HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Milan respira, Inter in apnea. Ecco le correzioni delle big. E una storia di mercato da guiness dei primati

28.12.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 16777 volte
© foto di Federico De Luca

Una partita può decidere il futuro di una squadra? Sì, ma non così presto. Di sicuro può aiutare il Milan a rialzare la testa, ad avere più fiducia nei propri mezzi. A non essere costretta a buttare via tutto. Perché qualcosa di buono comunque sarà stato fatto. Si ferma ancora un volta invece l’Inter. Le partite comsecutive senza segnare rappresentano un bel campanello d’allarme per Spalletti. Nulla di drammatico ma segnali e numeri sui quali lavorare certamente sì. Un gol nelle ultime 5 partite, due delle quali da 120 minuti. Se non segna Icardi le difficoltà di essere pericolosi si fanno notare, visto che poi arrivano anche errori grossolani...
Ma l’Inter quest’anno le idee chiare le ha sempre avute. Come le strategie sul mercato. Un conto sono i nomi, un conto i numeri. Come vi diciamo da tempo le necessità ell’Inter (tecniche) si scontrano con quelle determinate dal FFP e dalle regolamentazioni cinesi che impediscono iniezioni di capitali all’estero senza consenso. Ma quello che pesa di più è naturalmente la necessità di rimanere dentro i paletti dell’Uefa. Prendere un difensore centrale per non rimanere corti in difesa (nonostante la disponibilità di D’Ambrosio di giocare come centrale) e magari, se il mercato lo permette, trovare centrocampisti più adatti al gioco di Spalletti. Ma qui bisogna però capire anche le esigenze. Quelli che ci sono non sono “bidoni” e l’Inter se dovessero arrivare offerte le valuterebbe, ma senza metterli sul mercato perché non più al centro del progetto. Ecco qual è la difficoltà. Ecco perché sarà difficile che i nerazzurri ribaltino l’organico. Senza cessioni possibili solo prestito, senza obblighi di riscatto. E sebbene Mkhitaryan è sicuramente un giocatore intressante, le modalità di trasferimento non favoriscono il club milanese, quelle economiche (lo stipendio del ragazzo) non favoriscono nessuno.
Capitolo Milan: sul mercato non si farà nulla, e non per la vittoria nel derby. La convinzione in casa rossonera è che il mercato estivo ancora non abbia fatto vedere le sue qualità. Insomma, di certo a Milanello non sono d’accordo con Capello. D’altronde la scorsa settimana, grazie a playratings, avevamo scoperto che questo avvio disastroso di stagione non aveva fatto svalutare (almeno non ancora) la rosa a disposizione di Gattuso. La differenza fra il prezzo pagato in estate e il valore adesso differisce in assoluto di poco più di 3 milioni, circa l’1,36%. Certo, dovesse continuare così i numeri cambierebbero, ma quello a cui bisogna guardare se non arrivassero i risultati è il valore prodotto dall’investimento. Se il Milan non dovesse centrare la Champions il problema sostanzialmente non sarebbero (solo) i 30 milioni di incassi che non ci sono, ma un investimento sui cartellini che porterebbe una perdita (naturalmente) nel lungo periodo. Ecco perché conviene rimanere vivi in coppa e vincere qualcosa...
Nel frattempo il Siviglia ha scelto Montella, con Maresca come secondo. Una bella opportunità per dimostrare subito che nel Milan non era scattata la scintilla giusta e che non dipendeva dalle sue qualità
Pure la Roma non farà un mercato di gennaio così invasivo. Una necessità potrebbe essere quella di prendere un terzino destro (Vrsaljko?) per poter “liberare” Florenzi a centrocampo, in maniera da dare a Di Francesco una scelta in più in mezzo. Poi si valuterà naturalmente per le uscite di Bruno Peres (timido interessamento del Benfica) e di Emerson, per il quale non ci sono state offerte da parte di nessuno.
Il Napoli, oltre ad essere interessato anche lui a Vrsaljko (e Darmian) per andare a rinforzare il pacchetto arretrato si è prodigata in questi giorni per l’attaccante esterno: Younes dell’Ajax ma soprattutto Ciciretti (ma la trattativa con il Benevento è da impostare, per capire se c’è lo spazio di anticiparlo ad ora) sono i due candidati per poter sostituire Giaccherini, che se può va via...
La Juve giura di non dover cambiare nulla a gennaio. E forse è anche vero. Ma i movimenti a lungo raggio possono iniziare già da ora. Intanto per Emre Can, mai mollato dai bianconeri, con il quale di fatto, fra pochi giorni si può trattare liberamente. Un altro potrebbe essr Goretzka (in scadenza con lo Schalke04) ma ormai sia affare sempre tedesco: il Bayern è in netto vantaggio rispetto a tutti gli altri.
Ci sta provando il Benevento a rinforzarsi per inseguire una salvezza che avrebbe del miracoloso. Dopo Guilherme e Billong, ecco Sandro, ex Tottenham che ha fatto un supplemento di visite a Villa Stuart. Può essere lui il colpo che rida entuasiasmo a una piazza ormai rassegnata?
Per chiudere vi raccontiamo la storia di Sebastian Abreu, 41 anni che in queste ore ha cambiato la sua 26esima squadra. Avete letto bene. 26esima nella sua carriera. Si è appena accasato in Cile all’Audax Italiano e ha battuto il recordo di Lutz Pfannenstiel che aveva giocato per 25 squadra ma in tutte e sei le confederazioni Fifa. Abeu si è “accontentato” di Europa, Sud America e Centro America. Oltre che in Uruguay ha giocato in Argentina, Spagna, Brasile, Messico, Israele, Ecuador, Paraguay, El Salvador e quindi Cile. Senza dimenticare la sua 27esima squadra, la Nazionale, con la quale ha conquistato una copa America e ha giocato anche il mondiale del 2010 (segnando un rigore con il cucchiaio nei quarti di finale). Fossero tutti come lui il nostro lavoro sarebbe una pacchia!!!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->