VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Oscar per la Juventus, un difensore per la Fiorentina, la Sampdoria che sogna con Montella. L'inevitabile bisogno dei sogni e delle cose di ogni giorno, in questo mare magnum di odio e di violenza

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista e vicedirettore di Firenzeviola.it.
15.11.2015 09.37 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 63124 volte
© foto di Valeria Bittarelli

Chi ha qualcosa da dire si faccia avanti e taccia perché chi ha il cuore vuoto, ha la bocca che trabocca. Come Karl Kraus, una delle penne più intense e pungenti dell'inizio del secolo scorso, scriveva, così bisognerebbe fare. Riflettere, in silenzio. Che vale più di mille parole, in questo oceano di dolore che si è spalancato dalla porta accanto. Parigi è la mia Firenze, è il piccolo borgo in Abruzzo, è il paese sulle colline d'Irlanda, la casetta bianca con le finestre azzurro mediterraneo a picco sulle scogliere della Grecia. Parigi è l'Occidente, Parigi siamo noi. Colpiti, atterriti. Pieni di rabbia che non può e non deve diventare odio. Che non deve fermarci. Che non deve impedirci di tornare, in quel ristorante all'angolo della via, con una candela e con la nostra sospirata amata davanti. A quel concerto per cui, magari diciottenni, forse cinquantenni, da tempo contavamo i giorni sul calendario. In quella piazza, De La Republique, quindi di tutti. E che nessuno ci può togliere. In quello stadio, poi. Che è lo Stade de France, ma che potrebbe essere lo stadio di ogni luogo, città, paese. La paura t'immobilizza e ti ferma, ti lascia di stucco. Adesso, dopo quel silenzio, è giusto trasformare la rabbia in qualcosa di giusto. Nella normalità. Così, seppur possa sembrare paradossale, è giusto non fermarsi, andare avanti. Continuare a sognare, a discutere di pallone, affinché quella libertà non ci venga strappata ma solo soffocata.

Parliamo di calcio perché esprime meglio d'ogni altra cosa la quotidianità. La passione primordiale dell'uomo, dalla gioia alle lacrime, dal giubilo alla profonda tristezza. Parliamo di mercato perché è la fabbrica dei sogni. Dove nessuno, guardando al domani, esce sconfitto. Il tifoso della Juventus, magari, è deluso da una squadra ringiovanita d'estate ma dove la mancanza di capisaldi quali Pirlo, Vidal e Tevez si è fatta sentire. Anche più del previsto. Però Marotta e Paratici sono uomini scafati, dirigenti abili ed esperti. Sicché viaggiano già spediti per rimediare a quelli che sono non tanto errori ma inciampi sui quali pensavano, forse speravano, di restar più stabili. Oscar è nome che accende dentro quella fiammella, quel sogno di 10 che c'è sulle spalle, di Pogba, ma non nelle palle giocate. La fantasia vera, pura, brasiliana. La Juventus punta un giocatore che con Mourinho ha perso i galloni da titolarissimo, ma che è pur sempre uno dei migliori interpreti nel ruolo del globo. Costa caro, carissimo, ma per il salto di qualità è quel che serve. Davanti, invece, il sogno si chiama Ezequiel Lavezzi e non è certo poco. Anzi, Pocho. In scadenza di contratto con il PSG in estate, le discussioni coi parigini tardano a trovare soluzione e per questo la Vecchia Signora cerca e cercherà la zampata.

Sogni. Fa bene a coltivarli la Fiorentina, bella e pure possibile, aggrappata ad una chimera chiamata Scudetto. La carta spesso non dice la verità: i nomi sono meno ridondanti rispetto a quelli degli avversari, ma Paulo Sousa è la grande rivelazione del campionato e giocatori che per alcuni paiono gregari e buoni, sono ben più che ottimi ed a tratti campioni. I sogni passano anch'essi dal mercato, perché non costa nulla, se non alle casse dei Della Valle. Rimpolpate però dallo stipendio di Vincenzo Montella e dalla clausola che rientrano, sicché adesso potrà arrivare un difensore centrale (i nomi sono quelli di Lisandro Lopez, di Eder Alvarez Balanta, di Oscar Duarte) ed un esterno destro che un tempo veniva chiamata fludificante. Uno alla Gino Peruzzi, alla Juan Camilo Zuniga, alla Danilo D'Ambrosio, per far giusto nomi e cognomi appropriati.

Spera la Sampdoria, sulle ali dell'Aeroplanino. Dopo l'infausta gestione Walter Zenga, rinascere si può. Il cuore blucerchiato dei tifosi si appella ai grandi sogni del passato, alle vittorie. Ricordi dolci, che spera in parte di rivivere. Montella è un capolavoro della premiata ditta Ferrero-Romei insieme al consulente Lucci ed al presidente viola Cognigni. Un'operazione che rende tutti felici, e sognanti. Il Doria ha giocatori di livello, ben più alto della mediocre situazione di classifica in cui vive oggi. Giocatori di spessore, che paiono cuciti ad hoc per il gioco di Montella.

Fanno bene a sognare tutti. A vivere. La paura è umana, l'odio è disumano. Il calcio è passione e quello dovrebbe restare, sebbene sfoci pure in frange e frangenti che con le parole amore e sogni hanno poco a che fare. La tragica notte di Parigi non può restare impunita ma, al contempo, neppure essere goccia che fa traboccare un'oceano di rabbia. Dobbiamo avere, tutti, la forza per andare avanti. Per vivere delle cose di ogni giorno, di quelle che stanno provando a portarci via. Anche del calcio, dei suoi sogni, del mercato. Inezie, nel mare magnum della vita. Ma che ci portano avanti, come la vuota scatola di desideri che spesso apriamo, chiamata mercato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Raiola, Casa Milan non è più casa tua! Pisa in cerca di gloria su Gattuso. Inter show: Suning prepara il bottino. Cittadella-Marchetti: vi avevamo detto tutto... 29.05 - Neanche una riga su Totti? Sarebbe la ripetizione delle ripetizioni di quanto hanno già scritto tutti. Totti e il suo addio è da libro cuore, nell'era dei social viene tutto ingigantito e siamo sicuri che, se non siamo romani e romanisti, non possiamo capire fino in fondo cosa provano...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.