VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata

09.09.2017 07:10 di Mauro Suma   articolo letto 17507 volte

Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole in più e senza virgole in meno, ricordiamo che il mercato estivo del Milan è stato di 160 milioni al netto di entrate e uscite, non di 250. Tanti soldi, investimenti importanti. Ma non esiste da nessuna parte una proporzione diretta fra mercato e piazzamento finale, a maggior ragione se ci si mettesse a straparlare di Scudetto. Una estate fa, le due di Manchester hanno speso oltre 300 milioni di euro cadauna e non hanno mai, ma proprio mai, nemmeno per una giornata, lottato per il titolo inglese. La manovrina di prepararsi il terreno parlando di fallimento nel caso, poniamolo, in cui il Milan arrivasse quarto, è tanto elementare quanto spuntata. L'obiettivo dichiarato del Milan di questa stagione è qualificarsi per la Champions League, dopo una stagione di Europa League per tornare a respirare il clima delle coppe europee. Secondo obiettivo centrato, per il primo vedremo. Cosa dire dopo per non darla vinta, come venirne fuori, come galleggiare: spiacenti, ma non è un dibattito sul Milan. E' una umanamente comprensibile vicenda personale. Che non deve riguardare i tifosi del Milan e dalla quale i tifosi del Milan non devono in alcun modo farsi contaminare. Un esempio? Proprio in questi spazi, negli anni più duri, brutti e difficili della storia recente del Milan, dall'estate 2013 all'estate 2016, è andato in scena un duello rusticano vero. Con bozzi, ferite, ammaccature. Sangue vero, visioni dure, schieramenti tosti. Quelli di oggi non sono nulla, sono piccoli, infantili capitomboli in un bicchier d'acqua. Anche i tifosi rossoneri ne convengano e dedichino tempo solo alla casa comune: il Milan e la sua stagione, il Milan e il suo rilancio, il Milan e le sue prospettive. Senza perdere tempo con nient'altro.

Donnarumma e Insigne, sono e saranno i top player della Nazionale. Sono un patrimonio di tutti, che deve essere il più possibile condiviso. Per non trasformare anche loro in un Verratti, il calcio italiano deve drizzare le antenne. Che cosa intendiamo per Verratti, con tutto il rispetto per una delle tante bellissime creature di Zeman? Un giocatore di grandi doti e di grandi colpi, ma così abituato ad essere pubblicizzato, mediaticizzato e copertinato che si sta dimenticando di migliorare. E' un grande talento Verratti, ma non ancora un grandissimo giocatore. Su di lui fanno notizia i titoli del suo passaggio al PSG, i milioni del suo ingaggio, le decine e decine di milioni di cui si favoleggia a intervalli regolari su un suo possibile trasferimento. Poi però sul campo c'è ordine, ci sono i tocchi, ma non le magie, non la consacrazione, non l'esplosione totale che tutto il battage dovrebbe comportare. Gigio, alla vera personalità del quale, alla cui famiglia, Mino Raiola vuole continuare a sovrapporsi e a imporsi (le sue critiche recenti non sono al Milan, ma a papà Alfonso e a Gigio per essere rimasti), ma non solo lui, anche Lorenzo Insigne, devono invece continuare a vivere il calcio. A respirarlo. E, un sospiro dopo l'altro, a migliorarsi. Se entrano nella nube dorata dei milioni, delle squadre di plastica e degli ingaggi con tanti zeri ma senz'anima, è come se andassero nei Cosmos di una volta a inizio carriera. Belli, ricchi, ma fuori dal campo e dalla lotta quasi senza accorgersene.

Abbiamo copiato la Premier League per le due partite del 23 e del 30 Dicembre. Copieremo la Premier per la conclusione del mercato prima dell'inizio delle gare ufficiali di Campionato. Cose importanti, significative, ma non decisive. Sull'unica cosa nella quale è fondamentale essere come la Premier, stiamo invece facendo gli gnorri. La Premier League, al momento della compilazione dei calendari, sa esattamente a chie giorno e a che ora si giocano tutte (tutte!) le partite del proprio torneo, dalla prima all'ultima giornata. Ecco cosa conta davvero. Una programmazione ragionata e competitiva significa ricavi economici in più, nuove risorse. Sapere a che ora e in che giorno si gioca, significa consentire a tutte le tv del mondo, soprattutto le asiatiche, di metterti in palinsesto. A tutto vantaggio dei tuoi sponsor. E anche e soprattutto al tifoso per organizzarsi per tempo tutte le trasferte che ritiene opportuno seguire. A tutto vantaggio del botteghino e dell'entusiasmo dentro lo stadio durante la partita. Non dobbiamo inseguire la Premier sui titoli di giornale del giorno prima.  Dobbiamo imparare a pensare da Premier, se davvero vogliamo prima imitarla e poi appaiarla. 


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.