VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Non piacciono a Conte le parole di Elkann: tutti i retroscena del mancato rinnovo del tecnico con la Juve, bloccato per paura del Milan. Perché Prandelli non firma? Clausola per andare in un club? Guarin-Destro si può fare

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
23.05.2014 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 57542 volte
© foto di Federico De Luca

Le parole di John Elkann dette appena ieri all'assemblea della Exor da un lato confermano quello che la Juventus ha negato fino all'impossibile e noi invece da gennaio abbiamo sempre sostenuto: "Questa volta ho temuto davvero di perdere Conte" ha confessato Elkann, e da un lato sicuramente hanno allargato il solco che c'è tra lo stesso allenatore e la Juventus.

Quando Elkann dice che l'Atletico Madrid riesce a far bene in Europa senza grandi investimenti, indirettamente tira in ballo il lavoro del tecnico. E quando annuncia che non ci saranno colpi di testa sul mercato e i conti vengono prima di tutto e commenta "che la Juve ha già una grande rosa", sono le cose che Conte non condivide e non vuol sentir dire.

Forse è sfuggito ai più, ma se la Juventus e Conte non sono separati in casa poco ci manca. Solo il grande rapporto tra l'allenatore e il presidente Agnelli e la juventinità sempre dichiarata da Conte, hanno impedito una rottura traumatica che è stata molto vicina.

La conferma del rapporto arrivata con un tweet e il rifiuto di prolungare il contratto proposto dalla società, la dicono lunga. Conte resterà a Torino soltanto perchè la Juventus non ha voluto liberarlo e gli ha imposto di rispettare l'ultimo anno di accordo. Conte si è trovato con le spalle al muro, per rispetto ai tifosi juventini non ha fatto un gesto traumatico come le dimissioni, la Juventus l'avrebbe tenuto comunque vincolato.

Insomma una situazione difficile a causa delle richieste di rinnovamento della rosa che ha fatto Conte in numerosi incontri avvenuti a vari livelli e in varie sedi per una settimana intera, senza che fosse trovato un accordo. Ma finchè Conte ha avuto offerte dall'estero (la squadra più vicina e più gradita è stata il Paris Saint Germain), i dirigenti bianconeri probabilmente avrebbero anche lasciato andar via il loro allenatore, ma quando è arrivato a un passo dal Milan, la Juve ha alzato il muro del contratto da rispettare.

E' questo quello che è successo.

Il Milan, tramite emissari di Berlusconi, ha chiesto a Conte di guidare la rinascita dei rossoneri come ha fatto tre anni fa con la Juventus. Al presidente del Milan piace il gioco propositivo della Juve, piace soprattutto la capacità di questo allenatore di far rendere al massimo delle loro possibilità tutti i giocatori.

Quindi, visto che i soldi per comprare grandi giocatopri il Milan non li ha, Berlusconi ha pensato di investire sul più importante allenatore italiano del momento. A Conte è stato offerto un triennale da cinque milioni di euro e l'allenatore ha detto sì. Anzichè rimanere alla Juventus con il solito obiettivo dello scudetto e un gruppo per lui ormai scarico, ha pensato ad una nuova grande sfida professionale: rilanciare il Milan. Lo ha ammesso lui stesso quando ha parlato di "esperienze stuzzicanti". Era questa, era il rossonero.

Ecco svelato perchè Conte è rimasto, semplicemente la Juve gli ha imposto ri rimanere. Nessuna conferenza congiunta, nessun vogliamoci bene come l'anno scorso sono un altro grande segnale di distanza.

Cosa voleva Conte per firmare il prolungamento del contratto con la Juve? Un piano di rafforzamento con 2-3 giocatori importanti (un attaccante di fascia, un centrocampista e un difensore), ma soprattutto un cambio della rosa e una maggiore qualità della panchina. Una decina di giocatori per cambiare volto alla Juve e la proprietà ha detto no.

Cosa succederà adesso? Conte lavorerà con lo stesso impegno, aspetterà la campagna acquisti e valuterà soltanto in autunno se le promesse di rafforzamento della Juve saranno sufficienti a farlo lavorare per grandi obiettivi. In quel caso probabilmente rinnoverà, altrimenti aspetterà la fine del contratto per riproporsi al Milan o all'estero.

La Juventus dovrà essere brava a gestire la situazione, nella stessa situazione era Allegri l'anno scorso e al Milan è sfuggito tutto di mano in fretta.

A proposito del Milan, è spiegato anche così lo stop decisionale di questi giorni. Berlusconi al posto di Seedorf vuole un allenatore già pronto. Dopo Conte è stato sondato anche Ancelotti, ma il discorso è lontano. Montella è stata una tentazione, ma rimane negli esperimenti. Inzaghi non è giudicato pronto.

Qui si innesca anche il discorso Prandelli. Perchè non firma il contratto con la Nazionale già sbandierato da tempo? Perchè dietro c'è il Milan. Prandelli è un altro di quegli allenatori-pronti della lista di Berlusconi. L'empasse con la nazionale forse è causa di una clausola che consentirebbe a Prandelli di svincolarsi a fronte di una chiamata di un club che la federcalcio non vuole inserire nel contratto.

Insomma una situazione complessa, se Berlusconi non avrà un allenatore di suo completo gradimento continuerà con Seedorf per prendere poi Conte nel giugno prossimo.

Come si vede dalla mossa Drogba non graditissima a Conte (sono due anni che Marotta lo corteggia), la Juventus ha iniziato il suo mercato low cost, fatto di occasioni e intuizioni. Il Milan è fermo in attesa dell'allenatore, mentre l'Inter sta pensando a giocatori più funzionali al gioco di Mazzarri. Destro potrebbe essere il suo nuovo Cavani, in cambio i nerazzurri hanno offerto Guarin e la Roma ci sta pensando.

Tornando alla Juve, un lungo incontro con l'Udinese ha portato a stringere attorno al jolly Roberto Pereyra, argentino di 23 anni. Non è stato approfondito invece il discorso su Cuadrado, un altro dei giocatori della lista-Conte.

L'Udinese ha dato la parola alla Fiorentina: i viola vogliono riscattare l'altra metà del cartellino. Soprattutto l'Udinese sa che in caso di cessione congiunta, la Fiorentina vuole dare il giocatore all'estero e comunque mai alla Juventus.

Però prima Andrea Della Valle sta cercando di convincere il giocatore a restare per almeno un altro anno a Firenze con la promessa che poi lo lascerà andare dove vorrà. Con il sì di Cuadrado in mano, Della Valle penserà al riscatto con l'Udinese trattando direttamente con Pozzo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.