VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Milan: mettetevi comodi. Bacca tienitelo: tutta la verità. Inter, derby bello e leale

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
04.07.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 85894 volte

Sul mercato del Milan c'è poco da aggiungere. Non facciamo nomi o previsioni, è assolutamente inutile e poi non è questo il punto. Il Milan ha dato al suo mercato la prima gettata. Adesso si sale, si va sul pesante. Il gioco si fa duro e il palazzo più alto. Scriviamo queste cose, lo sappiamo perfettamente, a nostro rischio e pericolo, ma è dal 3 Maggio che lo ripetiamo e non possiamo sottrarci proprio adesso, sul punto di: la traversata nel deserto sta per finire. Sul mercato del Milan inutile dannarsi l'anima o arrovellarsi: è sufficiente mettersi comodi. Siamo nel vivo su più fronti. E' bello poterlo pensare. Soprattutto, consentitecelo, per noi, che in questi due anni, non lo nascondiamo, abbiamo pianto. Abbiamo sofferto. Abbiamo ingoiato. Abbiamo subìto. Abbiamo deglutito. Ma non ci siamo spostati di un millimetro, mai. Nessuna concessione alle fughe in avanti, alla demagogia o a qualche populismo di maniera. C'è da soffrire per qualche stagione? Bene, noi ci siamo, facciamolo insieme. Il nostro caro, vecchio, insostituibile Milan non va mai dato in pasto ai peggiori. Lì, ammaccati e insultati, ma lì. Fermi. A qualsiasi costo. Attorno a noi le sconfitte, la rabbia, la disgregazione, il veleno, i veleni. Fossimo dei megalomani, si potrebbe addirittura citare una battuta di Codice d'Onore, filmone tutto stelle e strisce di Jack Nicholson, Tom Cruise e Demi Moore: "Dormi pure tranquillo stanotte, ci sono io di guardia". Il Milan, sempre, comunque e quantunque, in ricchezza e in povertà, nella gioia e nel dolore, il resto lo sapete. Unici in tutto questo, come sempre. Anche impopolari certo, ma soli, come sempre. E se c'è in giro qualche spaventapasseri che cerca di insozzare tutto questo, pazienza. Del resto c'è il tempo in cui i posti sono a sedere, le cravatte sono rosa e si difendono a spada tratta le luci di Marsiglia e un altro tempo invece in cui i posti prima sono in piedi e poi si perdono: è quello il momento in cui le cravatte diventano gialle e si spunta nel piatto in cui si è mangiato per undici anni e mezzo (sulle date e i riferimenti non siamo mitomani, mai, lo confermano le fatture aziendali debitamente saldate e pagate). Quindi? Il Milan. E' il Milan al centro. Chi vivrà il "Milan rilanciato" con una fede temprata dal ciclo negativo vissuta nell'occhio del ciclone e non sul trespolo e invece chi lo vivrà con più di una punta di vouyerismo. La vita continua per tutti.

Con buona pace anche dei siti porno che hanno inserito fra una cosciona e l'altra il filmato di Suma e Ordine, vale la pena contestualizzare. E spiegare come è nato "Bacca tienitelo". Mercoledì 24 Giugno, il "buon" Fabio Ravezzani, direttore delle tv del gruppo Mediapason, in base alle sue legittime, professionali e rispettabilissime fonti, tutt'altro che campate in aria per alcuni aspetti, la trasmissione in questo modo: "Il mercato del Milan? Ve lo spiego, arrivano solo Bacca e Baselli e il resto si risolve con lo spostamento di El Shaarawy a centrocampo e il rinnovo di Mexes". Insorgiamo, rifiutiamo la tesi, quello non è il nostro mercato (come Bertolacci, Luiz Adriano e Josè Mauri avrebbero poi confermato) e nasce tutta una serata di gag televisive a spot con Fabio in cui lui dice una cosa sul tema e noi ribattiamo, fra cui la frase fatale. Che può essere compresa e capita solo se riferita al contesto, non al giocatore in particolare. Resta in sospeso qualche altra domandina (Ma come ha fatto il Milan a spendere 58 milioni per Bacca. Bertolacci e Luiz Adriano quando si diceva che non c'erano soldi per il mercato? Come mai tra Fininvest e il consorzio di Mr. Bee Taechaubol tutto procede quando si diceva che era tutta una fiction?), ma va bene così. Alla prossima.

Finalmente, Milan e Inter. Adesso che si è capito, e che si capirà sempre più in questo mercato, che la telefonata su Imbula e Miranda non era guerra preventiva o di aggiramento o addirittura una mossa interessata ad ottenere no fly zone nerazzurre, si può tendere la mano? Adesso che il derby di Montecarlo, dopo una contesa di mercato dura, ma cortese e leale, lo ha vinto l'Inter, si può per una volta applaudirci a Milano? Veniamo tutte e due danni anni duri, amari, laceranti. Anni a guardare gli altri. Anni in bianco e nero. Noi che amiamo il Milan oltre i confini della nostra stessa esistenza e percepiamo la determinazione rossonera di qui alla fine del mercato, facciamo un applauso al coraggio nerazzurro sul mercato e in particolare a Piero Ausilio, che nonostante Biasin si sforzi di renderlo antipatico, è persona serena, corretta, educata e molto capace.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Berlusconi: rispettoso silenzio. Solo Milan, no vecchi e nuovi. Sarri: sembra il Conte del 2011 07.10 - Da parte della dirigenza del Milan rispettoso silenzio. E non poteva essere altrimenti. Qui però a stretto contatto con la carne viva del popolo rossonero, non possiamo fischiettare per aria. Le parole del presidente Berlusconi hanno destabilizzato il clima mediatico attorno al Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.