VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Pjaca Milan scatto decisivo, la Juve non molla. Bianconeri sotto assalto da Manchester per Bonucci e Pogba. Lazio ecco Bielsa e tre acquisti. Napoli sorpasso su Candreva. Ajeti al Toro, giallo Ljajic e il caso Cassano...

07.07.2016 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 45027 volte
© foto di Federico De Luca

Pjaca è ormai testa a testa. Con il Milan in avanti, una notte di vantaggio. Ore decisive, incredibile come a un anno di distanza la notte possa ancora fare la differenza per il Milan. Come per Kondogbia: che si addormentò rossonero e si risvegliò nerazzurro. Ora tocca ancora al Milan, ma stavolta con la Juve. Il viaggio di Galliani a Zagabria ha dato un grande impulso alla trattativa rossonera. Per i dirigenti della Dinamo Zagabria vedere Galliani è una garanzia. Intanto per sbollire l'arrabbiatura di fronte al rifiuto del Napoli (e quindi ai milioni di euro che sarebbero arrivati con la cessione di Pjaca e Rog). Insomma il Milan arriva fino a 22/23 milioni più bonus, praticamente quello che aveva offerto il Napoli. Il viaggio di ritorno da Zagabria in un aereo privato in compagnia di Marko Naletelic ha fatto il resto. Insomma l'accordo sembra a un passo ma in realtà per chiudere tutto c'è bisogno di un ulteriore ok (definitivo) da parte della nuova proprietà cinese. Proprio in questo spazio cerca di infilarsi e tentare il controsorpasso la Juventus. Nessun viaggio a Zagabria, ma offerta rossonera pareggiata. E il ragazzo - che ha apprezzato tantissimo che Galliani sia sceso in campo in prima persona - è indeciso. La priorità in questo momento è del Milan che ha manifestato il proprio interesse per primo e in maniera più evidente. Ma la Juve è la Juve: progetto solido, capacità di fare crescere il talento del croato con i giusti tempi. E sono proprio i tempi che faranno la differenza. Milan in vantaggio, la Juve di rimessa.

Al contrario della situazione Benatia, dove la Juve è avanti e potrebbe chiudere il giocatore entro 7 giorni, limando gli ultimi dettagli. Ecco perché il Milan si è buttato in maniera molto decisa su Musacchio, difensore argentino del Villarreal che ha una clausola a 25 milioni di euro. Il Milan può arrivare fino a 18/20 e ha già l'ok del giocatore. Insomma non manca molto.

Per il centrocampo la lista del Milan è lunga, anche se finora nessun affondo decisivo. Ci sono i sogni (come Borja Valero e Andre Gomes) e le opportunità (Paredes e Zilienski), ma ancora bisogna entrare nel vivo. Ma a proposito di centrocampisti la notizia arriva dall'Inghilterra. Lo United è pronto a presentare offerta alla Juventus da 120 milioni di euro per Paul Pogba. Bene. La Juve ha sempre detto (giustamente) che Pogba non è in vendita: vedremo se veramente arriverà l'offerta ufficiale e se veramente la Juve riuscirà a mantenere la linea. Con una piccola variabile in più: l'accordo fra gli inglesi e la star bianconera è da 13 milioni di euro a stagione. E non tutti si chiamano Bonucci: che di lasciare la Juve non ha intenzione (nonostante la superofferta del City, destinata ad aumentare) ma che comunque una chiacchierata con la Juventus la dovrà fare per adeguare il suo contratto.

Ma dall'Inghilterra non ci sono solo potenziali cessioni per la Juve: i bianconeri parlano con il Chelsea per Cuadrado (pronta offerta da 2 milioni per il prestito e 22 per il riscatto) e sono pronti su Matic che però Conte non vorrebbe dar via. Il fronte uscite che interessa più i bianconeri è quello dei "non big": Zaza lo sta cercando con insistenza il Wolfsburg ma lui ancora non ha deciso nulla riguardo il suo futuro, Pereyra continua ad essere corteggiato dal Napoli, Ganz jr andrà al Verona, Leali all'Olympiacos, Isla molto vicino alla Fiorentina.

La vicenda Bielsa sembra essere arrivata alla conclusione: la Lazio ha comunicato ufficialmente il deposito del contratto, ha annunciato il suo arrivo. Lotito dice: "vediamo vediamo", ma ormai al di là delle frizioni che ci sono state (almeno dialettiche) nei giorni scorsi tutto sembra andare verso la giusta direzione. E sono in arrivo tre giocatori: Rodrigo Caio (12 milioni di euro, difensore del San Paolo che potrebbe liberarsi dopo le semifinali di Libertadores), Enner Valencia (prestito a 2/3 milioni con riscatto a 16 senza obbligo) e il ritorno in Italia di Pato: il giocatore ha già detto sì, ora si tratta con il Corinthians.

Il Napoli continua la caccia al centrocampista (Herrera si proverà a sbloccarla in settimana, su Witsel è forte Everton, un po' di pessimismo per Zielinski, visto l'inserimento del Milan) ma potrebbe stringere per Candreva. L'Inter non solo ha mollato un po' la presa, ma soprattutto non si è mai spinta così in alto come il Napoli: 24 milioni di euro l'offerta. Ora Candreva ci sta pensando seriamente perché il Napoli dimostra di essere più convinto.

A proposito di Inter: ufficiale Banega, continua la maratona di mercato per Gabriel Jesus. Novità di giornata non ce ne sono, ma i nerazzurri sono fiduciosi di poter chiudere. Mancini scontento? Ci ha pensato Thohir: costruiremo con Suning e Mancini una squadra da Champions.

A Roma primo faccia a faccia fra Nainggolan e Sabatini (senza entrare nel dettaglio del rinnovo contrattuale, ma vuoi che non abbiano fatto due battute anche su quello?). Caceres sta per arrivare, Zabaleta ancora no. Interessa Juan Jesus (ma l'Inter lo da solo a titolo definitivo). In uscita accordo definitivo per Sanabria con il Betis (8 milioni e 50% su futura rivendita), mentre invece c'è un giallo Ljajic: non è convocato per il raduno di domani e lui molto probabilmente è andato a Vigo per fare le visite mediche con il Cela. La Roma non conferma ma è indispettita dalle voci, soprattutto perché l'accordo era con il Torino... e questo potrebbe far saltare anche Iago Falque.

Su Vazquez del Palermo c'è il Crystal Palace che ancora non ha soddisfatto però le richieste di Zamparini. Alla Samp si apre un caso Cassano nel giorno della presentazione di Giampaolo: il presidente Ferrero è stato molto chiaro, la situazione però non si chiude qui... sensazioni...

La Fiorentina sta facendo un tentativo per Corluka difensore croato della Lokomotiv, Bernardeschi è incedibile e Hernani continua ad interessare molto. Il Torino piazza un colpo: Ajet. Preso. Nonostante le richieste di Pescara, Atalanta e Bologna il ragazzo ha mantenuto l'impegno che si era preso con il Torino e ha firmato poco fa. E presto lo seguirà Giaccherini. A Bologna rinnovo per Brienza e vicino Verdim (di proprietà del Milan, lo scorso anno al Carpi), De Maio all'Anderlecht ufficiale, El Kaddouri si avvicina al Chievo, al Sassuolo interessa Vitturini del Pescara, al Cagliari piace Ishak, attaccante dell'Aik Solna per il quale si era interessata anche l'Inter. A Crotone arriva Ceccherini del Livorno.

IN B scatenato il Benevento: a un passo da Ceravolo, pressa Cragno, ha chiuso per Falco e Camporese. A Carpi l'altro colpo di giornata: ecco Catellani. Il Latina vorrebbe Donnarumma in porta, a Trapani idea Ligi, ad Avellino firma Donkor, ad Ascoli appuntamento con FIgliomeni.

Tenetevi forte, siamo tutti in ballo


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.