VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

No ad Allegri in Nazionale, io scelgo Guidolin: consumato da Udine, il migliore per l'azzurro

Nato a Sassocorvaro il 31 maggio 1939, allievo di Gianni Brera, Severo Boschi, Aldo Bardelli ed Enzo Biagi. Collabora con la Rai come opinionista/editorialista sportivo.
09.02.2014 00:00 di Italo Cucci   articolo letto 30300 volte
© foto di Federico De Luca

I media - meglio: molti critici - stanno sponsorizzando la candidatura di Max Allegri alla guida della Nazionale post Prandelli. Io no. Anche perchè ricordo bene quand'è nata, questa candidatura: quando molti degli stessi critici oggi benevolenti volevano spedire Allegri a Coverciano per allontanarlo dal Milan (foeura di ball - avrebbe detto Brera) e ne cantavano le virtù la domenica e i vizi il lunedì. Aggiungo che se questa fosse la scelta federale, vorrebbe dire che si sono stancati del Prandellismo, così diverso dall'Allegria. Il perbenista lumbard da una parte, il cazzuto labronico dall'altra. Proprio come quando il Cesare pieno di buoni principi aveva sostituito l'altro toscano di scoglio, Lippi, ch'era arrivato alla fine e dalla fine - del Mondiale 2006 - aveva ricominciato a guidare la Nazionale incidentata Donadoni rifiutando il nuovo (ad esempio Balotelli) e rinnovando il vecchio, come Bearzot a Messico '86. Per pura gratitudine.
D'abitudine, non mi limito a dire quel che non mi va e anzi mi piace far proposte. E allora ribadisco (già ne parlai in radio e tivù) che il "mio" futuro CT è Francesco Guidolin. Che non é un mago ( ne ho conosciuti solo due, Herrera e Mourinho; e Oronzo Pugliese, il Mago di Turi) ma neanche un panchinaro. È un Maestro prossimo ai sessanta che festeggerebbe assumendo la guida della Nazionale. È un Maestro che rischia un logorìo pernicioso se continua a bruciarsi anima e corpo a bordocampo, per l'Udinese, con lo stesso faticoso stressante impegno che gli vidi spendere vent'anni fa, a Vicenza , eppoi nel Duemila a Bologna, nel 2008 a Palermo , nel 2010 a Parma, tre luoghi che dovevano dargli serenitá e invece riuscî a farsi male anche lì, in Emilia polemizzando, a Palermo appassionandosi troppo alla sicilianità.. Udine l'ha completato e consumato come una candela che ancora illumina ma la cera sta per finire. Per qualità tecniche e tattiche è uno dei migliori in circolazione, forse il migliore: e la Nazionale certificherebbe il suo curriculum. È una persona colta e seria, anche troppo, come dev'essere chi assume le redini della Patria Pedata. Ho detto la mia. E adesso affido la sponsorizzazione al suo partner preferito, Romano Prodi. Un giro in bici verso Cormons, una telefonata a Abete...Francesco, un sorriso, prego...

Db Monaco di Baviera (Germania) 31/07/2013 - Audi Cup / Milan-Manchester City nella foto: Massimiliano Allegri
 
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.