HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League

17.08.2018 08:55 di Enzo Bucchioni   articolo letto 87486 volte
© foto di Federico De Luca

Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente spagnolo non può più mantenere la promessa fatta al centrocampista croato prima del mondiale.
Tutti colpa di Cristiano Ronaldo. Dopo aver perso il suo giocatore-simbolo, il Real Madrid non può permettersi di far andar via anche quello che ne dovrà prendere l’eredità come carisma e come leadership in campo e fuori. La posizione di Perez è comprensibile, ma è altrettanto comprensibile l’irritazione di Modric che per il suo futuro aveva disegnato scenari completamente diversi, dal passaggio all’Inter con i suoi amici-compagni croati per nuove sfide calcistiche, per poi chiudere in Cina nell’altra squadra di Suning. Al 99,9 per cento non andrà così. Restano piccolissimi margini da lasciare al dubbio di una notte tormentata, ma Luca Modric non sembra persona capace di colpi di testa clamorosi, trattasi di professionista di altissimo livello e come tale finirà per accettare la decisione del suo presidente che gli ha promesso il rinnovo del contratto fino ai 36 anni con ritocco di stipendio. In un mese di trattativa e di tira-molla forse all’Inter è mancata l’alleanza di un personaggio sul tipo di Mendes che è stato fondamentale per lavorare ai fianchi e poi convincere Florentino Perez a mollare Ronaldo. I procuratori di Modric ci hanno provato con meno armi di persuasione. Peccato.
Discorso quasi completamente chiuso dunque, ma il fatto stesso che l’Inter abbia cercato e forse in questi minuti ci sta provando ancora per un tentativo disperato, di prendere un giocatore di quel livello, ci racconta come siano cresciute in pochi mesi le ambizioni dei nerazzurri finalmente più liberi dai vincoli del fair play finanziario. E forse anche stimolati dall’affare-Ronaldo che ha scosso tutto il mercato.
Senza Modric l’Inter non farà altre mosse?
Probabile, non è escluso un ritorno last-minute su Rafinha anche se trattasi di giocatore dalle caratteristiche (oltre che del valore) diverse. Vedremo. E se la Juve è di un’altra categoria, l’Inter resta comunque la squadra che si è messa meglio. Un mercato che si potrebbe definire straordinario per la tempistica, per gli obiettivi centrati e per la qualità della rosa che mette a disposizione di Spalletti. Ausilio ha prima portato a casa parametri zero di grande rendimento come De Vriij e Asamoah, anticipato tutti su un giovane attaccante di grandissime prospettive come Lautaro Martinez, poi ha immesso muscoli e personalità (Nainggolan) sul centrocampo, per completare con Vrsaljko e Politano e chiudere con la tecnica di Keita. Ora il tecnico ha anche molte soluzioni in panchina, una squadra completa.
L’anti-Juve? Di sicuro quella che l’ha avvicinata di più. Con Modric probabilmente l’avrebbe raggiunta, ma resta la voglia di provarci.
Ci proverà anche il nuovo Milan targato Leonardo-Maldini. Un lavoro straordinario, per molti versi inatteso. In un mese è cambiato il mondo e gli arrivi di Higuain (soprattutto), ma anche Caldara, Bakayoko e ieri Laxalt e Castillejo, proiettano i rossoneri direttamente nella corsa per un posto Champions. L’anno scorso, togliendo i mesi neri di Montella, il Milan con Gattuso aveva tenuto una buona media senza avere un campione e un goleador come Higuain, l’handicap una rosa ristretta. Ora ha colmato le lacune. E attenti a Castillejo, se riesce a inserirsi con facilità ha caratteristiche tecniche (è diverso da Suso) e qualità che potrebbero sorprendere tutti.
Ma non è finita qui. Da escludere Milinkovic-Savic. Sarebbe andato al Real in caso di addio di Modric, ma non è escluso che ci possa ancora andare. In Spagna, ma anche in Francia e in Germania, il mercato chiuderà il 31 agosto. Leonardo invece non molla Rabiot. Il francese in scadenza con il Psg potrebbe essere un colpo da contendere alla Juve magari a gennaio o riuscendo già oggi a trovare un accordo per l’anno prossimo. Ci sarà battaglia.
Battaglia dialettica a Napoli fra De Laurentiis e i tifosi. Se non ci sarà il grande colpo a sorpresa oggi, le piste aperte due mesi fa non si sono chiuse a cominciare da Cavani che non ha accettato di tornare spalmandosi lo stipendio. Peccato. Il mercato così non soddisfa anche se alla fine il Napoli ha speso quasi cento milioni. Momento difficile e rischioso. Preso un allenatore numero uno come Ancelotti non sono arrivati top player. Perché? Adl si fida della rosa che l’anno scorso è arrivata seconda dopo essere stata in testa per tante domeniche, ma forse troppi giocatori sono stati esaltati dal gioco di Sarri. Riuscirà Ancelotti a riconvertirli a un gioco diverso facendoli rendere ancora al massimo? E’ questa la sfida delle sfide. Non sarà facile vincerla, servirà il miglior Ancelotti e la comprensione dell’ambiente che dovrà dare tempo affinché il lavoro del nuovo team faccia effetto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510