VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/2018 al via: chi vince il campionato?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Milan
  Inter
  Lazio
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Panchine e conferme. Ecco chi si sfila, ecco chi se ne va, ecco chi arriva

06.04.2017 07:19 di Luca Marchetti   articolo letto 25042 volte
© foto di Federico De Luca

Che mese è? Aprile. Generalmente si dice dolce dormire… Ma per chi segue il calciomercato non è per niente il mese delle penniche… E’ quello in cui si cominciano a muovere le strategie per le panchine dell’anno successivo. Ad un certo punto sembra che si muovano tutti, che gli incastri siano talmente vorticosi che neanche uno si salva… Poi magari tutto non succede ma tutto si muove.
Allegri è stato piuttosto chiaro dopo la conquista della finale di coppa Italia: Voglio continuare con la Juventus, perché sto bene in giro se ne trovano poche meglio o alla pari. In questo momento non ci penso neanche, penso a vincere più partite possibili”. Se uno vuole proprio essere malizioso allora può dire che ha detto “in questo momento” e che in giro c’è poco meglio della Juve. Ma quello che conta in realtà è “voglio”. Voglio rimanere alla Juventus. Certo, poi si parlerà con la società. Per capire su che basi (cifre e programmi) poter proseguire il rapporto. Ma il teorema di Allegri sulla Juve, vale anche al contrario: è difficile trovare allenatori più bravi o bravi tanto quanto Allegri. Quindi aspettatevi che dopo il doppio confronto con il Barcellona ce ne sia uno (o più di uno) molto meno agguerrito fra Marotta, Paratici e l’attuale allenatore juventino.
Un altro allenatore che ad aprile si sfila dal consueto valzer delle panchine è Conte. Anche lui ha vinto una partita fondamentale e anche lui ha voluto precisare che con la società già sta cercando di costruire insieme per la prossima stagione. Anche qui senza troppi tentennamenti. Anche qui dopo che per settimane si era scritto molto riguardo al suo futuro (e in qualche occasione avendo lasciato aleggiare dei dubbi). Rimane a Londra Conte, con un pezzetto di titolo sempre più grande in tasca.
Ad aprile scorso sembrava dovesse essere una meteora Simone Inzaghi sulla panchina della Lazio. 365 giorni più tardi, dopo che in estate era a Formentera a leggere delle strette di mano a Prandelli e degli aerei non presi di Bielsa, si ritrova con una delle squadre più solide della A in mano e una finale di coppa Italia dopo aver eliminato la Roma.
Ecco la Roma: Spalletti ha indicato la strada. Se non vinco me ne vado. E’ rimasto “solo” lo scudetto da poter conquistare contro la Juventus. A sei punti, ma con uno scontro diretto da giocare e con un ruolino (nel girone di ritorno) migliore di un punto: Un’impresa, letteralmente. Alla base della decisione di Spalletti alcune incomprensioni con piazza e dirigenza, un mercato invernale che non lo ha completamente soddisfatto. Ad oggi sarebbe davvero una sorpresa se dovesse rimanere in giallorosso. Al suo posto? A Monchi che piaccia Emery non è un segreto. In Italia intrigano Gasperini e Sarri…
E’ invece al momento praticamente impossibile capire cosa succederà all’Inter. Sgombriamo il campo dagli equivoci: la società non vorrebbe cambiare Pioli. Ma come tutti gli allenatori dipende dai risultati e dalle aspettative alte che ha la proprietà (che avrebbe gradito – eufemismo – la qualificazione in Champions). Pioli ha certamente fatto un buon lavoro. Ma è come se, almeno finora, non avesse completato l’opera. Manca ancora tempo e quindi in realtà tutto può succedere. Nel bene, come spera la dirigenza e la proprietà nerazzurra, e nel male.
Anche Montella è legato ai risultati. E al closing. Paradossalmente se dovesse rimanere Berlusconi Montella non sarebbe l’allenatore del Milan il prossimo anno visto che i rapporti fra i due sono praticamente inesistenti. Fassone e Mirabelli lo stimano, ma chiaramente se non dovesse arrivare l’Europa potrebbe essere un problema. E quindi anche qui ci toccherà aspettare, chissà magari proprio il derby potrà condizionare il futuro dei due allenatori delle milanesi.
Alla Fiorentina cambiano sicuro. Di Francesco è uno di quelli che sembrano più vicini, un sondaggio con Mazzarri (ma nulla più), Donadoni sembra essere uscito dai radar. E a Sassuolo? Uno di quelli sotto osservazione (non l’unico) era Oddo.
Il Genoa potrebbe addirittura (se i risultati dovesse continuare a non sorridere a Mandorlini) entrare nuovamente in crisi già questa stagione. Mentre la Samp aspetta solo l’ufficialità per il rinnovo di Giampaolo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, Juve, Milan, Roma e Napoli devono ancora lavorare sul mercato. E Marotta di cosa si lamenta? Il mercato non si deve accorciare 20.08 - È iniziato già il campionato, sotto il segno di Mario Mandzukic e di Paulo Dybala. E pure con Gianluigi Buffon sulla copertina, perché il portiere della Juventus ha ipnotizzato Diego Farias dagli undici metri, dopo che il Var - sarà protagonista pure lui, possiamo esserne certi -...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Nainggolan e Belotti meglio di Dembelè. Kalinic, crudo ma chiaro. Niang come Cerci? Keita: sarà vera ritirata quella della Juve? 19.08 - Tre anni fa era l'estate dell'Ice Bucket Challenge. Nato per scherzo e diventato virale. Questa è invece l'estate dell'I go where i want. E' altrettanto virale, anche se evidentemente non è un hashtag o qualcosa di definito. E' la moda, inaugurata da Neymar e Dembelè, di prendere...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Matuidi non basta. Con questo mercato l’obiettivo Champions si allontana. Oltre a Spinazzola anche Caldara? Il modulo da cambiare. Cuadrado via. Inter, Spalletti vuole un fantasista. Schick vice Icardi, arriva un centrale 18.08 - Erano due anni che un giorno si’ e un altro pure, puntualmente, Matuidi era dato come imminente acquisto della Juve. Una storia simile a quella del lupo e il lupo questa volta e’ arrivato. Un giocatore cosi’, fisico, ma anche piedi discreti e visione di gioco, servira’ di sicuro e...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Un Ferragosto di colpi: Juve, Inter e Milan. Caso Keita, restyling Fiorentina: ma non è affatto finita qui 17.08 - Entro il fine settimana sarebbe arrivato Matuidi. E Matuidi è stato. Anche in anticipo (leggero) rispetto alle previsioni. Approfittando della festa di Ferragosto Marotta e Paratici hanno rotto gli indugi e già da martedì sera Paratici era andato a Montecarlo per chiudere la trattativa...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Quanti pensieri sotto il sole di Riccione… Kondo, che pasticcio! Juve e le scuse di Higuain… Sarri, ora o mai più! Ma Asensio? 16.08 - Le spensierate vacanze sono agli sgoccioli… Sotto il sole di Riccione ci si diverte e la mente (e il fisico) si rilassa, immagazzinando energie per i mesi futuri… Eppure, tre o quattro volte al giorno, ci si ritrova a parlare di calcio! Impossibile farne a meno… La Juventus ridimensionata...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Allarme Juve: il rinforzo di Marotta e la scelta (complicata) di Allegri. Inter: la decisione su Schick. Bomber Milan? Un silenzio "studiato". Napoli: ecco la mossa giusta 15.08 - E ben ritrovati a tutti. Questo editoriale va in onda in forma ridotta per ovviare a una questione di "ferie del sottoscritto iniziate giusto ieri". Questo non significa che non si possa toccare il fondo anche questa settimana: ci riusciremo, solo in maniera più concentrata. Vi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

5 giorni al via della nuova serie A: ecco la griglia di partenza… e di arrivo aspettando il 31 Agosto 14.08 - Ovviamente preferiamo tutti la grigliata di Ferragosto alla griglia di partenza della serie A, però, è giusto parlare prima anziché dopo quando sarà tutto più facile per tutti. Certamente ci sono ancora due settimane piene per cambiare obiettivi e per spostare gli equilibri, con un...

EditorialeDI: Marco Conterio

L'anno zero del calcio mondiale. Il risveglio dal sogno Leicester, la lezione di Rooney, i milioni del PSG e le grandi d'Italia in cerca degli ultimi botti 13.08 - Il Leicester City di Claudio Ranieri aveva risvegliato, in tutti noi, una parola antica. Fanciullesca. Favola. Aveva riportato alla mente i racconti di un calcio che fu, le pagine polverose del pallone delle leggende, di quanto la televisione era un miraggio, o di quanto Davide aveva...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve, Milan e Inter: cosa manca. Biglia e Kondo: casi di Ferragosto. Kolarov: l'ovvio del derby 12.08 - Alla Juventus manca un centrocampista, al Milan un centravanti, all'Inter un colpo. Quello del centrocampista inizia ad essere un caso per i bianconeri. Sempre vincenti e sempre leader, ma nel corso degli anni il reparto-chiave, la sala macchine, ha perso irreversibilmente qualità....

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve allarme, il mercato e’ in ritardo. Per la Champions serve di più. Non poteva prendere Strootman con la clausola? Serve un altro Bonucci. Ma anche l’Inter e’ ferma. Milan, occhi su Cavani. Fiorentina, Simeone e Jese’ 11.08 - Guardo la casella degli acquisti su un giornale qualsiasi, conto i giorni che mancano alla fine del mercato (soltanto venti) e comincio a pensare che la Juventus sia in netto ritardo. Magari oggi Marotta mi smentira’ presentando in un colpo solo i tre-quattro giocatori che servono...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.