VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Prometto di esserti fedele sempre: caro Milan, il matrimonio si fa in due. Inter, Ausilio cala gli assi. Napoli da Provincia, serve identità. Il Carpi è rinsavito. Qualcuno salvi il Parma: ma perché? Catania basta: Cosentino fa il mercato a Miami

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
22.06.2015 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 108504 volte
© foto di Federico De Luca

Milano è invasa da mega annunci per la campagna abbonamenti dei rossoneri con lo slogan "Prometto di esserti fedele sempre". Immaginate chi si affaccia alla finestra o scende da casa e si ritrova una scritta del genere, cosa avrà pensato questa mattina dopo il doppio tradimento di ieri. E' come se vostra moglie venisse a ricordarvi che 10 anni fa, davanti al prete, avevate promesso di amarla per tutta la vita e quindi non potete lasciarla anche se ieri sera l'avete beccata a letto con Kondogbia e Jakcson Martinez. La vedo dura. Il Milan chiama a raccolta i suoi tifosi e con quello slogan sembra chiaro l'appello. Siamo in difficoltà, ma - siccome insieme abbiamo vissuto momenti unici - non potete abbandonarci proprio adesso. E chi dice il contrario? Giustissimo! Se i tifosi del Milan non fossero comprensivi non sarebbero tifosi ma occasionali. Il tifoso vero si "incazza" quando, però, dall'altra parte manca chiarezza e di conseguenza rispetto. Tre anni fa sarebbe bastato dire ai proprio abbonati: Signori cari, dopo aver vinto tutto per 27 anni adesso ci aspettano anni duri e di sofferenza perché la liquidità è finita e non possiamo permetterci più gli investimenti di un tempo. Quando manca la chiarezza manca anche il rispetto e, allora, è giusto contestare. Eravamo partiti, un mese fa, alla conquista di Madrid con Ancelotti pronto a tornare in rossonero. Passano le elezioni e si annuncia l'arrivo di Sinisa, grande allenatore ma che non ha vinto neanche il 2% di quello che ha vinto Ancelotti. Volevate un cuore rossonero? Vi abbiamo portato un cuore nerazzurro che, illo tempore, disse: al Milan MAI! Siamo partiti per Montecarlo e avevamo conservato un posto, per il viaggio di ritorno, al buon Kondogbia. L'accordo con il padre c'era ma con il Monaco no: cavolo, abbiamo tralasciato un piccolissimo dettaglio: Kondogbia alla fine il viaggio Montecarlo-Milano se l'è fatto comunque ma ha preso un'altra macchina. Ci stavano facendo passare due concetti: il primo è che Ibrahimovic non era un sogno ma solida realtà. Può darsi che arrivi ma, per ora, resta a Parigi. Per Jackson Martinez aspettavamo l'annuncio ufficiale e, invece, ci hanno chiamati da Madrid e sta per firmare con l'Atletico. Bene, questo contestiamo al Milan. La poca chiarezza, gli annunci sbandierati ma non formalizzati e il danno di immagine che da anni questa gloriosa società è costretta a subire. Non solo il danno tecnico, quello è recuperabilissimo da qui a fine agosto, ma l'immagine del Milan ne esce a pezzi. Nel frattempo oggi Galliani è annunciato all'inaugurazione del nuovo Giannino. Un brindisi a Kondogbia e un altro a Jackson Martinez non lo vuoi fare?
Ausilio gongola: il tempo dirà se gli acquisti serviranno per far crescere l'Inter ma nel frattempo sul mercato l'allievo supera il maestro. Ausilio non sbandiera ai 7 venti gli obiettivi. Li fissa e quando può li chiude. Anche lui, come il Milan, non ha budget. Poi fa gli acquisti e programma le cessioni ma è un rischio che decide di prendersi lui. Da qui alla fine dovrà fare ancora tre operazioni eccellenti ma la base di partenza è buona, così Mancini potrà stare un po' tranquillo e pensare che ha ragione a pretendere acquisti dal suo Direttore ma è altrettanto giusto interrogarsi sul perché da gennaio a maggio i suoi risultati sono stati così scarsi.
Sta nascendo un Napoli da Provincia. Non è un'offesa sia chiaro. Sarri e Giuntoli hanno fatto una gran gavetta prima di arrivare a Napoli. Valdifiori navigava a vista in serie B fino a due anni fa e oggi gioca con Higuain (almeno ce lo auguriamo). Per il modo di giocare di Sarri, Valdifiori non è un acquisto è l'acquisto indispensabile. Il suo agente, Mario Giuffredi, si rivela come uno dei procuratori più forti d'Italia e la vittoria sulla clausola è un successo clamoroso per un agente nei confronti di De Laurentiis. Il Napoli è operaio e, sinceramente, inizia a piacerci. Basta non esagerare con le scommesse e non far diventare Napoli la succursale di Empoli. A piccole dosi ci piace, ma - se si esagera - Sarri durerà poco. Giuntoli ha grandi qualità, se non perde la giusta umiltà farà una carriera strepitosa; se, invece, crederà di essere diventato il nuovo guru del mercato resterà inghiottito da Napoli e da De Laurentiis.
E' rinsavito il Carpi che in settimana ha scelto l'erede di Giuntoli. Quel furbacchione di Cristiano voleva farsi rimpiangere e stava per piazzare Marchetti del Cittadella. Così il Carpi senza di lui avrebbe fatto 12 punti e ne sarebbe uscito ancor meglio di come già non sia uscito. Alla fine è prevalso il buon senso: dentro Sean Sogliano che nel gioco delle poltrone ha rischiato di restare fuori dal giro. Doveva andare a Napoli e, se non fosse finito a Carpi, sarebbe rimasto a casa. Il compito resta arduo ma almeno con Sogliano, la neo promossa emiliana avrà la possibilità di salvare la faccia. Marchetti resta a Cittadella e ritrova la sua dimensione: la Lega Pro. Se l'obiettivo è tornare in B al primo colpo rischia che i suoi ricci diventino capricci ma la Lega Pro ha dei grandi pregi, ad esempio ci sono meno riflettori accesi e maggiori possibilità di far prevalere il proprio gioco.
Durante il campionato era una corsa continua per salvare il Parma ma sapevamo che interessava solo salvare il campionato. Oggi c'è la corsa ad ammazzarlo per poi sperare nel ripescaggio in serie B. Le cifre sono fuori dalla logica e nessun imprenditore normale verserebbe 22.5 milioni di euro di debito sportivo per una serie B che, compreso di paracadute, ti porta circa 7 milioni di euro tra mutualità e diritti televisivi. Se una società ha fatto un buco di 258 milioni di euro perché mai il calcio italiano dovrebbe preoccuparsi di salvarla? Allora salviamo il Venezia, il Varese che sembra un porto di mare ma nessuno si fa delle domande, il Pisa che rischia di sparire per la seconda volta in 7 anni, il Monza che ha visto già andare deserte tre aste e tanti altri casi in giro per l'Italia che meritano la stessa attenzione del Parma.
In serie B mancano ancora poche panchine da occupare. La Salernitana è finita a Torrente, buona scelta con il rischio della ruggine. Il Novara ha scelto Baroni, battuto Gattuso all'89esimo, desideroso di riscattare l'annata di Pescara. In Abruzzo l'obiettivo era di andare in serie A grazie all'esperienza di Melchiorri, Sansovini, Lazzari, Pucino e Memushaj. A Novara avrà il compito di finalizzare l'ottimo lavoro del settore giovanile con campioncini in erba quali Vicari (94), Dickmann (96), Schiavi (95) e Manconi (94) su tutti. Il Catania aspetta Marino, Marino aspetta il congedo da Vicenza e noi aspettiamo Cosentino da Miami. Primo caso al mondo di un vice-presidente esecutivo ed operatore di mercato che fa le trattative con 6 ore di fuso orario, dalle spiagge di Miami, quando a Milano c'è un calciomercato in fermento. Se fosse in Sudamerica ci potrebbe raccontare la storiella che è in cerca di nuovi talenti. A Miami l'unica cosa da fare è prendere il sole, forse ne ha preso talmente tanto che è a rischio insolazione. Ha preso il Catania quasi in Europa, Pablo l'ha trascinato quasi in serie C. Una volta eravamo contro Pulvirenti, oggi, ci fa addirittura compassione. Non può intervenire ed è costretto a vedere che qualcuno sta distruggendo il suo giocattolo. Può insorgere solo la piazza con manifestazioni pacifiche e allontanandosi dal Massimino. Una città dura come Catania non può essere ostaggio di un argentino a Miami.
Buona settimana e ci vediamo sabato sera a Castiglioncello, con i Tmw Awards (diretta Sportitalia dalle 21)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.