VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Napoli con 107 punti, la Juve di un anno fa fuori dalla Champions: è davvero la Serie A che vogliamo? La Lega si dia una mossa. Nuovo Mondiale per Club, complimenti Boban: tre problemi risolti in un colpo solo

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
05.11.2017 09:14 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 56528 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Trentuno punti di differenza tra la prima e l'ultima della classe dopo undici giornate. C'è chi, dopo aver conquistato dieci vittorie e un pareggio, ha ben tre squadre a distanza di una vittoria o anche meno. E ben 7 squadre con una media inferiore al punto a partita, che in molti casi è più che sufficiente per portare a casa la salvezza.
E' davvero questa la Serie A che vogliamo? Più che nelle passate stagioni, quest'anno la Serie A ci racconta di un campionato diviso in tre fasce che poco o nulla hanno da spartirsi. Le prime vincono sempre e comunque, e in nove casi su dieci perdono punti solo negli scontri diretti. Poi c'è la fascia di mezzo, il limbo in cui vivacchiano color che son sospesi. Cinque-sei squadre che non hanno più obiettivi di classifica. O meglio, non li hanno mai avuti. E poi chi viaggia con una media inferiore al punto a partita e lotta per non retrocedere, consapevole del fatto che ormai basta una vittoria ogni quattro partite per esser certi di restare in Serie A.
La spaccatura è netta, evidente. E porterebbe a delle situazioni paradossali se il dato che emerge dalle prime undici giornate fosse quello finale: Napoli primo con 107 punti, Inter seconda con 100 e due squadre poco sotto la tripla cifra.
Tutti in alto viaggiano a un ritmo folle. La Juve che in questo momento è terza insieme alla Lazio ha un punto in più della Juventus che nella passata stagione, allo stesso punto del campionato, era saldamente al primo posto con quattro punti in più della Roma seconda. Quella squadra sarebbe al momento fuori dalla Champions: un'assurdità.

Bisogna trovare una soluzione al più presto. Su queste colonne lo abbiamo ripetuto più volte, ma è sempre meglio dirlo una volta di più. La tanto attesa riduzione delle squadre annunciata da Carlo Tavecchio in sede di campagna elettorale sembra riforma sempre più lontana. Il motivo è chiaro a tutti ormai da tempo: in Lega ci sono più pesci piccoli che pesci grandi, ma tutti valgono un voto. E questo blocca ogni tentativo di rinnovamento.
Sedici squadre sarebbe il numero perfetto, 18 sarebbe un bel passo avanti. Invece noi restiamo ancorati alle 20, anche se tra le due rappresentanti campane dopo undici giornate passano già 31 punti. E a fine stagione potrebbero passarne anche 100.
Che senso ha tutto ciò? Una soluzione ponte, intermedia, potrebbe essere quella di inserire play-off per la conquista delle posizioni europee e play-out per la retrocessione. Non sarebbe il massimo, né la risoluzione del problema. Ma in assenza dei consensi necessari per ridurre le squadre, si tratterebbe di un palliativo per evitare che diverse squadre si ritrovino già oggi senza obiettivi.

Poco più di un anno dopo esser diventato presidente della FIFA, Gianni Infantino ha nominato vicesegratario generale Zvonimir Boban. Una nomina che rientra tra i punti cardine delle candidatura dell'ex portavoce dell'UEFA che vuole consegnare, e far sponsorizzare, la federazione che governa il calcio a chi questo movimento l'ha reso celebre in tutto il mondo. E Boban, soprattutto nel Balcani, c'è sicuramente riuscito.
Non solo una nomina pro forma per l'ex fantasista del Milan, che ha presentato una riforma del Mondiale per Club da applausi. Una riforma che, dovesse passare, risolverebbe diversi problemi in un colpo solo.
Di cosa si tratta?
In sintesi, Boban ha proposto di equiparare il Mondiale per Club a un vero e proprio Mondiale, quindi di giocarlo ogni quattro anni a giugno e di far partecipare 24 squadre divise in otto gironi.
Alla competizione prenderebbero parte 12 squadre europee 5 sudamericane, 2 africane, 2 asiatiche, 2 nordamericane e 1 dell'Oceania. Tutte verrebbero selezionate in base alle competizioni internazionali più prestigiose giocate nel precedente quadriennio. Nel caso del Vecchio Continente, ad esempio, le quattro vincitrici della Champions, le quattro finaliste e le quattro meglio posizionate nel ranking UEFA. Ranking strettamente correlato poi ai risultati stessi.
Un'idea innovativa, interessante. Che darebbe lustro a un Mondiale per Club che oggi ha scarso interesse tanto da far rimpiangere la vecchia Coppa Intercontinentale in gara unica. Una competizione che creerebbe un introito economico incredibile, molto più alto di quello attuale, e che nel calendario calcistico andrebbe a sostituire un'altra competizione mai decollata: la Confederations Cup.
Come svelato in settimana da Reinhard Grindel, attuale presidente della Federcalcio tedesca, un si o un no a questa proposta verrà dato nel marzo 2018. In caso di responso affermativo, si partirebbe già dal 2021. Da dove? Molto probabilmente, dalla nuova frontiera del calcio Mondiale: la Cina.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gattuso: il Milan dice la verità. Mazzarri: infierire est diabolicum. Sarri: su Ghoulam si gioca lo Scudetto. Mancini: la Nazionale la vuole davvero 10.02 - Gattuso non si conta. Gattuso si pesa. Senza sapere quanto dureranno e a dove porteranno i miglioramenti della squadra in campionato, senza sapere se il Milan andrà in finale di coppa Italia e senza sapere se supererà zero, uno o più turni di Europa League, Rino ha già convinto. Per...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.