VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Panchine e conferme. Ecco chi si sfila, ecco chi se ne va, ecco chi arriva

06.04.2017 07:19 di Luca Marchetti   articolo letto 25102 volte
© foto di Federico De Luca

Che mese è? Aprile. Generalmente si dice dolce dormire… Ma per chi segue il calciomercato non è per niente il mese delle penniche… E’ quello in cui si cominciano a muovere le strategie per le panchine dell’anno successivo. Ad un certo punto sembra che si muovano tutti, che gli incastri siano talmente vorticosi che neanche uno si salva… Poi magari tutto non succede ma tutto si muove.
Allegri è stato piuttosto chiaro dopo la conquista della finale di coppa Italia: Voglio continuare con la Juventus, perché sto bene in giro se ne trovano poche meglio o alla pari. In questo momento non ci penso neanche, penso a vincere più partite possibili”. Se uno vuole proprio essere malizioso allora può dire che ha detto “in questo momento” e che in giro c’è poco meglio della Juve. Ma quello che conta in realtà è “voglio”. Voglio rimanere alla Juventus. Certo, poi si parlerà con la società. Per capire su che basi (cifre e programmi) poter proseguire il rapporto. Ma il teorema di Allegri sulla Juve, vale anche al contrario: è difficile trovare allenatori più bravi o bravi tanto quanto Allegri. Quindi aspettatevi che dopo il doppio confronto con il Barcellona ce ne sia uno (o più di uno) molto meno agguerrito fra Marotta, Paratici e l’attuale allenatore juventino.
Un altro allenatore che ad aprile si sfila dal consueto valzer delle panchine è Conte. Anche lui ha vinto una partita fondamentale e anche lui ha voluto precisare che con la società già sta cercando di costruire insieme per la prossima stagione. Anche qui senza troppi tentennamenti. Anche qui dopo che per settimane si era scritto molto riguardo al suo futuro (e in qualche occasione avendo lasciato aleggiare dei dubbi). Rimane a Londra Conte, con un pezzetto di titolo sempre più grande in tasca.
Ad aprile scorso sembrava dovesse essere una meteora Simone Inzaghi sulla panchina della Lazio. 365 giorni più tardi, dopo che in estate era a Formentera a leggere delle strette di mano a Prandelli e degli aerei non presi di Bielsa, si ritrova con una delle squadre più solide della A in mano e una finale di coppa Italia dopo aver eliminato la Roma.
Ecco la Roma: Spalletti ha indicato la strada. Se non vinco me ne vado. E’ rimasto “solo” lo scudetto da poter conquistare contro la Juventus. A sei punti, ma con uno scontro diretto da giocare e con un ruolino (nel girone di ritorno) migliore di un punto: Un’impresa, letteralmente. Alla base della decisione di Spalletti alcune incomprensioni con piazza e dirigenza, un mercato invernale che non lo ha completamente soddisfatto. Ad oggi sarebbe davvero una sorpresa se dovesse rimanere in giallorosso. Al suo posto? A Monchi che piaccia Emery non è un segreto. In Italia intrigano Gasperini e Sarri…
E’ invece al momento praticamente impossibile capire cosa succederà all’Inter. Sgombriamo il campo dagli equivoci: la società non vorrebbe cambiare Pioli. Ma come tutti gli allenatori dipende dai risultati e dalle aspettative alte che ha la proprietà (che avrebbe gradito – eufemismo – la qualificazione in Champions). Pioli ha certamente fatto un buon lavoro. Ma è come se, almeno finora, non avesse completato l’opera. Manca ancora tempo e quindi in realtà tutto può succedere. Nel bene, come spera la dirigenza e la proprietà nerazzurra, e nel male.
Anche Montella è legato ai risultati. E al closing. Paradossalmente se dovesse rimanere Berlusconi Montella non sarebbe l’allenatore del Milan il prossimo anno visto che i rapporti fra i due sono praticamente inesistenti. Fassone e Mirabelli lo stimano, ma chiaramente se non dovesse arrivare l’Europa potrebbe essere un problema. E quindi anche qui ci toccherà aspettare, chissà magari proprio il derby potrà condizionare il futuro dei due allenatori delle milanesi.
Alla Fiorentina cambiano sicuro. Di Francesco è uno di quelli che sembrano più vicini, un sondaggio con Mazzarri (ma nulla più), Donadoni sembra essere uscito dai radar. E a Sassuolo? Uno di quelli sotto osservazione (non l’unico) era Oddo.
Il Genoa potrebbe addirittura (se i risultati dovesse continuare a non sorridere a Mandorlini) entrare nuovamente in crisi già questa stagione. Mentre la Samp aspetta solo l’ufficialità per il rinnovo di Giampaolo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.