VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Non è Donnarumma ma Rizzoli il nervo scoperto della Juve. Ancelotti nella vita non si sa mai, meglio imparare il cinese. Galliani-Torino, certo che no. Napoli-Genoa-Milan: il centravanti uno e trino.

19.11.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 28742 volte

Dai e dai abbiamo intuito il senso della battuta dell'ad bianconero Beppe Marotta all'inizio della settimana. Tardi, ma abbiamo, forse, colto. Il sorriso e le frasi successive di Marotta all'indirizzo di Donnarumma, non erano battute di mercato. Ma due nervi scoperti. Da sempre a Torino considerano l'Inter un rivale a livello di pancia e di tifo, ma il vero rivale politico-sportivo è da sempre il Milan. E' il Milan, e forse viceversa, dopo tanti duelli europei e nazionali, l'entità da marcare stretta, di cui auscultare i sospiri e dal quale temere giri di valzer. Insomma, alla Juventus non hanno ancora mandato giù il gol annullato a Pjanic e la vittoria del Milan dello scorso 22 Ottobre. Viene vissuto quasi come un affronto sportivo. Al quale sono seguiti anche gli omaggi mediatici, ovvero bravi il Milan e l'Inter, le uniche due squadre che non si sono scansate contro la Juventus. Per un Club storicamente competitivo e calcisticamente cattivo e determinato come quello bianconero, era troppo. Come reagire? Come farla tra virgolette, molto fra virgolette, "pagare"? Ma con una innocente battuta sul fuoriclasse del Milan fra i pali che farà parlare tutto il mondo per tutta la settimana...Dai e dai...

Vincenzo Montella ha la raffinatezza e la sensibilità per fare l'allenatore del Milan ancora per tanti anni, è potenzialmente un tecnico da ciclo, anche con la nuova proprietà in arrivo, perfettamente in grado di fare epoca al Milan. Quello che stiamo per raccontare non è assolutamente in contraddizione con quello che di buono sta facendo Montella al Milan e che continuerà a fare ancora per molto tempo. Ma la sensazione che raccontiamo non vale per domani mattina e nemmeno per il 2017 o il 2018. Il fatto è che, fino a che avrà ancora a disposizione un solo giorno per allenare, nella propria vita e nella propria carriera, Carlo Ancelotti un pensiero al suo ritorno a casa lo farà sempre. La battuta "Dovrò mica mettermi a imparare il cinese, nella vita non si sa mai..." che ha fatto in settimana, è proprio di quello stampo. Vero che nell'estate 2015 Carletto ha avuto tutta piena la possibilità di tornare, ma non era ancora il momento. Per i tanti motivi che rendevano il Milan di un anno fa diverso da quello che lui aveva lasciato nel 2009. Affettuosamente sempre vicino a Galliani al punto da parlarne spesso con Rummenigge, Carletto scende in campo oggi con il suo Bayern sul campo del Borussia Dortmund nel derby di Germania e continuerà ad allenare ad altissimo livello in Europa piuttosto che in Italia. Ma se ci sarà un giorno, un momento, un pertugio, un battito del cuore per il suo Milan ci sarà sempre.

Siamo sorpresi e non vogliamo fare quelli che smentiscono ufficialmente, anche al sabato. Non c'è da smentire, c'è solo da ragionare e fare due più due. Ma davvero c'è chi pensa che Adriano Galliani, sempre per il rispetto della propria carriera di capo azienda, possa andare in un altro Club calcistico italiano se, come ormai sembra evidente, non continuerà a fare l'amministratore delegato del Milan? E' stato citato il Torino negli ultimi giorni, ma non è una questione che riguarda il Torino, società gloriosa che merita rispetto e considerazione da parte di tutti. Ma al di là del Torino, no. Ma no. E' la classica bolla di non sappiamo nemmeno che da accantonare all'istante. Se il mondo calciomediatico di oggi non fosse così suggestionabile e così ridondante, si sarebbe capito subito che non poteva essere. E non sarà. L'Adriano Galliani di queste ore tiene per sè i propri pensieri in generale (Donnarumma ad esempio a 16 anni poteva andare via dal Milan a zero, ma è rimasto per rispetto delle persone del Milan e ha firmato un contratto triennale che già all'epoca era una grande impresa, ma nessuno sa e nessuno se ne accorge) e rimane in silenzio in Lega per le sue scaramanzie pre Derby. Non c'è altro.

Quelli che sanno tutto e che bisogna fidarsi di loro, non mancano mai sui social. Nel corso di questa settimana abbiamo beccato il bene informato che faceva filotto: "Fidatevi di me, a Gennaio Luiz Adriano al Genoa, Bacca al Napoli e Pavoletti al Milan". Letto così, sembra un sillogismo perfetto, una trilogia ad incastro. Ma che il Genoa possa reggere l'ingaggio di Luiz Adriano, che Bacca, così immerso nel Milan al punto da voler giocare a tutti i costi il derby di Milano di domani, possa davvero andare via fra poche settimane o che possa farlo lo stesso Pavoletti che ha ripetuto fino alla noia di recente che se dovesse lasciare il Genoa non sarà a metò stagione, non lo crediamo e non lo possiamo pensare. Bisogna leggere tutto e provare a immaginare tutto, nel calcio. Ma il tris dei centravanti no. Nemmeno nella prossima finestra di Gennaio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.