VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata

09.09.2017 07:10 di Mauro Suma   articolo letto 17755 volte

Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole in più e senza virgole in meno, ricordiamo che il mercato estivo del Milan è stato di 160 milioni al netto di entrate e uscite, non di 250. Tanti soldi, investimenti importanti. Ma non esiste da nessuna parte una proporzione diretta fra mercato e piazzamento finale, a maggior ragione se ci si mettesse a straparlare di Scudetto. Una estate fa, le due di Manchester hanno speso oltre 300 milioni di euro cadauna e non hanno mai, ma proprio mai, nemmeno per una giornata, lottato per il titolo inglese. La manovrina di prepararsi il terreno parlando di fallimento nel caso, poniamolo, in cui il Milan arrivasse quarto, è tanto elementare quanto spuntata. L'obiettivo dichiarato del Milan di questa stagione è qualificarsi per la Champions League, dopo una stagione di Europa League per tornare a respirare il clima delle coppe europee. Secondo obiettivo centrato, per il primo vedremo. Cosa dire dopo per non darla vinta, come venirne fuori, come galleggiare: spiacenti, ma non è un dibattito sul Milan. E' una umanamente comprensibile vicenda personale. Che non deve riguardare i tifosi del Milan e dalla quale i tifosi del Milan non devono in alcun modo farsi contaminare. Un esempio? Proprio in questi spazi, negli anni più duri, brutti e difficili della storia recente del Milan, dall'estate 2013 all'estate 2016, è andato in scena un duello rusticano vero. Con bozzi, ferite, ammaccature. Sangue vero, visioni dure, schieramenti tosti. Quelli di oggi non sono nulla, sono piccoli, infantili capitomboli in un bicchier d'acqua. Anche i tifosi rossoneri ne convengano e dedichino tempo solo alla casa comune: il Milan e la sua stagione, il Milan e il suo rilancio, il Milan e le sue prospettive. Senza perdere tempo con nient'altro.

Donnarumma e Insigne, sono e saranno i top player della Nazionale. Sono un patrimonio di tutti, che deve essere il più possibile condiviso. Per non trasformare anche loro in un Verratti, il calcio italiano deve drizzare le antenne. Che cosa intendiamo per Verratti, con tutto il rispetto per una delle tante bellissime creature di Zeman? Un giocatore di grandi doti e di grandi colpi, ma così abituato ad essere pubblicizzato, mediaticizzato e copertinato che si sta dimenticando di migliorare. E' un grande talento Verratti, ma non ancora un grandissimo giocatore. Su di lui fanno notizia i titoli del suo passaggio al PSG, i milioni del suo ingaggio, le decine e decine di milioni di cui si favoleggia a intervalli regolari su un suo possibile trasferimento. Poi però sul campo c'è ordine, ci sono i tocchi, ma non le magie, non la consacrazione, non l'esplosione totale che tutto il battage dovrebbe comportare. Gigio, alla vera personalità del quale, alla cui famiglia, Mino Raiola vuole continuare a sovrapporsi e a imporsi (le sue critiche recenti non sono al Milan, ma a papà Alfonso e a Gigio per essere rimasti), ma non solo lui, anche Lorenzo Insigne, devono invece continuare a vivere il calcio. A respirarlo. E, un sospiro dopo l'altro, a migliorarsi. Se entrano nella nube dorata dei milioni, delle squadre di plastica e degli ingaggi con tanti zeri ma senz'anima, è come se andassero nei Cosmos di una volta a inizio carriera. Belli, ricchi, ma fuori dal campo e dalla lotta quasi senza accorgersene.

Abbiamo copiato la Premier League per le due partite del 23 e del 30 Dicembre. Copieremo la Premier per la conclusione del mercato prima dell'inizio delle gare ufficiali di Campionato. Cose importanti, significative, ma non decisive. Sull'unica cosa nella quale è fondamentale essere come la Premier, stiamo invece facendo gli gnorri. La Premier League, al momento della compilazione dei calendari, sa esattamente a chie giorno e a che ora si giocano tutte (tutte!) le partite del proprio torneo, dalla prima all'ultima giornata. Ecco cosa conta davvero. Una programmazione ragionata e competitiva significa ricavi economici in più, nuove risorse. Sapere a che ora e in che giorno si gioca, significa consentire a tutte le tv del mondo, soprattutto le asiatiche, di metterti in palinsesto. A tutto vantaggio dei tuoi sponsor. E anche e soprattutto al tifoso per organizzarsi per tempo tutte le trasferte che ritiene opportuno seguire. A tutto vantaggio del botteghino e dell'entusiasmo dentro lo stadio durante la partita. Non dobbiamo inseguire la Premier sui titoli di giornale del giorno prima.  Dobbiamo imparare a pensare da Premier, se davvero vogliamo prima imitarla e poi appaiarla. 


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata 13.04 - Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef. IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le lezioni di Juve e Roma: a tutti. Sarri e il suo sogno e i prestiti “vietati” 12.04 - È una beffa. Forse la peggiore. Un rigore, di cui discuteremo anche a lungo, nel tempo di recupero, con addirittura l’espulsione di Buffon, raramente visto così arrabbiato. La Juventus stava raddoppiando l’impresa della Roma, e sarebbe stato duro dover scegliere quale sarebbe stato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La rifondazione della Juventus: è davvero possibile? E dove? Ecco quello di cui ha bisogno per crescere. Ma servono molti soldi, sicuri che questo non sia il massimo in Europa? 11.04 - Si fa presto a dire rivoluzione juventina. Le macerie (solo europee, va detto) lasciate dagli attacchi aerei di Cristiano Ronaldo hanno stappato le discussioni sulla rifondazione a Vinovo. Gente che va, gente che viene, progetti che cambiano. Ora, francamente sembra altamente impraticabile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Morata e altri “miracoli” (ma l’Uefa chiude gli occhi). Inter: un guaio ricorrente e lo strano caso De Vrij. Milan: terremoto Gattuso, a un anno dal closing. Napoli: per i fischi c’è ancora tempo 10.04 - Per prima cosa procedo con l’esperimento. Tutti i lunedì notte da ormai dieci anni spedisco le mie cose al valido Alessio Alaimo. Lui mi odia perché gli mando i pezzi alle 23.55 e magari sta facendo fiki-fiki, oppure è legittimamente ubriaco, oppure ha sonno. A volte mi dice “per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli, che spavento. Ma il sogno è lontano. Milan, 2021 volte "Grazie Rino". Da Cagliari a Verona, da Sassuolo a Bologna... quando i DS mettono in crisi i Mister 09.04 - Erano, ormai, pronte trombette e sciarpe bianconere per iniziare la festa scudetto della Juventus. A consegnarlo, virtualmente, ai bianconeri era paradossalmente l'alleato del mercato del Napoli: il Chievo Verona che non poteva permettersi regali di primavera. Che spavento per Sarri....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.