VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Oltre 900 milioni investiti tra la scorsa estate e gennaio per rinforzarsi: è tempo di bilanci per i 20 club di A. Paradosso Atalanta, capolavoro Samp. Inter, smarcati da Kia. Napoli esempio da seguire

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
30.04.2017 08:45 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 48904 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Fine aprile, pochi verdetti ancora in bilico e, adesso si, la certezza che non sarà questo finale di stagione a sovvertire i giudizi. Come è andata la stagione dei calciatori che la scorsa estate, o lo scorso gennaio, sono stati acquistati dai venti club di Serie A?
Gli investimenti nelle ultime due sessioni di calciomercato sono stati importanti: 730 i milioni di euro messi in gioco la scorsa estate, poco meno di 200 a gennaio per calciatori che sono stati pagati (o verranno pagati) 'troppo', il 'giusto prezzo' o 'troppo poco'. Di seguito l'analisi squadra per squadra.

ATALANTA
Una delle migliori stagione della storia del club orobico arriva, paradossalmente, dopo uno dei mercati estivi peggiori. Gian Piero Gasperini s'è rivelato il demiurgo ideale per far esplodere le potenzialità di un settore giovanile unico in Italia. Però, i dieci milioni di euro incassati dalla cessione di de Roon sono stati investiti per calciatori non utili alla causa del tecnico di Grugliasco: Bryan Cabezas, protagonista solo di una comparsata all'Olimpico lo scorso 15 aprile, e Alberto Paloschi. Per l'attaccante scuola Milan spesi oltre sette milioni di euro.

BOLOGNA
Una stagione modesta, a tratti molto deludente, ma anche la consapevolezza che i tanti giovani inseriti in rosa la scorsa estate produrrebbero, già adesso, plusvalenze significative. Nagy, Verdi, Krejci e Di Francesco, acquistati complessivamente per circa otto milioni di euro, hanno fatto intravedere con discontinuità potenzialità importanti e risultano acquisti azzeccati.
Stagione deludente per Donsah, riscattato per cinque milioni di euro, e sostanzialmente interlocutoria per l'acquisto più costoso della scorsa estate: Luca Rizzo, laterale riscattato dalla Samp per circa sei milioni di euro.

CAGLIARI
Il presidente Giulini la scorsa estate s'è affidato quasi esclusivamente agli innesti d'esperienza, Borriello e Bruno Alves su tutti. La strada migliore per assicurarsi la permanenza nella categoria, ma non quella ideale per accrescere il valore della rosa. Mauricio Isla, in parabola discendente, ha dimostrato di non valere i quattro milioni di euro investiti, mentre dare un giudizio su Artur Ionita - fuori per quasi tutta la stagione causa infortunio - è pressoché impossibile.

CHIEVO VERONA
Giudizio pressoché nullo. Patron Campedelli ha effettuato pochissimi investimenti: tantissimi prestiti, qualche svincolato e praticamente nessun acquisto significativo. Samuel Bastien l'unico vero investimento in rosa (M'Poku s'è trasferito in Grecia per rilanciarsi), ma Maran per questa stagione s'è affidato alla vecchia guardia.

EMPOLI
Fabrizio Corsi ha concentrato i suoi investimenti unicamente sulle infrastrutture e i risultati si sono visti con una salvezza a poche giornate dal termine non ancora al sicuro. Puntare su giocatori d'esperienza come Gilardino e Pasqual non ha pagato. Tra i pochi innesti di valore Omar El Kaddouri - l'unico investimento di gennaio - è l'unico che ha dato un apporto significativo all'undici titolare di mister Martusciello.

FIORENTINA
Tanti giovani, tante scommesse e nessun affare. Il Corvino bis a Firenze è partito col piede sbagliato. Giocatori come Diks e Dragowski, pagati complessivamente più di cinque milioni di euro, non hanno praticamente mai visto il campo. Male, malino o malissimo - a seconda dei casi - anche gli altri giocatori che il deus ex machina del mercato viola ha acquistato la scorsa estate in prestito oneroso: da Toledo a Milic, passando per Salcedo, Sanchez e Cristoforo. Tutti innesti non all'altezza di una Fiorentina che ha l'ambizione di voler lottare per il terzo-quarto posto.
Tiro parzialmente corretto a gennaio: l'acquisto di Riccardo Saponara - circa dieci milioni di euro tra prestito e obbligo di riscatto - va nella direzione giusta.

GENOA
Protesta la piazza per risultati non all'altezza dell'importanza del club, non se la passa male Preziosi. Plusvalenze su plusvalenze che certificano la bontà di un lavoro di scouting positivo. Gli acquisti estivi più costosi della scorsa estate, Giovanni Simeone e Diego Laxalt, andranno probabilmente via in estate per cifre molto più alte rispetto a quelle sborsate.
A gennaio solo una piccola parte dei soldi incassati per Pavoletti e Rincon sono stati reinvestiti sui cartellini di Beghetto e Morosini, protagonisti recenti in Serie B che non hanno ancora dimostrato il loro valore nel massimo campionato. Ma l'età è tutta dalla loro parte.

INTER
La scorsa estate, con Kia Joorabchian nei panni di regista, Suning ha investito 70 milioni di euro per João Mário e Gabriel Barbosa. Troppi, troppi, troppi: ogni ulteriore commento sarebbe superfluo.
In linea con le attese Antonio Candreva, giocatore che ha lasciato la Capitale per trasferirsi a Milano in un periodo di piena maturità calcistica. Banega, nonostante una stagione con alti e bassi, a costo zero è sempre un colpaccio da sottolineare. I circa 30 milioni messi sul piatto per Gagliardini sembrano già pochi rispetto all'impatto che il centrocampista scuola Atalanta ha avuto con la sua nuova realtà: un predestinato.

JUVENTUS
Sui 90 milioni spesi per Gonzalo Higuain, in questi mesi, s'è detto di tutto di più. Da 'troppi' a 'troppo pochi' ci sono tutta una serie di giudizi che settimana dopo settimana sono stati accuratamente esaminati e sviscerati senza mai arrivare a un giudizio univoco.
Una sola certezza in questa vicenda: il Pipita, che va verso i 30 anni, è stato un investimento pensato senza badare troppo al reale valore di mercato, definito per completare una squadra che a questo punto della stagione si trova esattamente dove voleva essere: in corsa su tutti i fronti e con buone possibilità di vincere la Champions.
Troppo presto per giudicare il talentuoso Marko Pjaca. Troppo 'normale' l'apporto di Miralem Pjanic: per 32 milioni di euro la Juve s'è assicura un titolare (e non è poco...), ma non è lui il giocatore che serviva per far fare il salto di qualità al reparto. Utilissimo Juan Cuadrado, mentre innesti come quelli di Tomas Rincon non aggiungono o tolgono nulla: il target di giocatori utili a questa Juventus è nettamente superiore al valore del centrocampista venezuelano.

LAZIO
Circa 30 milioni di euro spesi la scorsa estate per Bastos, Lukaku, Wallace, Immobile e Luiz Alberto. Azzeccatissimo l'investimento sul centravanti campano, un po' meno gli altri: solo il difensore brasiliano può considerarsi un calciatore prezioso per Inzaghi che s'è affidato al suo gruppo storico per una stagione fino a questo momento soddisfacente.

MILAN
S'è chiusa un'era ultratrentennale dopo due sessioni di calciomercato che hanno poco o nulla in comune col Milan di Berlusconi: 25 milioni di euro spesi per Lapadula, Gustavo Gomez e José Sosa, cioè tre comprimari. Gerard Deulofeu l'unico giocatore arrivato dal mercato che ha aggiunto valore alla squadra, ma trattasi di un premio di valorizzazione visto che lo spagnolo potrà tornare al Barcellona per una cifra già stabilità.

NAPOLI
Per fatturato, la naturale collocazione del Napoli è al quinto posto in classifica. Per valore reale, questa squadra è ormai da qualche anno la seconda/terza forza del campionato. Un dato che evidenzia il lavoro positivo che il club da diversi anni sta svolgendo: commettendo qualche errore, certo, ma meno degli altri.
Per 90 milioni di euro la cessione di Higuain era inevitabile, è servita per aprire un nuovo ciclo e abbassare l'età media investendo quei soldi su giovani che in alcuni casi - Amadou Diawara e Piotr Zielinski su tutti - hanno già sensibilmente incrementato il loro valore.
Ci sono stati però anche acquisti che non hanno reso secondo le attese: su tutti, quello di Nikola Maksimovic. Quasi 30 milioni di euro per un difensore che doveva imporsi da subito come titolare e, invece, nelle gerarchie di Sarri oscilla tra la quarta e la quinta posizione.
Troppo 'frettolosi' gli acquisti di Tonelli (9.5 milioni) e Pavoletti (13 milioni). Troppo talentuosi per non continuare a puntarci a mani basse Rog e Milik, calciatori costati complessivamente 45 milioni di euro.

ROMA
Giudizio complessivamente da 6: qualche ottima intuizione, qualche flop, qualche innesto da ordinaria amministrazione. Partiamo dalle note liete: Federico Fazio, arrivato per meno di cinque milioni di euro, vale già il triplo e sarà il pilastro difensivo della Roma almeno per un'altra stagione. Al suo fianco Antonio Rüdiger, tedesco classe '93 riscattato con lungimiranza la scorsa estate.
Dai guizzi all'ordinario ecco Bruno Peres e Stephan El Shaarawy, costati complessivamente 30 milioni di euro. Non giudicabili per motivi diversi Alisson e Mario Rui, flop clamoroso il brasiliano Gerson: 16 milioni di euro per un calciatore che dopo una stagione non ha nemmeno una precisa collocazione tattica.

SAMPDORIA
Si muovono tanto, si muovono bene. Menzione speciale per la squadra osservatori blucerchiata in giro per l'Europa che anche la scorsa estate ha definito acquisti che ben presto si tramuteranno in plusvalenze. Se Dennis Praet, prelevato dall'Anderlecht per undici milioni di euro, rispetta sostanzialmente il valore di mercato, Karol Linetty e soprattutto Patrik Schick hanno già moltiplicato il loro valore.
Lavoro più 'normale' nelle trattative italiane, con l'inserimento di comprimari e titolari che non fanno la differenza come l'ex Bohemians o, facendo un passo indietro, Milan Skriniar, esploso agli ordini di Giampaolo dopo sei mesi di adattamento. Ante Budimir (2 milioni di euro) e Luca Cigarini (3.5 milioni) i due bocciati.

SASSUOLO
Non è stata la stagione migliore, sia sul campo che in sede di calciomercato. Nell'estate in cui sono andati via Vrsaljko e Sansone, per un incasso complessivo di quasi 30 milioni di euro, serviva qualcosa in più di tanti 'piccoli' investimenti da 3-4 milioni di euro come quelli per Letschert, Iemmello e Ragusa.
Sacrosanti i riscatti di Duncan e Politano, lungimirante l'acquisto di Ferrari, difensore che s'è messo in mostra a Crotone.

TORINO
La strategia adottata da qualche anno dal presidente Cairo funziona e la strada da seguire è chiara, anche in una stagione in cui non è stato centrato l'obiettivo estivo: concludere il campionato tra le prime sei. I soldi incassati dalle cessioni di Glik e Maksimovic sono serviti in buona parte per rinforzare il reparto avanzato con Ljajic e Iago Falque (costati complessivamente meno di 20 milioni di euro). La difesa è peggiorata, le scommesse non hanno pagato, ma puntare sui giovani non solo per una-due stagioni permette a Cairo e Petrachi di avere a disposizione tante potenziali plusvalenze in rosa che possono far dormire sonni tranquilli ai tifosi granata.

UDINESE
Il progetto è ripartito. Dopo qualche anno di magra, l'Udinese con Delneri e Bonato ha messo finalmente alle spalle l'epoca d'oro dei Sanchez e dei Di Natale e ha palesato la sua nuova fisionomia. I soldi incassati dalla cessione di Zielinski al Napoli sono serviti per inserire in rosa calciatori come Perica, Fofana o de Paul che hanno almeno già raddoppiato il loro valore. Al momento, l'unico vero investimento definito la scorsa estate che non ha pagato è stato quello di Ewandro.

LE ULTIME TRE IN CLASSIFICA - Pochi investimenti possibili per Pescara e Crotone. Con un budget estremamente ridotto, le due neopromosse hanno fatto il possibile e sbagliato diversi acquisti. Peggiore, comunque, il giudizio sull'operato del Delfino che s'è presentato ai nastri di partenza con una rosa più debole rispetto a quella che ha ottenuto la promozione in Serie A.
Disastrosi gli ultimi mesi dell'era Maurizio Zamparini. L'ex presidente rosanero ha speso più per le commissioni che per i cartellini di calciatori che - in alcuni casi - farebbero fatica a giocare anche in B. Dopo stagioni importanti adesso il Palermo sta facendo i conti con mesi bui e la speranza è che Paul Baccaglini alle tante belle parole di queste settimane faccia seguire i fatti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.