HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan

19.01.2018 07:09 di Luca Serafini   articolo letto 21914 volte

Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il magheggio del sindaco Sala sullo stadio) il piatto preferito al tavolo dei suoi concorrenti elettorali. Non si soffermano sull’assenza assoluta di leggi e riforme durante i suoi mandati – sarebbe un bel tema – preferendo sparare ora sulle feste di Arcore, ora sul fisco, ora sul Milan, sulle antenne, su Fininvest…

A Milano un thailandese per 3 anni ha prestato soldi a interessi fuori mercato all’Inter (attività che in giurisprudenza otterrebbe una definizione molto precisa), scorazza ancora tra via Montenapoleone e la tribuna d’onore di San Siro, poi è arrivato un cinese plurifantastiliardario che non scuce un euro, ma a fare notizia sono sempre e solo i fantasmi agitati alle spalle, o meglio in assenza, di Mr. Li. Eretto il muro di balle del fair-play finanziario o del governo cinese che impedirebbero a Suning di comprare anche soltanto un catorcio di 40 anni per dare una mano a San Luciano Spalletti, si va a picconare quello del fondo Elliot e dei debiti improvvisi a breve scadenza che spuntano come funghi. Che la situazione al Portello sia nebulosa riguardo al futuro lo sa per primo chi ci lavora e lo ha capito anche la nonna di Spalletti, la quale sta a casa ma sa tutto di tutti, eppure il fuoco nemico per il club rossonero è diventato certamente più devastante di qualsiasi truce prospettiva.

Non bastasse la questione politico-finanziaria, ecco la parte sportiva. Al mercato di gennaio sono arrivate preparatissime Spal, Foggia, Crotone, Benevento e molte altre comprimarie di A e di B, ma le rivali della Juve brillano per assenza assoluta di strategia. Il Napoli incassa un inatteso rifiuto (inatteso? Dopo settimane di trattative?) da Verdi, nicchia su Deulofeu, non ha mai affondato del tutto su Inglese sino a quando si è infortunato e il discorso si è chiuso. Intanto De Laurentiis ha preso il nuovo Careca in Brasile. La Roma conta i flop, da Peres a Schick, da Defrel a Palmieri (per non parlare del caso-Nainggolan), ma a gennaio prova a vendere chiunque senza comprare. L’Inter va al mercato rionale cercando riserve o acciaccati, in Portogallo, in Spagna e in Cina (ma non sono affiliati???), prestiti o parametri zero alla maniera dell’ultimo Galliani. Mentre la Juve lavora per giugno in entrata e in uscita: Emre Can, Marchisio, Lichsteiner, Alex Sandro, Darmian… Bisogna rassegnarsi, ragazzi: se il panorama è questo, almeno in Italia il dominio bianconero è destinato a reggere a lungo.

Dal Milan ci saremmo aspettati qualche movimento in uscita, come era stato annunciato. Speriamo almeno che Gattuso mantenga i buoni propositi di “recuperare” André Silva, Kalinic, Biglia e alzare l’asticella di Rodriguez e Kessié come sta facendo con Chalanoglu. Sarebbero i veri colpi del girone di ritorno.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’assenza di Chiellini è più pesante di quella di Cristiano Ronaldo. Ma è la Champions della Juventus: anche così Allegri può vincere. Conte dentro, Icardi fuori: perché l’Inter deve decidersi, e presto 10.04 - Senza Chiellini contro l’Ajax non mancherà solo uno dei migliori tre difensori del mondo. Mancherà il condottiero, ancora prima che il capitano, quello che è capace di trascinare l’esercito fuori dal fuoco di fila. Si teme uno stop che possa includere anche il ritorno, ma il Chiello...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Inter: Conte in avvicinamento (e non arriva da solo...). Milan: la "finale" di Gattuso e un futuro già scritto. Juve: le polemiche e il campionato vinto a ottobre. Salvate il Var dagli arbitri! 09.04 - Parto con una primizia: lo scudetto è andato, assegnato, lo vince la Juve. Sarà per quei 323423423 punti di vantaggio sulla seconda. E allora parliamo d'altro, di una roba noiosa ma che ci tocca affrontare: parliamo di arbitri. E di Var. E di arbitri al Var. E di designatori che mandano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510