HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Napoli con 107 punti, la Juve di un anno fa fuori dalla Champions: è davvero la Serie A che vogliamo? La Lega si dia una mossa. Nuovo Mondiale per Club, complimenti Boban: tre problemi risolti in un colpo solo

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
05.11.2017 09:14 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 56739 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Trentuno punti di differenza tra la prima e l'ultima della classe dopo undici giornate. C'è chi, dopo aver conquistato dieci vittorie e un pareggio, ha ben tre squadre a distanza di una vittoria o anche meno. E ben 7 squadre con una media inferiore al punto a partita, che in molti casi è più che sufficiente per portare a casa la salvezza.
E' davvero questa la Serie A che vogliamo? Più che nelle passate stagioni, quest'anno la Serie A ci racconta di un campionato diviso in tre fasce che poco o nulla hanno da spartirsi. Le prime vincono sempre e comunque, e in nove casi su dieci perdono punti solo negli scontri diretti. Poi c'è la fascia di mezzo, il limbo in cui vivacchiano color che son sospesi. Cinque-sei squadre che non hanno più obiettivi di classifica. O meglio, non li hanno mai avuti. E poi chi viaggia con una media inferiore al punto a partita e lotta per non retrocedere, consapevole del fatto che ormai basta una vittoria ogni quattro partite per esser certi di restare in Serie A.
La spaccatura è netta, evidente. E porterebbe a delle situazioni paradossali se il dato che emerge dalle prime undici giornate fosse quello finale: Napoli primo con 107 punti, Inter seconda con 100 e due squadre poco sotto la tripla cifra.
Tutti in alto viaggiano a un ritmo folle. La Juve che in questo momento è terza insieme alla Lazio ha un punto in più della Juventus che nella passata stagione, allo stesso punto del campionato, era saldamente al primo posto con quattro punti in più della Roma seconda. Quella squadra sarebbe al momento fuori dalla Champions: un'assurdità.

Bisogna trovare una soluzione al più presto. Su queste colonne lo abbiamo ripetuto più volte, ma è sempre meglio dirlo una volta di più. La tanto attesa riduzione delle squadre annunciata da Carlo Tavecchio in sede di campagna elettorale sembra riforma sempre più lontana. Il motivo è chiaro a tutti ormai da tempo: in Lega ci sono più pesci piccoli che pesci grandi, ma tutti valgono un voto. E questo blocca ogni tentativo di rinnovamento.
Sedici squadre sarebbe il numero perfetto, 18 sarebbe un bel passo avanti. Invece noi restiamo ancorati alle 20, anche se tra le due rappresentanti campane dopo undici giornate passano già 31 punti. E a fine stagione potrebbero passarne anche 100.
Che senso ha tutto ciò? Una soluzione ponte, intermedia, potrebbe essere quella di inserire play-off per la conquista delle posizioni europee e play-out per la retrocessione. Non sarebbe il massimo, né la risoluzione del problema. Ma in assenza dei consensi necessari per ridurre le squadre, si tratterebbe di un palliativo per evitare che diverse squadre si ritrovino già oggi senza obiettivi.

Poco più di un anno dopo esser diventato presidente della FIFA, Gianni Infantino ha nominato vicesegratario generale Zvonimir Boban. Una nomina che rientra tra i punti cardine delle candidatura dell'ex portavoce dell'UEFA che vuole consegnare, e far sponsorizzare, la federazione che governa il calcio a chi questo movimento l'ha reso celebre in tutto il mondo. E Boban, soprattutto nel Balcani, c'è sicuramente riuscito.
Non solo una nomina pro forma per l'ex fantasista del Milan, che ha presentato una riforma del Mondiale per Club da applausi. Una riforma che, dovesse passare, risolverebbe diversi problemi in un colpo solo.
Di cosa si tratta?
In sintesi, Boban ha proposto di equiparare il Mondiale per Club a un vero e proprio Mondiale, quindi di giocarlo ogni quattro anni a giugno e di far partecipare 24 squadre divise in otto gironi.
Alla competizione prenderebbero parte 12 squadre europee 5 sudamericane, 2 africane, 2 asiatiche, 2 nordamericane e 1 dell'Oceania. Tutte verrebbero selezionate in base alle competizioni internazionali più prestigiose giocate nel precedente quadriennio. Nel caso del Vecchio Continente, ad esempio, le quattro vincitrici della Champions, le quattro finaliste e le quattro meglio posizionate nel ranking UEFA. Ranking strettamente correlato poi ai risultati stessi.
Un'idea innovativa, interessante. Che darebbe lustro a un Mondiale per Club che oggi ha scarso interesse tanto da far rimpiangere la vecchia Coppa Intercontinentale in gara unica. Una competizione che creerebbe un introito economico incredibile, molto più alto di quello attuale, e che nel calendario calcistico andrebbe a sostituire un'altra competizione mai decollata: la Confederations Cup.
Come svelato in settimana da Reinhard Grindel, attuale presidente della Federcalcio tedesca, un si o un no a questa proposta verrà dato nel marzo 2018. In caso di responso affermativo, si partirebbe già dal 2021. Da dove? Molto probabilmente, dalla nuova frontiera del calcio Mondiale: la Cina.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy