VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Nainggolan e Belotti meglio di Dembelè. Kalinic, crudo ma chiaro. Niang come Cerci? Keita: sarà vera ritirata quella della Juve?

19.08.2017 08:27 di Mauro Suma   articolo letto 44201 volte

Tre anni fa era l'estate dell'Ice Bucket Challenge. Nato per scherzo e diventato virale. Questa è invece l'estate dell'I go where i want. E' altrettanto virale, anche se evidentemente non è un hashtag o qualcosa di definito. E' la moda, inaugurata da Neymar e Dembelè, di prendere la propria strada senza temere le reazioni, le multe e le raccomandate del proprio Club di appartenenza. Lo fa uno e poi lo fanno tutti. I casi social che diventano giurisprudenza. O più semplicemente, virali. L'acqua geleta in testa la prendono le società, a torto o a ragione. Sono tutti casi diversissimi fra loro. Da Neymar che vuol bene a Messi ma che non vuole più esserne il comprimario nella considerazione dei tifosi a Dembelè che sente puro e semplice, forte e chiaro, il richiamo del denaro. Da Kondogbia che capisce con l'autogol virale, anche quello, che se non cambia strada la sua carriera agonistica rischia di finire su un binario morto, ad altri casi legati a Fiorentina, Lazio,. Milan e Juventus cui stiamo per fare cenno. Hanno resistito a questa tentazione, due giocatori in particolare: il Ninja Nainggolan e il Gallo Belotti. Il primo sembrava che scrutasse l'orizzonte sui social per scegliere la strada migliore per raggiungere Milano e che ha invece finito per rinnovare il contratto senza imitare il caso di Emerson di qualche anno fa, anzi di 13 anni fa, il famoso caso dell'esaurimento nervoso bianconero del brasiliano. Il secondo è rimasto disciplinatamente e rispettosamente, da anti-personaggio acqua e sapone qual è, delle scelte di mercato del Torino e accanto alla fede dei suoi tifosi.

Eccoci invece al caso di Nikola Kalinic. Il giocatore, un croato dalla scorza dura e dalla forza emotiva altrettanto tosta, era stato citato a inizio estate, in tempi non sospetti, anche da Pantaleo Corvino come esempio di giocatore che ci mette la faccia e che dice pane al pane e vino al vino: "Considero chiusa l'esperienza viola e voglio andare al Milan quest'estate o mai più". Lo voleva anche Sarri un anno fa, ma poi l'attaccante rimase a Firenze. Il pensiero di Kalinic lo ha espresso a tutti nel ritiro viola: "Mettetevi d'accordo, fate quello che volete fare, voglio andare al Milan". La Fiorentina, legittimamente e in maniera sacrosanta trattandosi di un suo giocatore, aveva preso le sue posizioni. Anche agli occhi dei propri tifosi, che sta per ritrovare allo stadio nella seconda di Campionato...In cuor suo Kalinic si è detto: sono partiti ilicic, Borja, Vecino e Bernardeschi, perchè devo rimanere solo io? La Fiorentina dal canto suo ha fatto valere, pur arrivando sostanzialmente all'accordo con il Milan nella serata di ieri, il proprio libero arbitro nella conduzione della trattativa con il Milan e nella valutazione economica del proprio giocatore. Garanzie? Banche? Il Milan sa come trapelano le cose, ma ha fatto buon viso ed è rimasto dentro la trattativa fino al momento giusto. Soprattutto nel rispetto di un giocatore molto importante e molto funzionale che stava aspettando da diverse settimane proprio i rossoneri. La valutazione del Milan era di 25 milioni di euro, la trattativa è proseguita in quel solco. E' stato così per Conti ed è stato così per Biglia, nervi saldi e dialogo fino al risultato. Vicenda risolta, Kalinic è pratico, essenziale, intelligente, fa gol e farà crescere Andrè Silva. Caso diverso quello di Niang. Come per Donnarumma, è molto importante che chi lo consiglia sappia e gli trasmetta il concetto che i tifosi del Milan lo vivono e lo vedono come il Cerci di un anno e mezzo fa. A buon intenditor...Anche perchè il mercato in uscita del Milan è stato così ingiustamente sottovalutato che non merita di essere inibito da una operazione che lo porterebbe al realizzo di 70 milioni di euro in entrata. Impresa nell'impresa.

E Keita? Beh, qui la Lazio ci ha messo del suo. Non solo lo ha escluso dalla rosa della Supercoppa, ma l'ha anche vinta. Agli occhi dei tifosi biancocelesti, il talento offensivo di Inzaghi è un orpello capriccioso e inutile. E' davvero finita e fra un anno il contratto scade. Keita è abbastanza esasperato e la partita a scacchi continua. La Juventus dice che si ritira, ma è verità o tattica? Nel senso che ritira l'offerta estiva, ma si prepara a ricevere il giocatore bello gratis a Gennaio? Se la Juventus avesse davvero accantonato la pista, a questo punto rientra nei giochi il Napoli con i suoi 25 milioni di euro proposti alla Lazio: ma con un presidente come ADL, che in qualche tono e in alcuni modi ricorda proprio Claudio Lotito, riusciranno mai Roberto Calenda e Keita a trovare un accordo duraturo? O che possano essere una Inter da inversione a U rispetto a Schick o un Milan da ultimissime ore di mercato l'extrema ratio, la soluzione mozzafiato del rebus Keita Balde? Intanto inizia il Campionato, poi si vedrà. Ma risparmiamoci prediche e articolesse. Il calcio cambia, così come non esistevano fino a pochi mesi fa banche e fidejussioni e adesso sono invece le protagoniste del calcio parlato e mediatico, dobbiamo abituarci, e sarà una ruota che gira per tutti, al calcio dei progetti in stallo e dei giocatori che li forzano. Volenti o nolenti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata 13.04 - Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef. IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le lezioni di Juve e Roma: a tutti. Sarri e il suo sogno e i prestiti “vietati” 12.04 - È una beffa. Forse la peggiore. Un rigore, di cui discuteremo anche a lungo, nel tempo di recupero, con addirittura l’espulsione di Buffon, raramente visto così arrabbiato. La Juventus stava raddoppiando l’impresa della Roma, e sarebbe stato duro dover scegliere quale sarebbe stato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.