VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Caso Donnarumma: come finirà?
  Dirà addio al Milan per il Real Madrid
  Rinnoverà separandosi da Raiola
  Rinnoverà restando con Raiola
  Dirà addio al Milan per la Juventus
  Dirà addio al Milan con altra destinazione

TMW Mob
Editoriale

Milan, si vende davvero. Ieri sera una cena ad Arcore per il via libera ai cinesi. De Jong al Manchester, il PSG insiste per Pogba. Inter, via Icardi o Kovacic. Callejon all'Atletico

03.04.2015 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 28159 volte
© foto di Federico De Luca

Berlusconi sta vendendo il Milan e su questo, nonostante le smentite, ormai non ci sono più dubbi. Del resto la conferma indiretta è arrivata dallo stesso presidente che lunedi' scorso durante una cena riservata ha rivelato ai suoi ospiti di aver ceduto il 75 per cento del capitale del Milan. A chi ?

E' questo il grande interrogativo. Ad arricchire il panorama fatto di una ridda di nomi tra magnati cinesi e thailandesi, si è aggiunto ieri sera il giallo di un'altra cena ad Arcore alla quale ha partecipato l'uomo d'affari di Hong Kong Richard Lee, amico di Berlusconi, già visto in altre occasioni a San Siro durante le gare dei rossoneri.

Il perché di questa cena non è dato sapere.

Lee potrebbe aver consigliato il presidente sulle ultime offerte che gli sono arrivate, sui nomi degli acquirenti possibili, o invece, potrebbe far parte di una delle cordate di imprenditori cinesi che stanno per mettere le mani sul Milan.

Lo scenario dei compratori ora vede in pole position mister Zong, miliardario cinese, leader di molte industrie operanti in attività diverse. Sarebbe sua l'offerta più consistente, attorno al miliardo di euro, per l'acquisizione del 75 per cento del Milan. Dietro mister Zong ci sarebbe addirittura il governo cinese che vuole investire molto sul calcio in patria, ma anche sfruttando un marchio storico come il Milan per una grande operazione di marketing. L'obiettivo è provare a vincere il mondiale di calcio con la nazionale cinese nel giro di tre-quattro mondiali. I cinesi sono leader in tantissimi sport, lo vogliono diventare anche nel football. Per rimanere comunque un emblema del Milan, Berlusconi avrebbe chiesto per sé la carica di presidente onorario e per la figlia Barbara quella di amministratore delegato. E' su questo che si sta discutendo, chi acquista e investe così tanti soldi, vorrebbe mano libera sulla governance.

Nel frattempo non molla neppure il broker thailandese mister Bee che dopo aver fatto un'offerta con una impegnativa per acquistare il trenta per cento, sta ora cercando di mettere un gruppo di magnati in grado di rilevare l'intero pacchetto di maggioranza.

Tra Richard Lee, mister Bee e mister Zong, Berlusconi ha raggiunto il suo scopo di accendere una sorta di asta attorno alla sua società il che può portare soltanto ad un affare di maggiore consistenza economica.

Nonostante le smentite che devono esserci quando si tratta di operazioni di questa consistenza, la decisione di vendere è stata presa, si tratta di capire quale sarà la strada più consistente nell'interesse del Milan e di Berlusconi.

L'ex cavaliere potrebbe ancora tenersi tutto, non vendere, ma non essendo in grado di fare grandi investimenti, per una questione di cuore preferisce fare il grande passo piuttosto che dover gestire questo Milan minimo, che galleggia in campionato senza grandi emozioni ed è fuori dall'Europa. Meglio vendere a qualcuno in grado di far tornare protagonista questa società in Italia e nel mondo, un ragionamento simile a quello fatto due anni fa da Massimo Moratti per l'Inter.

Nel giro di qualche settimana, se non prima, dovrebbe arrivare la decisione ultima, quella di non ritorno. E comunque ci si aspetta qualche comunicazione ufficiale anche in tempi più stretti.

In questa incertezza, naturalmente, sono state bloccate tutte le operazioni in ponte già avviate da Galliani, e anche Inzaghi può stare tranquillo, resterà lui fino alla fine della stagione. E' completamente inutile a questo punto battere altre strade anche perché soltanto un miracolo potrebbe portare il Milan in Europa, davanti ci sono troppe squadre da recuperare e i posti sono solo sei.

Per il mercato futuro si procederà intanto al via libera di tutti i giocatori in scadenza. Il Milan paga troppi stipendi, alcuni molto alti, la prima operazione è quella di sfoltire. L'unico giocatore che i rossoneri avrebbero voluto tenere è De Jong che invece ha deciso di salutare e dopo aver detto no grazie alle proposte della Juve, raggiungerà a Manchester il suo vecchio maestro Van Gaal. Gli altri sette, compreso Pazzini, saranno lasciati liberi. E i prestiti, a cominciare da Destro, torneranno alla base: la Roma è stata già avvertita.

Se non dovesse arrivare denaro fresco dei compratori per il prossimo mercato (complicato) si procederà al piano messo a punto da Galliani con l'ingaggio di Sarri e un Milan di giovani italiani.

Se, invece, la trattativa per la vendita dovesse essere chiusa in tempo, potrebbe nascere una squadra diversa anche se i tempi sono stretti e chi investe un miliardo magari vuol riflettere prima di fare grandi investimenti anche sui giocatori. Vedremo.

Intanto nel mercato è il momento delle grandi riflessioni e dei bilanci. L'Inter deve decidere (e non l'ha ancora fatto) da quale cessione recuperare una trentina di milioni e più utili al piano di rafforzamento stilato da Mancini. Via Icardi o Kovacic? E' questo il grande dilemma, molto dipenderà alle offerte che arriveranno anche se Mancini in questo momento, nonostante le dichiarazioni ufficiali, terrebbe più volentieri Icardi.

Anche la Juve riflette dopo la bufera Marchisio. Se il centrocampista avesse avuto l'infortunio grave come si temeva dopo i primi report, sarebbe stato impossibile cedere Pogba. Per fortuna ha poco e nulla e allora l'operazione Pogba è sul tappeto. Del resto il Psg insiste, Verratti lo ha fatto capire nettamente, una grande squadra francese vuole far diventare un suo simbolo un grande giocatore giovane e nazionale come Pogba. I contatti vanno avanti sottotraccia con la regia di Raiola, tra scambi di giocatori (Cavani? Verratti? Lavezzi?) e contante si potrebbero toccare i cento milioni chiesti dalla Juve. Sarà il colpo dell'estate.

Il Napoli, nel frattempo, ha capito che Callejon se ne vuole andare. Questo è un altro segnale che anche lo spogliatoio sa che Benitez mollerà. Per l'attaccante spagnolo voluto da Rafa, ora c'è un'offerta dell'Atletico Madrid e il ragazzo ha detto ok. Nei giorni scorsi s'era sparsa la voce che avesse disdetto anche la casa in affitto, poi la notizia è stata smentita, ma qualcosa sta succedendo. In quel ruolo, comunque, il Napoli è coperto da Gabbiadini che sa fare l'esterno, la seconda punta e anche un bel po' di gol.

Twitter @EnzoBucchioni


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: la tensione si combatte a colpi di “francese”. Inter, 2 fuori e 2 dentro: le mosse nella settimana decisiva. Milan: un punto al caso-Donnarumma e la pesca in Germania. Fiorentina: ci sono cose da dire 27.06 - Ciao. Nelle ultime ore ho pensato molto all’hacker di Donnarumma: cosa farà nella vita? L’impiegato di banca? Il commesso al Calzedonia? L’hacker a tempo pieno? Cosa lo ha spinto ad hackerare il profilo Instagram di Donnarumma? Perché proprio quello di Donnarumma e non – chessò –...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Fassone in tre mesi ha fatto quello che il Milan doveva fare da 5 anni. La trappola per "Topo Gigio". Firenze, le "non colpe" del Corvo. Inter, count down partito per Walter (People from Ibiza) 26.06 - Sta arrivando una bufera dalla Procura Federale che i venti dell'Est a novembre, in confronto, sono cicloni provenienti dal Marocco. Adesso bisognerà capire se la Procura andrà avanti o, come spesso accade, deciderà di fermarsi per questioni politiche. Nel mirino degli uomini di Tavecchio...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alex Sandro vale 70 milioni, chissà quanto valeva Cafù. Troppi giovani non fanno vincere niente, così come spendere soldi. Donnarumma è solo un portiere, Spalletti un allenatore. De Laurentiis non può decidere per tutti 25.06 - Il candidato svolga, al netto dell'attuale situazione patrimoniale, le quotazioni di mercato dei seguenti calciatori. Berardi, Bernardeschi, Alex Sandro, Salah, Manolas, Belotti, Pellegri. Niente di più semplice per chi segue un pochino il chiacchiericcio che negli ultimi giorni si...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.