VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
15.05.2017 10:42 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 66046 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto ha scoperto il fantastico mondo della pinetina. Un sogno che si realizza, un ragazzo perbene che ha visto l'Inter come un traguardo, come un punto di arrivo (giustamente) e non di partenza. Piero, però, ha visto l'Inter talmente come un punto di arrivo che si sente arrivato e pur di non cambiare il suo mondo ha deciso di accettare tutto. Sapete quando quel marito è talmente innamorato di sua moglie che le perdona tutto? Si, anche sui tradimenti presunti lui pensa che non sia nulla vero. Le becca messaggi e foto sul cellulare ma lui starà pensando che forse si tratta di un fraintendimento oppure crede ad una crisi passeggera ma l'importante è che lei resterà a casa. E amen se la becca nel letto di casa sua con un altro. Ma sai, forse è colpa mia che le avrò fatto mancare qualcosa. Rapportato nel calcio è un pò quello che Ausilio sta vivendo con l'Inter. La proprietà cinese gliene sta combinando di tutti i colori ma lui si fa scivolare addosso tutto perché a quella poltrona tiene più di ogni altra cosa al mondo. Se Ausilio prima doveva prendere un calciatore doveva aspettare che ci fosse l'ok di Kia. Se Ausilio vuole rinnovare il contratto di Perisic e Handanovic, prima deve capire l'orientamento di Kia (ai limiti della legge, qualche anno fa questa storia fece morti e feriti). Ausilio deve subire anche la scelta dell'allenatore: De Boer che a lui non piaceva ma se l'è fatto piacere. Ha dovuto subire l'esonero di Pioli contro la sua volontà e adesso anche un dirigente più esperto come capo: Walter il magnifico. Mercoledì scorso è stato nostro ospite a Sportitalia, Gianluca Petrachi DS del Torino. Gli abbiamo chiesto se Cairo gli avesse affiancato Sabatini cosa avrebbe fatto. Sapete la risposta? Me ne sarei andato... ieri! Bravo Petrachi: un calciatore si può sbagliare ma la dignità viene prima di tutto. Ausilio sbaglia ad incollarsi a quella poltrona perché rischia di perdere credibilità ma forse l'ha già persa da un pezzo. Capiamo bene che lavorare all'Inter significa potere, capiamo bene che il contratto appena rinnovato gli consente di fare una vita stupenda ma qualcuno lontano da Milano penserebbe a lui nel ruolo che più gli si addice. Perché è vero che Piero ha sbagliato tanto ma molti errori sono stati commessi con la testa di altri. All'Inter arriva Sabatini e tutti inneggiano al grande Direttore italiano, a tal punto da affidargli anche la squadra cinese; immaginate Sabatini cosa capisca di calcio cinese... Di calcio italiano, invece, se ne intende. Nessuno dice il contrario ma la società che prende Sabatini è per creare plusvalenze non per vincere. Lo dice la sua storia. Sabatini prende i calciatori a 10 e li rivende, quando gli vanno bene le cose, a 50. Sabatini non ti fa vincere i campionati e le coppe. Ti crea valore, a volte. Sabatini, nella sua carriera, ha bruciato più calciatori che sigarette. Disse che giovani italiani non esistevano mentre lavorava alla Roma e quella Roma vinceva gli scudetti Primavera e valorizzava tanti baby finiti poi a Milan, Sassuolo e altri club. Sabatini non sa gestire un gruppo e non è leader neanche nella gestione dell'allenatore se questo ha un 20% di personalità. E' un ottimo talent scout ma un pessimo Direttore Sportivo. Ha creato valore in molte società ma non basta per essere preso da un club ricco come l'Inter con un valore immenso. Ha un giro di procuratori tutto suo e già questa estate si andrà a scontrare con il giro di affari di Kia. Insomma questi cinesi non hanno capito ancora le regole del gioco. Dimostrazione che i soldi non contano. Basta chiedere a Moratti che rapporto spesa-trofei non ha mai navigato nell'oro. Il figlio di Mr Zhang e troppo solo e giovane per comandare una società così complicata.
Paradossalmente i cinesi del Milan sono più poveri e indebitati ma più furbi. Hanno fatto le mosse giuste e si sono affidati agli uomini giusti nei ruoli chiave. Legali top, Fassone come DG e Mirabelli come DS. Da quando sono arrivati non hanno ancora vinto una partita, certo, ma questa stagione è opera di Berlusconi e Galliani. Un omaggio lasciato per l'arrivo della nuova proprietà. Il tempo è galantuomo e questi acquisti non potevano che rivelarsi fallimentari. Il mercato di Galliani ha lasciato il segno e Mirabelli è consapevole che, per fare qualcosa di buono, è tutto da rifondare. Mirabelli sta portando trasparenza ad una società che negli ultimi anni vive con i fantasmi nell'armadio. Soliti agenti e soliti giri. Mirabelli non va in giro per hotel e fa poche chiacchiere. Quelle poche che fa è quando lo obbligano per contratto. La scelta di incontrare Direttori e Agenti a Casa Milan, ad esempio, è una scelta di classe. Ci sono i giornalisti? Pace, fanno il loro lavoro ma gli incontri non si fanno in una camera di hotel ma alla luce del sole come succede in tutte le aziende e multinazionali. Kessie e Musacchio arriveranno alla luce del sole e per Keita, Mirabelli si è mosso quando Galliani sperava ancora che saltasse Fassone e tutti i filistei. Questo Milan è osceno e va rifondato. I Cinesi hanno acquistato un club senza patrimonio tecnico, fatta eccezione di 5-6 elementi. Va rifondata anche la Primavera, rimasta fuori dalle final 8 ma addirittura è fuori anche dai play off. Nava ha dimostrato di non essere all'altezza ed è giusto prendere un allenatore che sappia lavorare con i giovani come se fossero grandi. Cosa c'è da mantenere di questo Milan? Donnarumma, Romagnoli, Locatelli, Pasalic, Bonaventura, Suso, Cutrone e qualche giovane. Poi tutti via. C'è da mantenere Casa Milan, c'è da mantenere l'ufficio stampa e poi va raso tutto al suolo. Fassone non ha bisogno dei miei consigli ma stia attento a tenere in sede gente che anche quando va in bagno lo riporta ad Arcore.
Complimenti alla Spal che torna, dopo 49 anni, in serie A. SPAL sta per SERIETA' (società seria nei progetti e nei pagamenti) PROFESSIONALE (il calciatore a Ferrara vive da professionista e l'organizzazione non è mai mancata a questo club) AZZARDO (perché è vero che molti giovani non sono costati molto ma alcuni big, al primo anno di B, sono stati un azzardo. Da Antenucci a Floccari a gennaio. Se non fosse arrivata la serie A, il prossimo anno sarebbero stati guai seri con quegli ingaggi). LEALTA' (quella del suo allenatore che ha trascinato la squadra dalla C alla A, un Mister che dalle giovanili all'Eccellenza ha vinto tutti i campionati e merita questa vetrina grazie alla sua preparazione ed umiltà. Un nuovo Sarri, toscano, sta per arrivare in serie A. E non è un caso che Coverciano sia in Toscana. Altrimenti Allegri, Sarri e Spalletti, i primi tre della serie A, li avremmo fatti nascere a Courma.
In chiusura la pagina dedicata al Napoli. Una macchina perfetta anche senza spese folli. Una macchina perfetta dove si vede la mano di Mister e Direttore. Sarri e Giuntoli, belli come Albano e Romina. Insieme per sempre. De Laurentiis è stato il vero autore di questo miracolo perché un Presidente deve saper scegliere i suoi uomini e andarne fiero. Non si possono attaccare pubblicamente, al massimo i problemi vanno risolti privatamente. De Laurentiis si goda questo giocattolino che ha creato. E' stato l'unico in Italia a dare il Napoli in mano ad un Direttore che arrivava da Carpi e un allenatore che arrivava da Empoli. Il Napoli in mano a due "provinciali". Non è una offesa bensì un complimento. Ora non rovini tutto con alcune frasi fuori luogo. Sarri e Giuntoli sono i perfetti esecutori di un Presidente pazzo e geniale. Un mix perfetto per tenere il Napoli a questi livelli anche se un giorno dovessero tornare le milanesi dalla lunga vacanza.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan regina del mercato ma il prezzo lo fa la Juve… Chelsea-Insigne, mai nella vita! Inter, Perisic partirà. Ania, l’amica che tutti sognano… 14.06 - Ormai il caldo si è impossessato delle nostre giornate. Le temperature sono sempre più hot, così come il mercato. Si parla di milioni come se fossero noccioline… Sontuoso quanto sta facendo il Milan. Zittiti tutti coloro che dubitavano della solidità della nuova proprietà cinese....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.