VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Milan, si vende davvero. Ieri sera una cena ad Arcore per il via libera ai cinesi. De Jong al Manchester, il PSG insiste per Pogba. Inter, via Icardi o Kovacic. Callejon all'Atletico

03.04.2015 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 28161 volte
© foto di Federico De Luca

Berlusconi sta vendendo il Milan e su questo, nonostante le smentite, ormai non ci sono più dubbi. Del resto la conferma indiretta è arrivata dallo stesso presidente che lunedi' scorso durante una cena riservata ha rivelato ai suoi ospiti di aver ceduto il 75 per cento del capitale del Milan. A chi ?

E' questo il grande interrogativo. Ad arricchire il panorama fatto di una ridda di nomi tra magnati cinesi e thailandesi, si è aggiunto ieri sera il giallo di un'altra cena ad Arcore alla quale ha partecipato l'uomo d'affari di Hong Kong Richard Lee, amico di Berlusconi, già visto in altre occasioni a San Siro durante le gare dei rossoneri.

Il perché di questa cena non è dato sapere.

Lee potrebbe aver consigliato il presidente sulle ultime offerte che gli sono arrivate, sui nomi degli acquirenti possibili, o invece, potrebbe far parte di una delle cordate di imprenditori cinesi che stanno per mettere le mani sul Milan.

Lo scenario dei compratori ora vede in pole position mister Zong, miliardario cinese, leader di molte industrie operanti in attività diverse. Sarebbe sua l'offerta più consistente, attorno al miliardo di euro, per l'acquisizione del 75 per cento del Milan. Dietro mister Zong ci sarebbe addirittura il governo cinese che vuole investire molto sul calcio in patria, ma anche sfruttando un marchio storico come il Milan per una grande operazione di marketing. L'obiettivo è provare a vincere il mondiale di calcio con la nazionale cinese nel giro di tre-quattro mondiali. I cinesi sono leader in tantissimi sport, lo vogliono diventare anche nel football. Per rimanere comunque un emblema del Milan, Berlusconi avrebbe chiesto per sé la carica di presidente onorario e per la figlia Barbara quella di amministratore delegato. E' su questo che si sta discutendo, chi acquista e investe così tanti soldi, vorrebbe mano libera sulla governance.

Nel frattempo non molla neppure il broker thailandese mister Bee che dopo aver fatto un'offerta con una impegnativa per acquistare il trenta per cento, sta ora cercando di mettere un gruppo di magnati in grado di rilevare l'intero pacchetto di maggioranza.

Tra Richard Lee, mister Bee e mister Zong, Berlusconi ha raggiunto il suo scopo di accendere una sorta di asta attorno alla sua società il che può portare soltanto ad un affare di maggiore consistenza economica.

Nonostante le smentite che devono esserci quando si tratta di operazioni di questa consistenza, la decisione di vendere è stata presa, si tratta di capire quale sarà la strada più consistente nell'interesse del Milan e di Berlusconi.

L'ex cavaliere potrebbe ancora tenersi tutto, non vendere, ma non essendo in grado di fare grandi investimenti, per una questione di cuore preferisce fare il grande passo piuttosto che dover gestire questo Milan minimo, che galleggia in campionato senza grandi emozioni ed è fuori dall'Europa. Meglio vendere a qualcuno in grado di far tornare protagonista questa società in Italia e nel mondo, un ragionamento simile a quello fatto due anni fa da Massimo Moratti per l'Inter.

Nel giro di qualche settimana, se non prima, dovrebbe arrivare la decisione ultima, quella di non ritorno. E comunque ci si aspetta qualche comunicazione ufficiale anche in tempi più stretti.

In questa incertezza, naturalmente, sono state bloccate tutte le operazioni in ponte già avviate da Galliani, e anche Inzaghi può stare tranquillo, resterà lui fino alla fine della stagione. E' completamente inutile a questo punto battere altre strade anche perché soltanto un miracolo potrebbe portare il Milan in Europa, davanti ci sono troppe squadre da recuperare e i posti sono solo sei.

Per il mercato futuro si procederà intanto al via libera di tutti i giocatori in scadenza. Il Milan paga troppi stipendi, alcuni molto alti, la prima operazione è quella di sfoltire. L'unico giocatore che i rossoneri avrebbero voluto tenere è De Jong che invece ha deciso di salutare e dopo aver detto no grazie alle proposte della Juve, raggiungerà a Manchester il suo vecchio maestro Van Gaal. Gli altri sette, compreso Pazzini, saranno lasciati liberi. E i prestiti, a cominciare da Destro, torneranno alla base: la Roma è stata già avvertita.

Se non dovesse arrivare denaro fresco dei compratori per il prossimo mercato (complicato) si procederà al piano messo a punto da Galliani con l'ingaggio di Sarri e un Milan di giovani italiani.

Se, invece, la trattativa per la vendita dovesse essere chiusa in tempo, potrebbe nascere una squadra diversa anche se i tempi sono stretti e chi investe un miliardo magari vuol riflettere prima di fare grandi investimenti anche sui giocatori. Vedremo.

Intanto nel mercato è il momento delle grandi riflessioni e dei bilanci. L'Inter deve decidere (e non l'ha ancora fatto) da quale cessione recuperare una trentina di milioni e più utili al piano di rafforzamento stilato da Mancini. Via Icardi o Kovacic? E' questo il grande dilemma, molto dipenderà alle offerte che arriveranno anche se Mancini in questo momento, nonostante le dichiarazioni ufficiali, terrebbe più volentieri Icardi.

Anche la Juve riflette dopo la bufera Marchisio. Se il centrocampista avesse avuto l'infortunio grave come si temeva dopo i primi report, sarebbe stato impossibile cedere Pogba. Per fortuna ha poco e nulla e allora l'operazione Pogba è sul tappeto. Del resto il Psg insiste, Verratti lo ha fatto capire nettamente, una grande squadra francese vuole far diventare un suo simbolo un grande giocatore giovane e nazionale come Pogba. I contatti vanno avanti sottotraccia con la regia di Raiola, tra scambi di giocatori (Cavani? Verratti? Lavezzi?) e contante si potrebbero toccare i cento milioni chiesti dalla Juve. Sarà il colpo dell'estate.

Il Napoli, nel frattempo, ha capito che Callejon se ne vuole andare. Questo è un altro segnale che anche lo spogliatoio sa che Benitez mollerà. Per l'attaccante spagnolo voluto da Rafa, ora c'è un'offerta dell'Atletico Madrid e il ragazzo ha detto ok. Nei giorni scorsi s'era sparsa la voce che avesse disdetto anche la casa in affitto, poi la notizia è stata smentita, ma qualcosa sta succedendo. In quel ruolo, comunque, il Napoli è coperto da Gabbiadini che sa fare l'esterno, la seconda punta e anche un bel po' di gol.

Twitter @EnzoBucchioni


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.