HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

Napoli con 107 punti, la Juve di un anno fa fuori dalla Champions: è davvero la Serie A che vogliamo? La Lega si dia una mossa. Nuovo Mondiale per Club, complimenti Boban: tre problemi risolti in un colpo solo

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
05.11.2017 09:14 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 56678 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Trentuno punti di differenza tra la prima e l'ultima della classe dopo undici giornate. C'è chi, dopo aver conquistato dieci vittorie e un pareggio, ha ben tre squadre a distanza di una vittoria o anche meno. E ben 7 squadre con una media inferiore al punto a partita, che in molti casi è più che sufficiente per portare a casa la salvezza.
E' davvero questa la Serie A che vogliamo? Più che nelle passate stagioni, quest'anno la Serie A ci racconta di un campionato diviso in tre fasce che poco o nulla hanno da spartirsi. Le prime vincono sempre e comunque, e in nove casi su dieci perdono punti solo negli scontri diretti. Poi c'è la fascia di mezzo, il limbo in cui vivacchiano color che son sospesi. Cinque-sei squadre che non hanno più obiettivi di classifica. O meglio, non li hanno mai avuti. E poi chi viaggia con una media inferiore al punto a partita e lotta per non retrocedere, consapevole del fatto che ormai basta una vittoria ogni quattro partite per esser certi di restare in Serie A.
La spaccatura è netta, evidente. E porterebbe a delle situazioni paradossali se il dato che emerge dalle prime undici giornate fosse quello finale: Napoli primo con 107 punti, Inter seconda con 100 e due squadre poco sotto la tripla cifra.
Tutti in alto viaggiano a un ritmo folle. La Juve che in questo momento è terza insieme alla Lazio ha un punto in più della Juventus che nella passata stagione, allo stesso punto del campionato, era saldamente al primo posto con quattro punti in più della Roma seconda. Quella squadra sarebbe al momento fuori dalla Champions: un'assurdità.

Bisogna trovare una soluzione al più presto. Su queste colonne lo abbiamo ripetuto più volte, ma è sempre meglio dirlo una volta di più. La tanto attesa riduzione delle squadre annunciata da Carlo Tavecchio in sede di campagna elettorale sembra riforma sempre più lontana. Il motivo è chiaro a tutti ormai da tempo: in Lega ci sono più pesci piccoli che pesci grandi, ma tutti valgono un voto. E questo blocca ogni tentativo di rinnovamento.
Sedici squadre sarebbe il numero perfetto, 18 sarebbe un bel passo avanti. Invece noi restiamo ancorati alle 20, anche se tra le due rappresentanti campane dopo undici giornate passano già 31 punti. E a fine stagione potrebbero passarne anche 100.
Che senso ha tutto ciò? Una soluzione ponte, intermedia, potrebbe essere quella di inserire play-off per la conquista delle posizioni europee e play-out per la retrocessione. Non sarebbe il massimo, né la risoluzione del problema. Ma in assenza dei consensi necessari per ridurre le squadre, si tratterebbe di un palliativo per evitare che diverse squadre si ritrovino già oggi senza obiettivi.

Poco più di un anno dopo esser diventato presidente della FIFA, Gianni Infantino ha nominato vicesegratario generale Zvonimir Boban. Una nomina che rientra tra i punti cardine delle candidatura dell'ex portavoce dell'UEFA che vuole consegnare, e far sponsorizzare, la federazione che governa il calcio a chi questo movimento l'ha reso celebre in tutto il mondo. E Boban, soprattutto nel Balcani, c'è sicuramente riuscito.
Non solo una nomina pro forma per l'ex fantasista del Milan, che ha presentato una riforma del Mondiale per Club da applausi. Una riforma che, dovesse passare, risolverebbe diversi problemi in un colpo solo.
Di cosa si tratta?
In sintesi, Boban ha proposto di equiparare il Mondiale per Club a un vero e proprio Mondiale, quindi di giocarlo ogni quattro anni a giugno e di far partecipare 24 squadre divise in otto gironi.
Alla competizione prenderebbero parte 12 squadre europee 5 sudamericane, 2 africane, 2 asiatiche, 2 nordamericane e 1 dell'Oceania. Tutte verrebbero selezionate in base alle competizioni internazionali più prestigiose giocate nel precedente quadriennio. Nel caso del Vecchio Continente, ad esempio, le quattro vincitrici della Champions, le quattro finaliste e le quattro meglio posizionate nel ranking UEFA. Ranking strettamente correlato poi ai risultati stessi.
Un'idea innovativa, interessante. Che darebbe lustro a un Mondiale per Club che oggi ha scarso interesse tanto da far rimpiangere la vecchia Coppa Intercontinentale in gara unica. Una competizione che creerebbe un introito economico incredibile, molto più alto di quello attuale, e che nel calendario calcistico andrebbe a sostituire un'altra competizione mai decollata: la Confederations Cup.
Come svelato in settimana da Reinhard Grindel, attuale presidente della Federcalcio tedesca, un si o un no a questa proposta verrà dato nel marzo 2018. In caso di responso affermativo, si partirebbe già dal 2021. Da dove? Molto probabilmente, dalla nuova frontiera del calcio Mondiale: la Cina.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il colpo di De Laurentiis: Ancelotti rilancia il Napoli e Napoli. E ora Sarri? Ecco la nuova Inter e tutti gli allenatori di A 24.05 - Ancelotti sbarca ufficialmente a Napoli. 3 anni di contratto a circa 5 milioni di euro. Con il suo staff al completo e con una gran voglia di tornare ad essere protagonista nel nostro campionato. Il presidente De Laurentiis ha fatto un grande colpo, ha riportato in Italia un grandissimo...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Ecco cosa rischia il Milan dalla Uefa: la scure del financial fair play pronta ad abbattersi sui rossoneri, e il salto all'indietro rischia di essere davvero triplo. Eppure c'era quel dettaglio che rendeva tutto prevedibile… 23.05 - E' andata come si sperava non andasse, o come si temeva, o come qualcuno aveva indicato: la Uefa ha rifiutato il settlement agreement, dopo aver in illo tempore rigettato il voluntary agreement, e ha rinviato il caso alla Camera. Decisione che è l'anticamera della sanzione nei confronti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: un colpo a centrocampo, il futuro di Dybala e le polemiche sullo scudetto. Inter: dalla Champions passano i riscatti… ma non Icardi. Milan: Donnarumma e altri “autogol”. Napoli: Ancelotti sì o no? Italia: benvenuto Mancio, ma… 15.05 - L’Italia della politica cerca un modo per uscire dalla fase di stallo. Ci prova da mesi. Cercano un’intesa ma non la trovano. Ce la mettono tutta. E intanto l’Italia va avanti. Anche senza di loro. Ci si pone delle domande: “Ma non sarà che si può fare anche senza?”. Loro temono che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy