VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Morata più lontano, la Juve tra James e André Gomes. Pjanic, la Roma lo blocca. In arrivo Berardi, Duncan e Vrsaljko. Milan, ai cinesi non basta l'ok di Berlusconi. Montella bocciato da Lotito

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
20.05.2016 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 46076 volte
© foto di Federico De Luca

La Juve ha capito che stanno svanendo le ultime speranze di tenersi Morata. Il Real farà valere la clausola rescissoria fissata a trenta milioni per poi fare plusvalenza vendendo il giocatore al Chelsea o all'Arsenal che lo hanno chiesto proponendo oltre cinquanta milioni. Morata ha sempre detto di star bene anche alla Juve, ma le squadre inglesi gli hanno offerto 6 milioni di ingaggio. I bianconeri non ci possono arrivare. Prima di decidere il Real aspetta anche Ancelotti al quale Morata piace moltissimo per il suo Bayern. Si farà uno scambio con Lewandosky? Florentino Perez ci spera.

E' chiaro che senza Morata la Juventus avrà bisogno di un altro attaccante importante oltre che di un trequartista e di un centrocampista centrale. Che fare? Marotta ha più tavoli aperti e aspetta l'occasione favorevole.

Per il centrocampista il primo della lista è sempre il portoghese Andrè Gomez, che può giocare in diversi ruoli del centrocampo e fare all'occasione anche il trequartista. Qualche settimana fa il Valencia ha sparato alto (60 milioni) e la Juve si era raffreddata, salvo poi tornare alla carica nella speranza di poter chiudere attorno ai quaranta, cifra alta ma logica. Il Valencia tratta, ma ha chiesto in cambio Zaza che la Juve valuta 30 milioni e terrebbe ancora volentieri.

Ma, per cautelarsi, il riscatto di Berardi dal Sassuolo è praticamente cosa fatta anche se la partita è stata allargata a Duncan e Vrsalyko. Il terzino è nel mirino da tempo. Duncan, 23 anni, potrebbe essere il centrocampista fisico che Allegri vuole in rosa.

Tornando a Morata e al Real, la Juve ha proposto anche degli scambi. In alternativa a Gomez piacciono James (valutato 60 milioni) e Isco che con Zidane si sentono sacrificati, per i quali la Signora stravede da tempo. L'affare è complicato, Isco ha già detto di voler restare a Madrid, James è combattuto, ma per entrambi il problema sarebbe l'ingaggio. Ingaggio che ha bloccato anche il tentativo di prendere Cavani. Il Psg non si è messo a trattare, ma un'operazione del genere costerebbe cinquanta milioni più un ingaggio da 7-8 milioni. Non piace più di tanto Sanchez, troppo simile a Dybala, che l'Arsenal metterebbe sul mercato qualora riuscisse a prendere Morata.

Un altro grande sogno di Marotta è Pjanic. La trattativa è stata condotta bene, sott'acqua, per diverso tempo. La Juve era pronta a sborsare la clausola di 38 milioni, ma la Roma si è messa pesantemente di traverso. Sta cercando di convincere il ragazzo a restare, si sono mossi anche Nainggolan e De Rossi, per non smantellare il centrocampo e dimostrare di voler fare una squadra da scudetto, Sabatini ha deciso di non vendere il belga, mettendo invece sul mercato Rudiger. Ora Pjanic ha forti dubbi, forse resterà a Roma.

Comunque la Juve ha deciso che la priorità è avere un centrocampo più forte e più duttile, per un altro attaccante con Dybala, Mandzukic, Zaza e Berardi (in arrivo), si può ragionare con più calma aspettando il colpo giusto.

Colpo che la Roma spera di fare con l'Inter scambiando Dzeko con Icardi. Mancini in un primo tempo aveva dato l'ok all'operazione, ma l'argentino non vuole lasciare Milano per Roma, allora meglio l'estero. Le offerte non mancano. Ma se serviranno risorse per il fair play finanziario, l'Inter ha deciso di sacrificare Handanovic e nessun altro.

Berlusconi sta cercando di sacrificare se stesso, cioè il suo amore, per salvare il Milan, ma la cessione ai cinesi (dead line il 15 giugno) si complica. Trattare con una cordata è complesso e i cinesi sono pignolissimi e rigidissimi, sui conti e sulle clausole. Non è bastato il sì di Berlusconi alla vendita del pacchetto di maggioranza, troppe altre cose non tornano. Nel frattempo c'è da scegliere l'allenatore.

I cinesi vorrebbero un nome forte (Emery o Pellegrini) che costa, Berlusconi invece punterebbe su un profilo italiano più basso (Giampaolo? Brocchi?) e meno costoso. Se i cinesi non diranno sì alla svelta come finirà? C'è chi ha suggerito Garcia. Vedremo. Garcia è stato accostato anche alla Fiorentina che per altro dieci giorni fa ha confermato Sousa. Però alcuni discorsi del portoghese sul presidente Cognigni non sono piaciuti, c'è la sensazione che Sousa non abbia capito la volontà dei Della Valle. Sta ancora tirando la corda? Forse. Anche per questo la Fiorentina si sta cautelando e cautelandosi si è arrivati a Garcia, o addirittura a Giampaolo che piace molto a Corvino per molti nuovo Dt viola. Che succede? Il ritorno dei Della Valle da un viaggio di lavoro in Cina dovrebbe porre fine a questo stucchevole valzer e dira chiaramente e definitivamente da chi sarà guidata la Fiorentina l'anno prossimo.

Intanto però Pradè sta trattando Mario Rui con l'Empoli. Il terzino prenderebbe il posto di Pasqual che viceversa dovrebbe chiudere la carriera proprio a Empoli, vicino a casa.

Sempre in tema di allenatori, Sarri dovrebbe rinnovare a giorni. De Laurentiis ha speso grandi parole, ora è il tempo dei fatti. Fatti che arrivano dal mercato. Dopo Tonelli con Lapadula ai dettagli, viste le difficoltà di arrivare a Vecino, Giuntoli sta puntando su Klaassen e Hector Herrera nomi già inseguiti a gennaio. Non è sul mercato, invece, Koulibaly per il quale il Chelsea era pronto a sborsare 30 milioni.

Ieri si è accasato Iachini all'Udinese, martedì il Toro dovrebbe annunciare Mihajlovic. Ventura andrà in Nazionale come Ct con Lippi Dt . La candidatura forte era Montella, ma è caduta per l'opposizione di Lotito, "troppo romanista" lo ha bollato. E poi Tavecchio continua a dire che Lotito non conta...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.