VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Napoli con 107 punti, la Juve di un anno fa fuori dalla Champions: è davvero la Serie A che vogliamo? La Lega si dia una mossa. Nuovo Mondiale per Club, complimenti Boban: tre problemi risolti in un colpo solo

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
05.11.2017 09:14 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 55754 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Trentuno punti di differenza tra la prima e l'ultima della classe dopo undici giornate. C'è chi, dopo aver conquistato dieci vittorie e un pareggio, ha ben tre squadre a distanza di una vittoria o anche meno. E ben 7 squadre con una media inferiore al punto a partita, che in molti casi è più che sufficiente per portare a casa la salvezza.
E' davvero questa la Serie A che vogliamo? Più che nelle passate stagioni, quest'anno la Serie A ci racconta di un campionato diviso in tre fasce che poco o nulla hanno da spartirsi. Le prime vincono sempre e comunque, e in nove casi su dieci perdono punti solo negli scontri diretti. Poi c'è la fascia di mezzo, il limbo in cui vivacchiano color che son sospesi. Cinque-sei squadre che non hanno più obiettivi di classifica. O meglio, non li hanno mai avuti. E poi chi viaggia con una media inferiore al punto a partita e lotta per non retrocedere, consapevole del fatto che ormai basta una vittoria ogni quattro partite per esser certi di restare in Serie A.
La spaccatura è netta, evidente. E porterebbe a delle situazioni paradossali se il dato che emerge dalle prime undici giornate fosse quello finale: Napoli primo con 107 punti, Inter seconda con 100 e due squadre poco sotto la tripla cifra.
Tutti in alto viaggiano a un ritmo folle. La Juve che in questo momento è terza insieme alla Lazio ha un punto in più della Juventus che nella passata stagione, allo stesso punto del campionato, era saldamente al primo posto con quattro punti in più della Roma seconda. Quella squadra sarebbe al momento fuori dalla Champions: un'assurdità.

Bisogna trovare una soluzione al più presto. Su queste colonne lo abbiamo ripetuto più volte, ma è sempre meglio dirlo una volta di più. La tanto attesa riduzione delle squadre annunciata da Carlo Tavecchio in sede di campagna elettorale sembra riforma sempre più lontana. Il motivo è chiaro a tutti ormai da tempo: in Lega ci sono più pesci piccoli che pesci grandi, ma tutti valgono un voto. E questo blocca ogni tentativo di rinnovamento.
Sedici squadre sarebbe il numero perfetto, 18 sarebbe un bel passo avanti. Invece noi restiamo ancorati alle 20, anche se tra le due rappresentanti campane dopo undici giornate passano già 31 punti. E a fine stagione potrebbero passarne anche 100.
Che senso ha tutto ciò? Una soluzione ponte, intermedia, potrebbe essere quella di inserire play-off per la conquista delle posizioni europee e play-out per la retrocessione. Non sarebbe il massimo, né la risoluzione del problema. Ma in assenza dei consensi necessari per ridurre le squadre, si tratterebbe di un palliativo per evitare che diverse squadre si ritrovino già oggi senza obiettivi.

Poco più di un anno dopo esser diventato presidente della FIFA, Gianni Infantino ha nominato vicesegratario generale Zvonimir Boban. Una nomina che rientra tra i punti cardine delle candidatura dell'ex portavoce dell'UEFA che vuole consegnare, e far sponsorizzare, la federazione che governa il calcio a chi questo movimento l'ha reso celebre in tutto il mondo. E Boban, soprattutto nel Balcani, c'è sicuramente riuscito.
Non solo una nomina pro forma per l'ex fantasista del Milan, che ha presentato una riforma del Mondiale per Club da applausi. Una riforma che, dovesse passare, risolverebbe diversi problemi in un colpo solo.
Di cosa si tratta?
In sintesi, Boban ha proposto di equiparare il Mondiale per Club a un vero e proprio Mondiale, quindi di giocarlo ogni quattro anni a giugno e di far partecipare 24 squadre divise in otto gironi.
Alla competizione prenderebbero parte 12 squadre europee 5 sudamericane, 2 africane, 2 asiatiche, 2 nordamericane e 1 dell'Oceania. Tutte verrebbero selezionate in base alle competizioni internazionali più prestigiose giocate nel precedente quadriennio. Nel caso del Vecchio Continente, ad esempio, le quattro vincitrici della Champions, le quattro finaliste e le quattro meglio posizionate nel ranking UEFA. Ranking strettamente correlato poi ai risultati stessi.
Un'idea innovativa, interessante. Che darebbe lustro a un Mondiale per Club che oggi ha scarso interesse tanto da far rimpiangere la vecchia Coppa Intercontinentale in gara unica. Una competizione che creerebbe un introito economico incredibile, molto più alto di quello attuale, e che nel calendario calcistico andrebbe a sostituire un'altra competizione mai decollata: la Confederations Cup.
Come svelato in settimana da Reinhard Grindel, attuale presidente della Federcalcio tedesca, un si o un no a questa proposta verrà dato nel marzo 2018. In caso di responso affermativo, si partirebbe già dal 2021. Da dove? Molto probabilmente, dalla nuova frontiera del calcio Mondiale: la Cina.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.