo posto giocano a malapena in serie D e lui ha record di presenze in A per l'età che ha. Tutto vero ma non bestemmiamo se ricordiamo che partire, pronti via, da 1-0 a Genova non è proprio il massimo. Il Milan deve fare un patto. Per il bene dello stesso Milan. Bisogna arrivare quarti e non bisogna pensare tanto ai nemici fuori casa bensì a quelli che hai in casa. Ogni tipo di guerra tra Leonardo e Gattuso sarebbe da rinviare a fine campionato. Gattuso, da un anno e mezzo, sta facendo miracoli con una barca che è stata spesso lasciata in mare aperto. Prima il finto cinese, poi la diatriba Fassone, il mercato affrettato della scorsa estate con un pezzo fatto da Mirabelli e l'altro pezzo da Leonardo e un mercato di gennaio che ha lasciato dei vuoti, colmati solo a livello mediatico da Paquetà e Piatek. A livello mediatico nel senso che loro due vanno benissimo e stanno facendo grandi cose (bravo Leonardo) ma manca pur sempre un difensore e una mezzala mai sostituti. Così come mancherebbe anche un esterno alto perché Paquetà è forte ma non dimentichiamo che è un trequartista; quindi non è né una mezzala naturale né un esterno offensivo. In questi casi un Dirigente che vuole il bene del proprio club deve stare vicino all'allenatore e non seminare zizzania o sparlare di lui. Non è il caso di Leonardo, parliamo in maniera generica. Leo deve seguire Gattuso e fargli fare l'allenatore. Cosa che gli riesce molto bene. Non può pensare di mollarlo sul più bello. Se questa squadra oggi è quarta è tutto merito del suo allenatore che anche nelle difficoltà non ha mai mollato un centimetro. A fine maggio si tireranno le somme e, volendo, anche qualche "vaffa" pubblico è consentito. Perché sono uomini e non soldatini.
A Roma, James Blond sta toccando il fondo. Non solo sta distruggendo una società ma anche l'entusiasmo di una tifoseria folle, innamorata e indistruttibile.... Ad un certo punto, però, anche loro rischiano di allontanarsi. Puoi perdere con il Napoli, con la Juve, con l'Inter e anche con il Frosinone. Non sarebbe un problema. Il vero problema è la confusione societaria, l'incertezza sul futuro, la lontananza del Presidente, chi comanda veramente c'è ma non si vede e una squadra che in campo passeggia. Il cambio Di Francesco-Ranieri non ha avuto alcun significato. Il Mister ha le sue colpe, come tutti gli allenatori quando le squadre non girano, ma i problemi a Roma sono altri. Pallotta non può governare dall'altra parte del mondo. Monchi non può essere infangato dopo essere andato via ed aver rispettato le volontà della Proprietà ma soprattutto il capo della baracca non può essere Franco Baldini. O meglio: può esserlo ma deve fare il Direttore della Roma ufficialmente. Parlare in tv, parlare ai tifosi, entrare nello spogliatoio e metterci la faccia con la squadra. Altrimenti manca la figura principale. Massara è un ottimo Dirigente, Totti sta crescendo ma non possono comandare meno di un Direttore ombra. Pallota si decida: o affida la Roma, ufficialmente, a Baldini oppure deve iniziare ad "esonerare" proprio lui. Le decisioni su calciatori, allenatore e Monchi sono state sue. Nella vita chi sbaglia paga. Se ha sbagliato è giusto che paghi il conto (salato).
L'Inter il caso Icardi, ormai, dovrà gestirlo (male come fatto finora) da qui al termine del campionato. Se non lo convochi dopo una settimana di relativa pax e con mezzo attacco fuori significa che il vero problema è un altro. Lo sosteniamo da un mese: non è una notizia, non abbiamo informazioni dirette ma è una sensazione. Dietro il caso Icardi si nasconde qualcosa di più profondo. Non togli la fascia al capitano, non ti privi del tuo giocatore più forte e non lo convochi neanche se in attacco ti resta solo Ranocchia perché Wanda è cattiva e antipatica. Marotta conosce il calcio meglio di come io conosca casa mia. Se ci fossero stati i margini avrebbe fatto di tutto per ricucire. Marotta è un grande dirigente di club come non è un sufficiente politico del calcio ma il suo mestiere lo sa fare bene. Se non è riuscito a trovare una soluzione significa che i buoi erano già scappati al suo arrivo. Lui avrà scoperto cosa c'era dietro e per l'Inter era qualcosa di irrimediabile. Non regge neanche lo screzio con Perisic. Molti compagni di squadra si odiano e si mandano a quel paese ma la società non prende posizione, in maniera così drastica, per uno o per l'altro. Di mezzo ci saranno affari ben più grandi. Lo scopriremo solo tra un mesetto e allora tutti diremo "ah, ecco perché..."


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510