HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere della Serie A 2018/19?
  Cristiano Ronaldo
  Gonzalo Higuain
  Mauro Icardi
  Ciro Immobile
  Edin Dzeko
  Dries Mertens
  Paulo Dybala
  Gregoire Defrel
  Arkadiusz Milik
  Duvan Zapata
  Krzysztof Piatek
  Mario Mandzukic
  Leonardo Pavoletti
  Altro

La Giovane Italia
Editoriale

Pogba, me ne vado…Ecco il piano della Juve per riprenderlo. Piace anche Ceballos. E Martial a parametro zero. Milan, Rabiot convinto da Leonardo. La verita’ sul futuro di Chiesa

07.09.2018 07:12 di Enzo Bucchioni   articolo letto 45664 volte
© foto di Federico De Luca

Questa volta non è soltanto una voce di mercato o una notizia dei soliti tabloid inglesi, questa volta è Paul Pogba “in persona personalmente” per dirla alla Catarella, che apre scenari sul suo futuro.

“Oggi sono del Manchester, ma fra qualche mese…”, la frase detta appena ieri regala certezze sul suo addio e rafforza le ipotesi sul possibile ritorno alla Juventus.

Pogba non ha un buon rapporto con Mourinho e lo sappiamo, tutto il malumore deriva da questo. E allora? Dopo aver riportato a casa Bonucci, Marotta e Paratici stanno lavorando da diversi mesi con Raiola anche per riprendersi Pogba. I dirigenti bianconeri non pensano all’immediato, hanno dimostrato di avere sempre una visione sul futuro della società, e allora sanno benissimo che sul centrocampo bisogna intervenire. Due pilastri come Khedira e Matuidi nel 2019 avranno 32 anni è normale cautelarsi. L’operazione non è facile e neppure scontata, gli ostacoli sono diversi. Su Pogba ci sono tutte le più importanti società europee, soprattutto il Barcellona. L’ingaggio del francese, premi compresi, si aggira attorno ai 15 milioni di euro: un altro ostacolo non da poco. Ma dopo aver preso Ronaldo, aver fatto l’ultimo step, la Juventus è entrata in un circuito calcistico-economico che le impone e le propone allo stesso tempo, operazioni un tempo non immaginabili. Si lavora sottotraccia per trovare una soluzione anche per riprendere Pogba e il regista ancora una volta dovrà essere Raiola, un po’ come ha fatto Mendes con Ronaldo. Il giocatore ha già dato il suo ok per il ritorno alla Juventus, un’avventura ancora più stimolante proprio per la possibilità di giocare con Ronaldo. Esclusa tassativamente, però, la possibilità che un’operazione del genere possa essere fatta nel mese di gennaio. Si lavora per giugno.

La Juventus, però, si guarda anche attorno nel caso in cui fosse impossibile riportare a casa Pogba. Ecco allora aperta un’altra pista madridista che porta a Ceballos, 22 anni, che nel Real è chiuso da Casemiro. La prima richiesta (ottanta milioni) è sembrata quasi una provocazione da parte del club di Perez, ma anche qui la situazione è in continua evoluzione.

La Juventus sta monitorando anche affari a parametro zero, modello Emre Can, tanto per intenderci. E proprio al Manchester c’è un altro giocatore sul quale la Juve sta lavorando. Si tratta dell’esterno Martial, 23 anni, che ha il contratto in scadenza nel 2019 e non vuole rinnovare. Per ora Mourinho non l’ha convinto a firmare, anche una proposta da nove milioni pare sia stata rifiutata.

Le grandi società però, non si muovono soltanto in entrata, la Juventus per rifinanziarsi dovrà anche fare dei sacrifici e un uomo-mercato in uscita potrebbe essere Dybala. Non sono le due esclusioni in inizio stagione a far pensare, ma le difficoltà che ha questo ragazzo a inserirsi nella squadra e nei sistemi di gioco. E’ un solista di grande talento, ma con Higuain non ha legato. Cosa succederà con Ronaldo? A giudicare da queste prime partite, Allegri preferisce giocatori come Mandzukic, Bernardeschi e Douglas Costa che hanno i colpi in proprio, ma cercano di favorire anche il gioco di squadra e dei compagni. La tentazione di fare cassa con Dybala è forte e non è neppure nuova. Forse è ancora a Torino soltanto perché l’estate scorsa non è arrivata l’offerta-monstre che la Juventus aspettava. Per agevolare il gioco di Ronaldo, fateci caso, la Juve sta cercando degli esterni veloci e in grado di saltare l’uomo e non seconde punte o trequartisti (i ruoli di Dybala). Abbiamo detto di Martial, un altro nome sul taccuino di Marotta è Federico Chiesa. Il ragazzo piace e non da oggi. L’estate scorsa un’offerta diretta alla Fiorentina non è stata fatta, ma con il padre-agente Enrico i contatti sono stati diversi. La Fiorentina ha sempre dichiarato incedibile il ragazzo e l’ha bloccato aumentandogli l’ingaggio (è il viola che guadagna più di tutti) e prolungando fino al 2022. La stessa Fiorentina sa benissimo però che se la crescita di Chiesa continuerà e il pressing delle grandi società diventerà ancor più serrato, a fronte di ingaggi da 4-5 milioni di euro (già offerti) non potrà più competere. Che succederà? Naturalmente il discorso va proiettato alla prossima estate. La Juventus non ha accordi sottobanco o prelazioni di sorta con la Fiorentina, semplicemente c’è un gentleman agreement tra Marotta e il presidente viola Cognigni siglato nel corso della trattativa Pjaca. La Juve voleva dare Pjaca ad altre società con operazioni più convenienti, si è deciso di darlo alla Fiorentina in prestito con riscatto e controriscatto abbastanza oneroso per le insistenze del ragazzo, ma anche perché Cognigni- come già scritto su Firenzeviola- ha promesso che quando e se la dovesse decidere di vendere Chiesa, la prima società ad essere interpellata sarà la Juventus. Ma non soltanto Chiesa, alla Juventus piace anche il difensore serbo Milenkovic e anche qui il discorso è lo stesso. Se dovessimo decidere di vendere, vi interpelleremo. Punto. Quindi diffidate da chi vi racconta di accordi presi, di intese e roba del genere. Tutto sarà discusso a giugno nel quadro dell’affare Pjaca.

Alla finestra su Chiesa c’è anche l’Inter e non da oggi. Anzi, l’estate scorsa l’Inter era in pole-position, il pressing di Spalletti è stato forte e i contatti con il padre molto interessanti. Poi la Fiorentina ha deciso per l’incedibilità, Chiesa è rimasto soddisfatto di fare almeno un altro anno nella sua squadra del cuore e nella sua città, c’è stata la vicenda Pjaca e ora in pole c’è la Juventus. Ma la storia è tutta da scrivere.

Si sta scrivendo, invece, la storia fra Rabiot e il Milan. Il centrocampista del Psg, 23 anni, è in scadenza nel 2019 e non ha intenzione di rinnovare. Su di lui c’era anche la Juventus, ma da quando Leonardo è tornato a fare il dirigente, la bilancia s’è spostata dalla parte del Milan. Questione di feeling, di rapporti, di simpatie. Rabiot è stato lanciato nel calcio dei grandi proprio da Leonardo quando era dirigente del Psg, c’è sempre stata grande simpatia con i Rabiot e la madre-procuratore sta riflettendo seriamente sulla proposta dei rossoneri. Interessa però anche il progetto sportivo e il futuro del Milan è strettamente collegato anche alla decisione del centrocampista francese. La pista è comunque apertissima. Leonardo potrebbe anche fare un tentativo con il Psg a gennaio per battere la concorrenza.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Italia: un anno senza vittorie (ma non diamo la colpa agli stranieri). In arrivo la quarta giornata, ma c’è già chi parla “del mercato di gennaio” (pietà…). Inter: per il rinnovo di Icardi… non c’è fretta 11.09 - Siamo in piena pausa per la Nazionale. Ma il peggio è passato. Da oggi smetteremo di far finta che ce ne freghi qualcosa della Nations League (“La Nations League è importante!”) e torneremo a creare nuovi casi mediatici: perché Ronaldo non ha segnato durante la pausa? (“perché è bollito!”)....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola, Sacchi ha fatto la storia, tu i soldi in Italia e vivi nel Principato. Rischio concreto di un campionato a senso unico. Sentenza B tra oggi e domani: una macchia eterna in un sistema che salva solo Gravina e Sibilia 10.09 - Volevo ringraziare pubblicamente Mino Raiola. Non sapevo proprio cosa scrivere questo lunedì, in assenza di notizie, campionato e mercato. Ho ragionato per giorni ma cose originali e sensate non me ne venivano in mente. Poi leggo le dichiarazioni di Mino e lo ringrazio perché anche...

EditorialeDI: Marco Conterio

Dallo Stadium a CR7, da First Team alla U23. I motivi per cui Totti ha consegnato il titolo alla Juventus. Il Manchester City e Guardiola intanto stravolgono il modo di raccontare il calcio 09.09 - In principio è stata la Juventus, con il docu-film prodotto da Netflix, First Team. Archetipo del dietro le quinte di quel che c'è nel lavoro d'ogni giorno che avviene a telecamere spente. I giocatori che si confidano, le discussioni nell'alveo dello spogliatoio. E' stata una primogenitura...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy