VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
09.10.2017 07:56 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 30450 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò dalla macchina aziendale sui social e Pallotta che chiese scusa. Un mese e mezzo dopo si scopre, sai che scoperta, che neanche la Roma ha i conti a posto e Pallotta avrebbe fatto meglio a restare in silenzio. Un po' come la favoletta del bue che dice cornuto all'asino. Pallotta, da quando è arrivato alla Roma, ha fatto poco, per non dire nulla. Qualche plusvalenza con Sabatini, molti giocatori bruciati, una partecipazione saltata alla Champions League e tanti punti in classifica che sono valsi a poco. Soldi ne ha messi pochi ma è bravo a tenere in piedi la Roma senza indebitarsi. Questo è un grande merito. Ha la colpa di aver gestito male gli ultimi anni del Totti calciatore, ha la grande colpa di aver allontanato con le sue battaglie perse i tifosi dall'Olimpico e si era presentato a Roma per fare lo stadio ma ha perso troppo tempo raccontando favole. Perché parliamo oggi di Pallotta? Per due motivi: in primis i conti della Roma hanno bisogno di una sistematina e in secundis - con la serie A ferma - non sappiamo cosa scrivere. Volete parlare dell'Italia? Ma davvero? Facciamolo perché è l'unico pallone che rotola ma più noiosa dell'Italia di Ventura c'è solo Beautiful, giunto alla 25.678esima puntata e ho scoperto da mia nonna che Ridge è ancora vivo ma con un'altra faccia e un altro attore. Che roba è? Se Ridge non c'è più fatelo morire o sparire nel nulla, no? Come Ventura. Se l'Italia non c'è più prendete il C.T. e fatelo evaporare. Ventura è un buon allenatore di calcio, un ottimo allenatore per squadre di metà classifica di serie A, ma un pessimo motivatore per una Nazionale che si vede una volta al mese o una ogni due mesi. Già non abbiamo fenomeni come Totti, Nesta e Del Piero, in più li gestiamo così male che la nostra amata Italia non vince neanche con i macedoni. Vi appassiona l'Italia? Beati voi, a me dell'Italia piace solo il Mondiale per invitare qualche amico a casa, prendere un birra fredda e fare la grigliata. Anzi, se gioca di pomeriggio mi fa anche incavolare. Andiamocene in Russia e vediamo di tirare più avanti possibile, tanto la condizione di ottobre non è detto che sia la stessa di giugno. Tutto può succedere. Sta di fatto che Tavecchio ha sbagliato due volte: quando ha preso Ventura e quando gli ha rinnovato il contratto.
Ha giocato la serie B. Sì lo sappiamo. Io, sinceramente, farei un editoriale solo sulla vittoria della Pro Vercelli 1-5 a Perugia. Perché in B succedono cose folli. Una delle squadre più in forma dall'inizio della stagione crolla in casa contro una delle squadre date già per morte e sepolte a settembre. Vi dico una cosa: a me Grassadonia è sempre piaciuto perché ha idee ed è giovane con carattere. Ma, quest'anno, ho creduto che a Vercelli rischiasse di lasciarci le penne e invece...
Il Milan si prepara al derby. Due sono le strade: o Montella crolla e Mirabelli avrà un problema, oppure il nervosismo accumulato in questa pausa porterà il Milan ad una svolta della stagione. Bravo, ci voleva lui... Starete pensando. Effettivamente mica serve un genio per scrivere queste due ipotesi del piffero. Secondo me il Milan farà un buon derby, questo non significa che lo vincerà. Parliamo prima perché dopo può scrivere anche mio nipote di 13 anni, con rischi annessi. Il Milan, con la Roma, ha fatto una buona partita ma ha raccolto meno di quanto meritasse. E' anche vero che una volta preso il gol è uscito dal campo. Il derby per la svolta. Se il Milan ci crede può davvero ricominciare tutto dalla notte di San Siro ma servono interpreti giusti e Montella dovrebbe smetterla di fare invenzioni da genio della lampada. Anche perché è un buon allenatore, più discreto che ottimo, ma sicuramente di geniale ha ben poco. Avviso a Bonucci: figlio mio, o ti svegli o ti svegli. Con quello che guadagni ti devi dare una mossa anche veloce.
Chiudo parlando della Juventus. A mio avviso resta la favorita per lo scudetto per una ragione: è abituata a vincere, mentre il Napoli non vince qualcosa di serio da troppo tempo e quando i punti peseranno il triplo, in primavera, ci potrebbe essere l'effetto opposto. Sicuramente il Napoli gioca meglio della Juventus e, dopo un mese di campionato, Sarri meriterebbe di più di Allegri. La strada, però, è ancora lunga e, così come non vediamo la Juve protagonista in Champions, vediamo i bianconeri ancora in pole in Italia. Comunque vada... sarà un successo? Non proprio. Quest'anno è più facile che la Juve chiuda con il muso lungo che in trionfo. Una cosa è certa: ad un certo punto le strade si devono separare e Max Allegri a questa Juventus sta dando e ha dato tutto quello che poteva dare. Sarebbe giusto che a fine stagione le strade si separassero per il bene di entrambi, ma Marotta e Paratici dovrebbero essere bravi, e lo sono, ad individuare un sostituto già da dicembre.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.