HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Milan, Mirabelli fa crollare una voce nel bilancio rossonero. Sabatini-Inter: retroscena di un addio pericoloso. Napoli, dal sogno all’illusione. Avellino-Novellino la rima è finita…

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
02.04.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 52851 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il Milan visto a Torino fa aumentare il rimpianto per aver buttato un girone di andata. Dopo il gol di Dybala si è visto un gran Milan. Ben organizzato in campo e con una grande preparazione atletica. Alla Juventus bastano due giocate per vincere le partite. Si conferma non bella, a volte, ma terribilmente concreta. Il Milan studia per diventare grande. La Juventus lo è già e non può fare sconti per due motivi: il regalo degli amici di Sassuolo e gli sconti sono stati già fatti a Ferrara. Sotto il piano del gioco il Milan ha dimostrato di essere messo meglio in campo. E, in vista della sfida con il Real Madrid, non è un ottimo segnale per Allegri. Poi la partita la vincono i bianconeri perché se Allegri si gira verso la panchina ha solo l’imbarazzo della scelta. Per Gattuso, invece, la triste conferma che a questa squadra serve un vero numero 9. Servirebbe anche una mezzala fisica perché Bonaventura gioca in un ruolo che non gli si addice al 100% e perché esterno offensivo, in quel ruolo, Rino ha scelte migliori. Dopo l’estate delle rivoluzioni rossonere balza all’occhio soprattutto un dato nel bilancio del nuovo Milan. E Mirabelli ha mantenuto due promesse prima di insediarsi a casa Milan. "Farò gli incontri di mercato in sede, nella nostra casa, e non rinchiuso in alberghi o ristoranti di nascosto". Soprattutto, il Direttore calabrese ha dimezzato una voce nel bilancio del club: quella delle commissioni degli agenti. Rispetto alle stagioni precedenti, le commissioni dei procuratori si sono abbassate del 55-60%. No a ricatti, no a compromessi ma soprattutto Mirabelli non ha preso mezzo calciatore perché proposto da un agente. Li ha scelti tutti lui. Poi, certo, i calciatori possono rendere chi più e chi meno ma la filosofia di Mirabelli è quella richiesta da Fassone e che piace molto ai tifosi milanisti. La voce Raiola, invece, è scomparsa dal bilancio 2017 per le operazioni della scorsa estate. Qualche commissione per gli agenti di Conti e Kessie, poca roba per Biglia e Rodriguez. La strada tracciata è quella giusta. Nel frattempo bisogna sempre capire che futuro avrà il Milan. Elliott è sempre più una ipotesi concreta, con il figlio del grande capo che non disdegnerebbe un ruolo di primo piano nel club. Adriano Galliani, dal Parlamento, segue sempre da vicino la partita che Fassone sta giocando sull’asse Londra-Milano e sono tanti i Direttori che si stanno facendo sponsorizzare presso Elliott per prendere il posto di Mirabelli. C’è anche un Mister X che ricopre già un ruolo importante ma che, forse, è stufo della sua società e vorrebbe provare a cambiare aria. Insospettabile.
Per Direttori che si propongono ad un Direttore che lascia. La scorsa settimana è stata quella della rivoluzione nerazzurra. La società ha provato a far passare in secondo piano l’addio di Walter Sabatini ma un addio così fa troppo rumore per finire in sesta pagina. Certamente i gol di Icardi e la “rinascita” della squadra oscurano la decisione di Walter. Figuriamoci adesso che siamo sotto derby. Gli interrogativi sono ancora tanti e non regge la scusa che Sabatini lascia per questioni personali. L’ex DS di Lazio, Palermo e Roma sicuramente non è un rampante quarantenne e il fumo spesso gli ha creato problemi di salute ma la sua decisione è prettamente calcistica. Sabatini non si fida più di Suning. Gli avevano raccontato alcune favole che si sono trasformate in un incubo. Doveva prendere, la scorsa estate, diversi top player e dopo averli anche bloccati si è dovuto rimangiare la parola con società e procuratori. A gennaio la farsa Pastore è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso e il divorzio cinese da Capello, senza essere interpellato, è stata l’ennesima goccia finita in un vaso ormai rotto in mille pezzi. L’Inter spera nella Champions per fare un mercato all’altezza. Rinforzata la difesa con De Vrji e Asamoah, entrambi a parametro zero, l’estate nerazzurra rischia di essere peggiore di quella precedente. Pochi investimenti che rischiano di diventare nulli senza quarto posto o senza poter cedere qualche calciatore di valore della rosa di Spalletti. Dalla società provano a far filtrare ottimismo e serenità ma di sereno, in questo momento, all’Inter c’è solo Mauro Icardi.
Il week end di Pasqua ha rotto l’uovo di Sarri e al posto della sorpresa ha trovato un amaro… come digestivo. Salvo clamorosi colpi di scena finisce qui la corsa scudetto del Napoli. Le partite diminuiscono, lo scontro diretto di Torino si avvicina e il ritorno a + 4 (quasi + 5) scalfisce ogni sogno di gloria degli azzurri. Inoltre c’è da considerare che il Napoli è in una oggettiva fase calante e il rischio di perdere altri punti è concreto. Sconfitta con la Roma, pari a Milano con l’Inter, vittoria sofferta di misura con il Genoa e pareggio in extremis con il Sassuolo dell’amato Carnevali sotto i colpi del famoso Politano. Il Napoli ha giocato il più bel calcio, certamente, ma per abbattere la Juventus non è bastato. Nessun rimpianto. Ma soprattutto nessun rimprovero. A questa squadra non si può dire nulla per come ha lottato pur di raggiungere un sogno. Il Napoli può e deve solo dire “Brava Juventus”. Le colpe del Napoli sono altre, in questa stagione. Ad esempio quella di aver rinunciato a tutto il resto pur di raggiungere questo sogno. Sarebbe stato ancora più complicato ma la stagione si chiuderà senza titoli e con molti rimpianti.
In serie B la Pasquetta non sarà al mare o in montagna ma in campo. Avellino è ad un bivio. La squadra sono mesi che non convince e il rischio di restare nei bassi fondi è concreto. Il responsabile principale è Walter Novellino. Il tecnico di Montemarano conferma il trend delle ultime stagioni. Avellino come Modena. Se subentra a stagione in corso riesce a portare la barca in porto ma se l’anno dopo lo confermi, partendo da zero, non riesce ad incidere come fatto a stagione in corso. Questa squadra non ha un’anima e soprattutto non ha un gioco. Eppure le individualità ci sarebbero. Ultimo treno per Walter Alfredo. Altrimenti il capostazione dovrà fischiare due volte. Il vero problema è che in questo momento non ci sono sostituti capaci di poter invertire un trend così negativo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510