VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta

07.12.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 15936 volte
© foto di Federico De Luca

Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti naturalmente il discorso motivazionale. Non si può non pensare a quello che succede di là, visto che da "di là" dipende il passaggio del turno.
La sconfitta significa poco, sinceramente. Arrivata all'ultimo con tutto quello che abbiamo detto. Ma il dato su cui Sarri e i suoi devono riflettere: 4 sconfitte nelle ultime 4 trasferte europee (Real, Shakhtar, City e Feyenoord). Una questione probabilmente di mentalità.
Va sottolineato anche un altro dato. Giustamente Sarri aveva sottolineato il suo cammino: solo quattro sconfitte (di cui due con il City) in questo avvio di stagione. Sono 5 ora, anche se quest'ultima non fa testo. Ma in questo girone era evidente che contava lo scontro diretto con lo Shakhtar. Essersi diviso la posta con una vittoria a testa ha spostato tutto al calendario e in questo il Napoli non è stato avvantaggiato. Un City promosso e pieno di riserve è cliente più morbido del superCity che aveva invece affrontato il Napoli. Ma su questo non si può fare niente, sulla sconfitta con gli ucraini sì. Due partite perse (ribadiamo che quella con il Feyenoord non la contiamo neanche) che hanno dato un sapore diverso al bel cammino del Napoli fatto finora: psicologicamente la Juve ha dimostrato di essere ancora viva e in Champions non si riesce ad andare avanti. Ci sarà da lavorare soprattutto sulle certezze. E capire il motivo di questa frenata oggettiva. Dal 1 novembre giocate 7 partite: 3 sconfitte 3 vittorie e un pari.
Una piccola-grande beffa però la sconfitta olandese la porta: il Napoli non sarà testa di serie in Europa League. Dalla Champions, le migliori 4 terze saranno testa di serie, le altre 4 no.
Rimane comunque un dato a suo modo storico: non era mai successo che tutte le italiane rimanessero in Europa. Era successo che ci arrivassero 5 su 5, ma in un caso la Roma nell'altro la Samp avevano perso il preliminare. Quindi comunque il calcio italiano, seppur perde il Napoli nella coppa più prestigiosa, mantiene comunque il suo plotoncino intatto. E magari aumenta anche le chanches di vincere l'Europa: League (non è mai successo) con l'arrivo del Napoli che sicuramente ha le caratteristiche giuste (anche se ora ci sono oltre a Milan e Lazio anche Atletico Madrid e Borussia Dortmund). A patto di risolvere il piccolo problema a cui ha fatto riferimento Sarri nel post partita: la difficoltà di realizzazione a fronte del volume di gioco espresso.
Altra considerazione a latere per quanto riguarda le 6 che vanno avanti in Europa. Questo piccolo record alle italiane riesce nell'anno in cui l'Italia non si qualifica al Mondiale. Come è possibile? Molto semplice, gli italiani non giocano molto. Basta guardare i minuti giocati dagli azzurrabili nelle sei squadre europee: 47% il Milan (che ha fatto giocare anche molte seconde linee, come la Lazio), 36% l'Atalanta, 30% la Juve, 22% la Lazio, addirittura 16% e 13% rispettivamente per Roma e Napoli...
Sempre invece per quanto riguarda il discorso futuro azzurro altra considerazione che facciamo una volta scoperto lo studio del CIES sui giovani più quotati in Europa. Stiamo parlando di U21, già fenomeni insomma. Su 100 giocatori presi in considerazione (e se volete tutto è opinabile, ma il range è molto ampio) il primo è Mbappé con un valore di 182 milioni di euro (ad oggi), secondo Dele Alli (180), terzo Sané (124)- Il primo degli italiani è Donnarumma al dodicesimo posto (valore 55.7 milioni), poi a seguire Chiesa (52.6) e Pellegrini (50.7). Poi bisogna saltare al 70esimo posto per trovare un altro italiano: Barella del Cagliari, valutato 10.7 milioni. 4 su 100 obiettivamente sono pochini, non trovate?
Nel frattempo, come saprete, a sorpresa Nicola ha rassegnato le dimissioni. Irrevocabili. A nulla è servito l'incontro con la dirigenza nella mattinata. Il nome su cui hanno puntato a Crotone è quello di Alessandro Nesta. Lui è lusingato e si è preso qualche ora per decidere, ma già in mattinata dovrebbe arrivare una risposta da dentro o fuori. Sono stati presi in considerazione anche De Biasi e Colantuono e in questi casi finché non si mette la firma sul contratto nulla è deciso in maniera definitiva.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: sboccia Costa, ma “mister ottavi” ha il solito problema. Milan: Gattuso deve risolvere il “guaio estivo” (e c’è un esempio da seguire). Inter: Spalletti, Icardi e i pericolosi suonatori di violino. Napoli: Sarri non farti fregare 05.12 - Intanto chiedo un grande applauso al direttore artistico Luca Tommassini. Bravo Luca, riesci a sorprenderci ogni volta. (Se non chiedi un applauso per Luca Tommassini, oggigiorno non sei nessuno). Poi riflettiamo sul Natale. Il Natale sta arrivando con le sue luci e le sue mille...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.