HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda…

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
19.02.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 28380 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima figura europea. Quella di Sarri è stata gigante, Allegri invece si è complicato la vita in un momento che richiedeva maggiori attenzione e cinismo. Concentriamoci su marzo, quando lo scudetto andrà verso la Mole o verso il Vesuvio. Il 3 marzo il Napoli ospiterà la Roma e la Juventus andrà in casa della Lazio. Il pericolo, per entrambe, di perdere punti sarà elevato. La vera svolta potrebbe arrivare la settimana dopo. A rischiare sarà Sarri in casa di Spalletti, augurandosi per l’Inter che la squadra sia rigenerata e non sarà ancora l’Inter di questi mesi, brutta e perdente. Comunque, per il Napoli, andare a Milano non è mai semplice. La Juventus, in questo week end, potrebbe segnare la svolta. In casa di Allegri arriverà l’Udinese che ha ancora poco da chiedere a questo campionato. Senza Europa e senza rischi per la retrocessione, grazie alla cura Oddo. Marzo continua nel week end del 27 e 28 ma qui trappole non ne vediamo: Juve a Ferrara e Napoli in casa con il Genoa. Marzo si chiude alla 30esima giornata quando la Juventus ospiterà il Milan e il Napoli andrà dai “nemici di mercato” del Sassuolo. Facciamo sempre il tifo per Rino ma se Allegri, sul finale di campionato, perde punti in casa col Milan significa consegnare lo scudetto al Vesuvio. Staremo a vedere. Nel frattempo ringraziamo il Napoli per non aver mandato tutti la domenica pomeriggio al cinema già a febbraio. Il flop dell’Inter, ormai, è diventato una costante. Il girone di andata di Spalletti è andato oltre la media, quello di ritorno però sembra riportare l’Inter alla passata stagione. Non sappiamo quale sia la vera Inter, se quella bella dell’andata o se quella indecente del ritorno e fine andata. Forse una via di mezzo, certo è che - se continua così - la Champions sarà a forte rischio e sarebbe davvero disastroso. Aumenta il rimpianto per Mirabelli e Fassone di aver puntato, ad inizio anno, su un aeroplano senza ali. I nerazzurri sono senza idee, senza gioco e senza risultati. Troppa fatica per fare gol e troppi calciatori utilizzati non di primissima fascia. L’intervento a gennaio doveva essere più massiccio ma se a Spalletti hanno negato ogni tipo di investimento la colpa, in questo caso, è solo della proprietà. Non riusciamo a dare colpe neanche a Sabatini ed Ausilio. A proposito, ma lo zio cinese, in Italia, non viene più neanche a fare le vacanze? Va bene che ci ha lasciato, come ostaggio, il figlio ma resta pur sempre un ragazzo che è lì solo perché nato nella famiglia giusta e perché il papi ha fatto i soldi veri in Cina. Non ci aspettiamo dal figlio prodigio un cambio di tendenza se non un continuo reportage via mail al papà lontano. Serve la proprietà, serve chi comanda e serve ad Appiano la voce del padrone.

In coda alla classifica continua a deludere il Sassuolo. Da favola del calcio italiano a pasticcio italiano. La società non è uscita bene, a livello di immagine, dal mercato di gennaio ma in campo ne sta uscendo ancora peggio. Di Francesco trascinava campo e società, una volta finiti nelle mani di Angelozzi i risultati sono evidenti. Il Direttore Sportivo che parla tanto dei suoi hobby ma si occupa poco del suo lavoro. Carnevali, abile manager, dovrebbe circondarsi di persone e collaboratori validi; non capiamo come mai dia ancora fiducia ad un Direttore che ha sbagliato tutta la campagna acquisti estiva. Iachini è stato perfetto per mettere una pezza. La coperta la puoi tirare, durante la notte, ma prima o poi torni con i piedi fuori se è troppo corta. E inizia a fare freddo. Certamente il Sassuolo, in questo campionato, non avrà grandi problemi per salvarsi, vista la concorrenza, però un Patron come Squinzi non merita queste umiliazioni settimanali. Serve una rivoluzione e Cherubini sarebbe l’uomo ideale per ricoprire il ruolo di Direttore Sportivo. Nel frattempo il Sassuolo fa pena e qualcuno dovrebbe farsi un vero esame di in-coscienza.

Il Benevento difficilmente si salverà ma, almeno, con De Zerbi sta salvando la faccia. La squadra gioca e lotta e ha un’idea di gioco ben precisa. Il tempo perso ad inizio anno, probabilmente, sarà una croce sulle spalle del club ma questo aiuta solo a far aumentare il rimpianto. De Zerbi ha grandi idee. Meticoloso e, con tutti i suoi difetti, è leale e dice ai suoi calciatori sempre le cose in faccia. Il suo gioco è il futuro. Il suo calcio il presente. Ha sbagliato, forse, ha sposare due progetti difficili per essere ad inizio attività in serie A ma, sicuramente, ha una strada ben delineata per la sua carriera tra i grandi. Al Benevento, per salvarsi, occorre un miracolo ma intanto non entrerà nei primati storici di tutta Europa per aver fatto 10 punti in tutto il campionato.

La favola Atalanta continua e può continuare anche in Europa League. La squadra gioca un calcio splendido, l’Europa ha trasformato la città in un pallone e tutta Bergamo sogna ad occhi aperti. In campionato la Dea c’è e non sfigura mai. Anche contro le leggi più elementari del calcio. Come quella che recita che la coesione di gruppo è fondamentale per ottenere grandi risultati. Da un po' di mesi Gasperini e Sartori sono ai ferri corti. Ovviamente arriveranno smentite ma tutti sanno che allenatore e Direttore non si parlano da tanto tempo. Hanno idee e gestione diverse. Modi differenti di vedere il calcio. Gasperini, grazie ai risultati ottenuti, ha grande potere sulla famiglia Percassi che lo ascolta come un oracolo. Giusto così. Ma anche Sartori gode della fiducia della proprietà. Si va avanti, insieme, da separati in casa. Fin quando i risultati daranno ragione all’Atalanta. Quindi ad entrambi. Gasperini è un grande allenatore. Con due pecche: all’esame della big, Inter, ha cannato l’occasione della vita e la grande pecca resta il carattere che forse lo terrà lontano dal grande giro. Come allenatore non si discute. Un fenomeno. Fa giocare benissimo le sue squadre e ottiene sempre il massimo dal gruppo, soprattutto se composto da calciatori giovani. Sartori ha un modo di fare calcio tutto suo. Ha un occhio che in pochi hanno in Italia e la domenica non va mai a vedere la sua squadra ma vede le partite delle altre. Poi rivede la partita dei suoi in dvd. Così a Verona, così a Bergamo. La vittoria è l’unica medicina per curare tutti i mali. L’Atalanta è la vera Regina d’Europa che salva la faccia al calcio italiano, in una stagione dove le emozioni europee sono state davvero poche.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: in attesa del "miracolo Modric" si punta a Keita! Juve: altro tassello in arrivo al centro. Milan: attenzione, Leonardo ha un segreto... Napoli: 10 giorni per risolvere un equivoco 07.08 - Ciao. Mancano 10 giorni alla chiusura del mercato poi, purtroppo, inizierà il campionato. Il campionato non interessa a nessuno. A tutti interessa il mercato. “Chi arriva?”. “Ne prendiamo due?”. “La pista è calda?”. Queste cose qui. Pochissimi si chiedono “dove giocherà?” o “ha senso...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Higuain e Caldara boom ma a Leo non basta. De Laurentiis si scrive le regole da solo. Belotti ad un bivio: ora o mai più. Un'estate italiana: la solita pagliacciata 06.08 - E' stata la settimana del diavolo. Tifosi che tornano a sognare e sperare dopo il bluff Lì. L'arrivo di Elliott è servito almeno a fare chiarezza sulla strategia futura della società. Avere un proprietario come fondo non è il massimo ma, almeno, conosciamo la mission. Rivalutare squadra...

EditorialeDI: Andrea Losapio

MIlan-Juve, scambio da sogno. Le scuse per Vidal, l'incredibile Modric. E il Napoli che ne prende 5 a Liverpool 05.08 - È stata una grande settimana di mercato. Tra Gonzalo Higuain, Mattia Caldara e Leonardo Bonucci, tre protagonisti inconsapevoli di questo mercato, almeno fino a inizio luglio. Higuain poteva finire sul mercato dopo qualche incomprensione con Allegri - e la panchina nella finale di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy