HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta

17.02.2018 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 1481 volte

Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista e il lavoro prosegue fitto fitto, ma vivaddio con maggiore tranquillità grazie al fatto che il Milan va in campo da squadra, corre da squadra e ottiene risultati da squadra. Nè più nè meno come Inter e Roma, il management del Milan potrebbe creare nei prossimi mesi una nuova società, sana, in iper attivo, con le sole voci di ricavo del Milan. Non per generare dividendi per l'azionista, ma per contribuire a colmare il debito del Milan. Come? Attirando finanziatori. Con chi? Con Merrill Lynch che non sarà il prossimo avversario del Milan in Europa League, ma il mega-advisor bancario che potrebbe intervenire sul debito del Club rossonero anche con più soldi di quelli che servono per rimborsare Elliott. Questo potrebbe avvenire proprio grazie alla costituzione di questa società che si potrebbe aggiungere alle attuali Milan Entertainment, Milan Real Estate e Milan China, o anche prendere il posto di una di queste. Riuscirà il Milan entro la prima metà del mese di Maggio ad entrare in possesso anche di una quantità di denaro superiore a quella di cui si è sempre parlato fino ad oggi, in ottica fondo Elliott? Molto dipenderà dall'esclusiva di Merrill Lynch, che ha mandato unico e una metodologia diversa dagli altri: fa l'advisor e va sul mercato, trova investitori in serie, declina il debito a livello di sindacato mettendo attorno al tavolo fondi di tutto il mondo. Sia per la nuova società che per soddisfare le esigenze in chiave Elliott, si respira clima positivo, da cauto ottimismo. Certo, in questo momento la squadra aiuta. A lavorare senza profezie di sventura che svolazzano da tutte le parti. Il circolo adesso è virtuoso: come sempre nel calcio quando la squadra corre e segna, risulta credibile il lavoro delle scrivanie. Che poi è lo stesso di quando si hanno delle difficoltà in campo, la differenza è solo sul come viene comunicato e, fra gol fatti e gol non presi, l'umore mediatico è girato in terreno positivo. Adesso si può anche trasmettere un concetto, perchè fermo restando che il Milan non ha ancora fatto assolutamente niente, adesso c'è maggiore disponibilità generale ad ascoltare, tra un risultato e l'altro: 230 milioni spesi sul mercato vero. Vero: ma 70 milioni di mercato in uscita, 200 milioni almeno di valore per il Milan derivante dai rinnovi di Donnarumma, Suso, Cutrone, Calabria e Plizzari. E un segnale a tutte le istituzioni sportive e finanziarie che contano: con la stabilità del mercato di gennaio, il Milan non è andato a spendere, a spandere, a cercare avventure, ma ha continuato a lavorare a credere in quello che aveva fatto in estate. Ai detrattori è rimasto in ostaggio solo Andrè Silva. Ma il Milan spera di andare a liberarlo il prima possibile. Smile.

Barzagli, Cuadrado, Matuidi e Dybala. Aveva fuori tutta una spina dorsale, Massimiliano Allegri, contro il Tottenham. C'era negli anni Ottanta un tennista spesso avversario della grande Italia di Panatta e Bertolucci in coppa Davis, ovvero il ceco Tomas Smid. La divina telecronista Lea Pericoli aveva un modo impeccabile per definirlo: un pesciaccio. Non un giocatore di grande qualità, ma fra quantità, continuità e qualche guizzo, era sempre un problema. Ecco, senza mezza squadra titolare, Allegri è andato ad affrontare il "pesciaccio" Tottenham segnando dal suo punto di vista 4 gol in un tempo. Non siamo impazziti, due gol sono finiti a referto. Gli altri due, che erano gol a loro volta, sono finiti a fil di palo e sulla traversa. Ma lì qualsiasi allenatore non può intervenire. Juventus-Tottenham è stata una battaglia europea, da classica Champions League dei nostri giorni. Una partita intensa, nella quale abbiamo capito che il Tottenham ha un ottimo centrocampo e una pessima difesa. Proprio così, l'andata di Torino ci ha fatto capire molto del Tottenham, che sarà grosso modo lo stesso a casa sua, al ritorno. La Juventus no, la Juventus, tra un recupero e l'altro, tra campo largo e maggiore consapevolezza dell'avversario, promette di essere molto meglio al ritorno. "Quanto" meglio, determinerà il passaggio del turno dell'una o dell'altra squadra.

Ennesima prova della ostentata latitanza europea del Napoli di Sarri. Il primo tempo del San Paolo contro il Manchester City non vale e non regge, rispetto alle sconfitte di Donetsk e di Rotterdam. Rispetto ai 6 gol subiti dal Manchester City. E adesso rispetto anche a quella partita mozzarella contro il Lipsia che ha un sapore ben diverso alle partite, nobili e sfortunate, perse a loro volta da Lazio e Atalanta nel turno settimanale di Europa League. Il Napoli non deve condannare se stesso ad una dimensione provinciale. Oggi, il calcio è sempre calcio. Non solo quando pare e piace a te. Altrimenti il patto Scudetto, rischia di essere "solo", sì "solo", una ossessione Juventus sul cui altare si sacrificano fior di figuracce a tutte le latitudini dell'Europa calcistica. Il capolavoro di bilancio e il capolavoro di gioco di cui è protagonista il Napoli di questo ciclo, non può rischiare di essere rovinato così. E' perfettamente inutile andare a caccia di responsabilità, di mercato o psicologiche, di scelte economiche o tattiche, ma non c'è nulla di folle nel tornare in campo il giovedì sera in Europa dopo aver giocato il sabato sera in campionato. Cinque giorni pieni di recupero e poi si va in campo con la formazione tipo contro il Lipsia. Una gara internazionale che contribuisce a costruire, o contaminare, caro presidente De Laurentiis, quel prodotto calcio italiano che poi bisogna vendere nei format dei diritti tv esteri...Poi, dopo il Lipsia, si vede chi recupera e chi meno per la Spal. Senza follie e senza ossessioni. Ma davvero.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->