VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
09.10.2017 07:56 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 30662 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò dalla macchina aziendale sui social e Pallotta che chiese scusa. Un mese e mezzo dopo si scopre, sai che scoperta, che neanche la Roma ha i conti a posto e Pallotta avrebbe fatto meglio a restare in silenzio. Un po' come la favoletta del bue che dice cornuto all'asino. Pallotta, da quando è arrivato alla Roma, ha fatto poco, per non dire nulla. Qualche plusvalenza con Sabatini, molti giocatori bruciati, una partecipazione saltata alla Champions League e tanti punti in classifica che sono valsi a poco. Soldi ne ha messi pochi ma è bravo a tenere in piedi la Roma senza indebitarsi. Questo è un grande merito. Ha la colpa di aver gestito male gli ultimi anni del Totti calciatore, ha la grande colpa di aver allontanato con le sue battaglie perse i tifosi dall'Olimpico e si era presentato a Roma per fare lo stadio ma ha perso troppo tempo raccontando favole. Perché parliamo oggi di Pallotta? Per due motivi: in primis i conti della Roma hanno bisogno di una sistematina e in secundis - con la serie A ferma - non sappiamo cosa scrivere. Volete parlare dell'Italia? Ma davvero? Facciamolo perché è l'unico pallone che rotola ma più noiosa dell'Italia di Ventura c'è solo Beautiful, giunto alla 25.678esima puntata e ho scoperto da mia nonna che Ridge è ancora vivo ma con un'altra faccia e un altro attore. Che roba è? Se Ridge non c'è più fatelo morire o sparire nel nulla, no? Come Ventura. Se l'Italia non c'è più prendete il C.T. e fatelo evaporare. Ventura è un buon allenatore di calcio, un ottimo allenatore per squadre di metà classifica di serie A, ma un pessimo motivatore per una Nazionale che si vede una volta al mese o una ogni due mesi. Già non abbiamo fenomeni come Totti, Nesta e Del Piero, in più li gestiamo così male che la nostra amata Italia non vince neanche con i macedoni. Vi appassiona l'Italia? Beati voi, a me dell'Italia piace solo il Mondiale per invitare qualche amico a casa, prendere un birra fredda e fare la grigliata. Anzi, se gioca di pomeriggio mi fa anche incavolare. Andiamocene in Russia e vediamo di tirare più avanti possibile, tanto la condizione di ottobre non è detto che sia la stessa di giugno. Tutto può succedere. Sta di fatto che Tavecchio ha sbagliato due volte: quando ha preso Ventura e quando gli ha rinnovato il contratto.
Ha giocato la serie B. Sì lo sappiamo. Io, sinceramente, farei un editoriale solo sulla vittoria della Pro Vercelli 1-5 a Perugia. Perché in B succedono cose folli. Una delle squadre più in forma dall'inizio della stagione crolla in casa contro una delle squadre date già per morte e sepolte a settembre. Vi dico una cosa: a me Grassadonia è sempre piaciuto perché ha idee ed è giovane con carattere. Ma, quest'anno, ho creduto che a Vercelli rischiasse di lasciarci le penne e invece...
Il Milan si prepara al derby. Due sono le strade: o Montella crolla e Mirabelli avrà un problema, oppure il nervosismo accumulato in questa pausa porterà il Milan ad una svolta della stagione. Bravo, ci voleva lui... Starete pensando. Effettivamente mica serve un genio per scrivere queste due ipotesi del piffero. Secondo me il Milan farà un buon derby, questo non significa che lo vincerà. Parliamo prima perché dopo può scrivere anche mio nipote di 13 anni, con rischi annessi. Il Milan, con la Roma, ha fatto una buona partita ma ha raccolto meno di quanto meritasse. E' anche vero che una volta preso il gol è uscito dal campo. Il derby per la svolta. Se il Milan ci crede può davvero ricominciare tutto dalla notte di San Siro ma servono interpreti giusti e Montella dovrebbe smetterla di fare invenzioni da genio della lampada. Anche perché è un buon allenatore, più discreto che ottimo, ma sicuramente di geniale ha ben poco. Avviso a Bonucci: figlio mio, o ti svegli o ti svegli. Con quello che guadagni ti devi dare una mossa anche veloce.
Chiudo parlando della Juventus. A mio avviso resta la favorita per lo scudetto per una ragione: è abituata a vincere, mentre il Napoli non vince qualcosa di serio da troppo tempo e quando i punti peseranno il triplo, in primavera, ci potrebbe essere l'effetto opposto. Sicuramente il Napoli gioca meglio della Juventus e, dopo un mese di campionato, Sarri meriterebbe di più di Allegri. La strada, però, è ancora lunga e, così come non vediamo la Juve protagonista in Champions, vediamo i bianconeri ancora in pole in Italia. Comunque vada... sarà un successo? Non proprio. Quest'anno è più facile che la Juve chiuda con il muso lungo che in trionfo. Una cosa è certa: ad un certo punto le strade si devono separare e Max Allegri a questa Juventus sta dando e ha dato tutto quello che poteva dare. Sarebbe giusto che a fine stagione le strade si separassero per il bene di entrambi, ma Marotta e Paratici dovrebbero essere bravi, e lo sono, ad individuare un sostituto già da dicembre.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.