HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Pogba, me ne vado…Ecco il piano della Juve per riprenderlo. Piace anche Ceballos. E Martial a parametro zero. Milan, Rabiot convinto da Leonardo. La verita’ sul futuro di Chiesa

07.09.2018 07:12 di Enzo Bucchioni   articolo letto 45869 volte
© foto di Federico De Luca

Questa volta non è soltanto una voce di mercato o una notizia dei soliti tabloid inglesi, questa volta è Paul Pogba “in persona personalmente” per dirla alla Catarella, che apre scenari sul suo futuro.

“Oggi sono del Manchester, ma fra qualche mese…”, la frase detta appena ieri regala certezze sul suo addio e rafforza le ipotesi sul possibile ritorno alla Juventus.

Pogba non ha un buon rapporto con Mourinho e lo sappiamo, tutto il malumore deriva da questo. E allora? Dopo aver riportato a casa Bonucci, Marotta e Paratici stanno lavorando da diversi mesi con Raiola anche per riprendersi Pogba. I dirigenti bianconeri non pensano all’immediato, hanno dimostrato di avere sempre una visione sul futuro della società, e allora sanno benissimo che sul centrocampo bisogna intervenire. Due pilastri come Khedira e Matuidi nel 2019 avranno 32 anni è normale cautelarsi. L’operazione non è facile e neppure scontata, gli ostacoli sono diversi. Su Pogba ci sono tutte le più importanti società europee, soprattutto il Barcellona. L’ingaggio del francese, premi compresi, si aggira attorno ai 15 milioni di euro: un altro ostacolo non da poco. Ma dopo aver preso Ronaldo, aver fatto l’ultimo step, la Juventus è entrata in un circuito calcistico-economico che le impone e le propone allo stesso tempo, operazioni un tempo non immaginabili. Si lavora sottotraccia per trovare una soluzione anche per riprendere Pogba e il regista ancora una volta dovrà essere Raiola, un po’ come ha fatto Mendes con Ronaldo. Il giocatore ha già dato il suo ok per il ritorno alla Juventus, un’avventura ancora più stimolante proprio per la possibilità di giocare con Ronaldo. Esclusa tassativamente, però, la possibilità che un’operazione del genere possa essere fatta nel mese di gennaio. Si lavora per giugno.

La Juventus, però, si guarda anche attorno nel caso in cui fosse impossibile riportare a casa Pogba. Ecco allora aperta un’altra pista madridista che porta a Ceballos, 22 anni, che nel Real è chiuso da Casemiro. La prima richiesta (ottanta milioni) è sembrata quasi una provocazione da parte del club di Perez, ma anche qui la situazione è in continua evoluzione.

La Juventus sta monitorando anche affari a parametro zero, modello Emre Can, tanto per intenderci. E proprio al Manchester c’è un altro giocatore sul quale la Juve sta lavorando. Si tratta dell’esterno Martial, 23 anni, che ha il contratto in scadenza nel 2019 e non vuole rinnovare. Per ora Mourinho non l’ha convinto a firmare, anche una proposta da nove milioni pare sia stata rifiutata.

Le grandi società però, non si muovono soltanto in entrata, la Juventus per rifinanziarsi dovrà anche fare dei sacrifici e un uomo-mercato in uscita potrebbe essere Dybala. Non sono le due esclusioni in inizio stagione a far pensare, ma le difficoltà che ha questo ragazzo a inserirsi nella squadra e nei sistemi di gioco. E’ un solista di grande talento, ma con Higuain non ha legato. Cosa succederà con Ronaldo? A giudicare da queste prime partite, Allegri preferisce giocatori come Mandzukic, Bernardeschi e Douglas Costa che hanno i colpi in proprio, ma cercano di favorire anche il gioco di squadra e dei compagni. La tentazione di fare cassa con Dybala è forte e non è neppure nuova. Forse è ancora a Torino soltanto perché l’estate scorsa non è arrivata l’offerta-monstre che la Juventus aspettava. Per agevolare il gioco di Ronaldo, fateci caso, la Juve sta cercando degli esterni veloci e in grado di saltare l’uomo e non seconde punte o trequartisti (i ruoli di Dybala). Abbiamo detto di Martial, un altro nome sul taccuino di Marotta è Federico Chiesa. Il ragazzo piace e non da oggi. L’estate scorsa un’offerta diretta alla Fiorentina non è stata fatta, ma con il padre-agente Enrico i contatti sono stati diversi. La Fiorentina ha sempre dichiarato incedibile il ragazzo e l’ha bloccato aumentandogli l’ingaggio (è il viola che guadagna più di tutti) e prolungando fino al 2022. La stessa Fiorentina sa benissimo però che se la crescita di Chiesa continuerà e il pressing delle grandi società diventerà ancor più serrato, a fronte di ingaggi da 4-5 milioni di euro (già offerti) non potrà più competere. Che succederà? Naturalmente il discorso va proiettato alla prossima estate. La Juventus non ha accordi sottobanco o prelazioni di sorta con la Fiorentina, semplicemente c’è un gentleman agreement tra Marotta e il presidente viola Cognigni siglato nel corso della trattativa Pjaca. La Juve voleva dare Pjaca ad altre società con operazioni più convenienti, si è deciso di darlo alla Fiorentina in prestito con riscatto e controriscatto abbastanza oneroso per le insistenze del ragazzo, ma anche perché Cognigni- come già scritto su Firenzeviola- ha promesso che quando e se la dovesse decidere di vendere Chiesa, la prima società ad essere interpellata sarà la Juventus. Ma non soltanto Chiesa, alla Juventus piace anche il difensore serbo Milenkovic e anche qui il discorso è lo stesso. Se dovessimo decidere di vendere, vi interpelleremo. Punto. Quindi diffidate da chi vi racconta di accordi presi, di intese e roba del genere. Tutto sarà discusso a giugno nel quadro dell’affare Pjaca.

Alla finestra su Chiesa c’è anche l’Inter e non da oggi. Anzi, l’estate scorsa l’Inter era in pole-position, il pressing di Spalletti è stato forte e i contatti con il padre molto interessanti. Poi la Fiorentina ha deciso per l’incedibilità, Chiesa è rimasto soddisfatto di fare almeno un altro anno nella sua squadra del cuore e nella sua città, c’è stata la vicenda Pjaca e ora in pole c’è la Juventus. Ma la storia è tutta da scrivere.

Si sta scrivendo, invece, la storia fra Rabiot e il Milan. Il centrocampista del Psg, 23 anni, è in scadenza nel 2019 e non ha intenzione di rinnovare. Su di lui c’era anche la Juventus, ma da quando Leonardo è tornato a fare il dirigente, la bilancia s’è spostata dalla parte del Milan. Questione di feeling, di rapporti, di simpatie. Rabiot è stato lanciato nel calcio dei grandi proprio da Leonardo quando era dirigente del Psg, c’è sempre stata grande simpatia con i Rabiot e la madre-procuratore sta riflettendo seriamente sulla proposta dei rossoneri. Interessa però anche il progetto sportivo e il futuro del Milan è strettamente collegato anche alla decisione del centrocampista francese. La pista è comunque apertissima. Leonardo potrebbe anche fare un tentativo con il Psg a gennaio per battere la concorrenza.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Quanti nomi attorno all'Inter, ma solo al prezzo giusto (con due parole su Robben). Juve, Ronaldo porta Ramsey. E Ramsey porta... W il mercato, anche se a gennaio vince sempre... il fairplay finanziario 08.01 - Buon Natale a te e famiglia. Così, a sorpresa. La depressione da rientro post-feste renderà questo editoriale più sconclusionato del solito. Io vi ho avvusato. Con la "u", avvusato. Il rientro dalle feste natalizie è uno schifo perché ti senti grasso e quando torni a casa c'è...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, se ci sei batti un colpo. Muriel, tocco di classe del "Corvo". Inter, sveglia su Barella. Nella "Gabbia" dorata della Premier 07.01 - La situazione del Milan rischia di diventare, seriamente, pericolosa. Dopo i complimenti che abbiamo fatto a Leonardo per come ha difeso Gattuso, pubblicamente, prima della gara con la Spal oggi dovremmo fare alcune riflessioni di mercato. Perché, appunto, il mercato è una cosa seria....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->