VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Milano e i cinesi: ecco dove siamo arrivati. Quanto conta la società: l'esempio della Juve

28.04.2016 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 33635 volte
© foto di Federico De Luca

Forse dovremo imparare il cinese. Nel frattempo però, almeno da quanto ci risulta, i cinesi stanno cercando l'Italia per imparare il calcio. Il Milan sta trattando la cessione della maggioranza (anche se ancora non siamo alle battute finali, ma sarà determinante per capire lo stato dell'arte il CdA del pomerggio) l'Inter invece ha trovato nel Suning Commerce un partner molto forte e credibile e nelle prossime settimane la situazione verrà definita.
Nel frattempo cosa sappiamo? Sappiamo che il Milan è oggetto di due diligence da parte di gruppi interessati all'acquisto. Non c'è alcuna certezza assoluta sui nomi che sono circolati in queste ore. Al momento nessuna fonte diretta ha confermato le indiscrezioni che sono circolate sui quotidiani. Il nome più gettonato pare essere quello di Jack Ma, secondo uomo più ricco della Cina, diventato tale grazie all'e-commerce e al sito Alibaba (vende più prodotti di Amazon e E-bay messi insieme). Jack Ma è stato più volte in Italia, ha conosciuto Renzi, è il proprietario anche del Guanzhgou Evergrande (la squadra di Lippi, Cannavaro, Gilardino e Diamanti). Da Fininvest arriva silenzio, dalla Cina un no comment. Il secondo nome è quello di Li Ka Shing proprietario e amministratore delegato di Hutchison Whampoa che si occupa di commercio via mare, di energia di infrastrutture, e di telecomunicazioni. In Italia possiede la "3" e sta portando a la fusione con la Wind. Ha 87 anni, quindi una solidità (anche storica) diversa rispetto al presunto competitor. L'unico intermediario dell'operazione noto è Salvatore Galatioto, che dopo un'intervista di qualche giorno fa non ha più parlato.
Un ruolo, in questa vicenda, dovrebbe averlo anche Wanda (il gruppo proprietario di Infront) visto che il governo cinese prima di far uscire capitali dalla Cina vuole che la situazione sia tenuta sotto controllo. Questo controllo dovrebbe avercelo Wanda.
Altra variabile è capire il pensiero di Berlusconi: è convinto di cedere? Vuole farlo? E' d'accordo? O sta semplicemente prendendo tempo per cercare di capire e conoscere ancora meglio i suoi interlocutori? In questi ultimi mesi ciclicamente si è parlato di una cessione i nomi sono già molti da Bee Teacheabeoul ad Al Maktoum (di Emirates), dalla Gazprom a Richard Lee (che fu ospitato anche ad Arcore). Insomma la sensazione è che bisognerà ancora apsettare.
All'Inter la situazione invece è più definita. Il gruppo che entrerà nell'Inter con una quota minoritaria è Suning Commerce. Ci vorranno ancora alcune settimane per concludere la trattativa. Tecnicamente non si tratta propriamente di vendita della minoranza, quanto di un aumento di capitale che porterà Moratti e Thohir a diluire entrambi le proprie quote. Thohir per il 14% (manterrà quindi il 56%), Moratti per il 6% arrivando quindi al 23,5%. Suning avrebbe invece il 20%.
Ma perché i cinesi hanno scelto l'Italia e perché i cinesi si stanno interessando così tanto al calcio?
Intanto la prima motivazione è che negli altri paesi le squadre con appeal sono già di proprietà straniera. In Premier sono 11 i club in mano a non-inglesi. In Francia PSG e Monaco sono rispettivamente degli sceicchi e dei russi. In Germania non c'è possibilità per uno straniero di acquisire la maggioranza di un club. In Italia è ancora possibile invece intervenire e soprattutto Inter e Milan sono due brand internazionali. Conosciuti in tutto il mondo. Vincenti. Ecco perché attraggono le attenzioni internazionali. E attraggono i cinesi perché il progetto che ha in testa la Cina è ambizioso.
Hanno molti milioni a disposizione, visto che l'economia è in forte espansione e che addirittura nel 2026 potrebbe superare gli Stati Uniti e diventare la prima del mondo. Ed è proprio sulla data, 2026, che dovremmo riflettere. Perché la Cina vuole organizzare i Mondiali di calcio. E vuole farlo nel miglior modo possibile. E - soprattutto - non vuole fare brutta figura.
E quindi in questi 10 anni vuole studiare, vuole sapere, vuole imparare. Non c'è modo migliore di farlo che lavorando. Pur magari - come nel caso dell'Inter - rimanendo con una quota di minoranza. Si paga per avere know-how, la conoscenza: sapere come si organizza una società, vedere da vicino, in prima persona, una grande squadra. E poi riportare tutte queste nozioni in casa.
Hanno provato a farlo in Cina. Hanno provato a chiamare chi i mondiali li aveva vinti, provano ora a convincere i campioni da andare a giocare da loro. Ma non basta. E allora investono nel calcio europeo.
Prima con l'acquisizione, da parte di Wanda Group, di Infront, poi - se ci riesce - con l'impegno in prima persona in club di prima fascia. Nel mirino non c'è solo Milano. C'è il Mondiale
Questa probabilmente è la differenza che c'è ora fra la Juventus e le altre: la società che pesa eccome.
Dopo la retrocessione in B la Juventus in 10 anni ha vinto cinque scudetti. Sotto la presidenza Agnelli è passata da un fatturato (in rosso di 95 con unica ricapitalizzazione da 120 milioni di euro) di 154 milioni a una previsione per questa stagione sportiva di 374: più che raddoppiato. Ha uno stadio di proprietà, due centri di allenamento e continua a vincere. Vince "autogestendosi", a parte l'iniezione di soldi all'inizio della presidenza non ci sono stati più interventi da parte della società. Con degli step programmati da piano industriale quadriennale. Tanto per dare delle indicazioni, nello stesso periodo, la Roma è cresciuta di 36 milioni, il Napoli di 10, l'Inter e il Milan sono addirittura arretrate.
I soldi non ti fanno vincere: lo dimostrano Atletico Madrid e Leicester. Si vince però con la programmazione. E in questo momento le milanesi hanno soltanto iniziato il loro percorso...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.