VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Milan, prima o poi Ancelotti. Gattuso-Hajduk: contatto. Raiola: giù le mani da Sacchi. Donadoni: il tempo dà torto a Cassano. Juventus: ha pareggiato il Cesena

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
21.02.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 32161 volte

Il Milan si sente come nell'estate 1998. Mancano ancora tre mesi alla stagione calda del mercato, ma il Milan è già pronto ad imparare da se stesso. Anche nel 96-97 e nel 97-98 due stagioni di fila andarono male. Eppure un anno dopo il Milan era campione d'Italia e cinque anni dopo campione d'Europa. Il Milan sa di non avere alternative: deve fare una grande squadra per la prossima stagione. Ed è già al lavoro per farla. A trecentosessanta gradi. Lo insegna anche la Juventus dei due settimi posti. Solo una campagna acquisti aggressiva e di rottura, come quella dell'estate 2011, ha riavviato tutto in casa loro. Il Milan è pronto a farla. Il Milan non ripiega su se stesso, ma da se stesso è pronto a ripartire. Le immagini parigine di Ibra e Thiago fanno male. Il 20' posto nel ranking europeo fa male. Le assenze del Milan fra le prime 10 squadre della colonna di sinistra della classifica di A del Febbraio 2014 e anche del Febbraio 2015 fanno male. Sarà costoso e faticoso risalire la corrente, non sarà un lavoro né piacevole sul piano umano né semplice su quello economico. Ma dalle sconfitte e dalle ferite il Milan sta raccogliendo la determinazione per farlo. Senza illusioni ma, soprattutto, senza alternative. Capitolo allenatore: Filippo Inzaghi merita, per la sua storia e per la sua passione sportiva, tutta la protezione che con convinzione tutto il Milan gli ha dato, gli sta dando e gli darà. Siamo i primi a sognare un grande finale di stagione e un grande futuro, sempre con Inzaghi in piedi davanti alla sua panchina. E la sensazione che condividiamo in questo spazio prescinde dal lavoro di Inzaghi e dal contratto fra Inzaghi e il Milan. Presto detto: Ancelotti lo ha ripetuto spesso e lo sanno tutti, lui è e resta il condottiero del Real Madrid ma al Milan prima o poi ci vuole tornare. Senza farne mai mistero. Proprio come ha fatto, e bene, Roberto Mancini dall'altra parte. L'estero è bello e prestigioso, ma il cuore è il cuore.

In Croazia, per il secondo anno consecutivo, l'Haiduk è terzo e non riesce a fare il salto di qualità rispetto a Dinamo Zagabria e Rijeka. Anche per questo, la dirigenza del prestigioso club dalmata ha contattato Rino Gattuso. Il guerriero rossonero ha declinato, ma anche questa volontà dell'Hajduk di arrivare a lui dimostra quanto sia viva l'impressione lasciata nel mondo del calcio dall'esperienza del campione calabrese a Creta. Le squadre con orgoglio, le squadre che voglio rimontare, chiamano Gattuso.

La rete ha bisogno di carne da tritare, il web ha bisogno di gomma da masticare. Non importa quello che dici, ma il modo in cui viene cotto e mangiato. Non contano le tue virgolette, ma come le manipola il primo che capita. Tu parli in buona fede, dici tutt'altro, ma se diventa virale la prima interpretazione cattiva di quello che hai detto sei fritto. Arrigo Sacchi può essere stato autarchico e un po' vintage nella sua dichiarazione di Montecatini, ma mai razzista. L'amico di Francisco Maturana non è razzista, il Ct azzurro del Foxboro Stadium che stringe le mani agli atleti della Nigeria dopo il drammatico Ottavo di finale di Usa '94 non è razzista, come non lo è l'allenatore del Parma che nel Gennaio 2001 imposta la sua nuova squadra in campo contro l'Inter a San Siro a partire da Lilian Thuram, icona dei valori anti-razzismo. E passi per il presidente Blatter che da numero uno Fifa era nel dovere di intervenire per condannare non tanto le parole di Arrigo ma il modo in cui anche a lui erano state vendute, ma il buon Raiola no. Non passa. Ce l'hai con Arrigo per i suoi litigi con Ibra? Volevi la resa di conti? Passi, ma non a questo giro. Chapeau, invece, a Fabio Capello, gran signore nei confronti di Sacchi nonostante la loro legittima e nota rivalità sportiva. Chiusura su Carlo Ancelotti: abbiamo un ricordo bello e commosso di Giuseppe Ancelotti, il suo papà. Uomo di campagna e di lavoro, di sorrisi dolci, di rossori in volto. Giuseppe ha educato Carlo a sua immagine e somiglianza. Gente vera, gente bella. Carlo voleva solo consolare Arrigo con tenerezza e con un modo di dire. Chi, fra quelli che stanno coperti nel mucchio e rannicchiati nella marmellata dei social, accusa Ancelotti di apologia è un "non". Uno che non sa, che non capisce, che non merita.

Non abbiamo mai pensato che la dignità avesse il suo fondamento nel risultato di una partita di calcio. Ma sul tema, Roberto Donadoni ha dato a Cassano, sia in coppa Italia contro la Juventus che in Campionato contro la Roma, le migliori risposte del mondo. E il risultato di oggi è che l'allenatore del #Parmafinoallafine è lì, con competenza e discrezione, al suo posto. Cassano no, Cassano è per i fatti suoi. A proposito, proprio qui la scorsa estate avevamo creduto al calore e alla veemenza della conferenza stampa del presidente Ghirardi dopo l'esclusione dall'Europa League del suo Parma. Ci sentiamo beffati e traditi. Parma è una piazza splendida, piena di rispetto e di storia. E non meritava tutto questo.

Ebbene sì. Ha pareggiato il Cesena. Non era in palio lo Scudetto sulla palla di Brienza di domenica scorsa, ma a giudicare dalla reazione di Allegri a quel pareggio non si è trattato di un gol poi così ininfluente. Spiace solo che ogni volta che non pareggia o che pareggia il Cesena, il buon Max sia sempre dalla parte soccombente. Nel 2012 sulla panchina del Milan, quando chi scrive si era fidato dell'esultanza collettiva di vari settori di San Siro sul fantomatico pareggio romagnolo in Cesena-Juventus e nel 2015 sul tiro mancino di Brienza. Poco male, la sua Juventus vincerà ugualmente il titolo. Quello che cambia è il coretto: din don, intervengo da Cesena e qualcuno ha fatto gol…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.