HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Nainggolan e Belotti meglio di Dembelè. Kalinic, crudo ma chiaro. Niang come Cerci? Keita: sarà vera ritirata quella della Juve?

19.08.2017 08:27 di Mauro Suma   articolo letto 44288 volte

Tre anni fa era l'estate dell'Ice Bucket Challenge. Nato per scherzo e diventato virale. Questa è invece l'estate dell'I go where i want. E' altrettanto virale, anche se evidentemente non è un hashtag o qualcosa di definito. E' la moda, inaugurata da Neymar e Dembelè, di prendere la propria strada senza temere le reazioni, le multe e le raccomandate del proprio Club di appartenenza. Lo fa uno e poi lo fanno tutti. I casi social che diventano giurisprudenza. O più semplicemente, virali. L'acqua geleta in testa la prendono le società, a torto o a ragione. Sono tutti casi diversissimi fra loro. Da Neymar che vuol bene a Messi ma che non vuole più esserne il comprimario nella considerazione dei tifosi a Dembelè che sente puro e semplice, forte e chiaro, il richiamo del denaro. Da Kondogbia che capisce con l'autogol virale, anche quello, che se non cambia strada la sua carriera agonistica rischia di finire su un binario morto, ad altri casi legati a Fiorentina, Lazio,. Milan e Juventus cui stiamo per fare cenno. Hanno resistito a questa tentazione, due giocatori in particolare: il Ninja Nainggolan e il Gallo Belotti. Il primo sembrava che scrutasse l'orizzonte sui social per scegliere la strada migliore per raggiungere Milano e che ha invece finito per rinnovare il contratto senza imitare il caso di Emerson di qualche anno fa, anzi di 13 anni fa, il famoso caso dell'esaurimento nervoso bianconero del brasiliano. Il secondo è rimasto disciplinatamente e rispettosamente, da anti-personaggio acqua e sapone qual è, delle scelte di mercato del Torino e accanto alla fede dei suoi tifosi.

Eccoci invece al caso di Nikola Kalinic. Il giocatore, un croato dalla scorza dura e dalla forza emotiva altrettanto tosta, era stato citato a inizio estate, in tempi non sospetti, anche da Pantaleo Corvino come esempio di giocatore che ci mette la faccia e che dice pane al pane e vino al vino: "Considero chiusa l'esperienza viola e voglio andare al Milan quest'estate o mai più". Lo voleva anche Sarri un anno fa, ma poi l'attaccante rimase a Firenze. Il pensiero di Kalinic lo ha espresso a tutti nel ritiro viola: "Mettetevi d'accordo, fate quello che volete fare, voglio andare al Milan". La Fiorentina, legittimamente e in maniera sacrosanta trattandosi di un suo giocatore, aveva preso le sue posizioni. Anche agli occhi dei propri tifosi, che sta per ritrovare allo stadio nella seconda di Campionato...In cuor suo Kalinic si è detto: sono partiti ilicic, Borja, Vecino e Bernardeschi, perchè devo rimanere solo io? La Fiorentina dal canto suo ha fatto valere, pur arrivando sostanzialmente all'accordo con il Milan nella serata di ieri, il proprio libero arbitro nella conduzione della trattativa con il Milan e nella valutazione economica del proprio giocatore. Garanzie? Banche? Il Milan sa come trapelano le cose, ma ha fatto buon viso ed è rimasto dentro la trattativa fino al momento giusto. Soprattutto nel rispetto di un giocatore molto importante e molto funzionale che stava aspettando da diverse settimane proprio i rossoneri. La valutazione del Milan era di 25 milioni di euro, la trattativa è proseguita in quel solco. E' stato così per Conti ed è stato così per Biglia, nervi saldi e dialogo fino al risultato. Vicenda risolta, Kalinic è pratico, essenziale, intelligente, fa gol e farà crescere Andrè Silva. Caso diverso quello di Niang. Come per Donnarumma, è molto importante che chi lo consiglia sappia e gli trasmetta il concetto che i tifosi del Milan lo vivono e lo vedono come il Cerci di un anno e mezzo fa. A buon intenditor...Anche perchè il mercato in uscita del Milan è stato così ingiustamente sottovalutato che non merita di essere inibito da una operazione che lo porterebbe al realizzo di 70 milioni di euro in entrata. Impresa nell'impresa.

E Keita? Beh, qui la Lazio ci ha messo del suo. Non solo lo ha escluso dalla rosa della Supercoppa, ma l'ha anche vinta. Agli occhi dei tifosi biancocelesti, il talento offensivo di Inzaghi è un orpello capriccioso e inutile. E' davvero finita e fra un anno il contratto scade. Keita è abbastanza esasperato e la partita a scacchi continua. La Juventus dice che si ritira, ma è verità o tattica? Nel senso che ritira l'offerta estiva, ma si prepara a ricevere il giocatore bello gratis a Gennaio? Se la Juventus avesse davvero accantonato la pista, a questo punto rientra nei giochi il Napoli con i suoi 25 milioni di euro proposti alla Lazio: ma con un presidente come ADL, che in qualche tono e in alcuni modi ricorda proprio Claudio Lotito, riusciranno mai Roberto Calenda e Keita a trovare un accordo duraturo? O che possano essere una Inter da inversione a U rispetto a Schick o un Milan da ultimissime ore di mercato l'extrema ratio, la soluzione mozzafiato del rebus Keita Balde? Intanto inizia il Campionato, poi si vedrà. Ma risparmiamoci prediche e articolesse. Il calcio cambia, così come non esistevano fino a pochi mesi fa banche e fidejussioni e adesso sono invece le protagoniste del calcio parlato e mediatico, dobbiamo abituarci, e sarà una ruota che gira per tutti, al calcio dei progetti in stallo e dei giocatori che li forzano. Volenti o nolenti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve umana ma cambia poco. Napoli, bello e impossibile. Roma, che delusione. Il giorno di Gravina: Presidente cambia gli uomini poi il sistema 22.10 - La Juventus è umana. Già questa è una notizia. Pareggia contro la sua bestia nera, il Genoa di Juric, e almeno rende diverso il week end di serie A. Non siamo quelli dai titoloni "Adesso torna a sognare il Napoli" oppure "La Juventus inciampa" ma crediamo che rientri tutto nella normalità...

Editoriale DI: Andrea Losapio

C'è una guerra in corso per il Var? Stecca la Juventus, fermando Piatek. Pare già mercato con Paquetà 21.10 - Anche nella giornata di ieri il Var è stato assente non giustificato nell'espulsione di Milinkovic-Savic, portiere della Spal. Vero è che il campo di applicazione non poteva intervenire nel doppio giallo del numero uno serbo (sarebbe anche utile capire se sarebbe scattata l'ammonizione...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Napoli e Roma su Piatek. Paratici segue anche De Ligt dell’Ajax. Ancelotti pronto a fermare il Psg. Per i giallorossi ipotesi Herrera del Porto. Lazio su Brahimi, Inter-Milan che derby 20.10 - Per Piatek è pronta a scatenarsi l’asta. L’avvio travolgente dell’attaccante polacco pagato appena 5 milioni di euro da Preziosi ha catturato l’attenzione un po’ di tutti. In Italia ci sono Juventus, Napoli e Roma. Il club bianconero là davanti ha problemi di abbondanza se si pensa...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto   19.10 - Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”. E’ più di...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy