HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Mirabelli dilettante? Parliamone. Maldini più chiaro e schietto di Totti e Buffon. Roma: Dzeko o Ninja, l'importante è cedere

27.01.2018 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 22381 volte

Non è la prima volta che accade e non sarà l'ultima. Quando in qualsiasi sistema complessivo di regole, di economie e di rapporti ci sono usi e consumi consolidati, chi arriva e, per quanto lo riguarda direttamente, spariglia, prima viene guardato con sospetto. Poi si cerca di indurlo a più miti consigli. E se non si regola, lo si deride. Massimiliano Mirabelli non ha bisogno nè di avvocati difensori nè di crociate. Ma solo che si parli di lui, anche criticandolo se alcune scelte squisitamente di campo fino ad oggi non convincono, per quello che fa. Senza retropensieri e frecciatine però su quello che non fa,magari secondo le classiche abitudini di riferimento. E' probabilmente arrivato il momento allora di essere un po' più dettagliati sul suo modo di lavorare, così l'idea che ci si pùò fare del suo lavoro possa essere se non univoca quanto meno completa. Con il direttore sportivo rossonero, le commissioni ai procuratori non superano il cinque per cento, senza surplus e senza alternative o scorciatoie. Le sue trattative non prevedono scivoli o compensazioni economiche ai giocatori in uscita. E se ai tifosi e al grande pubblico poco interessano le questioni Club-agenti o le cessioni, che comunque sui bilanci e quindi sulle risorse disponibili per il calciomercato un loro effetto ce l'hanno, parliamo dei giocatori in organico. Anche perchè abbiamo letto da qualche parte sui social che, in fondo, su un giocatore come Gustavo Gomez, si poteva anche essere più flessibili. La convinzione di Casa Milan invece è che, anche se gli atleti non giocano con regolarità, non si svendono mai. Non rientrano nelle strategie? Ma nel calcio può cambiare tutto da una partita all'altra per le coincidenze più disparate, non sono mai situazioni definitive, rispetto alle quali il club di appartenenza non deve contare il minutaggio ma difendere il valore assoluto del proprio giocatore. Perchè anche il suo scarso utilizzo può diventare una molla di riscatto in caso di trasferimento, quindi un potenziale vantaggio per il club che lo acquisisce e questa possibilità va comunque valorizzata. I giocatori non si portano via a suon di offerte al ribasso perchè tanto...Sono tesi e principi poco consueti nella pratica quotidiana del mercato? Ci sta. C'è qualche mal di pancia? Ci sta. Ma allora intendiamoci, far girare la voce del Mirabelli dilettante non è una critica o una opinione, ma un messaggio E su questo chi vuol prendere le distanze o chi vuole rimanere della propria convinzione è liberissimo di fare sia l'una che l'altra cosa, ma avendo almeno qualche "elemento" in più.

Ultimamente quando parla Gianluigi Buffon, bisogna più sapere leggere fra le righe che altro. La questione del suo futuro sta diventando una lenta e graduale strategia di riposizionamento, che non sempre i tifosi colgono e che fa restare, come giusto, i tifosi dalla parte del campionissimo agli ultimi della sua carriera, piuttosto che dalla parte della società. Era accaduto, anche se in termini più chiari e diretti, anche fra Francesco Totti e la Roma. Buffon, Totti, fuoriclasse epocali che diventano sul finire della carriera quasi dei segretari del vecchio pentapartito. Intuiscono che la fine carriera si sta avvicinando e sussurrano, alludono, trovano nei tifosi una formidabile sponda. Ognuno fa, dice e pensa quel che meglio crede, per cui non sta a nessuno entrare nel merito. Ma qualche differenza la si può notare. Con Paolo Maldini ad esempio. Si è ritirato, punto. Senza code, senza rendite di posizione, senza se e senza ma. E già che ci siamo, anche senza vellicare il consenso popolare. Paolo ha cercato, negli ultimi anni della sua carriera, solo di tirar fuori il massimo da quello che restava delle sue ginocchia. Senza politichese e senza allocuzioni ministeriali. E di questo gli va e gli andrà sempre dato atto. Anche rispetto ad altri esempi e ad altri toni.

La sensazione, e non solo quella, è che non ci sia alcun fondamento tecnico rispetto alla cessione di Dzeko. Non si cede un titolarissimo a gennaio, metà stagione, con la Champions della stagione in corso e la Champions prossima ventura tutte aperte. La stessa cosa riguarda Nainggolan. E se nè l'uno nè l'altro sono ancora partiti, è probabilmente anche dovuto al fatto che la "disponibilità" romanista alla cessione di uno piuttosto che l'altro, abbia indotto nei potenziali acquirenti, inglesi o cinesi che siano, la sensazione che la Roma dovesse venderne uno a tutti i costi. E che quindi si potessero allungare i tempi per lavorare sul prezzo. Non facciamo i moralisti sui conti che prima i poi sono un appuntamento fisso e scomodo per tutti nel calcio italiano, nessuno escluso, anzi solo la Juventus esclusa in questo ciclo che sta peraltro durando da molti anni. Ma il tanto scassato e vituperato Milan, quello di cui il presidente Pallotta parlò ampiamente nel corso dello scorso mese di Luglio, qualche soldo per il mercato di gennaio lo ha messo a disposizione dell'allenatore. Che poi ha detto no grazie, preferisco andare avanti con i miei, tenerli e andare avanti con i discorsi che sto facendo con il gruppo attuale. Per sopravvenute e comprensibilissime esigenze invece la Roma deve togliersi un pezzo di cuore. O magari l'altro. L'importante è che arrivino i soldi giusti. E i discorsi estivi restano all'orizzonte. Ma molto all'orizzonte.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tutte le sfaccettature dell'affare (fatto) chiamato "Ronaldo". Inter: le chance per Rafinha, l'idea per il centrocampo e il messaggio di Icardi. Milan: qualcuno salvi il soldato Gattuso. Napoli: il regalo di ADL per Ancelotti 10.07 - Oggi non c’è molto tempo. Però c’è parecchia “ciccia”, del resto sono iniziati i ritiri e il Mondiale sta per finire. E più il Mondiale si avvicina alla fine, più tornano le bombe di mercato. Le bombe di mercato sono importantissime, sono “il metadone” che accompagna i tossici del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy