VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Milan respira, Inter in apnea. Ecco le correzioni delle big. E una storia di mercato da guiness dei primati

28.12.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 16146 volte
© foto di Federico De Luca

Una partita può decidere il futuro di una squadra? Sì, ma non così presto. Di sicuro può aiutare il Milan a rialzare la testa, ad avere più fiducia nei propri mezzi. A non essere costretta a buttare via tutto. Perché qualcosa di buono comunque sarà stato fatto. Si ferma ancora un volta invece l’Inter. Le partite comsecutive senza segnare rappresentano un bel campanello d’allarme per Spalletti. Nulla di drammatico ma segnali e numeri sui quali lavorare certamente sì. Un gol nelle ultime 5 partite, due delle quali da 120 minuti. Se non segna Icardi le difficoltà di essere pericolosi si fanno notare, visto che poi arrivano anche errori grossolani...
Ma l’Inter quest’anno le idee chiare le ha sempre avute. Come le strategie sul mercato. Un conto sono i nomi, un conto i numeri. Come vi diciamo da tempo le necessità ell’Inter (tecniche) si scontrano con quelle determinate dal FFP e dalle regolamentazioni cinesi che impediscono iniezioni di capitali all’estero senza consenso. Ma quello che pesa di più è naturalmente la necessità di rimanere dentro i paletti dell’Uefa. Prendere un difensore centrale per non rimanere corti in difesa (nonostante la disponibilità di D’Ambrosio di giocare come centrale) e magari, se il mercato lo permette, trovare centrocampisti più adatti al gioco di Spalletti. Ma qui bisogna però capire anche le esigenze. Quelli che ci sono non sono “bidoni” e l’Inter se dovessero arrivare offerte le valuterebbe, ma senza metterli sul mercato perché non più al centro del progetto. Ecco qual è la difficoltà. Ecco perché sarà difficile che i nerazzurri ribaltino l’organico. Senza cessioni possibili solo prestito, senza obblighi di riscatto. E sebbene Mkhitaryan è sicuramente un giocatore intressante, le modalità di trasferimento non favoriscono il club milanese, quelle economiche (lo stipendio del ragazzo) non favoriscono nessuno.
Capitolo Milan: sul mercato non si farà nulla, e non per la vittoria nel derby. La convinzione in casa rossonera è che il mercato estivo ancora non abbia fatto vedere le sue qualità. Insomma, di certo a Milanello non sono d’accordo con Capello. D’altronde la scorsa settimana, grazie a playratings, avevamo scoperto che questo avvio disastroso di stagione non aveva fatto svalutare (almeno non ancora) la rosa a disposizione di Gattuso. La differenza fra il prezzo pagato in estate e il valore adesso differisce in assoluto di poco più di 3 milioni, circa l’1,36%. Certo, dovesse continuare così i numeri cambierebbero, ma quello a cui bisogna guardare se non arrivassero i risultati è il valore prodotto dall’investimento. Se il Milan non dovesse centrare la Champions il problema sostanzialmente non sarebbero (solo) i 30 milioni di incassi che non ci sono, ma un investimento sui cartellini che porterebbe una perdita (naturalmente) nel lungo periodo. Ecco perché conviene rimanere vivi in coppa e vincere qualcosa...
Nel frattempo il Siviglia ha scelto Montella, con Maresca come secondo. Una bella opportunità per dimostrare subito che nel Milan non era scattata la scintilla giusta e che non dipendeva dalle sue qualità
Pure la Roma non farà un mercato di gennaio così invasivo. Una necessità potrebbe essere quella di prendere un terzino destro (Vrsaljko?) per poter “liberare” Florenzi a centrocampo, in maniera da dare a Di Francesco una scelta in più in mezzo. Poi si valuterà naturalmente per le uscite di Bruno Peres (timido interessamento del Benfica) e di Emerson, per il quale non ci sono state offerte da parte di nessuno.
Il Napoli, oltre ad essere interessato anche lui a Vrsaljko (e Darmian) per andare a rinforzare il pacchetto arretrato si è prodigata in questi giorni per l’attaccante esterno: Younes dell’Ajax ma soprattutto Ciciretti (ma la trattativa con il Benevento è da impostare, per capire se c’è lo spazio di anticiparlo ad ora) sono i due candidati per poter sostituire Giaccherini, che se può va via...
La Juve giura di non dover cambiare nulla a gennaio. E forse è anche vero. Ma i movimenti a lungo raggio possono iniziare già da ora. Intanto per Emre Can, mai mollato dai bianconeri, con il quale di fatto, fra pochi giorni si può trattare liberamente. Un altro potrebbe essr Goretzka (in scadenza con lo Schalke04) ma ormai sia affare sempre tedesco: il Bayern è in netto vantaggio rispetto a tutti gli altri.
Ci sta provando il Benevento a rinforzarsi per inseguire una salvezza che avrebbe del miracoloso. Dopo Guilherme e Billong, ecco Sandro, ex Tottenham che ha fatto un supplemento di visite a Villa Stuart. Può essere lui il colpo che rida entuasiasmo a una piazza ormai rassegnata?
Per chiudere vi raccontiamo la storia di Sebastian Abreu, 41 anni che in queste ore ha cambiato la sua 26esima squadra. Avete letto bene. 26esima nella sua carriera. Si è appena accasato in Cile all’Audax Italiano e ha battuto il recordo di Lutz Pfannenstiel che aveva giocato per 25 squadra ma in tutte e sei le confederazioni Fifa. Abeu si è “accontentato” di Europa, Sud America e Centro America. Oltre che in Uruguay ha giocato in Argentina, Spagna, Brasile, Messico, Israele, Ecuador, Paraguay, El Salvador e quindi Cile. Senza dimenticare la sua 27esima squadra, la Nazionale, con la quale ha conquistato una copa America e ha giocato anche il mondiale del 2010 (segnando un rigore con il cucchiaio nei quarti di finale). Fossero tutti come lui il nostro lavoro sarebbe una pacchia!!!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: il patrimonio del Milan. Siviglia-Innaurato: e Marra? Pellò e Corsaro: juventini, che succede? Roma, Ninja paga per tutti 06.01 - Non c'è nessun bisogno disperato di soldi nel Milan. E non ci sono nemmeno limiti e restrizioni. Questi sono solo luoghi comuni autoreferenziali fra loro: triti, ritriti, ruminati, stressati. Considerando una parte e non il tutto. A inizio 2018, vale la pena tirare le file di tutte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.