HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà il Mondiale?
  Germania
  Brasile
  Spagna
  Argentina
  Portogallo
  Francia
  Belgio
  Inghilterra
  Altro

Editoriale

Prima le panchine, poi i colpi. Ecco i nodi da sciogliere. A cominciare da Napoli e Milan

29.03.2018 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 12334 volte
© foto di Federico De Luca

Prima di far partire il mercato dei giocatori, bisogna che parta quello degli allenatori. E prima che parta quello degli allenatori c'è bisogno di districare alcune matasse, fondamentalmente. Sia in Italia che in Europa. I nomi sul tavolo sono importanti, e non potrebbe essere altrimenti.
In Italia la questione giornalisticamente più interessante ruota intorno a Sarri. Come abbiamo avuto modo di dire è una questione relativa al tempo. De Laurentiis lancia messaggi perché non vorrebbe correre il rischio che la trattativa vada per le lunghe. I tempi dilatati infatti potrebbero consentire a qualcuno di inserirsi fra lui e Sarri. E un rischio che fa parte del gioco, anche perché l'impressione non è che Sarri ci stia giocando sopra. Lui pensa al campionato, al sogno lungo una stagione. E non ha la fretta di dover chiudere ora un rinnovo meritatissimo e che il presidente vorrebbe dargli. In realtà - come sempre - potrebbe essere una questione di prezzo. In questo momento c'è differenza fra la prima offerta che vorrebbe fare il presidente e quelle che sono le ambizioni dell'allenatore. E anche questo fa parte dle gioco delle parti. Ma il fatto che De Laurentiis richiami al sentimento di riconoscenza non è un passaggio banale. E la rivendicazione, moderata, dell'opportunità concessa (peraltro supportata anche dai fatti e dalla storia recente del Napoli che indipendentemente dall'allenatore è riuscito sempre a migliorarsi rispetto alle annate precedenti) ripercorre sempre la stessa strada.
Anche perché poi vanno fatte delle valutazioni anche su un possibile rinnovamento della rosa. E quindi la "fretta" di De Laurentiis immaginiamo sia dovuta anche alla necessità eventualmente di trovare un allenatore altrettanto preparato e che possa cominciare il prima possibile a dare indicazioni, concertate con i dirigenti, riguardo ai giocatori su cui fare affidamento. Indipendentemente dall'esito del campionato.
E' chiaro che se le strade di Sarri e Napoli dovessero separarsi (ipotesi in questo momento sinceramente molto poco probabile) potrebbe esserci quell'effetto domino che si trascinerebbe dietro diverse altre piazze.
Altra panchina calda in Italia, almeno mediaticamente, è quella del Milan. Come direte voi, Gattuso non è saldo? Più che saldo, saldissimo. Per Mirabelli non ci sono dubbi sul suo rinnovo. Lo stesso Fassone a Sky ne ha lodato pubblicamente i grandissimi pregi e le novità che ha portato in rossonero. Ma la data del rinnovo continua a slittare. E questo potrebbe essere collegato alle vicende societarie del Milan, anzi a quelle economiche. La pendenza con il fondo Elliot segnerà il futuro rossonero: se Li riuscirà a saldare il debito non ci saranno dubbi su chi sarà il l'allenatore del Milan la prossima stagione. Se invece questo non dovesse verificarsi non ci sono più certezze. A nessun livello. E questo può comportare anche delle variazioni rispetto ai piani di continuità rossonera. I dirigenti rossoneri, Fassone in testa, non sembrano preoccupati. Basterà soltanto aspettare, senza fare illazioni.
In Europa l'allenatore più vicino a cambiare, neanche a dirlo, è un italiano: Conte. Secondo la stampa internazionale sarebbe vicinissimo a un accordo con il PSG per la prossima stagione. Lui in questo momento non ama parlare del suo futuro. Ma neanche del suo rapporto con la società che obiettivamente quest'anno è stato tutt'altro che positivo. Che sia un allenatore da top club non ci sono dubbi: parlano i risultati per lui. La grande capacità di tirare fuori il massimo dai suoi giocatori, di farli andare oltre i propri limiti. Una dote che anche in FIGC apprezzano (e hanno apprezzato) e che quindi fanno di Conte uno dei papabili per la panchina azzurra. Anche se qui poi peseranno ambizioni e budget a disposizione. Di Biagio che si è ben comportato in queste due partite "tampone" non ha assolutamente perso le (poche) speranze di poter rimanere in sella. Ma ha fatto capire ampiamente che non avrebbe intenzione (eventualmente) di avere un ruolo secondario. Ad oggi il favorito è Mancini, altro big che in Russia non sta raccogliendo quanto avrebbe voluto.
Siamo solo agli inizi: ma aprile è il mese delle panchine. Comincerà a suonare il famoso valzer...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Morata vuole solo la Juve, ma l'idea è quella di un centrocampo d'assalto. Folle dire di no a 50 milioni per Jorginho, così come allo scambio Icardi-Higuain. Ma chi è il presidente del Milan? 10.06 - È iniziato con le bombe, il calciomercato 2018. Più scritte che non realizzate, eccezion fatta per l'arrivo di Cristante alla Roma - con Coric e Marcano - e i parametri zero: dell'Inter, da de Vrij ad Asamoah, oppure della Juventus, con Emre Can. Latita però il grande acquisto, quello...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Roma, fatta per Kluivert, il Napoli pensa a Praet se va via Hamsik. Juventus e Inter pronte all’assalto su Chiesa 09.06 - La rivoluzione di Monchi è già cominciata. Spazio alla linea verde, un progetto iniziato già l’anno scorso con l’arrivo di due grandissimi prospetti come Ünder e Schick. Il ds giallorosso, dopo aver piazzato anche il colpo Cristante, ora è pronto a chiudere per Justin Kluivert, talento...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve cede Higuain e Benatia. Accordo con Morata, ma il Chelsea aspetta l’allenatore. Conte e Sarri derby Real. Anche Icardi in ballo. Inter, l’obiettivo vero è Chiesa 08.06 - Molti tifosi bianconeri si chiedono come mai la Juventus non dica che due giocatori importanti come Higuain e Benatia sono incedibili e non intervenga sulle voci sempre più insistenti. La risposta è banale: perché sono in vendita. La dura legge della Juventus colpisce ancora: come...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy