HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta

07.12.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 16649 volte
© foto di Federico De Luca

Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti naturalmente il discorso motivazionale. Non si può non pensare a quello che succede di là, visto che da "di là" dipende il passaggio del turno.
La sconfitta significa poco, sinceramente. Arrivata all'ultimo con tutto quello che abbiamo detto. Ma il dato su cui Sarri e i suoi devono riflettere: 4 sconfitte nelle ultime 4 trasferte europee (Real, Shakhtar, City e Feyenoord). Una questione probabilmente di mentalità.
Va sottolineato anche un altro dato. Giustamente Sarri aveva sottolineato il suo cammino: solo quattro sconfitte (di cui due con il City) in questo avvio di stagione. Sono 5 ora, anche se quest'ultima non fa testo. Ma in questo girone era evidente che contava lo scontro diretto con lo Shakhtar. Essersi diviso la posta con una vittoria a testa ha spostato tutto al calendario e in questo il Napoli non è stato avvantaggiato. Un City promosso e pieno di riserve è cliente più morbido del superCity che aveva invece affrontato il Napoli. Ma su questo non si può fare niente, sulla sconfitta con gli ucraini sì. Due partite perse (ribadiamo che quella con il Feyenoord non la contiamo neanche) che hanno dato un sapore diverso al bel cammino del Napoli fatto finora: psicologicamente la Juve ha dimostrato di essere ancora viva e in Champions non si riesce ad andare avanti. Ci sarà da lavorare soprattutto sulle certezze. E capire il motivo di questa frenata oggettiva. Dal 1 novembre giocate 7 partite: 3 sconfitte 3 vittorie e un pari.
Una piccola-grande beffa però la sconfitta olandese la porta: il Napoli non sarà testa di serie in Europa League. Dalla Champions, le migliori 4 terze saranno testa di serie, le altre 4 no.
Rimane comunque un dato a suo modo storico: non era mai successo che tutte le italiane rimanessero in Europa. Era successo che ci arrivassero 5 su 5, ma in un caso la Roma nell'altro la Samp avevano perso il preliminare. Quindi comunque il calcio italiano, seppur perde il Napoli nella coppa più prestigiosa, mantiene comunque il suo plotoncino intatto. E magari aumenta anche le chanches di vincere l'Europa: League (non è mai successo) con l'arrivo del Napoli che sicuramente ha le caratteristiche giuste (anche se ora ci sono oltre a Milan e Lazio anche Atletico Madrid e Borussia Dortmund). A patto di risolvere il piccolo problema a cui ha fatto riferimento Sarri nel post partita: la difficoltà di realizzazione a fronte del volume di gioco espresso.
Altra considerazione a latere per quanto riguarda le 6 che vanno avanti in Europa. Questo piccolo record alle italiane riesce nell'anno in cui l'Italia non si qualifica al Mondiale. Come è possibile? Molto semplice, gli italiani non giocano molto. Basta guardare i minuti giocati dagli azzurrabili nelle sei squadre europee: 47% il Milan (che ha fatto giocare anche molte seconde linee, come la Lazio), 36% l'Atalanta, 30% la Juve, 22% la Lazio, addirittura 16% e 13% rispettivamente per Roma e Napoli...
Sempre invece per quanto riguarda il discorso futuro azzurro altra considerazione che facciamo una volta scoperto lo studio del CIES sui giovani più quotati in Europa. Stiamo parlando di U21, già fenomeni insomma. Su 100 giocatori presi in considerazione (e se volete tutto è opinabile, ma il range è molto ampio) il primo è Mbappé con un valore di 182 milioni di euro (ad oggi), secondo Dele Alli (180), terzo Sané (124)- Il primo degli italiani è Donnarumma al dodicesimo posto (valore 55.7 milioni), poi a seguire Chiesa (52.6) e Pellegrini (50.7). Poi bisogna saltare al 70esimo posto per trovare un altro italiano: Barella del Cagliari, valutato 10.7 milioni. 4 su 100 obiettivamente sono pochini, non trovate?
Nel frattempo, come saprete, a sorpresa Nicola ha rassegnato le dimissioni. Irrevocabili. A nulla è servito l'incontro con la dirigenza nella mattinata. Il nome su cui hanno puntato a Crotone è quello di Alessandro Nesta. Lui è lusingato e si è preso qualche ora per decidere, ma già in mattinata dovrebbe arrivare una risposta da dentro o fuori. Sono stati presi in considerazione anche De Biasi e Colantuono e in questi casi finché non si mette la firma sul contratto nulla è deciso in maniera definitiva.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Di Francesco merita ancora fiducia, a gennaio 2 acquisti. L’Inter si inserisce nella corsa a Tonali, per Gabigol spunta l’ipotesi Premier. Milan per la difesa uno tra Christensen e Cahill. Fabregas più di un’idea ma costi alti 01.12 - Di Francesco e il futuro. Un futuro ancora giallorosso. Merita fiducia anche se la sconfitta con il Real ha fatto riemergere i soliti problemi, soprattutto la mancanza di continuità. La partita di martedì sera va analizzata bene. Il primo tempo è stato molto buono. Casomai è inspiegabile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->