VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Milan: spogliatoio falso problema. Cassano-Mondiali: fatta al 90%. Balotelli-Mondiali: Mario attento! Biabiany: un gol per Leonardi

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
22.03.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 24444 volte

Ha perfettamente ragione Marco Amelia, che in questi giorni abbiamo vissuto un po' come il Dino Zoff dei Mondiali di Spagna (Marco del resto di Mondiali se ne intende) anche se il contesto e la situazione sono clamorosamente differenti. E' la verità, nello spogliatoio del Milan non c'è nessuna spaccatura. Nessuna lite interna e nessuna frizione. Di muro contro muro fra giocatori, neanche l'ombra. Falso tema, falso problema. E' invece assolutamente nella norma che 30 giocatori, con tutte le sfumature e le tonalità del caso, messi di fronte ad una situazione delicatissima, non siano impegnati a risolverla tutti allo stesso titolo e tutti con lo stesso grado di coinvolgimento. In ogni spogliatoio, e al Milan è sempre successo da 28 anni a questa parte, una decina di giocatori viene ascoltata e resa punto di riferimento nei momenti più sensibili dei vari cicli. Ci sono sempre in un gruppo vasto, i giocatori più coinvolti. Che si formano un'idea senza pregiudizi e nel rispetto di tutti, presidente in primis, e la comunicano o con le parole o con gli atteggiamenti. A tutti, nessuno escluso. Le modalità sono irrilevanti ed è inutile perseverare in tentativi grotteschi di spionaggio sportivo. Il Milan è il Milan. Non vuole andare a fondo e ha i suoi pesi e contrappesi. La cosa più importante del momento è che i vertici del Milan sono compatti e raccolti attorno al presidente Berlusconi. Il Milan ha colto l'occasione del momento per ritrovare dialogo e coraggio ai vertici. Ne è dimostrazione l'incontro, nel rispetto dei ruoli, ma in chiave costruttiva e collaborativa per stare tutti uniti e migliorare i risultati sportivi di adesso, fra Adriano Galliani e Clarence Seedorf. Crescere, compattarsi, migliorare. Per il Milan della prossima stagione che non dovrà, mai più, offrire lo "spettacolo" di questo intero anno sportivo. I groppi in gola dei veri milanisti, e quelli più dignitosi sono quelli più silenziosi, devono sparire.

Tocca proprio a chi scrive dare la notizia che, con ogni probabilità, a meno di scossoni clamorosi e imprevedibili, Antonio Cassano andrà ai Mondiali in Brasile. Il Ct Prandelli non solo lo ha fatto intendere ai microfoni di RTL 102.5, ma ne avrebbe anche parlato più o meno apertamente con i giocatori di riferimento dello spogliatoio azzurro. Insomma il terreno è preparato. Quindi? Bene, molto bene. Antonio ha fatto la scelta giusta con il Parma, ha giocato sempre, ha fatto bene e va ai Mondiali. La solenne arrabbiatura che ci ha fatto prendere per quel suo "chissenefrega" rivolto al Milan, è passata. Abbiamo anche esagerato nella "telecronaca". A proposito, le telecronache faziose in cui il delirio del tifoso è in libera uscita, non prendetele per oro colato. Comunque Antonio bene, bravo. E non fare troppo casino in Brasile. Adesso abbiamo capito di cosa parlavi con Mario Balotelli prima e dopo la partita di domenica. Forza Azzurri.

A proposito, Balotelli. Pensare che Mario possa non andare ai Mondiali è fuori luogo. No, assolutamente no. Non è questa la situazione. Però Mario, questo sì, è sul monitor. Se le sue prestazioni da domani a Maggio con il Milan non dovessero migliorare o addirittura dovessero peggiorare, potrebbe aprirsi un singolare dibattito. Mario Balotelli non deve dare nulla per scontato nei prossimi due mesi con il Milan. Si prenda responsabilità e faccia cose decisive in campo. Ai Mondiali, salvo apocalissi, ci andrà, ma il rischio è quello di andarci come El Shaarawy un anno fa in Confederations Cup: quasi da osservato speciale. Balotelli-Cassano dunque, come agli Europei del 2012. Con una freccia stazionaria e una in rialzo. E con Pirlo e compagni che dovranno armarsi di santa pazienza e sopportare un po' di casino. Per un'altra Finale, però, si fa questo ed altro.

Nel fianco sanguinante del Milan, si è conficcata anche la scheggia dell'ultimo mercato di Gennaio. Ricordate l'ultimo giorno del Gennaio 2014? Alle 9 del mattino, Jonathan Biabiany sembrava già del Milan, con piena soddisfazione di tutti. Invece gli ultimi accordi, gli ultimi dettagli non sono andati a buon fine e Biabiany, una grande intuizione dell'a.d. Pietro Leonardi con cui l'attaccante esterno ha un ottimo rapporto anche personale e non solo professionale, è rimasto a Parma. Anche Biabiany teneva molto al Milan. E non ha gradito il modo in cui la trattativa è saltata. Forse anche per questo il giocatore schierato dall'ottimo Donadoni è andato con la giusta cattiveria sportiva sulla palla del 4-2 a gara ormai finita e decisa domenica scorsa a San Siro. Un gol un po' per sé e un po' per Leonardi, oltre che per il tabellino? Forse. Ma senza acrimonia verso il Milan, certamente per il dispiacere di non aver raggiunto quel Milan che ormai sentiva suo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.