VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Napoli che tonfo, appeso all'Euopa League. E il futuro? Lazio, pazienza e audacia. La ricostruzione (troppo lenta?) delle milanesi...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
09.04.2015 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 23659 volte
Napoli che tonfo, appeso all'Euopa League. E il futuro? Lazio, pazienza e audacia. La ricostruzione (troppo lenta?) delle milanesi...

La coppa Italia ci ha regalato belle emozioni. Qualcuno è esaltato, qualcuno depresso e probabilmente anche molto innervosito, per non dire peggio.
E allora cominciamo dai delusi. Soprattutto il Napoli. Che infatti andrà in ritiro perché De Laurentiis è più che innervosito. Imbufalito. Perché se la Fiorentina ha vissuto una serata di blackout contro una Juve che anche con le "riserve" in campo ha dimostrato di essere un passo avanti agli altri, il tonfo del Napoli è stato accompagnato dai fischi sonori.
Sembra respirarsi uno scollamento fra il progetto di Benitez e la piazza. I risultati che non arrivano in campionato, il secondo obiettivo stagionale che salta, il futuro ancora incerto. Incertissimo. E anche i fischi possono avere un'incidenza sul futuro dell'allenatore spagnolo.
Se prima c'erano dubbi, se il colloquio con De Laurentiis (previsto entro aprile) tarda ad arrivare, se i rumori di mercato raccontano di un Napoli alla ricerca nel casting dell'allenatore per la prossima stagione evidentemente ora tutto questo non può non interferire ancora di più.
E' vero: manca l'Europa League. E la vittoria in Europa spalancherebbe la porta della Champions. Quindi tutto ora passa dal campo che Benitez preferisce: l'eliminazione diretta. Anche se dirlo oggi sembra una presa in giro. L'Europa League è tutto per il Napoli. Soprattutto per il futuro. I nomi? E' tutto una grande nebulosa, visto che molto (o tutto) dipende dall'allenatore. Benitez ha le sue idee, vorrebbe imporle anche (eventualmente) per la prossima stagione con un solo anno di contratto. Magari per non sentirsi vincolato anche per troppo tempo. Ma cosa risponderà De Laurentiis? Il presidente in passato ha saputo gestire situazioni molto complesse con grande autorevolezza e tirando fuori proprio il nome di Benitez. Ci aspettiamo ancora una volta un suo intervento del genere. In questo momento il Napoli deve lavorare su due binari: cercare di svoltare la stagione (e quindi appoggiare in tutto e per tutto Benitez) e allo stesso tempo garantirsi il futuro senza accumulare ritardi (o indecisioni). Un bel problema.
Quanto alla Fiorentina la situazione appare sinceramente diversa. Intanto la stagione viola non è aveva gli stessi obiettivi del Napoli. E poi anche la Fiorentina è ancora in corsa per l'Europa League. E' vero anche che però Montella (per motivi opposti a Benitez) potrebbe andar via. Piace a molti (Napoli compreso, senza dimenticare il Milan, se dovesse arrivare Bee), non ha la frenesia di andarsene, chi lo vuole deve tirar fuori 5 milioni di clausola. Ma il progetto viola ha una continuità. Non ci sarà Macia (ufficiale al Betis), una delle anime di questa Fiorentina. Molto probabilmente rimarrà Pradé, "l'altra metà".
Chi ha vinto gode, com'è giusto che sia. La Juve sogna addirittura il triplete (mai porre limiti alla provvidenza), la Lazio è la dimostrazione che con la programmazione si può arrivare lontano. Pazienza e anche un po' di fortuna. Ma la fortuna aiuta gli audaci. E Pioli, a suo modo, lo è. Felipe Anderson la sorpresa assoluta. Lulic l'uomo da celebrare (da ormai un paio d'anni, evidentemente!). La Lazio riesce a comprare (quest'anno meno a vendere) e ha un disavanzo (da bilancio) di neanche 15 milioni. Ampiamente sostenibile se arriva un trofeo (magari condito dall'accesso in Champions).
Discorsi completamente diversi per le milanesi. Ormai ne parliamo da mesi. Sia da parte interista che da parte milanista di cose da fare ce ne saranno da fare tantissime. Molti punti interrogativi. Più in casa rossonera in questo momento. Si avvicina fine aprile. Ovvero il momento in cui mister Bee verrà in Italia per parlare con Berlusconi. Sembra lui nettamente in vantaggio sugli altri pretendenti al trono rossonero. E ieri, alla presentazione del libro di Sacchi, prove di abbracci fra Galliani e Maldini (designato come direttore generale con l'eventuale nuova proprietà). Chissà che al di là dell'educazione e della forma non sia anche un disgelo in vista del futuro. Intanto, sempre alla presentazione di un libro (quello di Marianella) Mancini ha cercato di fare luce sul futuro dell'Inter. Si dice che se non sia accontentato possa lasciare per la seconda volta l'Inter. Avendolo visto (e ascoltato) da vicino, la sensazione non è quella. Sarà l'aplomb inglese, sarà la capacità acquisita di sdrammatizzare (ma anche di comprendere a fondo) il momento decisamente negativo, ma comunque la figura di Mancini è ancora una figura di garanzia. Quindi sicuramente ci saranno delle cessioni eccellenti (Handanovic e Kovacic in questo momento i maggiori indiziati, uno fra Juan e Ranocchia, naturalmente al prezzo giusti e attenzione ad Icardi??), ma sarà necessario continuare sull'idea e il prestigio del Mancio. Jovetic, Ayew, Touré e difensori.
Ora è momento di riflessioni profonde, ovunque. In tutta Italia. Ma a Napoli, di sicuro, un po' di più…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.