VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Caso Donnarumma: come finirà?
  Dirà addio al Milan per il Real Madrid
  Rinnoverà separandosi da Raiola
  Rinnoverà restando con Raiola
  Dirà addio al Milan per la Juventus
  Dirà addio al Milan con altra destinazione

TMW Mob
Editoriale

Pause e allenatori. Rivoluzione in panchina (e non solo ora)

12.11.2015 07:25 di Luca Marchetti   articolo letto 33431 volte
© foto di Federico De Luca

Ultimo stop prima del rush di gennaio. Ultima pausa. Ultimo fermo di campionato. Aspetto la pausa, hanno detto in molti. Qualcuno per ricaricare le pile, qualcuno per cambiare allenatore. Come fosse una camicia.
Se la notizia è la Samp che cerca Montella a tutti i costi (anzi un costo ce l'ha: più o meno 3 milioni di euro da pagare in qualche modo con qualche soluzione) non sarebbe una notizia che Zamparini cambia.
Invece lo è. Lo è per diversi motivi. Ma dobbiamo necessariamente fare una premessa: il padrone è Zamparini e può fare quello che vuole con il suo Palermo. Tanto più che i risultati li ha sempre ottenuti anche con le sue modalità non sempre condivise.
Ma è riuscito a sorprendere anche stavolta. Intanto perché l'esonero è arrivato dopo una vittoria (episodio rarissimo nel calcio). Poi perché la squadra era palesemente con l'allenatore: lo testimoniano i messaggi d'affetto sui social network dei senatori. Il Palermo ha gli stessi punti dell'anno scorso e una squadra meno forte. È pronto già a vendere i giocatori più forti (vedi Vazquez al Milan, che i rossoneri vorrebbero bloccare e comprare già a gennaio per giugno). E Iachini, soprattutto, è stato l'allenatore più longevo di Zamparini. Tutto questo non è bastato. Zamparini non era contento, il rapporto si era logorato, non c'era più sintonia. E così all'improvviso torna Ballardini. Tutto fatto. Senza perdere tempo. Una chiamata a Guidolin (giusto per avere la certezza che veramente non vuole tornare ad allenare) poi una a Ballardini, che dopo il 2008 torna sulla panchina rosanero. Qui non si discute il valore di Ballardini (non deve certo dimostrarlo a Palermo!) ma eventualmente le modalità di Zamparini. Secondo lui il Palermo aveva bisogno di una svolta, a livello mentale soprattutto. Vedremo se l'intuizione è stata giusta. Certo il rischio è grosso...
Anche la Samp ha aspettato la pausa. O forse la pausa è stata fra le cause della separazione con Zenga. Anche a Genova il rapporto fra Ferrero e l'ex Uomo Ragno era (nonostante le parole anche degli ultimi giorni). Scontro fra personalità, potremmo definirlo. E gli screzi c'erano stati sin dall'estate. Vi ricordate Vojovodina? Lo 0-4 in casa? Lì WZ perse molta presa sul suo presidente, c'era la vicenda Cassano ancora da definire. Lui non lo avrebbe voluto, arrivò wualche giorno dopo. E sempre Cassano è uno dei motivi di attrito. Non perché lui non si comporta male (anzi!), ma perché Zenga non lo fa allenare a livello tattico: e la Samp lo pubblica suo sito. Naturalmente non si può non tenerne conto: Cassano che vuole andare, un rapporto che non decolla, i risultati che nelle ultime due settimane non erano ritenuti soddisfacenti, il pubblico che fischia. I giorni liberi che avrebbe richiesto (e ottenuto) Zenga durante questa pausa per tornare a trovare la famiglia. Tutto questo ha spinto Ferro ad approfittare della pausa. Via Zenga, dentro? Dentro Montella. Ormai o lui oppure qualcuno ci rimarrà male. Gli altri nomi non affascinano come l'aereoplanino (Delneri, Corini), qualcuno dice anche che è stato fatto un tentativo per Mazzarri (con l'aiuto economico dell'Inter visto che guadagna oltre 3 milioni). L'ostacolo lo sappiamo tutti è la clausola: ormai è troppo esposto il nome. Su questo fa leva la Fiorentina, irritando la Samp. La soluzione la vogliono trovare entrambi: magari con la promessa d'acquisto di qualche giocatore già a gennaio. Si lavora ad oltranza, ma le sensazioni ad oggi non sono così positive. Montella avrebbe un grande vantaggio: oltre ad allenare una squadra dalle buone potenzialità, non avrebbe più il vincolo con la Fiorentina la prossima estate. Quando potrebbe partire un bel domino... E questo non va molto a genio a Firenze. La situazione è di stallo completo e ora i blucerchiati valutano anche altre strade. La più concreta è quella che porta a Guidolin (che ha detto di no al Palermo dicendo che non avrebbe allenato, vale lo stesso pure per Genova o no?). Vedremo...
La terza storia di allenatori nella pausa è quella del Verona. Mandorlini rimane, con l'appoggio della società, con tanto di comunicato stampa. Certo, la riflessione c'è stata e l'idea di cambiare i dirigenti del Verona l'hanno avuta. Altrimenti sarebbero dei pazzi. Ma evidentemente si sono sincerati che Mandorlini non aveva perso lo spogliatoio e che non era andato in confusione. Pesano le assenze, gli errori. Ma un allenatore che dalla Lega Pro è arrivato fino quasi all'Europa non è un brocco. E allora si continua con Mandorlini. Chiaro che i risultati devono prima o poi venire, ma la fiducia c'è. A Verona si parla moltissimo delle cause. Probabilmente, vista da fuori, è finito un ciclo. Un ciclo straordinario e forse bisognava avere il coraggio di cambiare pagina. Ma innanzi tutto non è detto che i cicli rinnovati funzionino meglio della fine dei precedenti. E soprattutto ci vogliono risorse economiche non indifferenti.
Strade divese, stessa pausa. In attesa di gennaio


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: la tensione si combatte a colpi di “francese”. Inter, 2 fuori e 2 dentro: le mosse nella settimana decisiva. Milan: un punto al caso-Donnarumma e la pesca in Germania. Fiorentina: ci sono cose da dire 27.06 - Ciao. Nelle ultime ore ho pensato molto all’hacker di Donnarumma: cosa farà nella vita? L’impiegato di banca? Il commesso al Calzedonia? L’hacker a tempo pieno? Cosa lo ha spinto ad hackerare il profilo Instagram di Donnarumma? Perché proprio quello di Donnarumma e non – chessò –...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Fassone in tre mesi ha fatto quello che il Milan doveva fare da 5 anni. La trappola per "Topo Gigio". Firenze, le "non colpe" del Corvo. Inter, count down partito per Walter (People from Ibiza) 26.06 - Sta arrivando una bufera dalla Procura Federale che i venti dell'Est a novembre, in confronto, sono cicloni provenienti dal Marocco. Adesso bisognerà capire se la Procura andrà avanti o, come spesso accade, deciderà di fermarsi per questioni politiche. Nel mirino degli uomini di Tavecchio...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alex Sandro vale 70 milioni, chissà quanto valeva Cafù. Troppi giovani non fanno vincere niente, così come spendere soldi. Donnarumma è solo un portiere, Spalletti un allenatore. De Laurentiis non può decidere per tutti 25.06 - Il candidato svolga, al netto dell'attuale situazione patrimoniale, le quotazioni di mercato dei seguenti calciatori. Berardi, Bernardeschi, Alex Sandro, Salah, Manolas, Belotti, Pellegri. Niente di più semplice per chi segue un pochino il chiacchiericcio che negli ultimi giorni si...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.