VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Milan, Seedorf ha già perso. Napoli, De Laurentiis non merita insulti. Bravo Conte, striglia la Juve. Totò il grande non lascerà

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive e lavora a Milano dal 2005. Ha diretto la Redazione di Sportitalia fino allo scorso novembre. Ha curato e condotto i Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Mail: mcriscitiello@micri.it Twitter: MCriscitiell
10.02.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 45920 volte
Milan, Seedorf ha già perso. Napoli, De Laurentiis non merita insulti. Bravo Conte, striglia la Juve. Totò il grande non lascerà

Non abbiamo mai avuto grande stima di Massimiliano Allegri, quale allenatore del Milan. Al primo anno ha vinto perché aveva i campioni e con umiltà si affidò a loro. Al secondo anno ebbe la presunzione di credere che fosse più fenomeno lui di Ibrahimovic, salvo poi beccarsi una legnata sui denti da Conte, ma almeno portò a casa la qualificazione alla Champions League. La scorsa stagione, con una squadra che avrebbe fatto solo le partitelle del giovedì con il Milan di Sacchi e Capello, conquistò il terzo posto. Quest'anno, ad inizio anno, a Milanello si parlava di scudetto. Non i giornalisti ma i capi. Da Berlusconi fino ai calciatori più rappresentativi dello spogliatoio. Bene, Allegri non era un fenomeno ma con una squadra da zona rossa almeno avrebbe potuto fare il suo lavoro. Hanno cambiato per prendere un allenatore senza patentino, chiamato di corsa dall'altra parte del mondo e invitato a salvare l'amata Patria. Seedorf, però, ha avuto un solo merito che lo ha portato ad essere su quella panchina: aver riportato ad Arcore, per anni, tutti i fatti dello spogliatoio rossonero. Se Gattuso litigava con Ibra (mai successo), Berlusconi lo sapeva 5 minuti dopo il litigio. Se Allegri mandava Pato a fare tre giri di Milanello, il Cavaliere riceveva il report sul suo cellulare come una redazione riceve l'Ansa. Bene, oggi cosa riporta l'olandese ad Arcore? Spiega a Berlusconi che non sa cosa fare di una squadra allestita male e gestita peggio? Galliani è andato fino in Brasile pur di convincere Clarence ad accettare l'incarico. Ci verrebbe da dire: beato Pippo che ti hanno "fregato" la panchina del Milan e ti hanno lasciato quella della Primavera. Seedorf è il nuovo Stramaccioni. Chi non merita il posto che occupa presto tornerà nell'anonimato della propria mediocrità. Il problema è un altro: il Milan, fin quando ci sono stati i soldi del Cavaliere, ha comandato in Italia, in Europa e nel mondo. Appena finita la materia prima, i responsabili del mercato rossonero non sono stati in grado di acquistare calciatori giovani ma di valore col risultato di avere una squadra inadeguata. Braida ha pagato con il posto di lavoro, Galliani è allo scontro con Barbara e non si sa come andrà a finire.
A Napoli, invece, c'è qualcosa che non ci torna. La squadra ha bruciato le tappe dal fallimento alla Champions League. Lo scorso anno ha lottato per lo scudetto, ha capovolto le gerarchie del calcio e ha mostrato una mentalità internazionale. Eppure al San Paolo contestano Aurelio De Laurentiis. Quando ho visto uno striscione contro Aurelio, prima della gara con il Milan, credevo avesse bevuto prima della diretta il regista di Sky. Invece era stato fin troppo bravo a pescare quelle due righe contro De Laurentiis. I punti sono due: più fai del bene e più ricevi del male e il secondo punto è l'incompetenza dei tifosi. Come già scritto più volte, non crediamo che Benitez possa essere l'uomo giusto per la consacrazione definitiva per il Napoli; ma, da qui a contestare De Laurentiis, ce ne passa. Ci chiediamo se sotto c'è dell'altro. Chiariamo un altro punto: neanche De Laurentiis c'è molto simpatico ma l'obiettività deve essere la base per un giudizio limpido e sereno. Il Napoli sta facendo i miracoli, certo potrebbe fare di più, ma avrebbe potuto anche fare molto di meno. Chi contesta De Laurentiis per le cessioni di Lavezzi e Cavani sbaglia. Quando un calciatore decide di voler andare via deve essere accontentato, altrimenti perdi due volte: sul valore economico e quello tecnico. Sarebbe stato da criticare se avesse sostituito Cavani con Bianchi ma - siccome è arrivato Higuain - non si può imputare nulla al Presidente.
Ho seguito, con attenzione, sia Verona-Juventus che le dichiarazioni di Antonio Conte a fine partita. Fumava di rabbia. Se avesse potuto si sarebbe mangiato la D'Amico e Varriale. Rispondeva ai colleghi per educazione ma, nella sua testa, aspettava solo di rivedere la squadra a Vinovo alla ripresa degli allenamenti. Immaginiamo un Conte pronto a spaccare la cartellina e la lavagnetta. Queste rimonte, una squadra leader in Italia, non le può subire né a Firenze né a Verona. Se pareggi o perdi per errori tecnici o tattici si farebbero altre valutazioni ma se perdi punti perché credi già di aver vinto, allora, siamo tutti con Conte. Se li deve mangiare, con le parole e a morsi. Non è un problema di vittoria dello scudetto (quello è già vinto da mesi per manifesta inferiorità delle altre) ma di una crescita mentale di un gruppo forte ma a volte ingenuo. Se non vuoi ripetere i pomeriggi di Istanbul devi svegliarti anche nella casa di Giulietta e Romeo o nella patria di Dante. Conte è il vero, unico, top player della Juventus. Gli altri sono bravi attori che senza un regista così farebbero poco in qualsiasi teatro.
In chiusura un plauso all'amico Totò (Di Natale n.d.r.). Lo davano per bollito, lui poi - da buon uomo del Sud - se l'è presa e ha detto che a fine anno avrebbe salutato tutto e tutti. Ma falla finita, Totò. Segna, si esalta e si diverte. In 7 giorni ha riportato l'Udinese in zone più tranquille e a giocarsi a testa alta la semifinale di ritorno con la Fiorentina. Di Natale a casa ha una scheda con tutte le partite dell'Udinese e mette i pallini dove la squadra può fare 1 o 3 punti. Vive per la sua carriera e la sua famiglia. Quando esce dal campo sostiene i compagni dalla panchina e, alla sua ombra, ha fatto crescere gente come Sanchez, Isla e Asamoah. Oggi ci riprova con Muriel e Scuffet. Vive per il calcio, non ci tradirà. Dopo aver segnato su rigore contro la Lazio, la moglie Ilenia pianse in tribuna. Avrà sopportato a casa quel "pazzo" che senza gol diventava pesante nella quotidianità. La serie A ha bisogno di Di Natale, Guidolin e l'Udinese anche. Ha un contratto bello lungo e fin quando si divertirà lui, ci divertiremo anche noi.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.