VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Mille nomi, niente soldi. Il mercato riflette la crisi del Paese. Per fortuna c'è la Juventus. Ah, le scuse a Prandelli...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
09.07.2014 00:00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 59014 volte
© foto di Federico De Luca

Dodò e M'Vila. I nomi da prima pagina sono questi. Niente di personale contro i suddetti calciatori e la stessa Inter ma l'impatto non è quello sperato... Il mercato italiano dovrebbe offrire di più, il problema è che non è in grado di "smarcarsi". Iturbe, Morata, Jovetic, Cerci, di nomi ne circolano una marea, come è normale che sia in questo periodo, quello dell'ombrellone e delle voci. Ma, storicamente, tra tanti nomi fatti, qualcuno, prima o poi, diventa realtà. Invece, di reale, abbiamo tanti addii. Da Kakà a Gilardino, i nomi veri, quelli che hanno fatto qualcosa nel nostro calcio, ci salutano, lasciandoci un calcio, il nostro, ancor più povero... Ma perché? Semplice, il mercato italiano riflette la crisi di un Paese incapace di ripartire. Tutto bloccato, tutto tristemente fermo, immobile (e non ci stiamo riferendo al nuovo bomber del Borussia, un altro addio doloroso). E quindi, che fare? Beh, aspettare, non c'è altro da fare. In effetti, una speranza ce la sta offrendo la Juventus. I bianconeri qualcosa stanno cercando di farla e anche in maniera tangibile. Iturbe, Morata, Evra, questi i sogni della Vecchia Signora. A conti fatti, un investimento, per tutti e tre, attorno ai 40 milioni di euro (solo per i cartellini). Non proprio noccioline anche se, a confronto di quanto spendono i top club spagnoli ed inglesi, sono davvero poca cosa... Eppure, anche qui, c'è un grande pericolo all'orizzonte. Dovesse centrare tutti e tre gli obiettivi, la Juventus potrebbe decidere di rientrare prontamente dei soldi spesi, lasciando partire una delle sue stelle (leggi Vidal e Pogba). Insomma, prima acquisto e poi vendo, ovvero l'esatto contrario della strategia più impiegata del momento, ovvero la "legge" secondo la quale bisogna prima vendere e poi pensare ad acquistare (Inter e Milan ne sanno qualcosa). Strategie diverse ma risultato identico: nessuno investe e se qualcuno decide di osare, lo fa solo se ha poi le risorse per recuperare i soldi messi sul piatto della bilancia. Ecco spiegato il motivo per cui Dodò e M'Vila vengono salutati dai media come due super colpi di mercato. Questo offre il nostro calcio e questo dobbiamo farci andar bene. Prima di salutare, doverose le scuse a Prandelli. Dopo il fallimentare Mondiale, lo abbiamo bastonato (io compreso). Gli abbiamo addossato tutte le colpe, senza nessuna attenuante. Bene, lui che ha fatto? Si è dimesso (in tanti credevano non avrebbe mai rinunciato a 1,7 milioni di euro garantiti) e si è rimesso subito in gioco, in Turchia, al Galatasaray, non proprio una passeggiata di salute (lì si aspettano la quarta stella e vogliono una Champions importante). Coraggio e forza d'animo (esordire augurando "buona giornata" in turco non è da tutti). Forse non era lui il problema dell'Italia...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.