VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Napoli, il mercato e la preparazione sono solo alibi: serve il senso di responsabilità dei calciatori per ritrovare cinismo e passo di Inter e Roma

Laureato in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
13.09.2015 08:44 di Raffaele Auriemma   articolo letto 53362 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Possiamo fare tutti i calcoli che vogliamo, contare quanti minuti sia durato il Napoli contro Sassuolo e Sampdoria, analizzare le ragioni del calo e capire attraverso i droni se la responsabilità debba ricadere sulla condizione precaria del gruppo oppure sulla scarsa attitudine dei calciatori ad adottare un sistema di gioco tutto nuovo. Possiamo prendercela con De Laurentiis per non aver completato l'organico lì dove serviva (leggi, un difensore di grande valore) o con Sarri che ha il "vizietto" di partire lento e potremmo infilarci dentro anche il sindaco De Magistris per i ritardi sulla concessione di uno stadio che altrove procura risorse ulteriori ai club che si sono attrezzati per costruirne uno nuovo. Lo potremmo pure fare, ma finiremmo fuori pista nel non valutare uno ad uno le qualità dei calciatori del Napoli. Atleti ambiti dai grandi club, soprattutto in attacco, mentre in porta è tornato il tanto rimpianto Reina e davanti a lui (con tutte le eccezioni del caso) si muove Albiol che è stato campione del mondo con la Spagna al pari di Pepe. E poi, Ghoulam che è stato conteso tra Inter e Paris Saint Germain, ed Allan che aveva la fila dietro la porta dell'Udinese. Insomma, il Napoli potrebbe valere molto più di quello che la classifica attuale racconta. E potrebbe riuscirci nonostante i tanti difetti che abbiamo elencato poc'anzi, dettagli di un insieme che viene tenuto su ed esaltato solo, unicamente da chi va in campo. Ecco ciò che ancora manca nel Napoli: quel senso di responsabilità dei calciatori abbinato allo spirito di sacrificio che mai può mancare se si punta ad una salvezza oppure ad alzare la Champions League. Non può essere giustificato solo con il ritardo di preparazione, se contro la Sampdoria conduci il match per 55 minuti, sei sul 2-0, ma poteva essere anche di più, per poi rischiare addirittura di perderla. Tutto questo va oltre le match-analysis e sorvola il campo della scienza applicata alla preparazione atletica. Qui siamo sempre nel territorio della superbia, probabilmente inconscia, che il Napoli ha sviluppato negli ultimi due anni all'interno di un gruppo fatto, sì, di gente superiore alla media, ma anche di tanti onesti calciatori che hanno bisogno sempre di stare sulla corda, di sentire le urla dell'allenatore per andare oltre i propri limiti. Se il Napoli, come ha detto Sarri, soffe di scarsa concentrazione nelle sfide contro le formazioni di bassa classifica, è arrivato il momento che i calciatori facciano venir fuori il loro essere uomini, prima ancora che talentuosi artisti della pedata. Non sarà facile rimuovere questi freni psicologici, anche perchè nello spogliatoio sono poche le personalità in gradi di tirare il gruppo e scuotere chi non riesce a rimettere in sesto le partite che improvvisamente si complicano. Qualcosa in più di Sassuolo e Sampdoria avrebbero dovuto dimostrarlo, altrimenti che senso avrebbe investire 75 milioni in ingaggi, se poi chi riceve quel lauto stipendio non dimostra con i fatti di meritarlo più di quelli che guadagnano di meno? Senso di responsabilità ed applicazione in ogni gara, come hanno dimostrato di fare finora l'Inter che ha vinto due partite al fotofinish e pure la Roma che si è fatta furba ed ha imparato a soffrire, per poi aspettare il calo dell'avversaria per vincere le partite con un golletto al termine di ogni frazione di gioco. Dove non c'è troppa pressione e passione si può pure aspettare che modulo e sistema vengano digeriti dai calciatori, ma non nelle grandi piazze che richiedono risultati, prima ancora che un gioco spumeggiante.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.