HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così!

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
25.09.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 27803 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic sta perdendo la brocca. Va bene caricare la squadra ma essere così duro, frenetico e "cattivo" non aiuta soprattutto perché può essere mal interpretato dai più giovani. Un derby in casa della Juventus si carica da solo non c'è bisogno che Sinisa porti ulteriore benzina. Ci spiace ma questa volta non ci è piaciuto. L'ultima volta lo difendemmo. Cartoline da Genova, Verona e Crotone. Va bene che non si usano più nell'era degli iphone e dei tablet ma noi abbiamo fatto il giro delle cartolibrerie. Abbiamo comprato un francobollo e abbiamo fatto il giro di Genova per trovarne uno che raffigurasse la faccia di Vincenzino Montella. Ribadiamo quanto già espresso: Montella è un ottimo allenatore, bravo con delle idee, ma questo Milan aveva bisogno di un altro condottiero. Il Milan ha bisogno di idee e di gioco e avrebbe bisogno anche di vincere quelle partite "sporche" dove non brilli ma fai comunque risultato. Vedi Spalletti sopra. Il Milan ha bisogno di amalgamarsi e, come diciamo da due mesi, quest'anno per lo scudetto sarebbe stupido pensare ai rossoneri. L'unico e grande obiettivo è il ritorno in Champions. I rossoneri devono fare la corsa sulla Roma e stare attenti a questa Lazio che sembra, quasi, una macchina perfetta. Fassone e Mirabelli, la scorsa estate, hanno fatto tutto bene ma avrebbero dovuto cambiare il pilota dell'aeroplanino. Un motivo su tutti: non puoi fare una rivoluzione e tenerti l'allenatore che ha scelto un'altra dirigenza. Montella non è l'allenatore adatto a questo Milan e, siccome un anno non si può perdere, si vada avanti con lui ma l'errore di base resta. La squadra c'è e va fatta giocare con il modulo che valorizzi i singoli. Ci vuole pazienza? La avremo. Ma da Genova non puoi uscire con le ossa rotte.
Cartolina da Verona: ciao amore, ti salutano Giulietta e Romeo. Ma sai che il Verona ha un allenatore che con con la serie A non ha nulla in comune? Ciao amore, Verona è bellissima ma di questo passo il prossimo anno Milan, Inter e Juventus verranno in gita di nuovo una volta sola. Ci dispiace per il Verona? No. Per i suoi tifosi? Sì. Una società che non capisce, da un anno, che il problema principale è l'allenatore non merita di avere giustificazioni. Fusco e Setti devono fare una cosa elementare: prendere un vero allenatore in panchina (Ballardini, Guidolin, Iachini, Di Carlo fate quello che volete) e progettare già il mercato di gennaio. Per fortuna ci sono diverse squadre non all'altezza ma la storia e il blasone del Verona dovrebbero avere maggiore peso. La squadra non è forte, è un dato di fatto ma il Verona non brillava neanche lo scorso anno in B dove era di altra categoria. Cosa c'è dietro che non fa prendere decisioni sulla posizione di Fabio Pecchia? Non abbiamo nulla contro il Mister che è un bravo ragazzo e si presenta bene ma più di fare l'allenatore in una medio-bassa serie B non può ambire. Ci sono almeno 7-8 allenatori in B più capaci di Pecchia. Qualche nome, giusto per essere scortesi? Novellino, Vivarini, Longo, Tedino e tanti altri. Non ha più alibi neanche Baroni a Benevento. Una partenza così non se la aspettava neanche il più pessimista degli stregoni. I peggiori numeri in Europa. Record su record per una squadra che doveva far sognare e che questo sogno della serie A lo ha cullato tutta una vita e a fine settembre sembra già diventato un incubo. Ma come, con Napoli e Roma puoi prenderli 10 gol? Innanzitutto no. Ci vuole dignità come sta facendo la Spal e se lasci le penne anche a Crotone c'è davvero poco da salvare. Comunque Vigorito ha pronto il piano B e il piano C ed è pronto alla rivoluzione non solo in panchina. Questione di tempo. Baroni, purtroppo, peggio di così non poteva giocarsi le sue carte e c'è anche da dire che se pensi di fare la serie A con Coda e Iemmello significa che, prima, la A l'avevi vista solo su Sky.
Quest'anno tifo per Juventus e Napoli. Poi devo mandare il conto a Pedullà che ha perso una scommessa su Juventus-Torino e non vuole pagarla. Pedullà è fan di Sarri da quando io giocavo a subbuteo però quando sabato gli ho detto: la Juve vince il derby 3-0, aveva qualche dubbio. Credeva in Sinisa e nelle corna che ha il Toro. La Juve ha vinto 4-0. Certo, se Baselli... Se la Juve non avesse segnato subito... Se Belotti... Se... Se... Nulla da fare. Signori, in Italia la Juve è sempre una marcia avanti, come lo è indietro in Europa. Ci resta solo il Napoli. Quest'anno Sarri vince anche partite che lo scorso anno non avrebbe portato a casa. Merito di questa squadra che gioca il miglior calcio italiano e merito di un allenatore che ora passa anche alle cose formali e concrete. A Ferrara contava solo vincere e hai vinto, contro un avversario che ti aspettava da una vita e che ha grande dignità e organizzazione di gioco. Preghiamo San Gennaro che il Napoli non molli un centimetro perché un altro campionato deciso a febbraio non piace più a nessuno.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tutte le sfaccettature dell'affare (fatto) chiamato "Ronaldo". Inter: le chance per Rafinha, l'idea per il centrocampo e il messaggio di Icardi. Milan: qualcuno salvi il soldato Gattuso. Napoli: il regalo di ADL per Ancelotti 10.07 - Oggi non c’è molto tempo. Però c’è parecchia “ciccia”, del resto sono iniziati i ritiri e il Mondiale sta per finire. E più il Mondiale si avvicina alla fine, più tornano le bombe di mercato. Le bombe di mercato sono importantissime, sono “il metadone” che accompagna i tossici del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy