HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League

17.08.2018 08:55 di Enzo Bucchioni   articolo letto 87503 volte
© foto di Federico De Luca

Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente spagnolo non può più mantenere la promessa fatta al centrocampista croato prima del mondiale.
Tutti colpa di Cristiano Ronaldo. Dopo aver perso il suo giocatore-simbolo, il Real Madrid non può permettersi di far andar via anche quello che ne dovrà prendere l’eredità come carisma e come leadership in campo e fuori. La posizione di Perez è comprensibile, ma è altrettanto comprensibile l’irritazione di Modric che per il suo futuro aveva disegnato scenari completamente diversi, dal passaggio all’Inter con i suoi amici-compagni croati per nuove sfide calcistiche, per poi chiudere in Cina nell’altra squadra di Suning. Al 99,9 per cento non andrà così. Restano piccolissimi margini da lasciare al dubbio di una notte tormentata, ma Luca Modric non sembra persona capace di colpi di testa clamorosi, trattasi di professionista di altissimo livello e come tale finirà per accettare la decisione del suo presidente che gli ha promesso il rinnovo del contratto fino ai 36 anni con ritocco di stipendio. In un mese di trattativa e di tira-molla forse all’Inter è mancata l’alleanza di un personaggio sul tipo di Mendes che è stato fondamentale per lavorare ai fianchi e poi convincere Florentino Perez a mollare Ronaldo. I procuratori di Modric ci hanno provato con meno armi di persuasione. Peccato.
Discorso quasi completamente chiuso dunque, ma il fatto stesso che l’Inter abbia cercato e forse in questi minuti ci sta provando ancora per un tentativo disperato, di prendere un giocatore di quel livello, ci racconta come siano cresciute in pochi mesi le ambizioni dei nerazzurri finalmente più liberi dai vincoli del fair play finanziario. E forse anche stimolati dall’affare-Ronaldo che ha scosso tutto il mercato.
Senza Modric l’Inter non farà altre mosse?
Probabile, non è escluso un ritorno last-minute su Rafinha anche se trattasi di giocatore dalle caratteristiche (oltre che del valore) diverse. Vedremo. E se la Juve è di un’altra categoria, l’Inter resta comunque la squadra che si è messa meglio. Un mercato che si potrebbe definire straordinario per la tempistica, per gli obiettivi centrati e per la qualità della rosa che mette a disposizione di Spalletti. Ausilio ha prima portato a casa parametri zero di grande rendimento come De Vriij e Asamoah, anticipato tutti su un giovane attaccante di grandissime prospettive come Lautaro Martinez, poi ha immesso muscoli e personalità (Nainggolan) sul centrocampo, per completare con Vrsaljko e Politano e chiudere con la tecnica di Keita. Ora il tecnico ha anche molte soluzioni in panchina, una squadra completa.
L’anti-Juve? Di sicuro quella che l’ha avvicinata di più. Con Modric probabilmente l’avrebbe raggiunta, ma resta la voglia di provarci.
Ci proverà anche il nuovo Milan targato Leonardo-Maldini. Un lavoro straordinario, per molti versi inatteso. In un mese è cambiato il mondo e gli arrivi di Higuain (soprattutto), ma anche Caldara, Bakayoko e ieri Laxalt e Castillejo, proiettano i rossoneri direttamente nella corsa per un posto Champions. L’anno scorso, togliendo i mesi neri di Montella, il Milan con Gattuso aveva tenuto una buona media senza avere un campione e un goleador come Higuain, l’handicap una rosa ristretta. Ora ha colmato le lacune. E attenti a Castillejo, se riesce a inserirsi con facilità ha caratteristiche tecniche (è diverso da Suso) e qualità che potrebbero sorprendere tutti.
Ma non è finita qui. Da escludere Milinkovic-Savic. Sarebbe andato al Real in caso di addio di Modric, ma non è escluso che ci possa ancora andare. In Spagna, ma anche in Francia e in Germania, il mercato chiuderà il 31 agosto. Leonardo invece non molla Rabiot. Il francese in scadenza con il Psg potrebbe essere un colpo da contendere alla Juve magari a gennaio o riuscendo già oggi a trovare un accordo per l’anno prossimo. Ci sarà battaglia.
Battaglia dialettica a Napoli fra De Laurentiis e i tifosi. Se non ci sarà il grande colpo a sorpresa oggi, le piste aperte due mesi fa non si sono chiuse a cominciare da Cavani che non ha accettato di tornare spalmandosi lo stipendio. Peccato. Il mercato così non soddisfa anche se alla fine il Napoli ha speso quasi cento milioni. Momento difficile e rischioso. Preso un allenatore numero uno come Ancelotti non sono arrivati top player. Perché? Adl si fida della rosa che l’anno scorso è arrivata seconda dopo essere stata in testa per tante domeniche, ma forse troppi giocatori sono stati esaltati dal gioco di Sarri. Riuscirà Ancelotti a riconvertirli a un gioco diverso facendoli rendere ancora al massimo? E’ questa la sfida delle sfide. Non sarà facile vincerla, servirà il miglior Ancelotti e la comprensione dell’ambiente che dovrà dare tempo affinché il lavoro del nuovo team faccia effetto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’assenza di Chiellini è più pesante di quella di Cristiano Ronaldo. Ma è la Champions della Juventus: anche così Allegri può vincere. Conte dentro, Icardi fuori: perché l’Inter deve decidersi, e presto 10.04 - Senza Chiellini contro l’Ajax non mancherà solo uno dei migliori tre difensori del mondo. Mancherà il condottiero, ancora prima che il capitano, quello che è capace di trascinare l’esercito fuori dal fuoco di fila. Si teme uno stop che possa includere anche il ritorno, ma il Chiello...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510