VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Panchine, panchine e ancora panchine. Ma già ci sono i primi punti fermi. E quindi i primi acquisti...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
19.05.2016 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 34957 volte
© foto di Federico De Luca

Cominciamo dalle certezze. Eliminate l'Udinese dalle squadre alla ricerca dell'allenatore. Eh già perché a breve sarà ufficializzato Iachini, un anno di contratto più uno di opzione in caso di salvezza dell'Udinese. Sorpassato (in silenzio e all'improvviso) Stefano Pioli che sembrava in assoluta pole position.

E il fatto che Iachini si sia sistemato (oltre a liberare un po' la strada per la panchina dell'Atalanta e della Samp dove era fra i candidati) complica un po' anche i piani della Lazio.

Se infatti Lotito era convinto di poter evitare di tirar fuori i soldi dello stipendio del suo ex allenatore ora come minimo dovrà aspettare. E questo non facilita certo la trattativa con Sampaoli (visto che il problema principale era proprio quello economico) e - almeno oggi - salgono le chanches di Inzaghi, che la sua conferma sul campo se l'era già guadagnata. Un'altra opportunità potrebbe essere Prandelli, per cui qualche intermediario si è mosso ma non c'è stato mai un incontro diretto.

Ecco perché l'Atalanta che lo ha puntato da tempo ci crede, eccome. Nelle prossime ore previsto un faccia a faccia (non risolutivo) con il presidente Percassi. Per illustrare il progetto, ritrovarsi di persona, capire le necessità. Il progetto nerazzurro è ambizioso, Prandelli lo sa ed è per questo che è lusingato dall'interes'e. Anche se non è scontato l'esito.

Al momento sembrerebbe scontata la conferma di Montella sulla panchina della Samp: dopo l'incontro con Ferrero filtra ottimismo e non ci dovrebbero essere scossoni neanche nell'apparato dirigenziale (quindi ricomposta la frizione con Osti). Come scontata è l'incoronazione di Ventura come ct della Nazionale per il post Conte (la storia si ripete!). la novità è rappresentata dalla scelta della Federazione (e quindi di Lippi) come suo secondo: il nome più forte è quello di Fabio Cannavaro, che poi potrebbe proseguire da solo la sua esperienza come ct da solo, dopo aver condiviso un pezzo di strada con Ventura. Di conseguenza va anche la panchina del Toro che sarà affidata a Mihajlovic con Attilio Lombardo come vice.

Dicevamo degli intrecci panchine giocatori: bene eccovi servito il primo. Se il matrimonio annunciato Juric Genoa dovesse consumarsi (e prima o poi si consumerà, è chiaro che prima dovranno parlarsi Gasperini e Preziosi e ogni giorno che passa il rapporto diventa più teso) allora potrebbero arrivare a Genova due "pupilli" dell'allenatore croato: uno è Gianmarco Ferrari, difensore centrale, che piace moltissimo anche al Sassuolo (e che nel corso della stagione era stato seguito anche da Inter, Juve e Monaco). L'altro è Federico Ricci e qui la situazione è più complicata perché non solo il Crotone vorrebbe assolutamente tenerlo (non che Ferrari lo lasci volentieri eh...) ma anche perché il ragazzo è di proprietà della Roma e quindi bisognerà ascoltare anche loro. A proposito di Ricci: il fratello gemello, Matteo, centrocampista ora al Pisa, piace moltissimo al Cesena per il dopo Sensi.

Ma torniamo ai giocatori, rimanendo pure in B. Evidentemente Napoli ha un filo diretto con i capocannonieri. Incontro infatti fra Pescara e De Laurentiis che per il momento si mette davanti a tutti per prendere Lapadula. Si è parlato anche di altri giocatori come Zampano, Caprari e Vitturini. Si è parlato di soldi (il Pescara chiede almeno 7 e mezzo per il suo attaccante, il Napoli ha offerto 5 più bonus) ma ancora non si è chiuso nulla. Ma il Napoli è ora davanti a tutti: Lazio, Juve, Leicester...

Chi invece è lontano da Napoli è Gabbiadini: andrà via, a maggior ragione se arriva il bomber della B. Su di lui l'interesse è soprattutto all'estero: il Wolfsburg (che lo voleva anche a gennaio), Stoke City, Tottenham e West Ham (in ordine sparso). Lo sta seguendo (ma forse ora troppo da lontano) anche l'Inter: ora però non ci sono i presupposti per il trasferimento. E il Napoli guarda anche dietro: arriva Tonelli, si tratta Mammana del River Plate mentre bisognerà capire cosa succede con Albiol (cercato dal Valencia e ha un solo anno ancora di contratto con il Napoli) e soprattutto capire se davvero il Chelsea abbia intenzione di insistere per Koulibaly che è nella lista di Conte insieme a Manolas e Rudiger.

A proposito di Roma: Sabatini è stato chiaro. Dipende da noi né Pjanic né Nainngolan se ne vanno. Se Pjanic qualcuno lo vuole, paga la clausola e convince il giocatore, noi in trattativa non andiamo. Quindi la strada (eventuale) per la Juve si mette in salita (mentre si continua a lavorare per André Gomes). Per Totti i problemi sembrano risolti: al ritorno da Dubai ci aspettiamo che arrivi la firma, altrimenti sarebbe davvero una grande sorpresa (dopo la grande rimonta!). La Lazio dopo il blitz a Barcellona per Adriano ha proseguito il viaggio fino a Lisbona per parlare con lo Sporting di Mauricio di Patric e per chiedere informazioni su Mallmann, centrocampista, quest'anno in prestito al Nizza.

Mentre per l'Inter - a proposito di giocatore e allenatori - ecco di nuovo le dichiarazioni dell'agente di Yaya Touré. Per ora però non ci sono i presupposti per l'acquisto. L'Inter oltre Banega e Erkin prenderà un terzino destro, un attaccante esterno e un centrocampista, ma solo se esce uno dei 4 che ci sono ora in rosa. E senza dimenticarsi che bisogna fare i conti con i 21 della rosa con i 4 di scuola italiana. Ma siamo solo all'inizio, tenetevi forte che si è cominciato...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.