VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Milano e i cinesi: ecco dove siamo arrivati. Quanto conta la società: l'esempio della Juve

28.04.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 33601 volte
© foto di Federico De Luca

Forse dovremo imparare il cinese. Nel frattempo però, almeno da quanto ci risulta, i cinesi stanno cercando l'Italia per imparare il calcio. Il Milan sta trattando la cessione della maggioranza (anche se ancora non siamo alle battute finali, ma sarà determinante per capire lo stato dell'arte il CdA del pomerggio) l'Inter invece ha trovato nel Suning Commerce un partner molto forte e credibile e nelle prossime settimane la situazione verrà definita.
Nel frattempo cosa sappiamo? Sappiamo che il Milan è oggetto di due diligence da parte di gruppi interessati all'acquisto. Non c'è alcuna certezza assoluta sui nomi che sono circolati in queste ore. Al momento nessuna fonte diretta ha confermato le indiscrezioni che sono circolate sui quotidiani. Il nome più gettonato pare essere quello di Jack Ma, secondo uomo più ricco della Cina, diventato tale grazie all'e-commerce e al sito Alibaba (vende più prodotti di Amazon e E-bay messi insieme). Jack Ma è stato più volte in Italia, ha conosciuto Renzi, è il proprietario anche del Guanzhgou Evergrande (la squadra di Lippi, Cannavaro, Gilardino e Diamanti). Da Fininvest arriva silenzio, dalla Cina un no comment. Il secondo nome è quello di Li Ka Shing proprietario e amministratore delegato di Hutchison Whampoa che si occupa di commercio via mare, di energia di infrastrutture, e di telecomunicazioni. In Italia possiede la "3" e sta portando a la fusione con la Wind. Ha 87 anni, quindi una solidità (anche storica) diversa rispetto al presunto competitor. L'unico intermediario dell'operazione noto è Salvatore Galatioto, che dopo un'intervista di qualche giorno fa non ha più parlato.
Un ruolo, in questa vicenda, dovrebbe averlo anche Wanda (il gruppo proprietario di Infront) visto che il governo cinese prima di far uscire capitali dalla Cina vuole che la situazione sia tenuta sotto controllo. Questo controllo dovrebbe avercelo Wanda.
Altra variabile è capire il pensiero di Berlusconi: è convinto di cedere? Vuole farlo? E' d'accordo? O sta semplicemente prendendo tempo per cercare di capire e conoscere ancora meglio i suoi interlocutori? In questi ultimi mesi ciclicamente si è parlato di una cessione i nomi sono già molti da Bee Teacheabeoul ad Al Maktoum (di Emirates), dalla Gazprom a Richard Lee (che fu ospitato anche ad Arcore). Insomma la sensazione è che bisognerà ancora apsettare.
All'Inter la situazione invece è più definita. Il gruppo che entrerà nell'Inter con una quota minoritaria è Suning Commerce. Ci vorranno ancora alcune settimane per concludere la trattativa. Tecnicamente non si tratta propriamente di vendita della minoranza, quanto di un aumento di capitale che porterà Moratti e Thohir a diluire entrambi le proprie quote. Thohir per il 14% (manterrà quindi il 56%), Moratti per il 6% arrivando quindi al 23,5%. Suning avrebbe invece il 20%.
Ma perché i cinesi hanno scelto l'Italia e perché i cinesi si stanno interessando così tanto al calcio?
Intanto la prima motivazione è che negli altri paesi le squadre con appeal sono già di proprietà straniera. In Premier sono 11 i club in mano a non-inglesi. In Francia PSG e Monaco sono rispettivamente degli sceicchi e dei russi. In Germania non c'è possibilità per uno straniero di acquisire la maggioranza di un club. In Italia è ancora possibile invece intervenire e soprattutto Inter e Milan sono due brand internazionali. Conosciuti in tutto il mondo. Vincenti. Ecco perché attraggono le attenzioni internazionali. E attraggono i cinesi perché il progetto che ha in testa la Cina è ambizioso.
Hanno molti milioni a disposizione, visto che l'economia è in forte espansione e che addirittura nel 2026 potrebbe superare gli Stati Uniti e diventare la prima del mondo. Ed è proprio sulla data, 2026, che dovremmo riflettere. Perché la Cina vuole organizzare i Mondiali di calcio. E vuole farlo nel miglior modo possibile. E - soprattutto - non vuole fare brutta figura.
E quindi in questi 10 anni vuole studiare, vuole sapere, vuole imparare. Non c'è modo migliore di farlo che lavorando. Pur magari - come nel caso dell'Inter - rimanendo con una quota di minoranza. Si paga per avere know-how, la conoscenza: sapere come si organizza una società, vedere da vicino, in prima persona, una grande squadra. E poi riportare tutte queste nozioni in casa.
Hanno provato a farlo in Cina. Hanno provato a chiamare chi i mondiali li aveva vinti, provano ora a convincere i campioni da andare a giocare da loro. Ma non basta. E allora investono nel calcio europeo.
Prima con l'acquisizione, da parte di Wanda Group, di Infront, poi - se ci riesce - con l'impegno in prima persona in club di prima fascia. Nel mirino non c'è solo Milano. C'è il Mondiale
Questa probabilmente è la differenza che c'è ora fra la Juventus e le altre: la società che pesa eccome.
Dopo la retrocessione in B la Juventus in 10 anni ha vinto cinque scudetti. Sotto la presidenza Agnelli è passata da un fatturato (in rosso di 95 con unica ricapitalizzazione da 120 milioni di euro) di 154 milioni a una previsione per questa stagione sportiva di 374: più che raddoppiato. Ha uno stadio di proprietà, due centri di allenamento e continua a vincere. Vince "autogestendosi", a parte l'iniezione di soldi all'inizio della presidenza non ci sono stati più interventi da parte della società. Con degli step programmati da piano industriale quadriennale. Tanto per dare delle indicazioni, nello stesso periodo, la Roma è cresciuta di 36 milioni, il Napoli di 10, l'Inter e il Milan sono addirittura arretrate.
I soldi non ti fanno vincere: lo dimostrano Atletico Madrid e Leicester. Si vince però con la programmazione. E in questo momento le milanesi hanno soltanto iniziato il loro percorso...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.