VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Occhio alle panchine delle big d'Europa, molte in bilico, Milan compreso. Thohir e la rivoluzione silenziosa. Gli obiettivi della Roma...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
01.05.2014 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 33059 volte
© foto di Federico De Luca

Ora che la stagione sta arrivando alla sua stretta finale cominciano le profonde riflessioni. E siccome il domino delle panchine parte sempre dall'alto, attenzione alle delusissime e alle deluse l'Europa. Eh sì, perché da loro poi si innesca il famoso meccanismo a catena. Cambieranno sicuramente (o quasi) almeno 5 big. Conferme ufficiali non ce ne sono, ma forti, fortissimi indizi sì. Il Monaco (Ranieri), lo United (ora Giggs), il Milan (dopo Allegri, Seedorf), Tottenham (Sherwood dopo Villas Boas) e Barcellona (Martino). Queste le 5 che hanno quasi deciso. E quelle che possono spostare gli equilibri. Perché sono panchine pesanti, dove generalmente girano soldi e grandi progetti. Generalmente perché al Milan ora grande disponibilità economica non c'è, ma il prestigio è sempre lo stesso. E visto che Seedorf (alla prova derby) è tutt'altro che saldo i nomi che si fanno sono tutti plausibili: Inzaghi quello favorito, ma le vecchie fiamme (Spalletti) o i milanisti (Donadoni) non sono piste da scartare a priori. La situazione del Milan è quella che ci interessa più da vicino. Ma il movimento sulle panchine non finisce a Milano. Attenzione anche al Galatasaray (Mancini) all'Arsenal (Wenger ha detto che se i tifosi non lo vogliono più è pronto a lasciare, ed ha il contratto in scadenza). E poi una particolare menzione ce l'hanno il Bayern Monaco che come ambiente non ha digerito la cura Guardiola e il City ora ha in mano la Premier: ma se Pellegrini non dovesse vincerla rischierebbe eccome. Ecco a chi e cosa puntano gli allenatori emergenti in giro per il mondo.

Conte, Simeone, Garcia e De Boer. Corteggiati, sponsorizzati, ricercati. Difficile, difficilissimo che lascino. Soprattutto gli "italiani". C'è un progetto da continuare a coltivare. E ancora (soprattutto per Conte) non è il caso di parlare di futuro, quando c'è da giocarsi ancora l'ultima fetta della stagione. Anzi: parlare di futuro juventino per Conte è tutt'altro che azzardo. Alla fine del rush ci sarà il tempo per cominciare a buttare giù la strategia per la prossima campagna acquisti: capire come (e se) resistere alle tentazioni e in che ruolo mettersi alla ricerca di giocatori in grado di far crescere la Juve. E il settore offensivo (nonostante la grandissima stagione di Tevez e Llorente) è quello che subirà i maggiori cambiamenti.

Certezze al momento non ce ne sono, da nessuna parte. Le pedine si stanno muovendo, si sta rispondendo ad interrogativi lunghi una stagione. E in questo periodo sempre si pensa a una grande rivoluzione. Ma di squadre che hanno deluso ce ne sono. E quindi anche movimenti.

Anche l'Inter è pronta alla rivoluzione. Più silenziosa, ma non meno profonda. L'identikit di Thohir è chiaro: giovane e famoso. Perché i giocatori dell'Inter devono aiutare la società ad espandersi nel mercato. Benissimo Vidic (in qualità di ex Manchester è famosissimo in Asia), benissimo Nagatomo (in Giappone ha un enorme seguito), perfetto Hernanes che in Brasile ha aperto il mercato. A lui si aggiungerà (molto probabilmente) Nilton. L'Argentina perderà qualche protagonista (Milito, Zanetti e molto probabilmente anche Samuel e Cambiasso) ma rimane sempre Palacio e soprattutto Icardi, quello che più di tutti rappresenta il nuovo FF: forte e famoso. Con chiara allusione a twitter, stavolta non per le sue foto con l'amata ma per testimoniare il fatto che sia giovane. Eccola la nuova pelle dell'Inter: fresca, dinamica, vincente e internazionale. Il botto sarà in avanti: ma di strada ce ne sarà ancora da fare da qui al colpo.

Anche la Roma comincia a programmare: tutti vogliono che rimanga Pjanic (Garcia in testa) si sta lavorando sul rinnovo da tempo. Ma ancora la firma non c'è stata. E le sue magie continuano a ingolosire mezza Europa (PSG in testa, che ha fatto un sondaggio anche con il Verona per Romulo). Potrebbe essere questo il "problema" della Roma. Che ha intenzione di prendere un difensore centrale (Toloi non verrà riscattato, sempre seguito Astori), un terzino (Kolarov uno dei nomi) un centrocampista, soprattutto dovesse partire Pjianic (a piace Paulinho del Tottenham) e un attaccante esterno (il nome di Aubameyang è tornato di moda).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.