VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Milan, Roma e Napoli cambiano gli allenatori. Spalletti, Montella, Conte e Mazzarri già contattati. Di Francesco l'alternativa. Klopp la sorpresa. Miha nervoso. Parma, campionato falsato

Enzo Bucchioni, giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
06.02.2015 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 54501 volte
© foto di Federico De Luca

Appena chiuso un mercato senza grandi emozioni (Cuadrado il colpo vero, ma in uscita) sta per cominciare un grande giro di allenatori che cambierà le panchine di mezza serie A. Sicuri di rimanere al loro posto al momento sono soltanto tre, almeno nelle squadre che ruotano attorno agli obiettivi che contano, dallo scudetto all'Europa League e parliamo di Allegri alla Juve, Pioli alla Lazio e Mancini all'Inter anche se quest'ultimo è uomo capace di tutto se a giugno non nascerà una squadra con la quale poter tornare a vincere. Per ora, comunque, risultati non brillanti a parte, segnali in questo senso non ce ne sono.

La panchina più volte messa in discussione, cambiata e ricambiata negli ultimi due anni è quella del Milan ed è logico che le attenzioni si concentrino sul futuro di Inzaghi. Berlusconi e Galliani stanno giustamente incoraggiando Superpippo, difendere le scelte è il minimo che deve fare una grande società.

E' innegabile, però, che il Milan stia soltanto aspettando la fine della stagione per fare l'ennesimo cambio. Se Inzaghi non arriverà in Europa League la sostituzione sarà inevitabile, perfino logica. Ma Berlusconi e Galliani hanno capito che il Milan non può più permettersi degli esperimenti e allenatori inesperti. E qui torniamo alla primavera dell'anno scorso.

Ieri Mino Raiola che ufficializzato la notizia che noi avevamo anticipato poco meno di un anno fa e che non aveva mai trovato ammissioni ufficiali, ma solo imbarazzati silenzi. Con Seedorf in crisi e già bocciato, Berlusconi e Galliani avevano deciso di puntare su un vincente e Conte era stato il prescelto. Dopo un'offerta-monstre (cinque milioni per cinque anni) e una lunga trattativa, Conte non se l'è sentita di tradire la Juventus.

Oggi, un anno dopo, è tutto diverso. Conte la Juve l'ha lasciata e in Nazionale stanno succedendo troppe cose che non lo fanno stare tranquillo. E non sono solo gli stage.

Conte ha come la sensazione di non poter lavorare come vorrebbe, non si sente appagato da questa strana esperienza per uno come lui abituato a entrare nella testa dei giocatori tutti i giorni per farli rendere al meglio. Ha già deciso di andar via dopo gli Europei dell'anno prossimo, ma potrebbe anche pensare di mollare tutto dopo la partita di qualificazione del prossimo giugno. Tra l'altro, come vi abbiamo già detto, anche Tavecchio è in difficoltà nel gestire Conte che è un perfezionista, un pignolo, uno molto esigente che inevitabilmente si scontra con un ambiente come quello della Federcalcio dove il compromesso è al potere. Se Conte dovesse paventare le dimissioni (e ci pensa), in Figc non alzerebbero troppi muri difensivi. Le alternative non mancano, a cominciare da Zaccheroni che era già nella lista dell'anno scorso.

Tornando a Conte, le offerte gli arrivano dal Psg (con grande insistenza), ma anche il Barcellona ha fatto dei sondaggi. In questa ottica il Milan si è rimesso in corsa e in attesa, anche se il profilo che sta emergendo più di tutti è oggi quello di Vincenzo Montella che già due anni fa Berlusconi avrebbe voluto soffiare alla Fiorentina. Montella ha il look giusto e ama pure il calcio d'attacco, una caratteristica della casa rossonera.

Ricordiamo che l'allenatore napoletano ha un contratto di altri due anni con la Fiorentina, ma è anche vero che per gli allenatori conta più la volontà della carta scritta. Oggi come oggi non ci sono segnali forti di un possibile divorzio tra Montella e i viola, ma come sempre succede nel calcio, molto dipenderà dai risultati e dal gioco della Fiorentina che continua ad alternare momenti da grande squadra ad altri meno intensi.

E' chiaro che se Montella chiedesse di andar via, Andrea Della Valle lo accontenterebbe, se un tecnico non ha le motivazioni giuste meglio il divorzio. Neppure Montella per ora ha dato segnali, al di là delle solite frecciatine alla società, quindi il Milan non dovrebbe trovare un'autostrada aperta e l'allenatore viola potrebbe rimanere un sogno. A Berlusconi piace molto anche Jurgen Klopp del Borussia, un allenatore che ha fatto grandi cose, ma ora è al capolinea di un progetto in esaurimento.

Il nuovo allenatore del Milan dovrebbe uscire da uno di questi, qualcuno ha suggerito anche Donadoni, ma la scarsa comunicativa sembra un ostacolo per l'ambiente Milan.

Anche il Napoli si sta guardando attorno da tempo. Rafa Benitez non ha ancora rinnovato e difficilmente lo farà. Lui rimanda la decisione tra un paio di mesi, anche tre, ma nel calcio i programmi si fanno ora e Benitez lo sa benissimo. Questo fa pensare che abbia già deciso di tornare in Inghilterra sia per motivi professionali, ma anche personali. A nulla (per ora) sono serviti i tentativi per convincerlo, lui vorrebbe lasciare il Napoli in ascesa, magari in Champions: andar via tra gli applausi è il suo desiderio.

Per il sostituto pure il Napoli sta pensando a Montella, uno di casa. Anche se le sue azioni sono in ribasso, il profilo è giusto, qualche perplessità c'è proprio per la napoletanità. Ricordate il profeta in patria? Non è una banalità, con un napoletano l'ambiente potrebbe reagire in modo tale da creare difficoltà e anche se Montella è una persona schiva, i rischi restano. De Laurentiis preferisce Spalletti che a giugno si libera dallo Zenit. Ha esperienza internazionale e un nome anche all'estero, cosa che piace molto al presidente cinematografaro. I contatti sono già stati avviati.

La crisi della Roma ha aperto anche il capitolo Garcia. L'ambiente era diventato più freddo nei suoi confronti anche prima di questo periodo negativo, il feeling si è interrotto per molte questioni non solo calcistiche e anche dalle radio romane (molto influenti) gli attacchi sono arrivati a ripetizione. Lui, tra l'altro, non ha mai nascosto di essere stato contattato dall'estero (di sicuro il Psg) e le difficoltà incontrate a Roma lo avrebbero indotto a pensare di mollare a fine stagione.

Sabatini da grande intenditore di calcio e di uomini, aveva già da tempo "annusato" questa situazione e nell'eventualità di divorzio vero e non mediatico, si è già mosso. Il nome di Mazzarri lo stuzzica, lo aveva già contattato due anni fa, ma l'allenatore toscano era già in parola con Moratti. Di Francesco è un altro allenatore che piace molto, è un ex giallorosso, ma forse una piazza così difficile per lui è ancora prematura. Di sicuro Sabatini sta valutando anche alcuni allenatori che all'estero stanno facendo bene per vedere di ripetere il colpo Garcia, ma non è facile.

A proposito di Di Francesco, su questo giovane in carriera è da tempo anche la Fiorentina. La società viola, come è giusto, si guarda attorno nell'eventualità che Montella chiedesse di andar via e Di Francesco ha tutte le caratteristiche giuste, dal carattere all'idea di calcio offensivo. Non torna, invece, l'identikit che porta a Mazzarri in viola e non per il valore indiscusso dell'allenatore, ma per il suo ingaggio alto e il suo calcio molto diverso da quello che la Fiorentina ha praticato negli ultimi tre anni.

Ma il mercato allenatori non finisce qui, c'è molto fermento anche a Genova in un piazza dove fino a un mese fa regnava l'ottimismo. I nuovi progetti di Ferrero (molto cinema calcistico…) non convincono un uomo tutto d'un pezzo come Miha. Lui ha molto mercato (pure il Napoli lo tiene d'occhio) anche all'estero. Nel caso, Ferrero ha un sogno: portare in panchina Vialli. Vedremo.

Vediamo anche uno scandalo che sta toccando Parma e tutto il calcio. Il campionato è palesemente falsato. Da messi vanno in campo giocatori demotivati, non pagati e pronti a scappare. L'allarme era già arrivato quando Ghirardi non ha pagato in tempo i 300mila euro per l'Europa League, la situazione è nota dall'estate scorsa e tutti, dalla Federcalcio alla Lega, sono stati a guardare. Cosa raccontiamo alle altre diciannove squadre di questo Parma inaffidabile? Come avete notato tutti stanno zitti (Tommasi a parte) sperando che la situazione si risolva da sola. Sara' dura. E' un classico di questo nostro calcio perduto.

TWITTER @EnzoBucchioni


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.