VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Napoli, ora che frittata-Champions è stata fatta si dia corso a quanto promesso in estate: lo Scudetto. Caro Benitez, la tattica senza strategia è solo una splendida teoria: si faccia spiegare da Conte come e quando cambiò la Juve...

31.08.2014 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 43426 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Spesso si dice che il modo migliore per cancellare certe cocenti sconfitte sia quello di scendere subito in campo, sfidare un altro avversario e batterlo per quanta rabbia hai in corpo. L'occasione per attutire il tonfo di Bilbao, il Napoli ce l'ha, stasera allo stadio Luigi Ferraris per il derby abbracci e lacrime (saranno ricordati i due tifosi morti, Claudio e Ciro) con il Genoa gemellato da 34 anni. Vincere all'esordio in serie A avrebbe il valore di una secchiata d'acqua gelida per un risveglio immediato su quelle ambizioni spesso ripetute dal presidente De Laurentiis: lottare fino alla fine per lo scudetto. Lo aveva detto, il patron, più volte nel corso del ritiro a Dimaro e ha ribadito il concetto alla squadra anche giovedì mattina, in aereo, di rientro dalla nottataccia di Champions. Partire in campionato con il piede giusto diventa fondamentale adesso che la curiosità lascia spazio alle intenzioni, anche per capire se il buon Benitez utilizzerà finalmente Inler e Zuniga, due titolarissimi della passata stagione che stranamente non sono stati impiegati neanche un minuto durante la doppia sfida contro l'Athletic. E poi, io personalmente fremo nell'attesa di capire quanto l'esterno colombiano e il play maker svizzero siano tanto più indietro atleticamente rispetto a Ghoulam e Gargano, cioè, due calciatori spesso utilizzati in queste partite e che al pari loro erano reduci dal mondiale in Brasile. Ormai tutti gi effettivi possono essere considerati pronti, anche quel De Guzman, la cui utilità potrebbe essere sperimentata già stasera, magari a sfida in corso ed al posto di Dzemaili, del quale continuo a pensare che l'olandese ne sia naturale sostituto. Solo Dzemaili e Pandev si trovano tra "color che son sospesi, perché desiderosi di trovare altre opzioni, ora che sono stati collocati ai margini del progetto Napoli. Vedremo se nelle ultime ore di mercato sarà possibile chiudere per qualche altro elemento che abbia esperienza, ma lo zoccolo duro della squadra è quello di cui disporrà stasera Benitez a Marassi, cioè lo stesso gruppo sul quale aveva puntato, ancor prima della sua inopportuna considerazione sul valore da dare al doppio match con il Bilbao. "Non sarà una tragedia se dovessimo perdere, perché il nostro progetto andrà avanti ugualmente. Ci sono tanti obiettivi da raggiungere, lo scudetto, la Supercoppa, l'Europa League e la Coppa Italia", è stata un'ingenuità inspiegabile per un allenatore esperto come Benitez, concedere un'alibi tanto grande ai calciatori: andare o no in Champions, sarebbe stata la stessa cosa. Ma ormai la frittata è fatta e ci aspettiamo che si proceda spediti verso il piano B descritto dal coach spagnolo, probabilmente deluso ma non di certo all'oscuro di quelle che sarebbero state le linee guida di questo mercato, tracciate ed esposte direttamente da Aurelio De Laurentiis. Lo fece il 17 luglio scorso, nel corso della presentazione del secondo sponsor sulle maglie del Napoli. "Io devo difendere il calcio Napoli, perché il club resta mentre gli allenatori passano. Devo fare forte il Napoli in assoluto e non solo per una stagione. Quindi, devo contestare sempre l'acquisto di calciatori che costino tanto, perchè se poi non dovessero rendere per quanto speso, a chi li do? Su questo punto sarò sempre inflessibile e non mi convincerà del contrario mai nessun allenatore", parola per parola fu questo il concetto, duro e reale, che il presidente espose pubblicamente e di cui lo stesso Benitez ne era sicuramente a conoscenza. Di fronte ad una tale limpidezza di progetto, ad un allenatore non resta che prendere o lasciare. Benitez ha preso e adesso dovrà fare di necessità-virtù, utilizzando al meglio l'organico di cui dispone. E' una constatazione amara, soprattutto per i tifosi ai quali era stato girato un messaggio al termine della stagione scorsa: a quel Napoli servivano soltanto un paio di innesti, di qualità e di esperienza. Non sono arrivati ed al loro posto, finora, sono stati presi elementi la cui validità andrà verificata sul campo. Il caro don Rafè dovrà organizzarsi per il meglio, cominciare a farsi furbo, perché in Italia è diverso che altrove. Benitez punta tutto sulla liturgia esasperata del modulo, mentre in Italia così non funziona. Magari se lo faccia spiegare da Antonio Conte come si vincono tre scudetti consecutivi e perché prima di Napoli-Juventus, stagione 2011-2012, l'attuale ct della Nazionale decise di affrontare al San Paolo la bestia nera Napoli, cambiando il modulo dal 4-4-2 in un 3-5-2 più adatto ai calciatori a sua disposizione. La Juve pareggiò 3-3, dopo anni di pesanti batoste a Fuorigrotta e da quel momento nessuna più l'ha fermata. Prenda esempio Benitez da quell'episodio-svolta, perché in serie A bisogna aguzzar l'ingegno: la tattica, senza la strategia, resta solo una splendida, inutile teoria.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.