HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Prima le panchine, poi i colpi. Ecco i nodi da sciogliere. A cominciare da Napoli e Milan

29.03.2018 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 12362 volte
© foto di Federico De Luca

Prima di far partire il mercato dei giocatori, bisogna che parta quello degli allenatori. E prima che parta quello degli allenatori c'è bisogno di districare alcune matasse, fondamentalmente. Sia in Italia che in Europa. I nomi sul tavolo sono importanti, e non potrebbe essere altrimenti.
In Italia la questione giornalisticamente più interessante ruota intorno a Sarri. Come abbiamo avuto modo di dire è una questione relativa al tempo. De Laurentiis lancia messaggi perché non vorrebbe correre il rischio che la trattativa vada per le lunghe. I tempi dilatati infatti potrebbero consentire a qualcuno di inserirsi fra lui e Sarri. E un rischio che fa parte del gioco, anche perché l'impressione non è che Sarri ci stia giocando sopra. Lui pensa al campionato, al sogno lungo una stagione. E non ha la fretta di dover chiudere ora un rinnovo meritatissimo e che il presidente vorrebbe dargli. In realtà - come sempre - potrebbe essere una questione di prezzo. In questo momento c'è differenza fra la prima offerta che vorrebbe fare il presidente e quelle che sono le ambizioni dell'allenatore. E anche questo fa parte dle gioco delle parti. Ma il fatto che De Laurentiis richiami al sentimento di riconoscenza non è un passaggio banale. E la rivendicazione, moderata, dell'opportunità concessa (peraltro supportata anche dai fatti e dalla storia recente del Napoli che indipendentemente dall'allenatore è riuscito sempre a migliorarsi rispetto alle annate precedenti) ripercorre sempre la stessa strada.
Anche perché poi vanno fatte delle valutazioni anche su un possibile rinnovamento della rosa. E quindi la "fretta" di De Laurentiis immaginiamo sia dovuta anche alla necessità eventualmente di trovare un allenatore altrettanto preparato e che possa cominciare il prima possibile a dare indicazioni, concertate con i dirigenti, riguardo ai giocatori su cui fare affidamento. Indipendentemente dall'esito del campionato.
E' chiaro che se le strade di Sarri e Napoli dovessero separarsi (ipotesi in questo momento sinceramente molto poco probabile) potrebbe esserci quell'effetto domino che si trascinerebbe dietro diverse altre piazze.
Altra panchina calda in Italia, almeno mediaticamente, è quella del Milan. Come direte voi, Gattuso non è saldo? Più che saldo, saldissimo. Per Mirabelli non ci sono dubbi sul suo rinnovo. Lo stesso Fassone a Sky ne ha lodato pubblicamente i grandissimi pregi e le novità che ha portato in rossonero. Ma la data del rinnovo continua a slittare. E questo potrebbe essere collegato alle vicende societarie del Milan, anzi a quelle economiche. La pendenza con il fondo Elliot segnerà il futuro rossonero: se Li riuscirà a saldare il debito non ci saranno dubbi su chi sarà il l'allenatore del Milan la prossima stagione. Se invece questo non dovesse verificarsi non ci sono più certezze. A nessun livello. E questo può comportare anche delle variazioni rispetto ai piani di continuità rossonera. I dirigenti rossoneri, Fassone in testa, non sembrano preoccupati. Basterà soltanto aspettare, senza fare illazioni.
In Europa l'allenatore più vicino a cambiare, neanche a dirlo, è un italiano: Conte. Secondo la stampa internazionale sarebbe vicinissimo a un accordo con il PSG per la prossima stagione. Lui in questo momento non ama parlare del suo futuro. Ma neanche del suo rapporto con la società che obiettivamente quest'anno è stato tutt'altro che positivo. Che sia un allenatore da top club non ci sono dubbi: parlano i risultati per lui. La grande capacità di tirare fuori il massimo dai suoi giocatori, di farli andare oltre i propri limiti. Una dote che anche in FIGC apprezzano (e hanno apprezzato) e che quindi fanno di Conte uno dei papabili per la panchina azzurra. Anche se qui poi peseranno ambizioni e budget a disposizione. Di Biagio che si è ben comportato in queste due partite "tampone" non ha assolutamente perso le (poche) speranze di poter rimanere in sella. Ma ha fatto capire ampiamente che non avrebbe intenzione (eventualmente) di avere un ruolo secondario. Ad oggi il favorito è Mancini, altro big che in Russia non sta raccogliendo quanto avrebbe voluto.
Siamo solo agli inizi: ma aprile è il mese delle panchine. Comincerà a suonare il famoso valzer...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Su Piatek il Milan accontenta il Genoa, ma su Higuain la colpa è anche di Gattuso. Juventus vicina a De Ligt! Non c’è l’offerta che il Napoli vuole per Allan. E il Barcellona adesso compra Doumbia? 23.01 - E’ andata come doveva andare. Esattamente 14 giorni fa vi avvisavamo che il triangolo Higuain-Morata-Piatek era impigliato intorno alla policy del Chelsea del non fare contratti pluriennali agli ultratrentenni, e che se Higuain si fosse incaponito su quell’aspetto, allora sarebbe...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio 22.01 - Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510