VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Milan: spogliatoio falso problema. Cassano-Mondiali: fatta al 90%. Balotelli-Mondiali: Mario attento! Biabiany: un gol per Leonardi

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
22.03.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 24444 volte

Ha perfettamente ragione Marco Amelia, che in questi giorni abbiamo vissuto un po' come il Dino Zoff dei Mondiali di Spagna (Marco del resto di Mondiali se ne intende) anche se il contesto e la situazione sono clamorosamente differenti. E' la verità, nello spogliatoio del Milan non c'è nessuna spaccatura. Nessuna lite interna e nessuna frizione. Di muro contro muro fra giocatori, neanche l'ombra. Falso tema, falso problema. E' invece assolutamente nella norma che 30 giocatori, con tutte le sfumature e le tonalità del caso, messi di fronte ad una situazione delicatissima, non siano impegnati a risolverla tutti allo stesso titolo e tutti con lo stesso grado di coinvolgimento. In ogni spogliatoio, e al Milan è sempre successo da 28 anni a questa parte, una decina di giocatori viene ascoltata e resa punto di riferimento nei momenti più sensibili dei vari cicli. Ci sono sempre in un gruppo vasto, i giocatori più coinvolti. Che si formano un'idea senza pregiudizi e nel rispetto di tutti, presidente in primis, e la comunicano o con le parole o con gli atteggiamenti. A tutti, nessuno escluso. Le modalità sono irrilevanti ed è inutile perseverare in tentativi grotteschi di spionaggio sportivo. Il Milan è il Milan. Non vuole andare a fondo e ha i suoi pesi e contrappesi. La cosa più importante del momento è che i vertici del Milan sono compatti e raccolti attorno al presidente Berlusconi. Il Milan ha colto l'occasione del momento per ritrovare dialogo e coraggio ai vertici. Ne è dimostrazione l'incontro, nel rispetto dei ruoli, ma in chiave costruttiva e collaborativa per stare tutti uniti e migliorare i risultati sportivi di adesso, fra Adriano Galliani e Clarence Seedorf. Crescere, compattarsi, migliorare. Per il Milan della prossima stagione che non dovrà, mai più, offrire lo "spettacolo" di questo intero anno sportivo. I groppi in gola dei veri milanisti, e quelli più dignitosi sono quelli più silenziosi, devono sparire.

Tocca proprio a chi scrive dare la notizia che, con ogni probabilità, a meno di scossoni clamorosi e imprevedibili, Antonio Cassano andrà ai Mondiali in Brasile. Il Ct Prandelli non solo lo ha fatto intendere ai microfoni di RTL 102.5, ma ne avrebbe anche parlato più o meno apertamente con i giocatori di riferimento dello spogliatoio azzurro. Insomma il terreno è preparato. Quindi? Bene, molto bene. Antonio ha fatto la scelta giusta con il Parma, ha giocato sempre, ha fatto bene e va ai Mondiali. La solenne arrabbiatura che ci ha fatto prendere per quel suo "chissenefrega" rivolto al Milan, è passata. Abbiamo anche esagerato nella "telecronaca". A proposito, le telecronache faziose in cui il delirio del tifoso è in libera uscita, non prendetele per oro colato. Comunque Antonio bene, bravo. E non fare troppo casino in Brasile. Adesso abbiamo capito di cosa parlavi con Mario Balotelli prima e dopo la partita di domenica. Forza Azzurri.

A proposito, Balotelli. Pensare che Mario possa non andare ai Mondiali è fuori luogo. No, assolutamente no. Non è questa la situazione. Però Mario, questo sì, è sul monitor. Se le sue prestazioni da domani a Maggio con il Milan non dovessero migliorare o addirittura dovessero peggiorare, potrebbe aprirsi un singolare dibattito. Mario Balotelli non deve dare nulla per scontato nei prossimi due mesi con il Milan. Si prenda responsabilità e faccia cose decisive in campo. Ai Mondiali, salvo apocalissi, ci andrà, ma il rischio è quello di andarci come El Shaarawy un anno fa in Confederations Cup: quasi da osservato speciale. Balotelli-Cassano dunque, come agli Europei del 2012. Con una freccia stazionaria e una in rialzo. E con Pirlo e compagni che dovranno armarsi di santa pazienza e sopportare un po' di casino. Per un'altra Finale, però, si fa questo ed altro.

Nel fianco sanguinante del Milan, si è conficcata anche la scheggia dell'ultimo mercato di Gennaio. Ricordate l'ultimo giorno del Gennaio 2014? Alle 9 del mattino, Jonathan Biabiany sembrava già del Milan, con piena soddisfazione di tutti. Invece gli ultimi accordi, gli ultimi dettagli non sono andati a buon fine e Biabiany, una grande intuizione dell'a.d. Pietro Leonardi con cui l'attaccante esterno ha un ottimo rapporto anche personale e non solo professionale, è rimasto a Parma. Anche Biabiany teneva molto al Milan. E non ha gradito il modo in cui la trattativa è saltata. Forse anche per questo il giocatore schierato dall'ottimo Donadoni è andato con la giusta cattiveria sportiva sulla palla del 4-2 a gara ormai finita e decisa domenica scorsa a San Siro. Un gol un po' per sé e un po' per Leonardi, oltre che per il tabellino? Forse. Ma senza acrimonia verso il Milan, certamente per il dispiacere di non aver raggiunto quel Milan che ormai sentiva suo.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Oltre 900 milioni investiti tra la scorsa estate e gennaio per rinforzarsi: è tempo di bilanci per i 20 club di A. Paradosso Atalanta, capolavoro Samp. Inter, smarcati da Kia. Napoli esempio da seguire 30.04 - Fine aprile, pochi verdetti ancora in bilico e, adesso si, la certezza che non sarà questo finale di stagione a sovvertire i giudizi. Come è andata la stagione dei calciatori che la scorsa estate, o lo scorso gennaio, sono stati acquistati dai venti club di Serie A? Gli investimenti...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.