VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale...

12.10.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 11123 volte
© foto di Federico De Luca

Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla classifica...
E' il primo vero bivio del campionato, quello che non decide nulla ma che potrebbe indirizzare i nostri ragionamenti, le nostre impressioni, ma soprattutto che potrebbe indirizzare il futuro di qualcuno dei protagonisti, nel bene e nel male.
Il primo su tutti, senza girarci troppo intorno, è il Milan. E' bello, giusto e anche ovvio che i dirigenti rossoneri difendano a spada tratta la tranquillità di Montella. Ma è altrettanto evidente che non solo dipende dal risultato del derby, ma soprattutto da come arriva. Se dovesse arrivare un'altra sconfitta, ma soprattutto una sconfitta dura da digerire sarà difficile ascoltare le stesse parole. Dovesse succedere ci troveremo di fronte a una società, che nonostante si sia insediata da poco, ha già un grande grado di maturità. Abbiamo sempre detto - almeno noi - che per un progetto completamente nuovo come quello che il Milan ha in testa ci vuole pazienza. Finora il Milan ha avuto dei passaggi a vuoto: uno in più potrebbe fare la differenza? Dipende, obiettivamente. Dipende da come. L'impressione che abbiamo da fuori è che i giocatori non abbiano abbandonato Montella: questa dovrebbe essere la discriminante per giudicare il lavoro dell'allenatore, nonostante i risultati (che però devono e hanno un peso). E' per questo che la pressione sostanzialmente è sulle spalle dell'aereoplanino. Dalla parte sua Spalletti è come se non avesse nulla da perdere: ma il trittico post Nazionali ci dirà quanto vale l'Inter. Può pensare al bersaglio grosso: derby, Napoli e poi la Samp una delle più belle realtà di questo campionato, ce lo diranno loro. Ma Spalletti sa che tipo di risposte può dare la squadra e ha anche pochi dubbi rispetto alla formazione (visto che il dilemma trequartista lo ha risolto l'infermeria)...
Anche il Napoli ha pressione. La pressione della prima in classifica. Ha stupito e meravigliato tutti. In Italia e in Europa e legittimamente è lassù, davanti a tutti. Contro c'è una Roma molto rinnovata: da Di Francesco all'addio di Totti, dal mercato con il FFP che ha costretto a cedere e con il mercato che ha fatto in modo che queste partenze non siano poi così gravi. Sarri il conservatore, contro Di Francesco che sta rivoluzionando la Roma. Il miglior attacco del campionato, contro la seconda miglior difesa: 4 gol subiti di cui 3 tutti contro l'Inter nell'altro scontro diretto. L'altro gol lo ha segnato l'Udinese (in campionato) perdendo. Reggerà anche l'urto dei tre moschettieri azzurri? O ci sarà ancora (anche qui la pressione) la cabala negativa di Insigne che alla Roma non ha mai segnato?
E poi, anzi prima di tutti, Juventus Lazio. La miglior squadra in trasferta (con il Napoli) contro quella che in casa non perde mai. Numeri impressionanti all'Allianz Stadium. Dall'ultima sconfitta contor l'Udinese (29 agosto 2015) 50 vittorie e 4 pareggi... Ce la farà la Lazio a invertire la tendenza? Di sicuro bisogna fare un grande applauso ai biancocelesti, preventivo. Parliamo spesso di fatturati: ecco la Lazio con una capacità di spesa decisamente inferiore rispetto alle 5 grandi rimane lassù e non solo da quest'anno. Merito di Inzaghi sicuramente. Merito anche di Tare e del mercato: sono stati scovati dei giocatori funzionali al progetto, presi a poco in grado di fare la differenza. La Juventus è di fronte all'ennesima sfida: rimanere al vertice per l'attacco al settimo scudetto consecutivo con una squadra profondamente rinnovata: e chissà che ora non sia proprio il momento di Douglas Costa e Bernardeschi i due crack (insieme a Matuidi) del mercato estivo. Dopo che hanno riposato in questo weekend di nazionali (uno non convocato l'altro pochi minuti in campo) e che finora non sono stati spremuti da Allegri...
Ci sarà da divertirci. Senza dubbio. Sarà un bel weekend. Di sicuro non ci siamo divertiti con la Nazionale. E a tutti i ragionamenti che abbiamo fatto (ognuno di noi) sui motivi di questa fine farraginosa per la qualificazione ai mondiali ne aggiungo uno.
In italia le migliori squadre del campionato, esattamente queste prime sei, utilizzano moltissimi stranieri. Forti per carità, alcuni fanno sognare i propri tifosi, Napoli 82%, Lazio e Inter 80%, Roma 78%, Juventus 73%. Il Milan è l'unica non in classifica con il 54% dei minuti effettuati da giocatori stranieri. Lo so è un discorso "vecchio", ma forse qualche riflessione la può portare...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.