VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Milan, la tela di Cerci. Rabbia Juve per Conte: attenta Inter. Mancini: lo stesso 2-2 di Mazzarri. Mancio: il suo vantaggio sul mercato. Garcia: è stato Juve-Roma anche all'Olimpico

27.12.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 62346 volte

Le tifoserie sono già schierate. Chi spera in un Bonaventura-2 La Vendetta e chi in un Suazo sempre 2 e sempre la vendetta. In questi casi, quando ci sono animi da derby surriscaldati in campo, l'unica cosa da fare è attenersi ai fatti. Ci sono quattro parti in causa, per tre delle quali è già tutto risolto e concordato. Ovvero Atletico Madrid, Milan e Torres. La quarta è lui, Alessio Cerci. La sua pendenza definiamola di carattere psicologico è con l'Atletico. Vuole un futuro chiaro e delineato. Il tema di Alessio Cerci non appare il si o il no al Milan, ma la formula del trasferimento. Sulla quale però, per l'ingegneria dell'operazione che non coinvolge solo lui, non possono esserci deroghe nemmeno verso altri Club. Milan e Atletico sono già in possesso delle reciproche autorizzazioni a far allenare a maglie invertite i due giocatori prima della stipula definitiva degli accordi. Il Milan non dà le cose per fatte ma per ben avviate. Se come sembra dovesse andare tutto in porto, la vicenda Torres insegna. Se sul campo la scelta non ha pagato come nei casi di Diego Lopez, Bonaventura, Alex e Menez, sulla scena del mercato anche la stessa operazione estiva con il Chelsea dimostra che se resti con le trattative nell'alveo dei grandi giocatori, male che vada passi da un giocatore importante ad un altro. E per chi ha chiuso l'anno solare a due punti dal terzo posto, non al nono (ahi ahi brutta cosa l'isterismo), e ha la dolce ossessione sportiva del ritorno in Champions League, tutto questo è fondamentale.

Ha fatto impressione, durante la serie dei rigori di Doha, la tensione di Marotta, Nedved e Paratici. La stessa esultanza senza freni di Andrea Agnelli nel momento in cui sembrava fatta per la Juventus, dopo uno dei rigori falliti dal Napoli. Domanda lecita. Ma come? Con tutto quello che hanno vinto negli anni scorsi, con gli Ottavi di Champions in tasca e il titolo d'inverno 2015 ormai vicinissimo, perché così nervosi per una Supercoppa? Un titolo rispettabile, ma pur sempre una Supercoppa dell'Italietta…I fondali del calcio rispondono: ci tenevano a vincere subito un trofeo perché sarebbe stato il primo del dopo Conte. Il Ct azzurro, gli stage, la gestione dei giocatori juventini: tutti nervi scoperti. E a Doha si è visto. La Juventus coltiverà la sua "stizza" per tutta la sosta natalizia. Fino al 6 Gennaio: Juventus-Inter allo Juventus Stadium…

Non è questione di tifo, credete. Ma di cronaca. L'Inter di Mancini contro la Lazio ha fatto la stessa partita che aveva fatto l'Inter di Mazzarri contro il Napoli. Stesso stadio, stesso punteggio, stessa gara a strappi, vissuta più sul filo dei nervi che su quello del gioco. Roberto Mancini ha fatto 5 punti in 5 partite. Non esattamente una marcia trionfale. Sia ben chiaro: sta lavorando bene e si colgono i suoi tentativi di migliorare proposta di gioco e mentalità. Ma la squadra è quella e con la squadra che c'è Mancini sta facendo più o meno le stesse cose del suo predecessore.

Ma Roberto Mancini ha un vantaggio. Ha carta bianca sul mercato. Non in termini economici. Ma sul piano tecnico. Se lui decide che quel giocatore è da comprare e l'operazione, a livello strutturale ed economico si può fare, si fa. In base alle garanzie che ha chiesto il tecnico al momento di accettare l'incarico e in base alle varie triangolazioni dei delicati equilibri Thohir-Moratti, si fa quello che dice il Mancio. Non c'è un livello superiore che negozia con lui la scelta tecnica. E questo rende più snelle le cose in casa nerazzurra rispetto ad un mercato, quello di Gennaio, che, con l'equilibrio che c'è in giro, può anche fare la differenza per il terzo posto.

Roma-Milan è stata in parte la nemesi di Juve-Roma. Assodato che il rigore di De Jong c'era, ma era molto difficile da vedere in presa diretta perché la sua mano era molto vicina alla spalla di Gervinho, è quello che è accaduto nel secondo tempo che ha colpito. Con il Milan che nei primi 25 minuti della ripresa faceva la partita e tirava in porta (tre volte, con Poli, Menez e soprattutto Bonaventura) in assoluta solitudine e controllo, ecco che dall'ascella della partita sbucava il coniglio dell'espulsione di Armero. Pallone tiratogli sul braccio da Keita, reduce da quattro interventi fallosi da dietro bellamente ignorati uno in fila all'altro. Il punto è che l'arbitro Rizzoli, di suo, questa è stata la sensazione, non aveva maturato la decisione di estrarre il secondo giallo per il colombiano rossonero. Un po' come Rocchi a Torino sul primo rigore successivo all'intervento di Maicon. Poi però un po' lo stadio, un po' il capannello, un po', forse, la segnalazione dell'addizionale, ecco che il secondo giallo arriva. Ricorda nulla caro De Sanctis e cari amici giallorossi? Buone Feste.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.