VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Prandelli tra Tottenham e Nazionale: in rialzo c'è Zac. Conte-juventini, fratture simili a Moratti-Mancini 2008. Inzaghi: il Sassuolo perde, la Primavera vince. Fuorigioco Icardi: Bonolis si eclissa

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
22.02.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 27824 volte

Gli ultimi rumors dal fronte Nazionale azzurra segnalano un Cesare Prandelli tutt'altro che distante dalla panchina dell'Italia nel futuro post-brasiliano. Il Ct ha ancora tutte intatte le possibilità di rimanere dov'è anche dopo il Mondiale, nonostante questa sia la classica competizione che può condizionare in un senso o nell'altro qualsiasi orientamento. Tra addetti ai lavori, nel caso in cui Prandelli dovesse lasciare l'azzurro, si parla molto del Tottenham come possibile destinazione per l'ex tecnico viola. Tifoseria calda come quella di Firenze, una città prestigiosa come Londra, un progetto vivo e in ascesa come quello che Cesare avrebbe desiderato in viola negli anni in cui si sfilò dai Della Valle. Per il momento, solo voci. Dovessero essere in qualche modo confermate e dovesse Prandelli lasciare Firenze, ecco che la sorpresa Zaccheroni è dietro l'angolo. Romagnolo, stimato da Arrigo Sacchi, la Zac-nomination è data in ascesa per il futuro della Nazionale azzurra. In soldoni, Prandelli 50 per cento, Zaccheroni 30-35 per cento e Allegri 15-20 per cento. Questo il borsino finale, ad oggi.

Ma chi gliel'ha fatto fare ad Antonio Conte, che ha costruito una corazzata dalle ceneri di due settimi posti, di tenersi dentro per tanti anni quella cosa con Fabio Capello. Quale cosa? 2004...Capello diventa allenatore della Juventus e Conte smette di giocare, ci siamo capiti. Antonio, anche se ha un carattere clamorosamente diverso da quello di Carletto, doveva fare come Ancelotti: riderci su, sornione. Come ha fatto l'ex rossonero entrato in campo nella sua gara del passo d'addio, nel 1992, contro il Verona a San Siro, grazie ad Aldo Serena...Insomma, la vita è un fiume che scorre, goditi i successi e dimentica le arrabbiature. Ma Conte è Conte. Deve però, mi permetto, stare attento Antonio. E' così bravo a prefigurare spauracchi sulla strada del suo terzo strameritato Scudetto (adesso anche l'unico allenamento prima del derby...) per tenere alta la soglia dell'attenzione della squadra, che magari i fantasmi si materializzano davvero. Gli juventini non mandano giù quella frase che gli è scappata sui due scudetti revocati. L'hanno apprezzata gli interisti, ma non gli juventini. Eppure è una di quelle frasi che segnano. Un po' come quella di Roberto Mancini, non sarò più l'allenatore dell'Inter, dopo la gara in casa con il Liverpool del 2008. Dopo quella uscita-choc, i nerazzurri riuscirono nell'impresa di rimettere in discussione uno Scudetto già vinto. Non sarà così per la Juventus, ma bisogna stare attenti.

Pippo Inzaghi era stato richiesto dal Sassuolo, come tutti sanno. E aveva impressionato molto e in positivo i dirigenti emiliani durante i colloqui intercorsi. Ma il Milan ha fatto di tutto per tenere legato a sé Superpippo, ed è probabilmente in quel momento che è nato il successo rossonero al Torneo di Viareggio. Inzaghi però è un gruppo elettrogeno sempre in funzione, sempre carico, sempre pronto, sempre reattivo. Quanto mai concentrato. E mentre cura tutti i dettagli dell'organizzazione del gruppo della sua Primavera, un occhio al Sassuolo lo butta certamente. E fra sé e sé, è pressochè certo che abbia pensato, dopo la chiusura del mercato di Gennaio: Sassuolo 3 sconfitte consecutive, Milan Primavera 5 vittorie consecutive. Inzaghi, sempre acceso.

I tifosi del Milan immaginino per un attimo cosa sarebbe successo se fosse stata la squadra rossonera a vincere 2-1 al Franchi, con un gol in fuorigioco come quello di Icardi. Come minimo, il solito collegamento e il solito Bonolis. Con tanto di battute, scenari, allusioni, espressioni allibite. Invece, il gol in fuorigioco l'ha fatto l'Inter e tutto va bene. Cose che succedono. Ma non solo in Campionato. Anche in Europa: dopo il rigore di Amsterdam su Balotelli, gli sportivi e i bonolisiani hanno passato mesi a far battute sul rigore per il Milan. Salvo poi dimenticarsi di quello che è appena accaduto sotto i nostri occhi: in Milan-Ajax, qualificazione a rischio, per l'espulsione di Montolivo dopo 20 minuti per un fallo, durante una azione di gioco, su Poulsen che dopo l'episodio continua la sua partita come nulla fosse. In Milan-Atletico, invece, Insua, a gioco fermo, con le due gambe a tenaglia, manda in infermeria De Sciglio. Risultato: Montolivo squalificato per altre 2 giornate, Insua grazie e arrivederci. Senza parlare del rigore su Poli. C'è voluto tutto lo charme, tutta la classe e la superiorità di Clarence Seedorf per non soffermarsi su questi "dettagli" arbitrali. Ma chi, fuori dal campo, disegna complotti sempre dalla stessa parte, non faccia lo gnorri. E ne prenda atto. Anche perché, la stampa italiana ne stia certa, visti gli episodi e la garra degli spagnoli a San Siro, si prepara un bell'ambientino al Vicente Calderon...Toccherà al Milan rimanere calmo e lucido come a San Siro. Perché contro il Tottenham, per il sangue caldo ma in buona fede di Rino Gattuso, si perse due volte, in campo e fuori. Contro l'Atletico, solo in campo e solo per un episodio. Il ritorno può essere molto più equilibrato di quel che si possa pensare oggi. A patto che sia equo e attento da ambo le parti. E con un quarto uomo più esperto, se possibile.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.