VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Ora al Napoli servono gli uomini, prima ancora dei rinforzi. Se volete il bene della maglia che indossate, prendetevi pure per il bavero, tecnico e calciatori, ma chiaritevi e riaffermate il vostro valore

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
21.12.2014 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 18556 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Quel tanto, pochissimo, che manca esiste già nel Napoli. C'è e va sviluppato, sottratto alla polvere dell'amarezza che ha ricoperto l'euforia di tutti i calciatori. Scorie basche di quella Champions League che ha prima sedotto e poi abbandonato, blandito e poi beffato gli azzurri che viaggiano a corrente alternata da quella sciagurata fine di agosto in avanti. Ci si affida all'entusiasmo della singola gara oppure del trofeo in palio per risollevarsi dalla narcosi provocata dalla mancanza di obiettivi ambiziosi, così come invece sembrava possibile durante lo scorso ritiro estivo. "Il Napoli è la squadra peggiore da affrontare in gara secca", la considerazione resa di recente da Massimiliano Allegri corrisponde ad una realtà ben nota da due stagioni a questa parte e figlia di un inconfutabile dato di fatto: l'organico del Napoli è competitivo tanto da riuscire a metter sotto qualsiasi formazione, anche le più ricche del pianeta. Ecco perché il tecnico della Juventus ha messo le mani avanti, nella consapevolezza di dover contendere a Doha la Coppa al team che quest'anno ha avuto la migliore striscia (11) di risultati in serie A e capace di sbarazzarsi allegramente della Roma, seconda forza del campionato, oltre che della Fiorentina a casa sua. Il terzo posto è legittimamente di proprietà del Napoli, anche se adesso altre squadre stanno cullando il sogno di riuscire a strapparglielo. No, se gli azzurri non sono in scia alla Juve ed alla Roma, è soltanto perché hanno regalato 11 punti alle formazioni che occupano la parte destra della classifica. Uno sperpero, certo, lo è stato e va ricercato nelle dinamiche tra spogliatoio, tecnico e preparazione atletica. Il mercato c'entra, come no, perché il mancato arrivo dei pezzi da 90 non ha permesso ad una popolazione di 6 milioni di tifosi, di tenere testa a giallorossi e bianconeri per la vittoria dello scudetto. Ma non può essere preso a pretesto il mancato arrivo di Mascherano se Cagliari e Chievo (terzultima e quartultima in graduatoria) hanno portato via dal San Paolo 5 punti in 2 partite. Mancanza di intensità e di concentrazione, quelle che lamenta di continuo Benitez, anche se troppo spesso il Napoli sembra avere una marcia in meno rispetto agli avversari. Storie di una preparazione che (forse) non poteva essere migliore per il ritorno dai Mondiali di ben 13 tesserati. Condizione atletica e mentale, cioè due elementi di cui la squadra potrebbe disporre subito, non c'è la necessità di acquistarle al mercato invernale, da dove invece sembrano ormai prossimi all'arrivo Gabbiadini e Strinic. Serve una scintilla, magari proveniente dalla vittoria della Supercoppa contro la rivale Juve, ma occorre innanzitutto la concordia, un sano dialogo all'interno di una stanza. Per raccontarsi tutto e raccordarsi nuovamente. Affrontarsi anche a brutto muso, prendersi per il colletto della camicia, avrebbe un significato denso, di orgoglio ed onestà, il manifesto di un desiderio: fare il bene del Napoli. Vediamo quanto questo gruppo tiene a questa maglia, ora e non oltre è il momento per dimostrarlo. Da Benitez al giovane Luperto, ognuno si racconti ciò che ha dentro, si sfoghi contro chi pensa sia necessario, perché è così che si fa da che calcio è calcio. I più anziani e malinconici tifosi del Napoli, ricorderanno con piacere quando Bagni e Maradona, leader in contrasto, se ne dissero di "ogni" in ritiro, in un hotel di Cava de' Tirreni, per poi stringersi la mano. Di lì in avanti il Napoli fu protagonista di una cavalcata che lo portò a vincere il primo, storico scudetto. E poi, Benitez potrebbe ridurre il carico di malumore sversato in ogni conferenza stampa e farsi carico di portare a cena una volta di più tutto il gruppo, perché davanti ad un piatto di pasta si sciolgono tutte le che tensioni che non necessitano delle scuse formali. Se il tecnico rimbrotta un mediano perché in allenamento tocca il pallone due volte invece di tre e se sollecita un attaccante affinchè tiri fuori il carattere, beh, sono episodi di una quotidianità che appartiene a tutte le squadre, a tutte le categorie e per le quali non è affatto necessario l'intervento del presidente. Lui, De Laurentiis, oggi ha solo l'obbligo di prendere al mercato di gennaio ciò che sarebbe stato necessario acquistare d'estate. Poi toccherà ancora a Benitez sfruttare ognuno della rosa per quelle che sono le caratteristiche tecniche e stimolare professionalità ed indole dei campioni che viaggiano sotto ritmo da quando è cominciata la stagione. Oggi al Napoli servono gli uomini, prima ancora dei rinforzi


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.