VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Mille nomi, niente soldi. Il mercato riflette la crisi del Paese. Per fortuna c'è la Juventus. Ah, le scuse a Prandelli...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
09.07.2014 00.00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 59010 volte
© foto di Federico De Luca

Dodò e M'Vila. I nomi da prima pagina sono questi. Niente di personale contro i suddetti calciatori e la stessa Inter ma l'impatto non è quello sperato... Il mercato italiano dovrebbe offrire di più, il problema è che non è in grado di "smarcarsi". Iturbe, Morata, Jovetic, Cerci, di nomi ne circolano una marea, come è normale che sia in questo periodo, quello dell'ombrellone e delle voci. Ma, storicamente, tra tanti nomi fatti, qualcuno, prima o poi, diventa realtà. Invece, di reale, abbiamo tanti addii. Da Kakà a Gilardino, i nomi veri, quelli che hanno fatto qualcosa nel nostro calcio, ci salutano, lasciandoci un calcio, il nostro, ancor più povero... Ma perché? Semplice, il mercato italiano riflette la crisi di un Paese incapace di ripartire. Tutto bloccato, tutto tristemente fermo, immobile (e non ci stiamo riferendo al nuovo bomber del Borussia, un altro addio doloroso). E quindi, che fare? Beh, aspettare, non c'è altro da fare. In effetti, una speranza ce la sta offrendo la Juventus. I bianconeri qualcosa stanno cercando di farla e anche in maniera tangibile. Iturbe, Morata, Evra, questi i sogni della Vecchia Signora. A conti fatti, un investimento, per tutti e tre, attorno ai 40 milioni di euro (solo per i cartellini). Non proprio noccioline anche se, a confronto di quanto spendono i top club spagnoli ed inglesi, sono davvero poca cosa... Eppure, anche qui, c'è un grande pericolo all'orizzonte. Dovesse centrare tutti e tre gli obiettivi, la Juventus potrebbe decidere di rientrare prontamente dei soldi spesi, lasciando partire una delle sue stelle (leggi Vidal e Pogba). Insomma, prima acquisto e poi vendo, ovvero l'esatto contrario della strategia più impiegata del momento, ovvero la "legge" secondo la quale bisogna prima vendere e poi pensare ad acquistare (Inter e Milan ne sanno qualcosa). Strategie diverse ma risultato identico: nessuno investe e se qualcuno decide di osare, lo fa solo se ha poi le risorse per recuperare i soldi messi sul piatto della bilancia. Ecco spiegato il motivo per cui Dodò e M'Vila vengono salutati dai media come due super colpi di mercato. Questo offre il nostro calcio e questo dobbiamo farci andar bene. Prima di salutare, doverose le scuse a Prandelli. Dopo il fallimentare Mondiale, lo abbiamo bastonato (io compreso). Gli abbiamo addossato tutte le colpe, senza nessuna attenuante. Bene, lui che ha fatto? Si è dimesso (in tanti credevano non avrebbe mai rinunciato a 1,7 milioni di euro garantiti) e si è rimesso subito in gioco, in Turchia, al Galatasaray, non proprio una passeggiata di salute (lì si aspettano la quarta stella e vogliono una Champions importante). Coraggio e forza d'animo (esordire augurando "buona giornata" in turco non è da tutti). Forse non era lui il problema dell'Italia...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.