VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Milan, Seedorf ha già perso. Napoli, De Laurentiis non merita insulti. Bravo Conte, striglia la Juve. Totò il grande non lascerà

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive e lavora a Milano dal 2005. Ha diretto la Redazione di Sportitalia fino allo scorso novembre. Ha curato e condotto i Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Mail: mcriscitiello@micri.it Twitter: MCriscitiell
10.02.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 45926 volte
Milan, Seedorf ha già perso. Napoli, De Laurentiis non merita insulti. Bravo Conte, striglia la Juve. Totò il grande non lascerà

Non abbiamo mai avuto grande stima di Massimiliano Allegri, quale allenatore del Milan. Al primo anno ha vinto perché aveva i campioni e con umiltà si affidò a loro. Al secondo anno ebbe la presunzione di credere che fosse più fenomeno lui di Ibrahimovic, salvo poi beccarsi una legnata sui denti da Conte, ma almeno portò a casa la qualificazione alla Champions League. La scorsa stagione, con una squadra che avrebbe fatto solo le partitelle del giovedì con il Milan di Sacchi e Capello, conquistò il terzo posto. Quest'anno, ad inizio anno, a Milanello si parlava di scudetto. Non i giornalisti ma i capi. Da Berlusconi fino ai calciatori più rappresentativi dello spogliatoio. Bene, Allegri non era un fenomeno ma con una squadra da zona rossa almeno avrebbe potuto fare il suo lavoro. Hanno cambiato per prendere un allenatore senza patentino, chiamato di corsa dall'altra parte del mondo e invitato a salvare l'amata Patria. Seedorf, però, ha avuto un solo merito che lo ha portato ad essere su quella panchina: aver riportato ad Arcore, per anni, tutti i fatti dello spogliatoio rossonero. Se Gattuso litigava con Ibra (mai successo), Berlusconi lo sapeva 5 minuti dopo il litigio. Se Allegri mandava Pato a fare tre giri di Milanello, il Cavaliere riceveva il report sul suo cellulare come una redazione riceve l'Ansa. Bene, oggi cosa riporta l'olandese ad Arcore? Spiega a Berlusconi che non sa cosa fare di una squadra allestita male e gestita peggio? Galliani è andato fino in Brasile pur di convincere Clarence ad accettare l'incarico. Ci verrebbe da dire: beato Pippo che ti hanno "fregato" la panchina del Milan e ti hanno lasciato quella della Primavera. Seedorf è il nuovo Stramaccioni. Chi non merita il posto che occupa presto tornerà nell'anonimato della propria mediocrità. Il problema è un altro: il Milan, fin quando ci sono stati i soldi del Cavaliere, ha comandato in Italia, in Europa e nel mondo. Appena finita la materia prima, i responsabili del mercato rossonero non sono stati in grado di acquistare calciatori giovani ma di valore col risultato di avere una squadra inadeguata. Braida ha pagato con il posto di lavoro, Galliani è allo scontro con Barbara e non si sa come andrà a finire.
A Napoli, invece, c'è qualcosa che non ci torna. La squadra ha bruciato le tappe dal fallimento alla Champions League. Lo scorso anno ha lottato per lo scudetto, ha capovolto le gerarchie del calcio e ha mostrato una mentalità internazionale. Eppure al San Paolo contestano Aurelio De Laurentiis. Quando ho visto uno striscione contro Aurelio, prima della gara con il Milan, credevo avesse bevuto prima della diretta il regista di Sky. Invece era stato fin troppo bravo a pescare quelle due righe contro De Laurentiis. I punti sono due: più fai del bene e più ricevi del male e il secondo punto è l'incompetenza dei tifosi. Come già scritto più volte, non crediamo che Benitez possa essere l'uomo giusto per la consacrazione definitiva per il Napoli; ma, da qui a contestare De Laurentiis, ce ne passa. Ci chiediamo se sotto c'è dell'altro. Chiariamo un altro punto: neanche De Laurentiis c'è molto simpatico ma l'obiettività deve essere la base per un giudizio limpido e sereno. Il Napoli sta facendo i miracoli, certo potrebbe fare di più, ma avrebbe potuto anche fare molto di meno. Chi contesta De Laurentiis per le cessioni di Lavezzi e Cavani sbaglia. Quando un calciatore decide di voler andare via deve essere accontentato, altrimenti perdi due volte: sul valore economico e quello tecnico. Sarebbe stato da criticare se avesse sostituito Cavani con Bianchi ma - siccome è arrivato Higuain - non si può imputare nulla al Presidente.
Ho seguito, con attenzione, sia Verona-Juventus che le dichiarazioni di Antonio Conte a fine partita. Fumava di rabbia. Se avesse potuto si sarebbe mangiato la D'Amico e Varriale. Rispondeva ai colleghi per educazione ma, nella sua testa, aspettava solo di rivedere la squadra a Vinovo alla ripresa degli allenamenti. Immaginiamo un Conte pronto a spaccare la cartellina e la lavagnetta. Queste rimonte, una squadra leader in Italia, non le può subire né a Firenze né a Verona. Se pareggi o perdi per errori tecnici o tattici si farebbero altre valutazioni ma se perdi punti perché credi già di aver vinto, allora, siamo tutti con Conte. Se li deve mangiare, con le parole e a morsi. Non è un problema di vittoria dello scudetto (quello è già vinto da mesi per manifesta inferiorità delle altre) ma di una crescita mentale di un gruppo forte ma a volte ingenuo. Se non vuoi ripetere i pomeriggi di Istanbul devi svegliarti anche nella casa di Giulietta e Romeo o nella patria di Dante. Conte è il vero, unico, top player della Juventus. Gli altri sono bravi attori che senza un regista così farebbero poco in qualsiasi teatro.
In chiusura un plauso all'amico Totò (Di Natale n.d.r.). Lo davano per bollito, lui poi - da buon uomo del Sud - se l'è presa e ha detto che a fine anno avrebbe salutato tutto e tutti. Ma falla finita, Totò. Segna, si esalta e si diverte. In 7 giorni ha riportato l'Udinese in zone più tranquille e a giocarsi a testa alta la semifinale di ritorno con la Fiorentina. Di Natale a casa ha una scheda con tutte le partite dell'Udinese e mette i pallini dove la squadra può fare 1 o 3 punti. Vive per la sua carriera e la sua famiglia. Quando esce dal campo sostiene i compagni dalla panchina e, alla sua ombra, ha fatto crescere gente come Sanchez, Isla e Asamoah. Oggi ci riprova con Muriel e Scuffet. Vive per il calcio, non ci tradirà. Dopo aver segnato su rigore contro la Lazio, la moglie Ilenia pianse in tribuna. Avrà sopportato a casa quel "pazzo" che senza gol diventava pesante nella quotidianità. La serie A ha bisogno di Di Natale, Guidolin e l'Udinese anche. Ha un contratto bello lungo e fin quando si divertirà lui, ci divertiremo anche noi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il Milan e il colpo a sorpresa, la Juve punta su Matuidi (e Keita), l'Inter avanza piano. E l'estero si prepara a un estate bollente... 27.07 - Mancano solo 24 ore poi sarà esordio per il nuovo Milan. Non sarà tutto il nuovo Milan, ovvio. Ma l'entusiasmo è tangibile. Mancheranno gli ultimi due acquisti perché sono da perfezionare tecnicamente dei passaggi finanziari in Lega, ma soprattutto manca ancora il grande colpo in...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Cassano, amabili resti! Milan, ma Diego Costa? Neymar, ora si sta esagerando! Juve, la 10 non è uno scherzo… 26.07 - Tempo fa mi sono imbattuto nel film Amabili resti… Racconta la storia di Susie, una ragazzina che, dopo essere morta in circostanze tragiche, si ritrova sospesa in un limbo, esattamente a metà tra vita terrena e paradiso… Oltre alle copiose lacrime versate, ricordo la preoccupazione,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Bernardeschi c’è, ma il colpo da urlo deve ancora arrivare. Inter: la verità dietro al “no” per Vidal, il piano-Perisic e la volontà cinese sui “botti”. Milan: l’ultima tempesta e il fatto. Napoli: l'idea di Sarri 25.07 - Buon fine luglio a voi tutti. Prima le cose importanti. La prima: tale Alberto Carlon mi scrive su Twitter. “Ti posso chiedere di salutare Roberto Marketing e dirgli che mi manca molto Mattia?”. Chi sono io per non eseguire? Nessuno. La seconda: Cassano ha lasciato il calcio,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, se ci sei, batti un colpo! Verratti con Raiola umilia Di Campli. Mirabelli e il rimpianto nerazzurro. Suning, ora i fatti... 24.07 - I voti al mercato sono una cosa, il campo un'altra. Il Milan ad oggi merita 8,5 per come ha lavorato e per i suoi acquisti. Certamente senza soldi si poteva fare ben poco ma la società ha dimostrato di avere le idee chiare e massima concretezza. I tifosi apprezzano e sanno che, in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.