VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Panchine: ecco tutte le tessere per completare il puzzle

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
12.05.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 29999 volte
© foto di Federico De Luca

Ci siamo. Scaldate i motori, perché con il campionato all'ultima curva e i primi affari che si fiutano c'è già aria di calciomercato, da chi deve ricostruire a chi punta a vincere. Tutti - o quasi - con un punto interrogativo che viene prima di ogni operazione: chi sarà l'allenatore per la prossima stagione? Non ha questi pensieri la Juventus, brava a scacciarli con un rinnovo studiato e programmato per Massimiliano Allegri. Il Chelsea ci aveva pensato prima di scegliere Conte, ormai invece è ufficiale l'accordo fino al 2018. Serenità anche in casa Roma con Spalletti, all'Inter si va avanti con Roberto Mancini a meno di clamorosi ripensamenti da non escludere ma su cui ad oggi non c'è alcun segnale concreto. Ma il mercato sa sorprendere. Prendete Paulo Sousa: dalle continue voci sul possibile addio al suo stesso annuncio di essere pronto a restare ancora, bastano pochi giorni per scegliere la strada del futuro.

Sette partite invece sono state il test per Cristian Brocchi, la panchina del Milan non ha ancora un padrone sicuro per la stagione 2016/2017: deciderà Silvio Berlusconi, il presidente in persona ha scelto Brocchi e vorrà valutarlo. Le alternative? Montella, perché al Milan è apprezzato da tempo e la sua situazione con la Sampdoria è particolarmente delicata, un nome che resta assolutamente valido. L'alternativa è Marco Giampaolo, al momento solo un'idea non approfondita, si vedrà. E tutto dipenderà dalla scelta di Berlusconi su Brocchi. A proposito di Montella, in casa Sampdoria cosa succede: il derby perso ha lasciato il segno, le dichiarazioni post-Genoa sono state il sintomo di un rapporto delicato con la dirigenza per l'allenatore che Ferrero aveva voluto a tutti i costi. Adesso, una separazione è probabile a prescindere dal Milan: se Montella dovesse salutare (clausola permettendo, ma per la Samp quel milione di euro è trattabile) c'è Rolando Maran in pole position. Il favorito è lui sull'idea del ritorno di Beppe Iachini, più difficile pensare allo stesso Giampaolo (che comunque parlerà della permanenza all'Empoli, dove ha fatto benissimo) o a Stefano Pioli, altro protagonista del giro panchine perché in contatto con l'Udinese.

Mentre dall'altra sponda di Genova c'è da capire cosa decideranno di fare Gasperini e il presidente Preziosi, prende corpo l'alternativa Ivan Juric: contatti continui tra l'allenatore che ha portato il Crotone in Serie A e il suo ex presidente; anche un nuovo incontro in un hotel di Milano martedì mattina, con l'obiettivo di avvicinarsi su un triennale già pronto. Curiosità: nel legame passato di Juric con Gasp non c'è solo l'esperienza da giocatore, ma anche da vice ai tempi della breve esperienza all'Inter. Adesso, può prenderne il posto da erede al Genoa. Proprio a Genova ha lavorato con ottimi risultati Sinisa Mihajlovic, il passato alla Samp con quella visita di cortesia a Bogliasco però resta tale: nel suo futuro può esserci il Torino, contatti in corso qualora Giampiero Ventura dovesse salutare dopo anni sulla panchina granata (se chiamasse la Nazionale?). Il Toro ci crede, il discorso con Sinisa è ben avviato, l'alternativa è una vecchia conoscenza che ritorna nel giro allenatori: Walter Mazzarri. Per lui c'è anche l'ipotesi Premier League, dove in panchina parlare italiano sarà un'abitudine con parte del merito al capolavoro di Ranieri: dopo Conte al Chelsea è arrivata la conferma di Guidolin allo Swansea, adesso il Watford dei Pozzo vuole proseguire la moda italiana proprio con Mazzarri. Nei recenti colloqui, il profilo di Mazzarri è piaciuto; ma c'è l'alternativa Roberto Di Matteo ed è un'opzione che resta ancora in corsa, le valutazioni continueranno. Ma torniamo in Italia dove anche l'Atalanta può cambiare in panchina: al posto di Reja il preferito è Cesare Prandelli, idea interessante ma ancora da definire perché l'ex ct della Nazionale aspetta una chiamata dalla Lazio. Che è la grande protagonista sul mercato panchine di queste ultime ore, vista l'idea Prandelli sullo sfondo ma soprattutto la cena tra il presidente Lotito e l'ex ct del Cile, Jorge Sampaoli. Un personaggio straordinario da raccontare, volato a Roma per incontrare la Lazio e sondare le altre proposte europee tra AEK Atene e Valencia. Deciderà Lotito, senza dimenticare l'ottimo lavoro di Simone Inzaghi per cui non va ancora del tutto esclusa la riconferma. Perché il giro panchine è così: oggi c'è una certezza, domani il presidente cambia idea. Presto sarà tutto definito e chiaro. E allora si potrà partire col mercato. Tenetevi forte, abbiamo appena iniziato!

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.