VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Nainggolan e Belotti meglio di Dembelè. Kalinic, crudo ma chiaro. Niang come Cerci? Keita: sarà vera ritirata quella della Juve?

19.08.2017 08:27 di Mauro Suma   articolo letto 44014 volte

Tre anni fa era l'estate dell'Ice Bucket Challenge. Nato per scherzo e diventato virale. Questa è invece l'estate dell'I go where i want. E' altrettanto virale, anche se evidentemente non è un hashtag o qualcosa di definito. E' la moda, inaugurata da Neymar e Dembelè, di prendere la propria strada senza temere le reazioni, le multe e le raccomandate del proprio Club di appartenenza. Lo fa uno e poi lo fanno tutti. I casi social che diventano giurisprudenza. O più semplicemente, virali. L'acqua geleta in testa la prendono le società, a torto o a ragione. Sono tutti casi diversissimi fra loro. Da Neymar che vuol bene a Messi ma che non vuole più esserne il comprimario nella considerazione dei tifosi a Dembelè che sente puro e semplice, forte e chiaro, il richiamo del denaro. Da Kondogbia che capisce con l'autogol virale, anche quello, che se non cambia strada la sua carriera agonistica rischia di finire su un binario morto, ad altri casi legati a Fiorentina, Lazio,. Milan e Juventus cui stiamo per fare cenno. Hanno resistito a questa tentazione, due giocatori in particolare: il Ninja Nainggolan e il Gallo Belotti. Il primo sembrava che scrutasse l'orizzonte sui social per scegliere la strada migliore per raggiungere Milano e che ha invece finito per rinnovare il contratto senza imitare il caso di Emerson di qualche anno fa, anzi di 13 anni fa, il famoso caso dell'esaurimento nervoso bianconero del brasiliano. Il secondo è rimasto disciplinatamente e rispettosamente, da anti-personaggio acqua e sapone qual è, delle scelte di mercato del Torino e accanto alla fede dei suoi tifosi.

Eccoci invece al caso di Nikola Kalinic. Il giocatore, un croato dalla scorza dura e dalla forza emotiva altrettanto tosta, era stato citato a inizio estate, in tempi non sospetti, anche da Pantaleo Corvino come esempio di giocatore che ci mette la faccia e che dice pane al pane e vino al vino: "Considero chiusa l'esperienza viola e voglio andare al Milan quest'estate o mai più". Lo voleva anche Sarri un anno fa, ma poi l'attaccante rimase a Firenze. Il pensiero di Kalinic lo ha espresso a tutti nel ritiro viola: "Mettetevi d'accordo, fate quello che volete fare, voglio andare al Milan". La Fiorentina, legittimamente e in maniera sacrosanta trattandosi di un suo giocatore, aveva preso le sue posizioni. Anche agli occhi dei propri tifosi, che sta per ritrovare allo stadio nella seconda di Campionato...In cuor suo Kalinic si è detto: sono partiti ilicic, Borja, Vecino e Bernardeschi, perchè devo rimanere solo io? La Fiorentina dal canto suo ha fatto valere, pur arrivando sostanzialmente all'accordo con il Milan nella serata di ieri, il proprio libero arbitro nella conduzione della trattativa con il Milan e nella valutazione economica del proprio giocatore. Garanzie? Banche? Il Milan sa come trapelano le cose, ma ha fatto buon viso ed è rimasto dentro la trattativa fino al momento giusto. Soprattutto nel rispetto di un giocatore molto importante e molto funzionale che stava aspettando da diverse settimane proprio i rossoneri. La valutazione del Milan era di 25 milioni di euro, la trattativa è proseguita in quel solco. E' stato così per Conti ed è stato così per Biglia, nervi saldi e dialogo fino al risultato. Vicenda risolta, Kalinic è pratico, essenziale, intelligente, fa gol e farà crescere Andrè Silva. Caso diverso quello di Niang. Come per Donnarumma, è molto importante che chi lo consiglia sappia e gli trasmetta il concetto che i tifosi del Milan lo vivono e lo vedono come il Cerci di un anno e mezzo fa. A buon intenditor...Anche perchè il mercato in uscita del Milan è stato così ingiustamente sottovalutato che non merita di essere inibito da una operazione che lo porterebbe al realizzo di 70 milioni di euro in entrata. Impresa nell'impresa.

E Keita? Beh, qui la Lazio ci ha messo del suo. Non solo lo ha escluso dalla rosa della Supercoppa, ma l'ha anche vinta. Agli occhi dei tifosi biancocelesti, il talento offensivo di Inzaghi è un orpello capriccioso e inutile. E' davvero finita e fra un anno il contratto scade. Keita è abbastanza esasperato e la partita a scacchi continua. La Juventus dice che si ritira, ma è verità o tattica? Nel senso che ritira l'offerta estiva, ma si prepara a ricevere il giocatore bello gratis a Gennaio? Se la Juventus avesse davvero accantonato la pista, a questo punto rientra nei giochi il Napoli con i suoi 25 milioni di euro proposti alla Lazio: ma con un presidente come ADL, che in qualche tono e in alcuni modi ricorda proprio Claudio Lotito, riusciranno mai Roberto Calenda e Keita a trovare un accordo duraturo? O che possano essere una Inter da inversione a U rispetto a Schick o un Milan da ultimissime ore di mercato l'extrema ratio, la soluzione mozzafiato del rebus Keita Balde? Intanto inizia il Campionato, poi si vedrà. Ma risparmiamoci prediche e articolesse. Il calcio cambia, così come non esistevano fino a pochi mesi fa banche e fidejussioni e adesso sono invece le protagoniste del calcio parlato e mediatico, dobbiamo abituarci, e sarà una ruota che gira per tutti, al calcio dei progetti in stallo e dei giocatori che li forzano. Volenti o nolenti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.