VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata

09.09.2017 07:10 di Mauro Suma   articolo letto 17329 volte

Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole in più e senza virgole in meno, ricordiamo che il mercato estivo del Milan è stato di 160 milioni al netto di entrate e uscite, non di 250. Tanti soldi, investimenti importanti. Ma non esiste da nessuna parte una proporzione diretta fra mercato e piazzamento finale, a maggior ragione se ci si mettesse a straparlare di Scudetto. Una estate fa, le due di Manchester hanno speso oltre 300 milioni di euro cadauna e non hanno mai, ma proprio mai, nemmeno per una giornata, lottato per il titolo inglese. La manovrina di prepararsi il terreno parlando di fallimento nel caso, poniamolo, in cui il Milan arrivasse quarto, è tanto elementare quanto spuntata. L'obiettivo dichiarato del Milan di questa stagione è qualificarsi per la Champions League, dopo una stagione di Europa League per tornare a respirare il clima delle coppe europee. Secondo obiettivo centrato, per il primo vedremo. Cosa dire dopo per non darla vinta, come venirne fuori, come galleggiare: spiacenti, ma non è un dibattito sul Milan. E' una umanamente comprensibile vicenda personale. Che non deve riguardare i tifosi del Milan e dalla quale i tifosi del Milan non devono in alcun modo farsi contaminare. Un esempio? Proprio in questi spazi, negli anni più duri, brutti e difficili della storia recente del Milan, dall'estate 2013 all'estate 2016, è andato in scena un duello rusticano vero. Con bozzi, ferite, ammaccature. Sangue vero, visioni dure, schieramenti tosti. Quelli di oggi non sono nulla, sono piccoli, infantili capitomboli in un bicchier d'acqua. Anche i tifosi rossoneri ne convengano e dedichino tempo solo alla casa comune: il Milan e la sua stagione, il Milan e il suo rilancio, il Milan e le sue prospettive. Senza perdere tempo con nient'altro.

Donnarumma e Insigne, sono e saranno i top player della Nazionale. Sono un patrimonio di tutti, che deve essere il più possibile condiviso. Per non trasformare anche loro in un Verratti, il calcio italiano deve drizzare le antenne. Che cosa intendiamo per Verratti, con tutto il rispetto per una delle tante bellissime creature di Zeman? Un giocatore di grandi doti e di grandi colpi, ma così abituato ad essere pubblicizzato, mediaticizzato e copertinato che si sta dimenticando di migliorare. E' un grande talento Verratti, ma non ancora un grandissimo giocatore. Su di lui fanno notizia i titoli del suo passaggio al PSG, i milioni del suo ingaggio, le decine e decine di milioni di cui si favoleggia a intervalli regolari su un suo possibile trasferimento. Poi però sul campo c'è ordine, ci sono i tocchi, ma non le magie, non la consacrazione, non l'esplosione totale che tutto il battage dovrebbe comportare. Gigio, alla vera personalità del quale, alla cui famiglia, Mino Raiola vuole continuare a sovrapporsi e a imporsi (le sue critiche recenti non sono al Milan, ma a papà Alfonso e a Gigio per essere rimasti), ma non solo lui, anche Lorenzo Insigne, devono invece continuare a vivere il calcio. A respirarlo. E, un sospiro dopo l'altro, a migliorarsi. Se entrano nella nube dorata dei milioni, delle squadre di plastica e degli ingaggi con tanti zeri ma senz'anima, è come se andassero nei Cosmos di una volta a inizio carriera. Belli, ricchi, ma fuori dal campo e dalla lotta quasi senza accorgersene.

Abbiamo copiato la Premier League per le due partite del 23 e del 30 Dicembre. Copieremo la Premier per la conclusione del mercato prima dell'inizio delle gare ufficiali di Campionato. Cose importanti, significative, ma non decisive. Sull'unica cosa nella quale è fondamentale essere come la Premier, stiamo invece facendo gli gnorri. La Premier League, al momento della compilazione dei calendari, sa esattamente a chie giorno e a che ora si giocano tutte (tutte!) le partite del proprio torneo, dalla prima all'ultima giornata. Ecco cosa conta davvero. Una programmazione ragionata e competitiva significa ricavi economici in più, nuove risorse. Sapere a che ora e in che giorno si gioca, significa consentire a tutte le tv del mondo, soprattutto le asiatiche, di metterti in palinsesto. A tutto vantaggio dei tuoi sponsor. E anche e soprattutto al tifoso per organizzarsi per tempo tutte le trasferte che ritiene opportuno seguire. A tutto vantaggio del botteghino e dell'entusiasmo dentro lo stadio durante la partita. Non dobbiamo inseguire la Premier sui titoli di giornale del giorno prima.  Dobbiamo imparare a pensare da Premier, se davvero vogliamo prima imitarla e poi appaiarla. 


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.