HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Napoli disinnescato dalla Juve. Il macellaio di Carnago. Giochi di guerra a Novara. Icardi-Tevez, bivio Inter

02.12.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 22819 volte

Lo stesso abbraccio sportivamente "cattivo" visto a San Siro, al termine di Milan-Juventus. Se lo sono regalati i giocatori della Juventus, cinici più che mai al San Paolo nell'ennesimo capitolo della saga di Higuain. Più ha male alla mano e più lo fischiano, più segna. Gol decisivi, non chiacchiere da bar. Potrà anche farsi sorprendere con la guardia bassa a Genova la Juventus, ma nelle grandi sfide nei grandi palcoscenici è quella di sempre, quella degli ultimi sette anni. Poi se Edoardo De Laurentiis le fa il regalo di pungolarla e caricarla ulteriormente...La sensazione lasciata dal San Paolo è quella di un Napoli poco elettrico negli spunti e non al top dal punto di vista fisico. Squadra organizzata ma leggera, volenterosa ma prevedibile. Il successo bianconero non è mai stato in discussione, togliendo ben presto alla gara l'unico risultato su tre che avrebbe potuto essere decisivo per il campionato, e cioè la vittoria del Napoli. La sciabola e il braccio di ferro non sono cose per il Napoli, quello è il campo della Juventus. E se Insigne e Mertens non sono in serata di grazia, tutto diventa inevitabilmente prevedibile. Napoli sperava di togliersela di dosso e invece dovrà ancora fare i conti con la Juventus. Che adesso pensa a Olympiacos e Inter.

Carnago è un piccolo comune del varesotto, con poco più di 6mila abitanti. Ma i cittadini onorari del territorio di 6.22 chilometri quadrati sono due: il silenzio e Milanello. C'era una volta anche un macellaio. Quello che Adriano Galliani raccontava: "Abbiamo pagato anche i debiti lasciati dal macellaio di Carnago". Si riferiva al Milan di Farina, quello che voleva cedere Franco Baresi alla Sampdoria. Sono storie di tren'anni fa che hanno ridato vita e fiato a milioni di tifosi rossoneri e l'inizio alla più grande era mai vissuta da un Club italiano. Sui conti inevasi delle bistecche e della carne trita La7 non ci realizzò sopra uno speciale, men che meno il New York Times che non era ancora interessato alle piccole cose del nostro calcio. Se il giornale dei giornali avesse scoperto che i giocatori del Milan non potevano dormire la notte prima delle partite, perchè per pagare una parte dei loro stipendi il presidente affittava il quartier generale della squadra alle coppie che celebravano il loro matrimonio, chissà che pandemonio mediatico sarebbe scoppiato. Oggi, dopo aver saldato i debiti con le banche italiane subito dopo il closing, il Milan è come allora un Club calcistico privato, non quotato in Borsa, senza partecipazioni pubbliche. Se Mirabelli raggiunge il Centro sportivo su un auto della società per seguire l'allenamento di giornata, non lo si può ancora accusare di peculato. Ma non si sa mai, vero?. Una cosa è certa: le interrogazioni parlamentari portano bene. Ne fecero tre contro la Nazionale e contro Bearzot prima dei Mondiali di Spagna e agli azzurri servirono tutte e tre per vincere i Mondiali. Ne basterà una di interrogazione per consentire a Rino Gattuso di migliorare la classifica del Milan?

Rino Gattuso ha la pelle dura, non si fa impressionare da 20 punti in 14 partite. Rino Gattuso era a Istanbul, ha pianto per Istanbul. Non solo, ha rischiato di lasciare il Milan a causa di Istanbul (dopo la partita di Ascoli della fine estate 2005, "Non so se ho ancora gli stimoli giusti") e se lo avesse fatto in quel momento, sette anni prima del suo addio vero e proprio, non sarebbe qui e non saremmo qui. Fu il primo a capire, perchè sotto la scorza è finissimo psicologo, che licenze poetiche come quella della bella storia di Harbey Delano Esajas il Milan non poteva più permettersele, se voleva davvero scalare la montagna della riscossa dopo il 3-0 3-3. Così come alcuni, umani ma evidenti, egoismi di Andriy Shevchenko: non andò cattivo su alcune occasioni della Finale contro il Liverpool, perchè in panico per il fatto che Crespo avesse già segnato una doppietta e rischiava di rubargli la scena? Vero o falso che sia, Rino Gattuso aveva messo in conto tutto. A questo dovrà abituarsi la sua squadra che dovrà essere brava a non farsi trarre in inganno. Sembra superficiale, perchè gesticola e urla? Occhio, ha letto, capito e interpretato tutto. E finchè non avrà risolto, tirerà dritto senza lasciare cose inespresse in sospeso, nel gruppo come nei singoli. Come ben sanno alcuni boschetti nei pressi di Novara, dove trascinò i compagni di squadra pochi mesi dopo Istanbul. La squadra sembrava ancora frenata e Rino votò per il team building, per qualcosa di molto simile al paintball, giochi e spari con la vernice, tutto al riparo da taccuini e telecamere: solo per i giocatori e solo per il gruppo. Pochi giorni dopo il Milan che faceva fatica contro l'Ascoli in campionato a San Siro e prendeva 3 gol a Palermo in coppa Italia eliminava Bayern Monaco e Olympique Lione dalla Champions League...

Mauro Icardi piace ad un Real Madrid che sa di essere in ritardo di 8 punti sul Barcellona e di dover puntare da Febbraio in poi soprattutto sulla Champions League. Impensabile che l'Inter se ne liberi a stagione in corso. Nel frattempo però è iniziato il balletto che più piace a Wanda Nara, quello che inizia con i tanti gol del marito, prosegue con le voci di mercato sul suo conto e si chiude con un importante adeguamento dell'ingaggio. Legittimo, è il calcio di oggi. E Icardi vive e segna nel calcio di oggi. Non è mai stato paragonato a Messi, come accaduto per Dybala, ma se fosse iniziato il periodo che precede la sua grande cessione l'Inter dovrà reagire con una programmazione non semplice. Dovrà stare attenta a qualificarsi per la Champions League prima e a strutturarsi dopo. Perchè solo la Juventus era già così vincente, collaudata e consolidata da poter rimediare alla partenza di un giocatore decisivo come Icardi, e cioè Carlitos Tevez. L'Inter non è ancora in quelle condizioni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

C’è solo una cosa bella della Sosta per la Nazionale. No, non è vero, non c’è. Tra l’altro sarà la 2323esima quest’anno. Si sono moltiplicate. O forse è solo un’impressione. 13.11 - Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di IrraQuando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy