HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

La Giovane Italia
Editoriale

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League

17.08.2018 08:55 di Enzo Bucchioni   articolo letto 87545 volte
© foto di Federico De Luca

Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente spagnolo non può più mantenere la promessa fatta al centrocampista croato prima del mondiale.
Tutti colpa di Cristiano Ronaldo. Dopo aver perso il suo giocatore-simbolo, il Real Madrid non può permettersi di far andar via anche quello che ne dovrà prendere l’eredità come carisma e come leadership in campo e fuori. La posizione di Perez è comprensibile, ma è altrettanto comprensibile l’irritazione di Modric che per il suo futuro aveva disegnato scenari completamente diversi, dal passaggio all’Inter con i suoi amici-compagni croati per nuove sfide calcistiche, per poi chiudere in Cina nell’altra squadra di Suning. Al 99,9 per cento non andrà così. Restano piccolissimi margini da lasciare al dubbio di una notte tormentata, ma Luca Modric non sembra persona capace di colpi di testa clamorosi, trattasi di professionista di altissimo livello e come tale finirà per accettare la decisione del suo presidente che gli ha promesso il rinnovo del contratto fino ai 36 anni con ritocco di stipendio. In un mese di trattativa e di tira-molla forse all’Inter è mancata l’alleanza di un personaggio sul tipo di Mendes che è stato fondamentale per lavorare ai fianchi e poi convincere Florentino Perez a mollare Ronaldo. I procuratori di Modric ci hanno provato con meno armi di persuasione. Peccato.
Discorso quasi completamente chiuso dunque, ma il fatto stesso che l’Inter abbia cercato e forse in questi minuti ci sta provando ancora per un tentativo disperato, di prendere un giocatore di quel livello, ci racconta come siano cresciute in pochi mesi le ambizioni dei nerazzurri finalmente più liberi dai vincoli del fair play finanziario. E forse anche stimolati dall’affare-Ronaldo che ha scosso tutto il mercato.
Senza Modric l’Inter non farà altre mosse?
Probabile, non è escluso un ritorno last-minute su Rafinha anche se trattasi di giocatore dalle caratteristiche (oltre che del valore) diverse. Vedremo. E se la Juve è di un’altra categoria, l’Inter resta comunque la squadra che si è messa meglio. Un mercato che si potrebbe definire straordinario per la tempistica, per gli obiettivi centrati e per la qualità della rosa che mette a disposizione di Spalletti. Ausilio ha prima portato a casa parametri zero di grande rendimento come De Vriij e Asamoah, anticipato tutti su un giovane attaccante di grandissime prospettive come Lautaro Martinez, poi ha immesso muscoli e personalità (Nainggolan) sul centrocampo, per completare con Vrsaljko e Politano e chiudere con la tecnica di Keita. Ora il tecnico ha anche molte soluzioni in panchina, una squadra completa.
L’anti-Juve? Di sicuro quella che l’ha avvicinata di più. Con Modric probabilmente l’avrebbe raggiunta, ma resta la voglia di provarci.
Ci proverà anche il nuovo Milan targato Leonardo-Maldini. Un lavoro straordinario, per molti versi inatteso. In un mese è cambiato il mondo e gli arrivi di Higuain (soprattutto), ma anche Caldara, Bakayoko e ieri Laxalt e Castillejo, proiettano i rossoneri direttamente nella corsa per un posto Champions. L’anno scorso, togliendo i mesi neri di Montella, il Milan con Gattuso aveva tenuto una buona media senza avere un campione e un goleador come Higuain, l’handicap una rosa ristretta. Ora ha colmato le lacune. E attenti a Castillejo, se riesce a inserirsi con facilità ha caratteristiche tecniche (è diverso da Suso) e qualità che potrebbero sorprendere tutti.
Ma non è finita qui. Da escludere Milinkovic-Savic. Sarebbe andato al Real in caso di addio di Modric, ma non è escluso che ci possa ancora andare. In Spagna, ma anche in Francia e in Germania, il mercato chiuderà il 31 agosto. Leonardo invece non molla Rabiot. Il francese in scadenza con il Psg potrebbe essere un colpo da contendere alla Juve magari a gennaio o riuscendo già oggi a trovare un accordo per l’anno prossimo. Ci sarà battaglia.
Battaglia dialettica a Napoli fra De Laurentiis e i tifosi. Se non ci sarà il grande colpo a sorpresa oggi, le piste aperte due mesi fa non si sono chiuse a cominciare da Cavani che non ha accettato di tornare spalmandosi lo stipendio. Peccato. Il mercato così non soddisfa anche se alla fine il Napoli ha speso quasi cento milioni. Momento difficile e rischioso. Preso un allenatore numero uno come Ancelotti non sono arrivati top player. Perché? Adl si fida della rosa che l’anno scorso è arrivata seconda dopo essere stata in testa per tante domeniche, ma forse troppi giocatori sono stati esaltati dal gioco di Sarri. Riuscirà Ancelotti a riconvertirli a un gioco diverso facendoli rendere ancora al massimo? E’ questa la sfida delle sfide. Non sarà facile vincerla, servirà il miglior Ancelotti e la comprensione dell’ambiente che dovrà dare tempo affinché il lavoro del nuovo team faccia effetto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Maldini, in cerca di esperienza e alla ricerca della classe (persa a Genova): ecco cosa è successo. A Firenze ho visto la luce... classe 1997 e non è Chiesa 07.10 - Siete pronti a leggere una bestemmia pubblica? Eccola: in tutto questo strazio, al Milan, il meno colpevole è Marco Giampaolo. Un allenatore bravo, un grande teorico, non sempre un eccellente pratico a tal punto che pochi anni fa per far ripartire la sua carriera è dovuto scendere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510